Presentazione del corso a.a. 2012-2013 - PowerPoint PPT Presentation

slide1 n.
Download
Skip this Video
Loading SlideShow in 5 Seconds..
Presentazione del corso a.a. 2012-2013 PowerPoint Presentation
Download Presentation
Presentazione del corso a.a. 2012-2013

play fullscreen
1 / 234
Presentazione del corso a.a. 2012-2013
140 Views
Download Presentation
tazanna
Download Presentation

Presentazione del corso a.a. 2012-2013

- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript

  1. Presentazione del corso a.a. 2012-2013 Prof. Andò – Prof. Gianturco – Prof. Antenore Teoria e analisi delle audience + Laboratorio Perchè studiare i media?

  2. Il corso • Obiettivo del corso è quello di ragionare sul ruolo sociale, culturale ed economico delle audience mediali oggi, alla luce delle trasformazioni di scenario che ci hanno introdotto nella cultura della convergenza. • chi sono oggi le audience? che rapporto hanno con i media e come vivono il loro essere audience? Quali competenze sono necessarie per vivere nella cultura della convergenza? Quali sfide etiche propone il contesto mediale attuale? Come educare alla autoriflessività delle audience? • Questi sono solo alcuni interrogativi che il corso proporrà con l'idea di leggere criticamente i principali approcci allo studio delle audience, in termini di adeguatezza e di influenza, dei modelli teorici rispetto ai comportamenti di fruizione e ricezione mediale attuali, che vedono la loro massima espressione nelle forme più avanzate di audience come blogger, gamers e fan. Perchè studiare i media?

  3. Il corso • Il corso prevede 48 ore di lezione frontale più 36 di Laboratorio (ricerca sui media) • Il corso di Teoria e analisi delle audience (48 ore) sarà gestito contemporaneamente al Laboratorio (36 ore) in accordo con il quale è gestito il calendario didattico e prevederà momenti di approfondimento tematici e momenti di confronto e di lavoro d'aula. • Le lezioni si tengono il martedì e il mercoledì dalle 9 alle 11 e il venerdì dalle 11 alle 14 in B9 Perchè studiare i media?

  4. Modalità di frequenza • Sulla webcattedra questa settimana verrà pubblicato il calendario delle lezioni, comune al corso di Teoria e al Laboratorio. • Per il corso, unitamente al Laboratorio abbinato, la frequenza è fortemente raccomandata e sarà rilevata, non a giorni fissi, attraverso foglio firme Perchè studiare i media?

  5. L’esame • la prova d'esame sarà orale e riguarderà sia il corso di Teoria e analisi delle audience che il Laboratorio abbinato. • I frequentanti che parteciperanno ai lavori del laboratorio potranno discutere parte dell'esame direttamente alla fine del corso. Perchè studiare i media?

  6. I testi d’esame • Per il corso di Teoria e analisi delle audience: • R. Andò, Audience Reader. Saggi e riflessioni sull'esperienza di essere audience, Guerini, Milano 2008 • R. Andò, Lost. Analisi di un fenomeno (non solo) televisivo, Bonanno 2011 • Un terzo testo che verrà indicato prossimamente • 2 articoli in lingua inglese indicati sulla web cattedra • Per il Laboratorio: • 1. G. Gianturco, L'intervista qualitativa, Guerini 2005 • 2. F. Colella, Focus group. Ricerca sociale e strategie applicative, FrancoAngeli, Milano, 2011. • 3. Un terzo testo che verrà indicato prossimamente Perchè studiare i media?

  7. Perché studiare le audience? Prof. Romana Andò Teoria e analisi delle audience Perchè studiare i media?

  8. Perché studiare i media? Perchè studiare i media?

  9. Perché studiare i media? • “ è mia intenzione sostenere che i media vanno studiati perché sono centrali per la nostra vita quotidiana, in quanto dimensioni sociali, culturali, politiche ed economiche del mondo contemporaneo e in quanto elementi che contribuiscono alla nostra capacità variabile di dar senso al mondo, di costruire e condividere i suoi significati” (R. Silverstone 2002, pag.19) Perchè studiare i media?

  10. I media: parte del tessuto generale dell’esperienza • “i nostri media sono ubiqui, costituiscono la quotidianità, […] sono una dimensione essenziale dell’esperienza contemporanea. • […] siamo diventati dipendenti dai mezzi di comunicazione, sia quelli a stampa sia quelli elettronici, per svago e per informazione, per conforto e per sicurezza, per un certo senso della continuità dell’esperienza e di quando in quando anche per i momenti più intensi dell’esperienza” (Silverstone, 2002, pag. 18) Perchè studiare i media?

