slide1 l.
Download
Skip this Video
Loading SlideShow in 5 Seconds..
Scuola di Specializzazione in Scienza dell’Alimentazione Università Politecnica delle Marche Indirizzo di Nutrizione Cl PowerPoint Presentation
Download Presentation
Scuola di Specializzazione in Scienza dell’Alimentazione Università Politecnica delle Marche Indirizzo di Nutrizione Cl

Loading in 2 Seconds...

play fullscreen
1 / 39

Scuola di Specializzazione in Scienza dell’Alimentazione Università Politecnica delle Marche Indirizzo di Nutrizione Cl - PowerPoint PPT Presentation


  • 650 Views
  • Uploaded on

Scuola di Specializzazione in Scienza dell’Alimentazione Università Politecnica delle Marche Indirizzo di Nutrizione Clinica acidi grassi w.3 – w.6 : relazione struttura-funzione e loro metabolismo. Dott. Luigi Lanari.

loader
I am the owner, or an agent authorized to act on behalf of the owner, of the copyrighted work described.
capcha
Download Presentation

PowerPoint Slideshow about 'Scuola di Specializzazione in Scienza dell’Alimentazione Università Politecnica delle Marche Indirizzo di Nutrizione Cl' - omer


An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript
slide1

Scuola di Specializzazione in Scienza dell’Alimentazione

Università Politecnica delle Marche

Indirizzo di Nutrizione Clinica

acidi grassi w.3 – w.6 :

relazione struttura-funzione e loro metabolismo.

Dott. Luigi Lanari

acidi grassi omega 3 omega 6 relazione struttura funzione metabolismo
Acidi grassi : Omega-3 Omega-6:relazione struttura, funzione, metabolismo.

Denominatore comune della struttura dei lipidi è l’acido grasso, costituito da una catena alifatica lineare o ramificata e da un gruppo carbossilico terminale. Si distinguono per il numero di atomi di carbonio e per il grado di insaturazione:

saturi,

monoinsaturi,

polinsaturi.

saturi
SATURI

MONOINSATURI

POLINSATURI (PIU’ DOPPI LEGAMI)

acidi grassi omega 3 omega 6 relazione struttura funzione metabolismo5

Acidi grassi : Omega-3 Omega-6:relazione struttura, funzione, metabolismo.

La lunghezza della catena carboniosa ed il grado di insaturazione dell’acido grasso sono importanti nel determinare la sua natura fisica e quella del lipide di appartenenza, per cui :

gli acidi grassi saturi a corta catena sono, a T° ambiente, liquidi;

quelli a media catena, solidi;

gli insaturi (detti anche VIT.F)risultano sempre liquidi.

Inoltre alcuni acidi grassi,detti essenziali, non possono essere sintetizzati dal nostro organismo ed è perciò indispensabile che essi siano forniti con l’alimentazione.

Essi sono: l’acido linoleico, l’acido linolenico,

l’acido arachidonico.

slide13

Gli acidi grassi omega 3 più comuni sono cinque: Acido alfa-linolenico(18:3 omega-3); Acido Stearidonico(18:4 omega-3); Acido Eicoisapentenoico(20:5 omega-3) EPA; Acido Docosapentenoico(22:5 omega-3); Acido Docosaesaenoico(22:6 omega-3) DHA.

dove possimo trovarli

DOVE POSSIMO TROVARLI ?

Gli acidi grassi polinsaturi Omega-6 sono di origine vegetale,

mentre

gli acidi grassi polinsaturi Omega-3 sono prevalentemente di origine ittica.

contenuti di omega 3 nel pesce e nei crostacei quantita espressa in grammi su 100 gr di alimento
CONTENUTI DI OMEGA-3 NEL PESCE E NEI CROSTACEI(QUANTITA’ ESPRESSA IN GRAMMI SU 100 gr. DI ALIMENTO)
apporti

APPORTI:

Per gli Omega 3 (EPA e DHA) è da considerarsi fisiologico l´apporto di 1 g al giorno il che corrisponde allo 0.5% circa delle calorie totali

mentre

per l´acido gamma linolenico (omega-6) le quantità indicate sono considerate attorno ai 560 mg/die pari allo 2% delle calorie totali

altre funzioni degli omega 3
Altre funzioni degli omega-3:
  • Proteggono il sistema cardiovascolare: il sangue, reso più fluido dall'assenza dei grassi cattivi, circola meglio, facendo funzionare bene il cuore e allontanando il rischio di malattie coronariche, ipertensione, arterosclerosi e trombosi.
  • Evitano l'accumulo dei grassi più pericolosi, trigliceridi e colesterolo, sulle pareti arteriose, bloccando l'indurimento dei vasi.
  • Aumentano in modo significativo la funzione delle prostaglandine
  • Attenuano le reazioni infiammatorie quali, asma ed artrite reumatoide.
  • Favoriscono la vitalità delle cellule del sistema nervoso centrale, con funzioni antidepressive
  • Aumentano le difese immunitarie e rafforzano le difese della pelle
  • Utili nella terapia dell'artrite e di altri disturbi infiammatori.
  • Coadiuvanti nella cura della psoriasi e di altre patologie cutanee.
  • Anticancerogeni.
  • Agiscono sul microcircolo (utile per cellulite ed edemi).
  • Facilitazione nella risposta immunitaria e antinfiammatoria in caso di ferite e infezioni
  • Produzione di ormoni
inoltre

Inoltre…

Gli acidi Omega 3 svolgono azione molto importante nel metabolismo cerebrale:il cervello umano è un grande consumatore di acido DHA, un cervello adulto ne contiene più di 20 gr.

Bassi livelli di DHA sono legati a bassi livelli di serotonina, con aumentata tendenza alla depressione, al suicidio, alla violenza.

