alessandro noce autorit garante della concorrenza e del mercato n.
Download
Skip this Video
Loading SlideShow in 5 Seconds..
Alessandro Noce Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato PowerPoint Presentation
Download Presentation
Alessandro Noce Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato

Loading in 2 Seconds...

play fullscreen
1 / 16

Alessandro Noce Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato - PowerPoint PPT Presentation


  • 230 Views
  • Uploaded on

Alessandro Noce Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato. Workshop Hermes 2007: Quale futuro per il trasporto aereo ? Moncalieri (Torino), 29 gennaio 2007. Indice della presentazione. I benefici della concorrenza La reazione dell’incumbent all’apertura delle rotte

loader
I am the owner, or an agent authorized to act on behalf of the owner, of the copyrighted work described.
capcha
Download Presentation

PowerPoint Slideshow about 'Alessandro Noce Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato' - conley


An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript
alessandro noce autorit garante della concorrenza e del mercato

Alessandro NoceAutorità Garante della Concorrenza e del Mercato

Workshop Hermes 2007: Quale futuro per il trasporto aereo ?

Moncalieri (Torino), 29 gennaio 2007

indice della presentazione
Indice della presentazione
  • I benefici della concorrenza
  • La reazione dell’incumbent all’apertura delle rotte
  • L’ingresso dei low cost
  • Il processo di consolidamento dell’industria del trasporto aereo nazionale
  • L’operazione Alitalia-Volare
  • Alcune osservazioni sui possibili sviluppi futuri
i benefici della concorrenza
I benefici della concorrenza
  • Cfr proc. IC28 t”indagine conoscitiva sulle dinamiche tariffarie del trasporto aereo, tavole 12 e 13
  • Sulle rotte domestiche dove si è sperimentato un ingresso di nuovi vettori nel periodo 1999-2003 le condizioni di offerta e di prezzo dei voli sono notevolmente migliorate:
    • i ricavi medi per passeggeri delle compagnie aeree sono diminuiti considerevolmente: da uno/due a quattro operatori –29%; da uno a tre operatori –4%; da uno a due operatori –6%
    • I posti offerti sono aumentati; da uno/due a quattro operatori +123%; da uno a tre operatori +61%; da uno a due operatori +59%.
  • Sulle rotte domestiche dove nello stesso periodo non si è sperimentato alcun cambiamento nell’assetto concorrenziale, i prezzi sono aumentati del 4% (a fronte di un incremento dell’offerta del 15%).
    • l’aumento dei ricavi medi è largamente imputabile agli incrementi sperimentati nella rotta FCO-LIN: +26%
la reazione dell incumbent alla concorrenza
La reazione dell’incumbent alla concorrenza
  • Reazione aggressiva:
    • Uso strategico degli slot e market pre-emption (francobollaggio dei voli)
    • Incentivi alla rete delle agenzie per escludere i concorrenti (caso Assoviaggi-Alitalia)
  • Reazione cooperativa
    • Accordi di code-sharing (Meridiana, Volare)
    • Pratiche concertate tariffarie:” (cfr caso fuel surcharge)
      • Come effetto cd “price obfuscation” (cfr. ultimissime normative Bersani….)
  • L’AGCM è intervenuta in questo processo sia attraverso lo strumento del divieto di abuso di posizione dominante sia attraverso l’esame delle intese vietate (e della deroga al relativo divieto)
    • Intervento troppo severo o in linea con la prassi comunitaria ?
l ingresso dei low cost in italia
L’ingresso dei low cost in Italia
  • I primi “nuovi entranti” erano operatori che su scala minore che offrivano un servizio paragonabile a quello di un full service carrier (es Air One)
  • L’ingresso in Italia delle grandi compagnie low cost straniere rappresenta la vera discontinuità del processo di apertura alla concorrenza
    • Utilizzo aeroporti minori (minori costi aeroportuali rispetto ai full service carriers)
    • Standardizzazione dei servizi e del rapporto con la clientela (uso di internet)
    • No frills
  • I vantaggi acquisiti dagli operatori tradizionali sulle rotte domestiche erosi sempre più rapidamente sui collegamenti aperti alla concorrenza delle low cost,in particolare sulle rotte comunitarie
    • Il caso Ciampino per la rotta Roma –Parigi è emblematico della capacità di sottrazione di traffico price sensitive
