Download
la donna con parto prematuro fisiologico trattamento del neonato n.
Skip this Video
Loading SlideShow in 5 Seconds..
LA DONNA CON PARTO PREMATURO FISIOLOGICO – TRATTAMENTO DEL NEONATO PowerPoint Presentation
Download Presentation
LA DONNA CON PARTO PREMATURO FISIOLOGICO – TRATTAMENTO DEL NEONATO

LA DONNA CON PARTO PREMATURO FISIOLOGICO – TRATTAMENTO DEL NEONATO

230 Views Download Presentation
Download Presentation

LA DONNA CON PARTO PREMATURO FISIOLOGICO – TRATTAMENTO DEL NEONATO

- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript

  1. Corso PSTI LA DONNA CON PARTO PREMATURO FISIOLOGICO – TRATTAMENTO DEL NEONATO

  2. Corso PSTI OBIETTIVI • le fasi del parto • assistenzaalla madre • durante il parto • assistenza al neonato

  3. Corso PSTI Il feto Durante la gravidanza il feto e la placenta crescono nell’utero della donna fino al momento del parto

  4. Corso PSTI La placenta • organo indispensabile per lo sviluppo del feto, • organo di barriera per molte infezioni materno-fetali

  5. Corso PSTI Il cordone ombelicale Il funicolo ombelicale è un cordone che collega il feto alla placenta. Permette lo scambio di sangue tra feto e placenta

  6. Corso PSTI Il sacco amniotico Membrana sottile che avvolge il feto contenente liquido amniotico costituisce protezione per il feto durante il suo sviluppo

  7. Corso PSTI Il parto Parto fisiologico ( a termine ) tra la 36 e la 42 settimana Parto pre-termine ( prematuro ) prima dell’inizio della 36 settimana Parto post-termine oltre la 42 settimana

  8. Corso PSTI FASI DEL PARTO 1.PERIODO PRODROMICO2.PERIODO DILATANTE3.PERIODO ESPULSIVO 4.SECONDAMENTO

  9. Corso PSTI 1.PERIODO PRODROMICO CONTRAZIONI DOLOROSE, MA ANCORA IRREGOLARI SENSAZIONE FASTIDIOSA BASSO VENTRE DOLORE REGIONE LOMBO –SACRALE

  10. Corso PSTI 1.PERIODO PRODROMICO ➔ ESPULSIONE DEL TAPPO MUCOSO CON PERDITA DI SANGUE (questo occupava il canale cervicale; a volte l'espulsione passa inosservata) Tappo mucoso

  11. Corso PSTI 2.PERIODO DILATANTE INIZIA CON CONTRAZIONI REGOLARI (OGNI 2’-3’) E TERMINA QUANDO LA CERVICE HA RAGGIUNTO LA DILATAZIONE MASSIMA (10 CM) DURATA MEDIA: 4-5 ORE NULLIPARA 2-3 ORE PLURIPARA

  12. Corso PSTI 2.PERIODO DILATANTE Al termine:Rottura del sacco amniotico (“delle acque”) conseguente ai movimenti fetali. Il liquido amniotico è generalmente chiaro: un liquido verdastro o giallo-marrone può indicare sofferenza fetale durante il travaglio (liquido tinto di meconio)

  13. Corso PSTI 3.PERIODO ESPULSIVO INIZIA QUANDO LADILATAZIONE CERVICALE E’ COMPLETA.IL NEONATO ENTRA NEL CANALE DEL PARTO E NASCE.CONTRAZIONI INTENSE E PROLUNGATE.PREMITI PRESENTI (la madre sente necessità di spingere) 1 ORA NULLIPARA ½ ORA PLURIPARA

  14. Corso PSTI 4. SECONDAMENTO ➔ ESPULSIONE DELLA PLACENTA CON CORDONE OMBELICALE, MEMBRANE DEL SACCO AMNIOTICO E TESSUTI DI RIVESTIMENTO DELL’UTERO ➔ DURATA MEDIA: 5-30 MINUTI

  15. Corso PSTI Assistenza al parto SET PARTO ● guanti sterili ● telini sterili ● tamponi di garza per pulire e assorbire sangue e secrezioni ● una piccola pompetta di gomma per aspirare le secrezioni dalla bocca e dal naso ● pinze per clampare il cordone ombelicale ● una coperta per avvolgere il bambino e tenerlo al caldo

  16. Corso PSTI Assistenza al parto Stabilire se il parto è imminente o no. Parto non imminente: il feto non appare all’imbocco della vagina. Ospedalizzare la paziente. Trasporto in Posizione Laterale Sinistra di Sicurezza. Monitorare P.V.e frequenza contrazioni. Sostegno psicologico. Mantenere costante contatto con C.O.