Un adeguato introito di DHA e di EPA, è molto utile in gravidanza, perché gli Omega 3 contribuisconoin modo decisivo alla formazione della corteccia cerebrale(20%) e della retina (60%).

effetti comuni dati dal deficit di acidi grassi essenziali

EFFETTI COMUNI DATI DAL DEFICIT DI ACIDI GRASSI ESSENZIALI:

disturbi cardiaci

anomalie del sistema circolatorio e dei renale

capelli fragili ed opachi

fragilità delle unghie

forfora

predisposizione ad allergie atopiche

diarrea

varici degli arti inferiori

magrezza eccessiva

calcoli della colecisti

eczema

acne e pelle secca

anomalie della dentizione

p g a 2 e 1 3

P.G.A. 2 e 1-3

L’acido linolenico(omega 3) è il precursore della serie 3

l'acido linoleico (omega 6) sintetizza la prima o la seconda serie di prostaglandine.

…il tipo di grassi degli olii può influenzare la sintesi delle benefiche prostaglandine di prima serie o delle dannose prostaglandine di serie 2...

p g a 2 e 1 329

P.G.A. 2 e 1-3

Gli acidi grassi essenziali sono coinvolti nella sintesi delle prostaglandine, le quali giocano un ruolo in numerose funzioni dell'organismo

( sintesi degli ormoni, immunità, vasocostrizione, regolazione del dolore e dell'infiammazione)

Le P.G. sono suddivise in tre gruppi principali:

quelle della serie 1 e 3 sono considerate benefiche,

mentre quelli della serie 2 hanno effetti dannosi.

slide30

Omega 3

Omega 6

Acido linoleico

acido alpha-linolenico

(olio di seme di lino, olio di noci)

desaturasi (delta-6)

Acido Gamma linolenico

elongasi

acido eicosapentanoico (EPA)

(olio di pesce)

Acido Diomogamma linolenico

desaturasi (delta-6)

acido docosoesanoico (DHA)

Prostaglandine serie 3 (PGA.3)

Acido Arachidonico(A.A.)

(+)

Prostaglandine serie 1 (PGA.1)

(negli anziani questa trasformazione è difficoltosa e ridotta)

Prostaglandine serie 2 (PGA.2)

(+)

( - )

slide31

ENZIMI:

La produzione di questi acidi grassi dipende dall´attività enzimatica delle desaturasi delta-6 e delle elongasi sui loro precursori cioè gli acidi grassi essenziali.

slide32

P.G.A. 2 e 1-3

Le prostaglandine benefiche e protettive di prima e di terza serie (PGA 1-3) sono vasodilatatrici, modulano la coagulazione, abbassano il colesterolo LDL, aumentano il colesterolo HDL, svolgono azione antinfiammatoria.La seconda serie di prostaglandine ha l'effetto opposto.

cosa cambiato

Cosa è cambiato…

Mentre gli uomini del paleolitico introducevano una dieta con rapporto 1 a 1,

i cambiamenti attuali dell' alimentazione hanno portato ad un rapporto20 a 1 tra Omega 6 e Omega 3.Molti scienziati credono che alcune malattie attuali siano provocate dall'alteratorapporto tra i Omega 3 e i Omega 6.

slide35

La ricerca negli U.S.L' istituto nazionale per la salute degli USA ha stabilito l' introduzione necessaria giornaliera: acido alpha linolenico (n-3) = 2,2 gr/die acido linoleico (n-6) = 4,4 gr/die n.3/n.6= 1/2Uno studio Americano ha dimostrato che una dieta ricca di pesce riduce finoal 50% la morte improvvisa

slide36

La ricerca…

In una recentissima ricerca, fatta in Portogallo e pubblicata in questi giorni,sono state raffrontate le popolazioni di 2 villaggi portoghesi, uno sul mare, e uno nell'interno.

Nel primo l'alimentazione era ricchissima di pesce, 10 volte più che nelvillaggio rurale, la mortalità per malattie cardiovascolari era di 4 volteinferiore che nel villaggio rurale.

Le concentrazioni seriche di EPA E DHAerano più elevate negli abitanti del villaggio marino e la concentrazionedi acido arachidonico (AA) era più bassa e il rapporto EPA:AA era 2 volte inferiore rispetto a quella del villaggio rurale. 

modalita di assunzione corretta degli acidi grassi insaturi essenziali

MODALITA’ DI ASSUNZIONE CORRETTA DEGLI ACIDI GRASSI INSATURI ESSENZIALI

Per ottenere i massimi benefici dagli acidi grassi insaturi li si dovrebbero assumere con la vitamina E all’ora dei pasti. Ciò assicura un migliore assorbimento.

Inoltre, è importante che quando aumenta la quantità di grassi e olii venga aumentato anche il dosaggio di vitamina E.

Una dieta che include acidi grassi insaturi dovrebbe comprendere degli antiossidanti, come le vitamine A, C ed E, lo zinco e il selenio. Questi antiossidanti prevengono la formazione di perossido, che si verifica quando ossigeno e acidi grassi interagiscono nell’organismo. Se viene permessa la formazione di perossido o di radicali liberi può risultarne un serio danno a diverse proteine dell’organismo.

conclusioni

CONCLUSIONI:

Nessun singolo alimento può, da solo, essere la chiave della salute di una persona, tuttavia consumare una maggiore quantità di pesce è uno dei metodi che la maggior parte di noi può adottare per migliorare la propria alimentazione e la propria salute. Molte delle ricerche sui benefici degli acidi grassi Omega-3 indicano il pesce come la fonte principale. Salmone, sardine, tonno e crostacei hanno un alto contenuto di acidi grassi Omega-3, ma si raccomanda di aumentare in generale il consumo di ogni tipo di pesce e di frutti di mare.