  • Per Alitalia ciò comporta la riduzione del potere contrattuale nell’ambito delle alleanza Sky- team dal momento che diminuisce la sua capacità di feederaggio su Parigi.
l ingresso dei low cost in italia1
L’ingresso dei low cost in Italia
  • Molti vettori nazionali attuano una trasformazione da full service a low fare o low cost: l’esempio Volare => Volare web
  • Nascono nuovi vettori nazionali su base low cost (Wind Jet, Blue Panorama….)
  • Fallimenti di molti operatori nazionali (Gandalf, Volare…..)
  • La crisi dell’incumbent si approfondisce
il processo di consolidamento dell industria aerea nazionale
Il processo di consolidamento dell’industria aerea nazionale
  • L’incumbent:
    • Valorizzazione delle rotte domestiche profittevoli tramite l’acquisizione di slots su aeroporti congestionati (in particolare su Linate, dove vige un contingentamento degli slots:
      • Acquisizione Gandalf (2004)
      • Acquisizione Volare (2006)
  • Gli altri operatori:
    • Meridiana/Eurofly
    • Air One ?????
  • Le alleanze internazionali ?????
l operazione alitalia volare
L’operazione Alitalia-Volare
  • La valutazione dell’operazione effettuata da AGCM ha molti elementi di similitudine con l’impostazione tradizionalmente seguita dalla Commissione nelle operazioni di merger nel settore aereo (cfr. Air France/KLM, Lufthansa/ Swiss; Lufthansa/Eurowings):
    • Approccio O&D ai mercati rilevanti (demand side)
    • Segmentazione della clientela in time sensitive e price sensitive
    • Identificazione delle “overlapping routes”
    • Costruzione delle quote di mercato sulla base dei pax trasportati e delle frequenze
    • Identificazione delle rotte problematiche sulla base del superamento di certe soglie di quota (circa 60%)
    • Considerazione della disponibilità di slot su aeroporti congestionati come rilevante barriera all’ entrata sui mercati rilevanti
    • Analisi degli effetti orizzontali per singola rotta con identificazione di creazione o rafforzamento di posizione dominante
    • Identificazione dei rimedi in termini di rilascio di un certo numero di slot per rotta problematica
l operazione alitalia volare1
L’operazione Alitalia-Volare
  • La valutazione al tempo stesso si discosta dal mainstream comunitario ed in qualche caso sembra anticipare nuove tendenze….:
    • Rispetto ai precedenti comunitari (ad es. Air France-Alitalia), Lin e MPX aeroporti non sostituibili sui voli domestici (coerenza con la valutazione effettuata per il code sharing AZ/VO);
    • Non si è proceduto a distinguere un mercato dei pax time sensitive da uno dei pax price sensitive (natura delle rotte interessate….)
    • Vengono fatte valutazioni in merito alla disponibilità complessiva di slots su LIN che sembrano prefigurare l’identificazione di un mercato rilevante delle rotte da e per Linate
      • Cfr § 60 e 108 della decisione finale
      • superamento dell’O&D approach in direzione di una definizione di mercato più supply side: Es. Commissione Europea su avvio fase II Ryan air Air Lingus e network effect su Dublino)
    • Valutazioni anche su rotte domestiche dove non si ha overlapping in virtù della possibilità di riallocazione senza costi degli slot sulle rotte più profittevoli (Lin-Fco su tutte): cfr. § 71 e 111 della decisione finale
l operazione alitalia volare sostituibilit linate malpensa
L’operazione Alitalia-Volare: sostituibilità Linate - Malpensa
  • LIN city airport (traffico point to point – DM 3/3/2000)
  • Caratteristiche accessibilità:
    • Collegamenti terrestri
    • Posizione geografica rispetto a bacino di traffico
  • Articolazione offerta in termini di frequenze
    • Rilievo spostamenti A/R in giornata
  • Mancanza di convenienza economica per vettori che non hanno attività di feederaggio ad attivare collegamenti da Malpensa
    • Volare, Air One e Meridiana non volano più da Malpensa
    • Wind Jet (low cost) vola da Linate senza slot assegnati e non da Malpensa
  • Laod factor su rotte domestiche in sovrapposizione su MPX molto più basso (min 29% max 46%) che su LIN (min 55% max 69%)
  • Ripartizione biglietti venduti da campione rete agenziale con destinazione/partenza Milano: 80% Linate, 20% Malpensa
l operazione alitalia volare effetti orizzontali su rotte comunitarie
L’operazione Alitalia-Volare: Effetti orizzontali su rotte comunitarie

