Metodo di traduzione
Download
1 / 22

METODO di TRADUZIONE. - PowerPoint PPT Presentation


  • 292 Views
  • Uploaded on

METODO di TRADUZIONE. Per tradurre dal latino all’italiano. I cinque livelli per la traduzione . ORDO SENTENTIARUM = ordine delle frasi. ORDO VERBORUM = ordine delle parole. PAROLE “AMICHE”= lessico che già si conosce. TRADUZIONE = (in latino = vertere ).

loader
I am the owner, or an agent authorized to act on behalf of the owner, of the copyrighted work described.
capcha
Download Presentation

PowerPoint Slideshow about 'METODO di TRADUZIONE.' - paul


An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript
Metodo di traduzione l.jpg

METODO di TRADUZIONE.

Per tradurre dal latino all’italiano.


I cinque livelli per la traduzione l.jpg
I cinque livelli per la traduzione

  • ORDO SENTENTIARUM = ordine delle frasi.

  • ORDO VERBORUM = ordine delle parole.

  • PAROLE “AMICHE”= lessico che già si conosce.

  • TRADUZIONE = (in latino = vertere ).

  • REVISIONE = controllo la mia traduzione.


1 ordo sententiarum livello di analisi del periodo l.jpg
1. ORDO SENTENTIARUM= LIVELLO DI ANALISI DEL PERIODO

  • CERCHIO OGNI VERBO ad ogni verbo corrisponde una proposizione.

  • Scopo dell’ordo sententiarum = individuare la frase reggente.


Come fare l.jpg
COME FARE?

  • Parto dal primo verbo cerchiato e torno fisicamente nel testo a sinistra in cerca di un CONNETTIVO, cioè di una coniugazione o coordinante o subordinante.

  • se non trovo il connettivo, allora il verbo da cui sono partito è quello REGGENTE.

  • Se trovo il connettivo, quel verbo sarà il verbo o della frase coordinante o subordinante.


Che lessico devo conoscere per applicare questo metodo l.jpg
CHE LESSICO DEVO CONOSCERE PER APPLICARE QUESTO METODO?

COORDINANTI

  • I CONNETTIVI

    SUBORDINANTI

    NB.: l’ordo snetentiarum è necessario solo se vi sono almeno due verbi nel periodo.


Quali sono i connettivi l.jpg
QUALI SONO I CONNETTIVI?

  • Connettivi copulativi:

    et, atque, ac, nome nome+que= e

    etiam,quoque= anche, persino (etiam tu, quoque tu)

    Neque, nec= né, e non

  • Connettivi avversativi:

    sed = ma

    tamen= tuttavia

  • Connettivi dichiarativi:

    nam, namque, etenim = infatti

    enim = infatti


Esempio l.jpg
ESEMPIO:

Ancill.ae ad Minerv.aetempl.umveniuntet

cumlaetiti.ade.aecoron.aspraebent.

Se torno verso sinistra dal verbo VENIUNT, non trovo connettivi.

VENIUNT = verbo frase reggente!

Se torno verso sinistra dal verbo PRAEBENT, trovo il connettivo ET.

PRAEBENT = verbo frase coordinante!


2 ordo verborum l.jpg
2.ORDO VERBORUM

Nell’ OrdoVerborum inizio ad analizzare la frase

reggente ed eventuali subordinate.

  • METODO:

  • Analizzo il verbo reggente. Dal verbo ricavo le seguenti informazioni:

  • Sei attivo o passivo? Vedi desinenza

  • Che persona sei? Vedi desinenza

  • Che genere sei? Vedi paradigma vocabolario


Ci soffermiamo sulla iii domanda l.jpg
CI SOFFERMIAMO SULLA III DOMANDA:

- 3 a : verbo transitivo = cerco subito il caso accusativo semplice .

(1° e 2° declinazione: -um-am-um; -os-as-a )

- 3 b : verbo intransitivo = cerco tutto ciò che non è accusativo:

  • Genitivo (verbo + genitivo / aggettivo + genitivo)

  • Dativo (verbo + dativo / aggettivo + dativo)

  • Ablativo (verbo + ablativo / aggettivo + ablativo)

  • Preposizione segna caso.


