il distacco di retina n.
Skip this Video
Loading SlideShow in 5 Seconds..
IL DISTACCO DI RETINA PowerPoint Presentation
Download Presentation
IL DISTACCO DI RETINA

Loading in 2 Seconds...

  share
play fullscreen
1 / 26
Download Presentation

IL DISTACCO DI RETINA - PowerPoint PPT Presentation

yazid
295 Views
Download Presentation

IL DISTACCO DI RETINA

- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript

  1. IL DISTACCO DI RETINA PIERLUIGI ESPOSTI

  2. ANATOMIA • RETINA: MEMBRANA FOTOSENSIBILE CHE SI ESTENDE DAL DISCO OTTICO ALL’ORA SERRATA • COROIDE: COROIDE ED EPITELIO PIGMENTATO FORMANO UN’ UNITA’ FUNZIONALE CHE PROVVEDE AL METABOLISMO DEGLI STRATI AVASCOLARI ESTERNI DELLA RETINA, E AGISCE COME POMPA PER MANTENERE IL CONTATTO TRA EPITELIO PIGMENTATO E RETINA

  3. VIDEO0 ’35” – 0’50”

  4. TERMINOLOGIA • DISTACCO DI RETINA: PERDITA DI CONTATTO TRA EPITELIO PIGMENTATO E RETINA • ROTTURA RETINICA: SOLUZIONE DI CONTINUO DELLA RETINA • DISTACCO RETINICO REGMATOGENO: DISTACCO CAUSATO DA UNA ROTTURA RETINICA, DAL GRECO regma = rottura, genos = origine

  5. INCIDENZA • L’INCIDENZA ANNUALE E’ DI CIRCA 1/10000 PERSONE

  6. FATTORI PREDISPONENTI • MIOPIA • DEGENERAZIONI RETINICHE PERIFERICHE • EMORRAGIEVITREALI • TRAUMI • DISTACCODI RETINA OCCHIO CONTROLATERALE • INTERVENTI A BULBO APERTO

  7. FATTORI PREDISPONENTI • MIOPIA: FINO A 3 DIOTTRIE, RISCHIO 4 VOLTE MAGGIORE; MAGGIOREDI 3 DIOTTRIE: RISCHIO 10 VOLTE MAGGIORE • DISTACCO DI RETINA OCCHIO CONTROLATERALE: INCIDENZA DEL 13% CONTRO LO 0.01% (1300 VOLTE) DELLA POPOLAZIONE GENERALE, POICHE’ LE PATOLOGIE VITREORETINICHE SONO SPESSO BILATERALI

  8. FATTORI PREDISPONENTI • INTERVENTI A BULBO APERTO: CATARATTA; DOPO INTERVENTO DI CATARATTA, RISCHIO 7 VOLTE MAGGIORE RISPETTO A OCCHI NON OPERATI, SPECIE IN SOGGETTI GIOVANI E MIOPI • IL DISTACCO DI RETINA NELL’OPERATO DI CATARATTA E’ IN FORTEAUMENTO, IN CONSENGUENZA DELL’AUMENTATO NUMERO DI INTERVENTI • IL DISTACCO DI RETINA CONTINUA AD ESSERE LA COMPLICANZA PIU’ IMPORTANTE DELL’INTERVENTO, SPECIE NEI SOGGETTI MIOPI. ATTUALMENTE, CIRCA IL 40% DEI SOGGETI CON DISTACCO DI RETINA, SONO OPERATI DI CATARATTA

  9. SINTOMATOLOGIA • IL PAZIENTE SI RENDE CONTO DI DUE STADI EVOLUTIVI: • DISTACCO DEL VITREO, CON FORMAZIONE DELLA ROTTURA RETINICA ------------------------------------------------------ IN SEGUITO, DOPO UN PERIODI DI ORE, MESI, O ANNI (ROTTURE RETINICHE INFERIORI) : • DISTACCO RETINICO ESTESO