Rotta Milano (MPX e Lin) -Parigi

posizione Alitalia (inclusi code-sharing con Air France)

  • Quota passeggeri trasportati: 82%
  • Incremento frequenze da Linate: da 49% (72% con AF) a 89%

Decisione della Commissione Alitalia-Air France (2004)

  • Rimedi idonei a garantire il mantenimento di condizioni di concorrenza sulla rotta Milano–Parigi anche nel caso in cui venga meno uno degli operatori attivi sulla rotta
  • Rilascio slot da Linate per aumento frequenze concorrenti
  • Gli slot di Volare confluiranno nel pool a disposizione dei vettori richiedenti ancora per 3 stagioni IATA
slide14

Effetti complessivi operazione – Riepilogo

Aumento quota pax trasportati e frequenze su rotte in sovrapposizione

Riduzione concorrenza effettiva

L’acquisizione di slots in un aeroporto congestionato e regolamentato

Riduzione concorrenza potenziale

sostanziale impossibilità di ingresso su rotte profittevole da aeroporto congestionato

Riduzione concorrenza effettiva

Impossibilità a replicare offerta Alitalia

l operazione alitalia volare rimedi
L’operazione Alitalia-Volare: Rimedi
  • Costituzione di una posizione dominante di AZ sulle rotte con quota frequenze > 60% (Linate-Bari, Linate- Lamezia, Linate-Parigi)
  • Rimedi (4 coppie di slot su 12 coppie acquisite):
    • Rilascio di una coppia di slot sulla rotta Linate- Bari
    • Rilascio di una coppia di slot sulla rotta Linate- Lamezia
    • Rilascio due coppia di slot sulla rotta Linate- Parigi (in conformità con quanto deciso dalla Commissione nel caso Air France – AZ)
  • AGCM ha prorogato il termine per l’esecuzione dei rimedi (marzo 2007) a causa delle complesse vicende relative all’aggiudicazione di Volare ed al relativo contenzioso amministrativo
conclusioni e sviluppi futuri
Conclusioni e sviluppi futuri
  • L’atteggiamento dell’AGCM nei confronti dell’incumbent AZ in occasione della valutazione degli abusi di posizione dominante, delle intese e delle concentrazioni è coerente con la best practice comunitaria
  • Alcune vicende – in particolare la valutazione dei code sharing con Meridiana e Volare e la valutazione del merger con Volare – risentono delle specificità del mercato domestico, in particolare della particolarità di Linate
  • AGCM segue l’intera filiera del trasporto aereo => I recenti avvii su SEA ed ADR testimoniano una attenzione al livello dei costi sopportati dai vettori aerei per l’utilizzo delle infrastrutture aeroportuali
  • La privatizzazione di Alitalia => grande attenzione verso soluzioni che tendano alla creazioni di campioni domestici la cui unica forza, in una ottica di alleanze internazionali, è rappresentata dall’esercizio in monopolio di fatto delle rotte domestiche più profittevoli