slide1 l.
Download
Skip this Video
Loading SlideShow in 5 Seconds..
…UN PROBLEMA DI FEGATO… IL MMG E LE MALATTIE EPATICHE PowerPoint Presentation
Download Presentation
…UN PROBLEMA DI FEGATO… IL MMG E LE MALATTIE EPATICHE

Loading in 2 Seconds...

play fullscreen
1 / 31

…UN PROBLEMA DI FEGATO… IL MMG E LE MALATTIE EPATICHE - PowerPoint PPT Presentation


  • 188 Views
  • Uploaded on

…UN PROBLEMA DI FEGATO… IL MMG E LE MALATTIE EPATICHE. DOTT. CLAUDIO POLLASTRO MMG DOTT. MARIO COLLI MMG DOTT. GIUSEPPE ZACCALA INTERNISTA .

loader
I am the owner, or an agent authorized to act on behalf of the owner, of the copyrighted work described.
capcha
Download Presentation

PowerPoint Slideshow about '…UN PROBLEMA DI FEGATO… IL MMG E LE MALATTIE EPATICHE' - kylee


An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript
slide1

…UN PROBLEMA DI FEGATO…

IL MMG E LE MALATTIE EPATICHE

DOTT. CLAUDIO POLLASTRO MMG

DOTT. MARIO COLLI MMG

DOTT. GIUSEPPE ZACCALA INTERNISTA

slide2

“Non digerisco bene, sarà il fegato?.. mi sono venute delle pustole, è sicuramente il fegato... ho male dalla parte del fegato...le ho portato gli esami che ho fatto per la donazione perchè i valori del fegato non sono normali..” .

slide3

IL TIPO DI APPROCCIO CHE IL MMG PUO’ AVERE DI FRONTE AD UN REALE O PRESUNTO PROBLEMA DI FEGATO E’ SICURAMENTE MOLTO VARIO.

LE FRASI CITATE SONO UN ESEMPIO DI PROBLEMI PROPOSTI DAL PAZIENTE E POSSONO REALMENTE AVERE UN NESSO CON UNA PATOLOGIA EPATICA, CHE VA QUINDI RICERCATA E, QUANDO E’ IL CASO, MONITORIZZATA NEL TEMPO, MA POSSONO ANCHE RICHIEDERE UN INTERVENTO PER SMITIZZARE FALSE CREDENZE.

slide7

IL FEGATO HA TRE FUNZIONI FONDAMENTALI

  • FUNZIONE VASCOLARE,per il deposito del sangue
  • FUNZIONE SECRETORIA, secrezione bile canale al.
  • FUNZIONE METABOLICA MULTIPLA.

L’unità funzionale è il LOBULO EPATICO

Presente in 50.000 – 100.000 unità nel fegato umano

slide9

·Il sangue proveniente dalla vena porta scorre nelle venule portali e da qui, attraverso i sinusoidi venosi, affluisce alla vena centrale del lobulo epatico afferente delle v.epaticheLe cellule epatiche costituiscono circa il 60% del fegato ed hanno una vita di circa 150 giorni. L’epatocita presenta tre superfici: una in rapporto con i sinusoidi e gli spazi del Disse ( che sono gli spazi tra cellule dei sinusoidi ed epatociti ) la seconda in rapporto con i canalicoli biliari e la terza in contatto con le membrane di epatociti adiacenti.

·I sinusoidi venosi poi sono tappezzati da cellule endoteliali e da cellule di Kupffer, dotate di forte attività fagocitaria tale da riuscire ad allontanare circa il 99% dei batteri proveniente dal sangue venoso portale ( in particolare batteri della flora del colon).

