il sovraccarico muscolare degli atleti di ultramaratona n.
Download
Skip this Video
Loading SlideShow in 5 Seconds..
IL SOVRACCARICO MUSCOLARE DEGLI ATLETI DI ULTRAMARATONA PowerPoint Presentation
Download Presentation
IL SOVRACCARICO MUSCOLARE DEGLI ATLETI DI ULTRAMARATONA

Loading in 2 Seconds...

play fullscreen
1 / 14

IL SOVRACCARICO MUSCOLARE DEGLI ATLETI DI ULTRAMARATONA - PowerPoint PPT Presentation


  • 77 Views
  • Uploaded on

IL SOVRACCARICO MUSCOLARE DEGLI ATLETI DI ULTRAMARATONA. Gli atleti di Ultramaratona , tra questi includo gli atleti di Utratrail , sono caratterizzati da molte peculiarità sia fisiche che mentali. .

loader
I am the owner, or an agent authorized to act on behalf of the owner, of the copyrighted work described.
capcha
Download Presentation

PowerPoint Slideshow about 'IL SOVRACCARICO MUSCOLARE DEGLI ATLETI DI ULTRAMARATONA' - nico


An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript
slide2

Gli atleti di Ultramaratona, tra questi includo gli atleti di Utratrail, sono caratterizzati da molte peculiarità sia fisiche che mentali.

slide3

Tra quelle fisiche ci sono i sovraccarichi funzionali a carico dell’ apparato locomotore ( ossa, muscoli, articolazioni ), in particolare i muscoli.

slide4

In base alla mia esperienza, maturata con gli atleti di Ultramaratona/Ultratrail, voglio esporre qui le principali patologie che ho riscontrato con una certa frequenza e i distretti maggiormente sollecitati.

slide5

A mio parere, l’atleta di Ultra si differenzia molto dall’ atleta di mezzofondo-fondo-mezza e maratona perché, proprio per i notevoli kilometri che deve percorrere, l’atleta tende a correre “al risparmio”, cioè cercando di “ economizzare” il gesto tecnico della corsa.

slide6

Difficilmente, a parte pochi fuoriclasse, l’ultramaratoneta può correre tutta la competizione “a spinta” sul mesopiede ( la parte centro-anteriore del piede). Si determina così una situazione di corsa “arretrata”. Di conseguenza, l’adattamento posturale porta ad una serie di problematiche di tipo muscolare, tra queste riporto le più frequenti da me riscontrare:

slide7

Contratture del tratto lombosacrale del rachide

  • Algie al gluteo con particolare contrattura del muscolo piriforme e conseguente interessamento del nervo sciatico
  • Contratture a carico dei muscoli flessori del ginocchio e dei polpacci
slide8

E’ evidente che la catena cinetica posteriore è particolarmente interessata.

Molte sono le strategie di tipo masso-fisioterapico volte a “ contenere” e prevenire questi sovraccarichi muscolari, alcune di queste sono:

slide9

Stretching attivo/passivo, che deve diventare una buona norma dedicando ad esso una seduta di allenamento specifico

  • Massaggio decontratturante e miofasciale
  • Massaggio Trasversale Profondo M.T.P.
  • Facilitazioni Neuromuscolare Propriocettivo F.N.P.
slide10

Da ultimo, anche il Drenaggio Linfatico Manuale D.L.M., tecnica massoterapica spesso erroneamente associata all’estetica, è un valido supporto che trova particolare spazio in ambito sportivo.

slide11

Essendo una tecnica massoterapica molto delicata, può essere eseguita sugli atleti di endurance immediatamente dopo la prestazione, quando i muscoli sono ancora carichi di cataboliti e acido lattico.

slide12

Questa ultima indicazione è comunque nuova nel campo dei trattamenti con D.L.M. andrà sperimentata con continuità e attenzione.

slide13

Massimo Ranica

Massofisioterapista

Massaggiatore sportivo

www.ranicamassimo.altervista.org