le transaminasi e lo studio delle malattie epatiche n.
Download
Skip this Video
Loading SlideShow in 5 Seconds..
Le Transaminasi e lo studio delle malattie epatiche PowerPoint Presentation
Download Presentation
Le Transaminasi e lo studio delle malattie epatiche

Loading in 2 Seconds...

play fullscreen
1 / 9

Le Transaminasi e lo studio delle malattie epatiche - PowerPoint PPT Presentation


  • 466 Views
  • Uploaded on

Le Transaminasi e lo studio delle malattie epatiche. ALT/GPT AST/GOT. Determinazione di epatopatie in laboratorio.

loader
I am the owner, or an agent authorized to act on behalf of the owner, of the copyrighted work described.
capcha
Download Presentation

PowerPoint Slideshow about 'Le Transaminasi e lo studio delle malattie epatiche' - imala


An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript
determinazione di epatopatie in laboratorio
Determinazione di epatopatie in laboratorio
  • Gli enzimi che si usano per valutare il danno epatico sono localizzati nel citoplasma e/o negli organelli e sono rilasciati in circolo in seguito a lisi cellulare. Normalmente gli enzimi citosolici sono i più sensibili. Per quale motivo?
slide4
Presente soprattutto nel fegato e nel muscolo striato, in minore quantità in rene e eritrociti.
  • In cani, gatti, conigli, ratti e primati è molto più concentrata nel fegato
  • Ruminanti, maiali, cavalli, alcuni uccelli e rettili hanno livelli molto più bassi di ALT epatica.
uso clinico come marcatore di epatopatie
Uso clinico come marcatore di epatopatie
  • Stabile nel siero per una settimana a 4°C
  • Specificità moderata come marcatore di epatopatie (l’attività aumenta nel cane e nei grandi animali anche in caso di miopatie)
  • Sensibilità da moderata ad alta nel cane e nel gatto: l’attività correla bene con il numero di cellule danneggiate, ma non con la severità della malattia.
  • E’ misurabile nel siero dopo 12 h e il picco di attività tra 1-2 giorni (con aumenti anche di 100 volte); diminuisce dopo 1-2 setimane.
quindi
Quindi:
  • In cani, gatti, conigli, ratti e primati aumenti in ALT serica sono considerati relativamente specifici per malattie del fegato
  • In ruminanti, maiali, cavalli e uccelli un aumento di ALT nel siero è piuttosto indice di necrosi del muscolo scheletrico (quale altro enzima può aiutare nella diagnosi?)
slide8
2 isozimi uno citoplasmatico e uno mitocondriale
  • Stabile nel siero per circa 1 settimana a 4°C
  • Non è organo-specifica: il muscolo contiene la maggiore attività seguito da fegato e cuore
uso clinico come marcatore di epatopatie1
Uso clinico come marcatore di epatopatie
  • Bassa specificità, in quanto aumenta in circolo in seguito sia a miopatie che a epatopatie. Usata per epatopatie soprattutto nei grandi animali.
  • Alta sensibilità, in quanto può riflettere danni epatici più seri in virtù della sua doppia localizzazione, citosolica e mitocondriale.
  • Rimane alta in circolo per 7-10 giorni dopo danno epatico.