slide10

·Il fegato riceve per il 20% sangue arterioso dall'arteria epatica, il restante 80 % giunge dalla vena porta. La pressione del sangue nella vena Porta è mediamente di 8 mmHg, mentre la pressione nella vena epatica è mediamente 0 mmHg, quindi il sangue circola agevolmente attraverso il lobulo epatico. Ma se vi è un ostacolo al deflusso del sangue la pressione nella vena Porta può aumentare fino a valori intorno a20-30 mmHg con conseguente dilatazione a monte lungo il tragitto di minor resistenza ( reticolo venoso superficiale, varici). Viceversa vi può essere un aumento di pressione a valle del fegato a livello della vena cava fino a 10-15 mmHg per ostacolo al deflusso o a deficit della pompa cardiaca con conseguente ingorgo a livello del fegato e successiva sofferenza e necrosi cellulare epatica per stasi e distensione continua dei sinusoidi.

slide12

·Le cellule epatiche secernono la bile, la quale attraverso i canalicoli biliari giunge ai dotti biliari e poi via via, verso dotti sempre più grandi, fino al dotto epatico ed al coledoco

·La bile è composta da acqua per l'82%, quindi da acidi biliari (12%), lecitina ed altri fosfolipidi (4%) e colesterolo non esterificato (0,7%). I sali biliari primari (colico e chenodesossicolico) vengono sintetizzati dalle cellule epatiche a partire dal colesterolo endogeno, coniugati con glicina e taurina, ed in parte vengono riassorbiti con la circolazione enteroepatica. Gli acidi biliari primari sono metabolizzati nel colon ad opera di batteri e vengono trasformati negli acidi biliari secondari il desossicolico .

·Nell'intestino i sali biliari esplicano la loro funzione emulsionante o detergente sulle particelle di grasso alimentare, frammentandole in particelle più piccole e rendendole idrosolubili.

slide13

·Inoltre i sali biliari favoriscono l'assorbimento intestinale degli acidi grassi, dei monogliceridi, del colesterolo e di altri lipidi. Mancando i sali biliari viene perduto dall'intestino circa il 40% dei lipidi che si "portano dietro" anche le vitamine liposolubili (vit.A,D,E,K)

·Circa il 94% dei sali biliari viene riassorbito dalla mucosa intestinale insieme coi lipidi, coi quali hanno formato un legame, e dai quali si staccano non appena penetrati nel circolo ematico. Passano poi ai vasi portali e ritornano al fegato, ove vengono riassorbiti a livello dei sinusoidi dalle cellule epatiche e trasportati infine nei dotti biliari. La secrezione giornaliera di bile è di circa 500-600 ml e gli acidi biliari ricircolano mediamente dalle 5 alle 10 volte al giorno nel circolo entero-epatico.

slide14

·La bilirubina circolante prodotta per l'80-90% dalla lisi dei globuli rossi giunge al fegato legata all'albumina (non idrosolubile). Le cellule epatiche provvedono a "catturarla" ed a renderla solubile legandola a sostanze particolari (acido glucuronico e ione solfato). Viene poi secreta nei canalicoli biliari e attraverso le vie biliari extraepatiche, giunge nel duodeno dove , per azione della flora batterica intestinale , viene trasformata ed eliminata con le feci come stercobilinogeno ed in parte riassorbita ed eliminata per via urinaria come urobilinogeno.

slide15

·Altra funzione importante del fegato riguarda il metabolismo delle proteine che potremo così riassumere:

1) desaminazione degli aminoacidi, affinché possano essere utilizzati a scopi energetici

2) produzione di urea, per rimuovere l'ammonio prodotto dai batteri intestinali

3) sintesi delle proteine del plasma

4) sintesi di aminoacidi e altri prodotti chimici

slide16

·Il fegato interviene nel metabolismo dei glucidi con il mantenimento dell'omeostasi glucidica, da un lato attraverso la sintesi e l'immagazzinamento degli idrati di carbonio (gluconeogenesi e glicogenosintesi) e dall'altro attraverso la loro mobilizzazione dai depositi (glicogenolisi).

·Il fegato esplica anche importanti funzioni nel metabolismo dei lipidi ed in particolare nei confronti di acidi grassi (degradazione, esterificazione con glicerolo a trigliceridi, sintesi di fosfolipidi) e della sintesi del colesterolo.