Solo a questo punto l.jpg
SOLO A QUESTO PUNTO…

  • CERCO IL GRUPPO DEL SOGGETTO

    solo sost 1 sost+ attrib. sost + attrib + apposizione

    = NOMINATIVUS


Nb marche semotattiche ordo verborum l.jpg
NB.: MARCHE SEMOTATTICHE ORDO VERBORUM

1) Preposizione segna caso (unica prep. nemica IN

+ acc + abl

2) Significato e costrutto del verbo. Es: praebere = “offrire” : costrutto = prabere + acc e dat : Traduzione

= “offrire qualcosa a qualcuno”.

3) Posizioni tendenziali (es: Minervae templum.

Minervae = genitivo PRECEDE il nome cui si riferisce)


Esempio12 l.jpg
ESEMPIO:

Ancill.ae ad Minerv.ae templ.um veniunt et cum

laetiti.a de.ae coron.as praebent.

VENIUNT = - attivo

- 3° persona plurale

- intransitivo


E se il verbo intransitivo l.jpg
E se il verbo è intransitivo..

  • Cerco tutto ciò che non è accusativo!

  • Ad Minerv.ae templ.um


Importantissimo l.jpg
IMPORTANTISSIMO!

  • RISCRIVO LA FRASE LATINA SECONDO L’ORDINE ITALIANO.

    ANCELLAE VENIUNT AD TEMPLUM MINERVA ET PRAEBENT CORONAS DEAE CUM LAETITIA.


3 parole amiche l.jpg
3. PAROLE AMICHE

  • = PRIMA DI TRADURRE COMPTENDO IL SENSO

    LA GRAMMATICA SENZA IL SENSO NON E’ NULLA.

    Parole più amiche: I verbi

    II sostantivi

    III aggettivi

    Significa basarsi solo sul significato delle parole amiche (o già memorizzate o CFR vocabolario) e pensare la frase già riordinata sintatticamente come se fosse tutta all’infinito e al singolare


Frase all infinito e al singolare l.jpg
FRASE ALL’INFINITO E AL SINGOLARE =

ANCELLA TEMPIO MINERVA VENIRE E OFFRIRE CORONA DEA CON GIOIA


4 traduzione l.jpg
4. TRADUZIONE

  • Significa analizzare perfettamente la forma delle parole in latino:

  • verbi (modo, tempo, forma, genere, persona)

  • Sostantivi (numero: singolare/ plurale)

  • Aggettivi ( concordanza: caso, genere, numero)

  • Valenze ( reggenza e significato)


E fondamentale l.jpg
E’ FONDAMENTALE:

  • VADEMECUM ERRORI TRADUZIONE NELLA RUBRICA!

  • Verbo (modo, tempo, att/pass, trans/intrans, persona)

  • Sostantivo ( singolare, plurale)

  • Aggettivi ( caso, genere, numero)

  • Valenze ( reggenza e senso)


Per l articolo l.jpg
PER L’ARTICOLO..

In latino non esistono gli articoli, ma nel traduzione italiana, devo inserirlo.

Se il termine è già noto, metto l’articolo determinativo; al contrario se il termine non è stato citato si usa l’articolo indeterminativo al singolare e l’articolo partitivo al plurale.

Ciò non vale per:

  • I titoli

  • Le frasi decontestualizzate


Esempio20 l.jpg
ESEMPIO:

Lupus e agnus

Lupus apudrivum est etagnumvidet.

Agnus dicit lupo: “Ave,lupe, utvales?”.

TRADUZIONE:

Il lupo e l’agnello

Un lupo si trova presso un ruscello e vede un agnello.

L’agnello dice al lupo: “ Salve, o lupo, come stai?”.


5 revisione l.jpg
5. REVISIONE

  • CONTROLLO DI AVER FATTO IN MODO CORRETTO LA TRADUZIONE. IN CASO CONTRARIO, CORREGGO I MIEI ERRORI E LI SENGNO SUL VADEMECUM ERRORI.


Ora hai finito l.jpg
ORA HAI FINITO!

  • MA RICORDA DI INDOSSARE SEMPRE … GLI OCCHIALI DEL LATINO!


ad