slide1 n.
Download
Skip this Video
Loading SlideShow in 5 Seconds..
SABATO 29 MARZO PALAZZO DEL CAPITANO Ore 11,30-12,15 BRUGNOLI “Le Sindromi Stagionali Affettive ( SAD): Psiche e Meteo PowerPoint Presentation
Download Presentation
SABATO 29 MARZO PALAZZO DEL CAPITANO Ore 11,30-12,15 BRUGNOLI “Le Sindromi Stagionali Affettive ( SAD): Psiche e Meteo

Loading in 2 Seconds...

play fullscreen
1 / 25
persephone

SABATO 29 MARZO PALAZZO DEL CAPITANO Ore 11,30-12,15 BRUGNOLI “Le Sindromi Stagionali Affettive ( SAD): Psiche e Meteo - PowerPoint PPT Presentation

131 Views
Download Presentation
SABATO 29 MARZO PALAZZO DEL CAPITANO Ore 11,30-12,15 BRUGNOLI “Le Sindromi Stagionali Affettive ( SAD): Psiche e Meteo
An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author. While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.

- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript

  1. SABATO 29 MARZO • PALAZZO • DEL CAPITANO • Ore 11,30-12,15 • BRUGNOLI • “Le Sindromi Stagionali • Affettive ( SAD): • Psiche e Meteorologia” • V. CONDEMI • “Il ruolo del Biometeolab”

  2. Nel DSM IV° si classifica il SAD (seasonal affective disorder ), come disturbo affettivo o emotivo stagionale, che si evidenzia con alterazione patologica duratura del tono dell'umore, caratterizzato da fasi alterne di depressione ed eccitazione, di norma depressione in autunno-inverno ed eccitazione in primavera-estate.

  3. Il ruolo chiave del SAD è da ricercarsi, secondo studi molto recenti, nell'attività dell'epifisi, che reagisce in modo diverso, a seconda dell'intensità della luce, cioè degli stimoli luminosi provenienti dall’esterno. Ed è ovvio constatare come in primavera sia l'intensità come la durata della luce del sole siano in continuo aumento. È noto anche come qualsiasi tipo di luce, sia essa naturale od artificiale, influenzi i livelli ormonali, la temperatura corporea, l'attività del cervello e perfinol'umore dell'individuo.

  4. La retina, stimolata dall'intensità della luce, invia segnali di tipo elettrico al pacemaker ipotalamico, localizzato a livello dei nuclei soprachiasmatici e questi ultimi li inviano direttamente ad altri centri ipotalamici, all'ipofisi e all'epifisi. L'epifisi produce l'ormone melatonina che dipende dai valori più o meno elevati della luce esterna, con valori massimi nel plasma durante la notte. La pineale quindi libera melatonina in modo ritmico, informa ed invia dati sull'ambiente esterno ai nuclei soprachiasmatici.

  5. In questo modo si produce una sincronizzazione tra variazioni dell'ambiente e variazioni nell'interno dell'organismo, sempre attraverso l'ipotalamo, l'ipofisi e l'epifisi. Essi regolano poi cuore, fegato, reni, intestino e ghiandole surrenali, elaborando una notevole quantità di messaggi ormonali.

  6. Quindi diventa fattore molto importante la lunghezza del periodo di luce solare. Nel periodo invernale, alla nostra latitudine, le giornate sono alquanto più corte delle notti, specie al nord e pertanto l'organismo si ritrova con una progressiva e relativamente costante diminuzione delle difese organiche, data appunto dalla deficienza ormonale.

  7. Seguono questo ritmo anche la temperatura, il sonno, la secrezione degli ormoni, i modo particolare i livelli serici di serotonina, che si presentano molto più bassi durante i mesi invernali, specie nei soggetti che presentano tendenza alla depressione o sono già depressi costituzionalmente, per una diminuita capacità delle piastrine di legare serotonina. In primavera poi i livelli serici di serotonina iniziano ad aumentare e la depressione si allenta, a volte anche in modo sensibile, mentre aumentano progressivamente le ore di luce solare.

  8. Il SAD, come è logico, aumenta con la latitudine: maggiore è la latitudine, minori sono le ore di luce durante i mesi da ottobre a marzo. E’ necessario sapere, ad esempio, che alla latitudine di Stoccolma o di Oslo, capitali di stato, nel mese di dicembre e di gennaio le ore di luce solare sono minori di quattro. Si è constatato anche che il SAD è più frequente nelle femmine in età riproduttiva ed in determinati gruppi familiari.

  9. Si presenta con sensazione di disagio, aumento di peso, astenia, sonnolenza, sebbene, nella maggior parte dei casi, con esami di routine negativi. Poco utili, sia i vitaminici, sia gli anoressizzanti, sia i ricostituenti come pure spesso perfino la psicoterapia cognitivo-comportamentale. Sembra invece utile qualche antidepressivo del tipo inibitore selettivo del re-uptake della serotonina come pure la fototerapia, che da qualche tempo viene usata anche in Italia con risultati che si possono definire eccellenti.

  10. Un accurato esame microscopico, effettuato mediante il microscopio ottico o a luce, evidenzia, nel parenchima della ghiandola pineale, una fitta trama di cordoni cellulari delimitati da sottili setti connettivali ed in cui si riconoscono due differenti tipologie cellulari: le cellule principali, dette anche pinealociti e le cellule interstiziali o gliociti. Le prime sono caratterizzate dalla massiva presenza di vescicole di secrezione che contengono, tra le altre, molecole destinate ad essere secrete per esocitosi, anche e soprattutto la melatonina, la serotonina ed altri metossindoli.

  11. La prima delle tre molecole è un ormone che per certi versi non è stato ancora del tutto compreso dagli stessi neuroendocrinologi ed a cui alcuni di essi, in passato, hanno attribuito funzioni fisiologiche estremamente diversificate, ritenendolo implicato, almeno apparentemente, in numerosi processi biologici.

  12. La produzione di melatonina non sembra essere modulata dalla concentrazione intracellulare del suo precursore, il triptofano (un amminoacido), bensì da quella degli enzimi che catalizzano le ultime due reazioni di biosintesi dell’ormone. I livelli intracellulari della SNAT e della HIOMT, sono sotto il fine controllo delle catecolamine, le quali, stimolando direttamente i pinealociti, determinano in essi un incremento nella sintesi dei due enzimi, attivando presumibilmente la trascrizione dei geni che li codificano.

  13. Finora ci siamo interessati di neuroendocrinologia delle Sindromi Affettive Stagionali Ora vediamo come gli eventi meteorologici incidano molto spesso, con le loro variazioni, sulla persistenza delle Sindromi Affettive Stagionali, in modo particolare quando esistono condizioni di tempo perturbato per molti giorni di seguito, proprio per l’affermarsi di una zona di bassa pressione sul Bacino del Mediterraneo, specie quando essa è presente a tutte le quote.

  14. Come abbiamo visto le Sindromi Affettive Stagionali dipendono in gran parte, oltre che dalle ore di luce solare, dall’evoluzione nel tempo delle perturbazioni, in modo particolare tutte quelle in arrivo dall’Atlantico nei mesi di febbraio e marzo. Esse portano una notevole diminuzione delle ore di sole e della luminosità del cielo con conseguente azione depressiva più acuta e persistente sull’organismo umano dei soggetti predisposti.

  15. Tra SAD e SAT

  16. SAD – Nebbia in Valpadana

  17. SAD – Nebbia in Valpadana