·Inoltre funziona come deposito di vitamine e ferro e provvede alla sintesi di alcuni fattori della coagulazione (fibrinogeno, protrombina, fattori V, VII, IX, X).

slide17

OGNI PAZIENTE CON SOSPETTO DI EPATOPATIA DEVE ESSERE VALUTATO FOCALIZZANDO L’ATTENZIONE SU :

ANAMNESI

RICERCA DEI SINTOMI

ESAME OBIETTIVO

slide18

Storia personale di malattia epatobiliare

Storia familiare di malattia epatobiliare geneticamente determinata

Somministrazione di sangue o altri emoderivati

Assunzione cronica di alcool

Assunzione di farmaci

Abitudini sessuali

Tossicodipendenza

ANAMNESI: deve essere volta a scoprire eventuali fattori di rischio

ricerca dei sintomi
RICERCA DEI SINTOMI

Il paziente epatopatico si può presentare con sintomatologia aspecifica o addirittura assente.. La presenza di uno o più sintomi deve indurre il medico generale a ricercare la presenza di uno più segni di epatopatia Bisogna purtroppo rimarcare che, se da un lato l’epatopatia cronica compensata è quasi sempre silente dal punto di vista sintomatologico e dell’obiettività (per cui è frequente il riscontro occasionale), dall’altro la presentazione ( ex novo o in corso di epatopatia già nota) dei segni caratteristici di insufficienza epatica, si accompagna ad un grado di lesione istologica e funzionale del fegato avanzato e di solito irreversibile (cirrosi)

slide20

Dolore ipocondrio destro

Astenia

Malessere generale

Perdita di peso

Anoressia

Nausea

Vomito

Febbre

Artralgie

Prurito

Rash cutanei

Fenomeni emorragici

Riduzione della libido

Irregolarita’ mestruali

slide21

Lapercussioneè indispensabile per valutare le dimensioni dell'organo nella parte compresa sotto gli archicostali ; la palpazionedeve sempre essere effettuata alla destra del paziente con il braccio dello stesso al di sopra del capo: si apprezzerà così il margine dell’organo che se viene avvertito deve essere compatto, liscio, regolare e non dolente

Di fronte ad un “ fegato palpabile” può essere utile richiamare alla mente alcune situazioni cliniche epatiche e non epatiche che ne possono essere la causa:

slide22

EPATOMEGALIE – CAUSE PIU’ FREQUENTI

Epatopatie congestizie

Epatopatia alcolica

Epatocarcinoma

Metastasi epatiche

slide23

EPATOMEGALIA – CAUSE PIU’ RARE

Morbo di Wilson

Cirrosi biliare primitiva

Sarcoidosi

Amiloidosi

Linfoma

Emocromatosi

Adenomi

Cisti epatica o malattia policistica

Malformazioni vascolari

Lesioni retroperitoneali

Lobo di Riedel

slide24

OCCORRE RICORDARE CHE L’ANAMNESI E L’ESAME OBIETTIVO POSSONO ESSERE ASSOLUTAMENTE SILENTI ED IL PAZIENTE GIUNGERE ALLA NOSTRA OSSERVAZIONE IN PIENO BENESSERE PER OCCASIONALI CONTROLLI EMATOCHIMICI

slide25

1) transaminasi:sono indici di citolisi legati alla aumentata permeabilità delle plasmamembrane e\o a lesione strutturale degli organuli cellulari. Questi enzimi sono presenti in vari organi oltre che nel fegato perciò il loro aumento non sempre è legato a patologia epatica.

2) gamma gt, fosfatasi alcalina, bilirubina, sali biliari:sono indici di colestasi, per alterazione strutturale e biochimica della membrana canalicolare oppure ostruzione meccanica dell'albero biliare intra od extraepatica.

3)CHE, protrombina, complemento, colesterolo, albumina, ceruloplasmina, ferritina, 1antitripsina : indici di biosintesi ed attività metabolica, dipendono dalla massa epatica residua funzionante e dal flusso intraepatico.