  11. I media partecipano alla vita sociale e culturale • “Si tratta dunque di esaminare i media come processo, come agenti e come oggetti dati, a tutti i livelli, ovunque gli esseri umani si aggreghino in uno spazio reale o virtuale, comunichino, tentino di persuadere, informare, divertire, educare; ovunque tentino, in una molteplicità di modi e con diversi gradi di successo, di connettersi l’uno all’altro” (Silverstone 2002, pag. 21) Perchè studiare i media?

  12. Lo studio dei media: partire dall’esperienza e dalla sua normalità • Il punto di partenza per uno studio sui media è l’esperienza e la sua normalità. • “i media sono in primo luogo normali, sono una presenza costante nella nostra vita quotidiana” • L’azione dei media si svolge nel mondo ordinario: essi sono “parte di una realtà alla quale partecipiamo, che condividiamo e che manteniamo, giorno per giorno, attraverso i nostri discorsi e le nostre interazioni quotidiane” (Silverstone 2002, pag. 24-25) Perchè studiare i media?

  13. Perchè studiare i media?

  14. Perchè studiare i media?

  15. Perchè studiare i media?

  16. Noi e i media • Possiamo “pensare a noi stessi nella nostra quotidianità e nella nostra vita con i media, come a nomadi, girovaghi che si muovono da luogo a luogo, da un ambiente mediale a un altro” • “Ci muoviamo fra spazi privati e pubblici, fra spazi locali e globali, da spazi sacri a spazi profani e da spazi reali a spazi di finzione e virtuali e viceversa” • “I media costituiscono il quotidiano e allo stesso tempo forniscono alternative ad esso” (Silverstone 2002, pag. 27) Perchè studiare i media?

  17. I nostri media, le nostre storie, le nostre relazioni • “le nostre storie, le nostre conversazioni sono presenti sia nelle narrazioni formalizzate dei media, nei resoconti fattuali e nelle rappresentazioni di finzione sia nelle storie quotidiane: pettegolezzi, dicerie e interazioni causali in cui troviamo dei modi per fissarci nello spazio e nel tempo, e soprattutto per fissarci nelle nostre relazioni reciproche, connettendoci e separandoci, condividendo e rifiutando, individualmente e collettivamente, in amicizia e in ostilità, in pace e in guerra” (Silverstone 2002, pag. 32) Perchè studiare i media?

  18. Media e senso comune • Il senso comune va inteso come “espressione e allo stesso tempo precondizione dell’esperienza, come condiviso o per lo meno condivisibile, come misura delle cose spesso invisibile. • I media dipendono dal senso comune, lo riproducono, vi fanno riferimento così come lo sfruttano e lo fraintendono” (Silverstone 2002, pag. 25) Perchè studiare i media?

  19. Media come filatoi del mondo moderno • Se “l’uomo è sospeso su una rete di significati che lui stesso ha tessuto” (Geertz) • allora i media sono i i filatoi del mondo moderno, e utilizzandoli, gli esseri umani tessono reti di significato per loro stessi (Thompson1998, 22). Perchè studiare i media?

  20. Media, risorse simboliche e vita sociale • Lo sviluppo dei media va letto come una rielaborazione del carattere simbolico della vita sociale, una riorganizzazione dei modi in cui le informazioni e i contenuti simbolici sono prodotti e scambiati nel mondo sociale, e una ristrutturazione dei modi in cui gli individui si rapportano l’uno all’altro e a se stessi (Thompson 1998, 22). Perchè studiare i media?

  21. Media e contesti sociali • Quando studiamo i media non dobbiamo correre il rischio di concentrarci solo su • i testi, analizzandoli in sé e per sé, senza relazioni né con gli obiettivi e le risorse di chi li ha prodotti, né con i modi in cui chi li riceve li utilizza e comprende; • i pubblici, analizzandone la composizione e la quantità, gli effetti subiti, i bisogni alla base del consumo etc. Perchè studiare i media?

  22. Media e contesti sociali • Quando studiamo i media dobbiamo partire dal carattere terreno dell’attività di ricezione. • La ricezione dei prodotti dei media è un’attività pratica e di routine che gli individui intraprendono in quanto rappresenta un aspetto costitutivo della loro vita quotidiana. Perchè studiare i media?