  10. SINTOMATOLOGIA • STADIO 1 (distacco del vitreo): • LAMPIDI LUCE (TRAZIONE LOCALIZZATA DEL VITREO SULLA RETINA) • VISIONE DICORPI MOBILI • PUO’ ESSERE ASINTOMATICO

  11. VIDEO dpv1’24” – 1’34”1’58” – 2’09”2’24” – 2’54” trazione

  12. Video CM 05-010

  13. SINTOMATOLOGIA • STADIO 2 (DISTACCO RETINICO ESTESO) • AUMENTO DEI CORPI MOBILI • MACCHIE DI DIMENSIONI MAGGIORI • OMBRA FISSA • RAPIDADIMINUZIONE DEL VISUS QUANDO IL DISTACCO DI RETINA RAGGIUNGE LA MACULA

  14. VIDEO rottura e dr3’12” – 3’20”4’45” – 4’59”

  15. VIDEO 6’11” fotogramma montaggio

  16. Distacco retinico

  17. SINTOMATOLOGIA • IL DISTACCO DI RETINA SEMBRA ESSERE SPESSO UNA MALATTIA ACUTA, POICHE’ IL PAZIENTE IGNARO, AVVERTE SINTOMI GRAVI ED IMPROVVISI, CHE SONO IL RISULTATO, O DELLA RAPIDA ESTENSIONE DEL DISTACCO RETINICO, O DELL’INSORGENZA DI UNA EMORRAGIA VITREALE (ROTTURA RETINICA LUNGO IL DECORSO DI UN VASO). TALI EPISODI NON SONO CHE UNA FASE BREVE ED ACUTA DI UN LUNGO, CRONICO PROCESSOCHE COINVOLGE IL VITREO E LA RETINA

  18. SINTOMATOLOGIA • LA CONOSCENZA DELLA SINTOMATOLOGIA E’ ESTREMAMENTE IMPORTANTE PER POTER INDIRIZZARE IL PAZIENTEAFFINCHE’ VENGANO DIAGNOSTICATE E TRATTATE LE ALTERAZIONI RETINICHE POTENZIALMENTE PERICOLOSE, AL FINE DI RIDURRE L’INCIDENZA DI TALE PATOLOGIA

  19. CHIRURGIA del DISTACCO RETINICO • CHIRURGIA EPISCLERALE: introflessione della parete verso l’interno per chiudere rotture retiniche • VITRECTOMIA: chirurgia all’interno del bulbo per rilasciare trazioni sulla retina e chiudere rotture retiniche • ASSOCIAZIONEdelle due tecniche

  20. Video 1.37 – 3.11

  21. Cerchiaggio con banda in silicone da 2.5 mm

  22. PREVENZIONE • TRATTAMENTO DI : • DEGENERAZIONI RETINICHE PERIFERICHE • ROTTURE RETINICHE ASINTOMATICHE (SPESSO DIAGNOSTICATE DURANTE ESAMI DI ROUTINE) • ROTTURE RETINICHE SINTOMATICHE

  23. VIDEO laser 3,55-4,10

  24. CONCLUSIONI • IN CASO DISINTOMI, RELATIVI AD UN POSSIBILE DISTACCO DEL VITREO O ROTTURA RETINICA (FOTOPSIE, MIODESOPSIE, DEFICIT DEL CAMPO VISIVO) O FATTORI DI RISCHIO QUALI MIOPIA ELEVATA O PREGRESSO DISTACCO DI RETINA, DIVENTA MOLTO IMPORTANTE L’EDUCAZIONE DEL PAZIENTE, AL FINE DI SENSIBILIZZARLO AD ESEGUIRE UNA VISITA SPECIALISTICA, ANCHE PERCHE’, NONOSTANTE LE ATTUALI METODICHE SIANO PARTICOLARMENTE AVANZATE, I RISULTATI POSSONO ESSERE COMUNQUE LIMITATI DA UN RIDOTTO RECUPERO VISIVO, ANCHE IN CASO DI PIENO SUCCESSO ANATOMICO