4) HBsAg- HBeAg - Anti HBe - ANTI HBc (IgM ; IgG) Anti HBs -Anti HCV:Markers epatite virale B -C

5) anticorpi antimitocondrio , anti muscolo liscio :indici di patologia autoimmune ( cirrosi biliare primitiva ed epatopatia cronica autoimmune)

slide26

ESAMI

PATOLOGIE

ANTICORPI ANTI-MITOCONDRIO

Cirrosi Biliare Primitiva

ANTICORPI ANTIMUSCOLO-LISCIO - ANTINUCLEO - ANTICORPI ANTI -LKM (l iver kidney microsome)

Epatopatia Cronica Autoimmune

FERRITINA

Emocromatosi

CERULOPLASMINA - CUPREMIA

Cirrosi - M. Di Wilson

ALFA 1 ANTITRIPSINA

Cirrosi - Deficit di alfa-1-antitripsina

ALFAFETOPROTEINA (TITOLI ELEVATI)

Epatocarcinoma

PROTOPORFIRINE URINARIE

Porfirie

slide27

CUORE

Infarto miocardico acuto, Miocarditi, Pericarditi, Insuff.cardiaca, Aritmie, Post-intervento.

FEGATO

Epatiti virali A,B,C ECC. ,Citomegalovirus, Mononucleosi, Epatopatie da farmaci, Epatopatia alcoolica, Epatiti croniche, Colostasi, Cirrosi epatica, Carcinoma epatico, Metastasi epatiche, Malattia di Wilson, S.di Budd e Chiari, Avvelenamento da Amanita Falloide, Fegato da shock , Fegato sa stasi

MUSCOLO

Miositi, Distrofie muscolari, Trichinosi, Delirium tremens, Traumi muscolari, Interventi chirurgici

SANGUE (GOT)

Anemie emolitiche, Leucemie, (aumento di LDH)

CERVELLO

Infarto cerebrale (aumento di LDH

PANCREAS

Pancreatite acuta e cronica

MALATTIE SISTEMICHE

Vasculiti, Lupus ed altre collagenopatie

MALATTIE CHE DETERMINANO AUMENTO DELLE TRANSAMINASI

slide28

FEGATO

Epatopatie Alcoliche, Mts Epatiche, Colestasi , Intraepatica,Colestasi Extraepatica,Iatrogene, Fegato Da Stasi Epatiti, Cirrosi Bilare Primitiva

RENE

Neoplasie, Nefropatia Diabetica, Sindrome Nefrosica

PANCREAS

Carcinoma, Pancreatite Cronica

MALATTIE CHE DETERMINANO AUMENTO DELLE GAMMA GT

slide29

FEGATO

cirrosi biliare primitiva, colestasi extraepatica, epatite alcolica, epatite virale, cirrosi, colangite, colestasi iatrogena

OSSA

osteite, deformante, sarcoma osteogenico, iperparatiroidismo, mts ossee, rachitismo, paget, cushing

MALATTIE INFETTIVE

mononucleosi - CMV

GRAVIDANZA

SANGUE

plasmocitoma

RENE

neoplasie

MALATTIE CHE DETERMINANO AUMENTO DELLA FOSFATASI ALCALINA

slide30

FEGATO

epatite virale, necrosi epatica acuta, cirrosi, ascessi, stasi, mts

INFEZIONI

fase acuta

CUORE

ima

SANGUE

anemia

GRAVIDANZA

tossicosi

IATROGENA

trattam. con succinilcolina, intoss. da esteri fosforici

COLLAGENOPATIE

dermatomiosite

MALATTIE CHE DETERMINANO DIMINUZIONE DELLA PSEUDOCOLIESTERASI CHE

slide31

SCHEMA RIASSUNTIVO PER LE EPATOPATIE

AUMENTO

DIMINUZIONE

TRANSAMINASI

X

GAMMA GT

X

FOSFATASI ALCALINA

X

BILIRUBINA

X

SALI BILIARI

X

CHE

X

TEMPO DI QUICK

X

COMPLEMENTO

X

ALBUMINA

X

COLESTEROLO

X

X

SCHEMA RIASSUNTIVO PER LE EPATOPATIE