  23. La ricezione mediale • La ricezione dei media è un’attività = un tipo di pratica nel corso della quale gli individui si appropriano dei materiali simbolici che ricevono e li elaborano. • La ricezione è un’attività collocata in un contesto: i prodotti dei mezzi di comunicazione sono ricevuti da individui invariabilmente situati in contesti storico-sociali precisi (da cui distaccarsi o in cui immergersi ancora di più) Perchè studiare i media?

  24. La ricezione mediale • La ricezione dei media è un’attività di routine, ovvero una delle pratiche consuete della vita quotidiana. • La ricezione dei media è un’attività che dipende da un ventaglio di capacità e competenze acquisite (funzione esperta). • La ricezione dei media è un’attività ermeneutica, nel senso che gli individui si impegnano in genere in un processo di interpretazione, attraverso il quale attribuiscono significato. • Nell’interpretare le forme simboliche gli individui le incorporano nella loro comprensione di sé e degli altri. • Ne assimilano il messaggio e lo incorporano nella propria vita, adattandolo alla propria esistenza e contesto di vita. • L’appropriazione è, quindi, il processo di comprensione e autocomprensione. Perchè studiare i media?

  25. Perché studiare le audience? Perchè studiare i media?

  26. L’importanza di essere audience • Se i media sono il nostro tessuto dell’esperienza, essere audience mediali è sempre più “il” tratto caratterizzante della nostra esistenza, tanto più nell’epoca della convergenza culturale. • Studiare i media, quindi, oggi impone sempre più di studiare le audience, • non solo e non tanto in termini di rapporto mezzo di comunicazione/suo pubblico, quanto per le implicazioni • Individuali (il sé riflessivo) • sociali e culturali (cultura convergente) • economiche (audience e produttori, audience produttive) • che l’essere audience produce. Perchè studiare i media?

  27. Il sé riflessivo e i media • Nelle società moderne il processo di autoformazione è sempre più riflessivo e aperto: per costruirsi un’identità coerente, gli individui imparano a ricorrere in misura sempre maggiore alle loro stesse risorse. • Ma anche alle risorse simboliche mediate, la cui abbondanza estende le opportunità dell’individuo, ma allenta il legame tra autoformazione e ambiente condiviso: gli individui accedono infatti a informazioni provenienti da fonti lontane e attraverso reti di comunicazione mediate… • ma l’appropriazione di questa conoscenza non locale avviene sempre in contesti locali. Perchè studiare i media?

  28. Il sé come progetto simbolico • “il sé è […] un progetto simbolico che l’individuo costruisce attivamente sulla base dei materiali simbolici a sua disposizione, materiali che l’individuo ordina in un racconto coerente a proposito di chi egli sia – un racconto della sua identità” (Thompson, 293) Perchè studiare i media?

  29. L’appropriazione • Thompson utilizza il termine di appropriazione per riferirsi all’estensione del processo di ricezione oltre il momento della fruizione. • Appropriarsi significa “far proprio” qualcosa di estraneo e sconosciuto e trovare un modo per rapportarsi ad esso e incorporarlo nella propria vita, attraverso il proprio bagaglio di competenze, conoscenze, inclinazioni. Perchè studiare i media?

  30. L’appropriazione • “Perciò l’appropriazione dei messaggi deve essere intesa come un processo continuo e socialmente diseguale che dipende dai contenuti dei messaggi ricevuti, dall’elaborazione discorsiva, e dagli attributi sociali dei destinatari sia diretti sia indiretti” (Thompson, 159). Perchè studiare i media?

  31. Un progetto simbolico diseguale • Il carattere attivo e creativo del sé non implica che esso non subisca condizionamenti sociali. Questi possono essere letti nel: • modo diseguale in cui sono distribuiti i materiali simbolici sulla base dei quali costruiamo la nostra identità; • modo/i diseguali con cui gli individui utilizzano queste risorse per costruire il proprio sé. Perchè studiare i media?

  32. Da dove vengono i materiali simbolici • Prima dell’avvento dei media, i materiali simbolici utilizzati dai soggetti per la costruzione della propria identità (autoformazione) provenivano principalmente dalle interazioni faccia a faccia (conoscenza locale). • Oggi gli orizzonti di comprensione degli individui si allargano: sono legati alla espansione delle reti mediate che rendono i mezzi di comunicazione “moltiplicatori di mobilità” (Lerner): “viaggi dell’immaginazione che aiutano gli individui a prendere le distanze dagli ambienti più immediati del loro vivere quotidiano” (Thompson, 295) Perchè studiare i media?