  17. Corso PSTI Assistenza al parto Parto imminente: il feto appare all’imbocco della vagina Valutare se parto podalico(piedi,natiche,spalla) Ospedalizzare la paziente. Trasporto in Posizione Laterale Sinistra di Sicurezza. Monitorare P.V. frequenza contrazioni Somministrare ossigeno. Non tentare di tirare la parte fetale presentata. Sostegno psicologico. Mantenere costante contatto con C.O.

  18. Corso PSTI Assistenza al parto Parto imminente: il feto appare all’imbocco della vaginadalla parte della testa (capelli). Allertare C.O. 118 Assistere la donna nel rispetto della privacy Adagiare la donna su di un piano RIGIDO, anche di fortuna, il più possibile confortevole (barella)

  19. Corso PSTI Assistenza al parto Parto imminente: il feto appare all’imbocco della vaginadalla parte della testa (capelli). Coprirla con lenzuola pulite Preparare SET PARTO. Sostegno psicologico. Monitorare P.V.

  20. Corso PSTI Assistenza al neonato Indossiamo i DPI. Nel momento in cui appare il bambino iniziare a sostenergli la testa e poi il corpo avendo cura di non comprimere o tirare Attenzioni alle zone molli della testa ( fontanelle )

  21. Corso PSTI Assistenza al neonato Pulire la bocca ed il naso del neonato dal momento in cui appare.

  22. Corso PSTI Assistenza al neonato Non tirare il bambino né il cordone. Non spingere sul ventre della madre (Solo il personale competente può fare tale manovra)

  23. Corso PSTI Assistenza al neonato Se il cordone ombelicale è arrotolato intorno al collo del bambino, far passare due dita al di sotto del cordone e delicatamente scorrere lungo il collo finchè si trova il punto in cui è possibile sollevarlo e farlo passare sopra la testa del neonato.

  24. Corso PSTI Assistenza al neonato Fino a quando il cordone non è stato legato non bisogna sollevare il bambino per evitare il ritorno del sangue alla placenta lo manteniamo allo stesso livello della madre.

  25. Corso PSTI Assistenza al neonato Se grida spontaneamente Posizionare il bambino supino in posizione neutra Asciugare il bambino Riscaldare avvolgerlo in un telo pulito e coprire con copertina Aspirare pulire la bocca ed il naso Tattile stimolare il neonato se ancora non ha pianto massaggiando il dorso

  26. Corso PSTI Assistenza al neonato CLAMPARE il cordone SENZA tagliarlo, Applicare la prima clamp ad una distanza di circa 4-5 cm dall’addome del neonato Applicare seconda clamp il più vicino alla vagina della madre

  27. Corso PSTI Assistenza al neonato Se non respira (frequenza 40/min, ) iniziare PBLS, avvisando la C.O. del 118! Se NON grida spontaneamente

  28. Corso PSTI Assistenza alla madre DOPO LA FUORIUSCITA DELLA PLACENTA MASSAGGIARE L’ADDOME utero AL DI SOPRA DEL PUBE con questa manovra viene stimolata la contrazione, quindi si ha un’emostasi N.B.: la placenta va raccolta ( in un sacchetto) perché verrà poi analizzata in Ospedale

  29. Corso PSTI Assistenza alla madre • Rassicurarla, metterle il bambino vicino • Controllare un'eventuale emorragia vaginale (l'espulsione • della placenta è sempre accompagnata da emorragia uterina) • Porre un assorbente igienico sulla vagina • Controllare parametri vitali anche della madre • Attacchi di brividi intensi e sensazione • di freddo sono una reazione fisiologica • normale nel post-partum

  30. Corso PSTI Corso PSTI Parto in diverse etnie La gravidanza ed il parto sono,sotto il profilo biologico, uguali in ogni parte del mondo; ciò che li caratterizza e li diversifica sono per lo più gli aspetti culturali

  31. Corso PSTI DOMANDE ?

  32. Corso PSTI CONCLUSIONI Niente panico (è un processo naturale!) CALMA, DOLCEZZA, CALORE, IGIENE