  33. Il sé come progetto riflessivo • Materiali simbolici locali e mediati vengono incorporati dal soggetto nel processo di autoformazione. • “il sé si trasforma dunque in un progetto riflessivo nel corso del quale l’individuo incorpora materiali mediati (tra le altre cose) e li inserisce in un racconto autobiografico coerente e continuamente rivisto” (Thompson, 295) • Non solo: i media, e la conseguente abbondanza di materiale simbolico, potenziano la stessa forma riflessiva del sé. • i materiali simbolici mediati offrono possibilità nuove al processo di autoformazione e sottopongono il sé a richieste senza precedenti. Perchè studiare i media?

  34. Media come provider e certificatori • I mezzi di comunicazione forniscono continuamente e in grande quantità materiali simbolici con cui confrontarsi e cui riferirsi a livello di lettura e pratiche della e nella realtà che ci circonda, • interpretando il doppio ruolo di provider di modelli e di certificatori di qualità degli stessi e intervenendo con decisione, dunque, nel processo riflessivo di costruzione dell’identità. Perchè studiare i media?

  35. La dimensione relazionale del progetto riflessivo del sé • L’esercizio identitario si concretizza e si esplicita a livello relazionale, non solo nel rapporto con i media, ma in quello che si costruisce con altri soggetti con i quali si condivide o si condividerà il consumo mediale. Perchè studiare i media?

  36. “Benvenuti nella cultura della convergenza … … dove vecchi e nuovi media si scontrano, dove forme mediali generate dal basso e dall’alto si incrociano, dove il potere della produzione mediale e quello del consumo interagiscono in modi imprevedibili.” H. Jenkins (Cultura convergente)

  37. Cultura convergente La definizione di cultura convergente di Jenkins (2007) rimanda ad uno scenario che deriva dall’interazione tra:

  38. Convergenza mediale • “per ‘convergenza’ intendo il flusso dei contenuti su più piattaforme, la cooperazione tra più settori dell’industria dei media e il migrare del pubblico alla ricerca continua di nuove esperienze di intrattenimento” (Jenkins, 2007, XXV) • “voglio contestare l’idea secondo la quale la convergenza sarebbe essenzialmente un processo tecnologico che unisce varie funzioni all’interno dello stesso dispositivo. Piuttosto essa rappresenta un cambiamenti culturale …” (ibid.) Perchè studiare i media?

  39. Cultura partecipativa • L’idea di cultura partecipativa contrasta con l’idea di audience passiva, che si trascina fin dalle prime elaborazione di modelli teorici della comunicazione mediata, a favore di un’audience partecipante e produttiva. • Produttori e consumatori interagiscono tra di loro continuamente, secondo dinamiche di azione e relazione mutevoli e innovative. • Nella cultura partecipativa non tutti devono contribuire, ma tutti devono credere di essere liberi di farlo, quando sono pronti • e devono credere che il loro contributo sarà valutato in maniera appropriata. Perchè studiare i media?

  40. Definire la cultura partecipativa come: • 1. con barriere piuttosto basse nei confronti dell’espressione artistica e dell’impegno civico • 2. con grande supporto alla creazione e scambio di opere gli uni con gli altri • 3. con qualche tipo di guida informale in base alla quale ciò che è conosciuto dalla maggior parte attraverso l’esperienza viene passato ai nuovi • 4. dove i membri credono che il loro contributo conta • 5. dove i membri sentono qualche grado di connessione sociale con gli altri (come minimo sono attenti a ciò che gli altri pensano a proposito delle loro creazioni). Perchè studiare i media?

  41. Intelligenza collettiva • Nella cultura convergente, il consumo diventa un processo collettivo. • La convergenza non avviene tra le attrezzature dei media, ma nei cervelli dei singoli consumatori e nelle loro interazioni sociali, nel loro parlare dei media, sui media e con i media. • Avviene nella gestione, implementazione e condivisione della conoscenza mediata al punto che “nessuno di noi sa tutto; ognuno di noi sa qualcosa; possiamo mettere insieme i pezzi se uniamo le nostre conoscenze e capacità” (Jenkins, 2007, XXVI) Perchè studiare i media?

  42. Non tecnologia interattiva, ma cultura partecipativa • “l’interattività (H. Jenkins, 2006a) è una proprietà della tecnologia, mentre la partecipazione e una proprietà della cultura”. • La cultura partecipativa va emergendo nel momento in cui la cultura assorbe e risponde alla esplosione delle nuove tecnologie mediali, che rendono possibile per i consumatori medi di archiviare, prendere nota, appropriarsi, e far circolare di nuovo i contenuti media in nuove modalità ancora più potenti. • Concentrarci solo sull’accesso alle nuove tecnologie ci porta lontano, se non incoraggiamo allo stesso tempo le competenze e le conoscenze culturali necessarie per sviluppare questi strumenti per i nostri stessi obiettivi. Perchè studiare i media?

  43. Non tecnologie isolate ma sistema dei media • Piuttosto che occuparci di ciascuna tecnologia isolatamente, faremmo meglio ad assumere un approccio ecologico, ragionando sulle interrelazioni tra tutte queste differenti tecnologie di comunicazione, sulle comunità culturali che crescono intorno ad esse, e sulle attività che supportano. • Il sistema dei media è composto di tecnologie della comunicazione e di istituzioni, pratiche e protocolli sociali, culturali, legali, politici ed economici, che le modellano e circondano (Gitelman, 1999). Perchè studiare i media?

  44. Cultura partecipativa e opportunità di civic engagement • La nuova cultura partecipativa offre molte opportunità ai giovani per prendere parte al dibattito pubblico, partecipare alla vita di comunità, diventare leader politico, anche se spesso solo attraverso le “seconde vite” offerte dai giochi multiplayer o dalle comunità online di fan. • La sfida è come collegare le decisioni nel contesto della vita quotidiana con le decisioni prese a livello locale, o nazionale. Perchè studiare i media?

  45. Cultura convergente e mercato • “le media companies [sono] obbligate a rivalutare la natura dell’impegno degli utenti e il valore della partecipazione dell’audience in risposta ad un cambiamento dell’ambiente mediale caratterizzato da una digitalizzazione e un flusso mediale attraverso più piattaforme, l’ulteriore frammentazione e diversificazione del mercato mediale, e l’aumento della forza e della capacità degli utenti di plasmare il flusso e la ricezione dei contenuti mediali” (H. Jenkins 2008).

  46. Come cambia il consumatore Mentre i vecchi consumatori erano visti come passivi, i nuovi consumatori sono attivi. Mentre i vecchi consumatori erano prevedibili e stavano dove gli ordinavi, i nuovi consumatori si spostano, mostrando una fedeltà in declino nei confronti dei network o dei media.  Se i vecchi consumatori erano individui isolati, i nuovi consumatori sono maggiormente connessi tra loro. Se il lavoro dei consumatori mediali un tempo era silenzioso e invisibile, i nuovi utenti sono rumorosi e pubblici” (Jenkins 2006).

  47. I pubblici oggi

  48. Il consumatore è sempre più un fan… Il fandom è un fenomeno sociale dotato di riconoscibilità e non più isolato (no subcultura) Il fandom è un comportamento diffuso, (almeno nelle sue manifestazioni di base) e pervasivo Il fandom si appoggia alle tecnologie e alle logiche di partecipazione, condivisione, creazione di contenuti (web 2.0) Il fandom si basa sulla ridefinizione del rapporto tra consumatore e prodotto consumato, in termini di fedeltà e partecipazione basate sull’economia affettiva (Jenkins 2006).

  49. … perché il fandom è… “Social interaction” (Baym): interviene sulle dimensioni individuali e sociali del soggetto (costruzione identitaria e gestione delle relazioni sociali) “Network culture” (Jenkins): ridefinisce e implementa il rapporto tra tecnologie, contenuti e media literacy “Lovemarks” (Robins): contraddistinto da impegno, empatia e passione in grado di generare nelle audience una “lealtà al di là della ragione” Marinelli-Andò Perché studiare il fandom?

  50. Chi ha paura dei fan? Cosa significa per aziende e creativi concedere al pubblico un ruolo più attivo nella progettazione, distribuzione e promozione dei contenuti mediali? Per i creativi il timore è la contaminazione della propria integrità artistica, (preservazione della reputazione all’interno della comunità professionale, Deuze 2006). Per i vertici aziendali la paura è connessa all’idea che i consumatori possano prendere ciò che hanno fatto senza pagarli, in conformità con le logiche del mercato.