slide1
Download
Skip this Video
Download Presentation
COME COSTRUIRE UN PROGETTO ANNUALE E LE UNITA’ FORMATIVE E DIDATTICHE

Loading in 2 Seconds...

play fullscreen
1 / 17

COME COSTRUIRE UN PROGETTO ANNUALE E LE UNITA’ FORMATIVE E DIDATTICHE - PowerPoint PPT Presentation


  • 128 Views
  • Uploaded on

COME COSTRUIRE UN PROGETTO ANNUALE E LE UNITA’ FORMATIVE E DIDATTICHE. SCUOLA: AMBIENTE DI APPRENDIMENTO. Aspetti vincolanti. Contesto Scolastico: P.O.F. Aspetti di responsabilità professionale. Le grandi routines. Curricolo implicito. P.O.F. E CURRICOLO.

loader
I am the owner, or an agent authorized to act on behalf of the owner, of the copyrighted work described.
capcha
Download Presentation

PowerPoint Slideshow about 'COME COSTRUIRE UN PROGETTO ANNUALE E LE UNITA’ FORMATIVE E DIDATTICHE' - elroy


An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript
slide2
SCUOLA: AMBIENTE DI APPRENDIMENTO

Aspetti vincolanti

Contesto

Scolastico:

P.O.F.

Aspetti di responsabilitàprofessionale

Le grandi routines

Curricolo implicito

P.O.F. ECURRICOLO

I campi diesperienza – le discipline

Curricolo esplicito

slide3
Obiettivi specifici di Apprendimento Irc Scuola Infanzia

Conoscenze

abilità

OSA

Osservare il mondo che viene riconosciuto dai cristiani e da tanti uomini religiosi dono di Dio Creatore.

Scoprire la Persona di Gesù di Nazaret come viene presentata dai Vangeli e come viene celebrata nelle feste cristiane.

Individuare i luoghi di incontro della comunità cristiana e le espressioni del comandamento dell’amore testimoniato dalla Chiesa.

Il tema “Gesù”

Il tema “Dio”

Il tema “Chiesa”

Gesù è centro e punto focale della religione cristiana. Gli approcci privilegiati: i Vangeli, le grandi feste cristiane,le espressioni artistiche nelle varie forme – musica – poesia – espressioni dell’arte cristiana –

La comunità cristiana di famiglia e popolodi Dio nelle espressioni delle feste liturgiche e nei luoghi in cui si riunisce.

Per i bambini fare riferimento a Dio come il “Signore della vita” significa scoprire la dimensione “antropologica” della relazione uomo-Dio.

slide4
U.F. n. 1

U.F. n. 2

U.F. n. 3

U.F. n. 4

U.F. n. 5

LE STRATEGIEDIDATTICHE:

La centralità dell’alunno:Attività del bambino che realizza il passaggio dall’esperienza diretta, alla sua rappresentazione e simbolizzazione = umanizzazione

Le scelte strategiche sono finalizzate:

I contenuti culturali e della religionecattolica

ENTRO IL P.O.F.

  • allo sviluppo della personalità degli alunni nella dimensione religiosa;

I risultati attesi: realizzazione degli obiettivi indicati nei traguardi di sviluppo delle competenze

  • a promuovere la riflessione sulle loro esperienze;
  • a dare una peculiare risposta al bisogno di significato di cui essi sono portatori.
  • a stimolare gli insegnanti a riferirsi ai molteplici materiali e ad attingere alle fonti;

Il “titolo” di ogni UNITA’ FORMATIVA esprime sia gli aspetti di natura psicologica sia quelli di ordine epistemologico,

  • a far sì che gli alunni possano avere stimoli efficaci per la riflessione, il confronto, la narrazione, il dialogo, la elaborazione e la produzione, nell’ottica della maturazione delle loro competenze e della loro umanità.

Classe primaPrimo biennio classe seconda - classe terzaSecondo biennio classe quarta - classe quinta

Scuola Infanzia

Scuola Primaria

slide5
Obiettivi di apprendimento:

L’alunno:

-

-

Obiettivi Specifici di Apprendimento

Traguardi di sviluppo delle competenzeAttenzione al saper fare, saper essere, saper stare con, maturate attraverso esperienze specifiche e significative

Conoscenze/Abilità

Questi obiettivi sono istituzionalmente offerti e quindi vincolanti. Per l’Irc vedi OSA della CEI

La formulazione di questi obiettivi è di competenza dei docenti, con riferimento aitraguardi di sviluppo delle competenze.

Verifica conoscenze-abilità

L’insegnante pone attenzionealle domande di senso espresse dai bambini; si fa attento all’evoluzione delle situazioni quotidiane collegate agli apprendimenti specifici.

Modello di organizzazione di una Unità Formativa: “Titolo……….”

IDEATIVO

Percorso didattico

Incontro esperienza -

dati oggettivi

rappresentazione simbolica

e rielaborazione personale

Coinvolgimento esperienziale/emozionale

Rielaborazione/produzione.

DIDATTICO

Contenuti/fonti:

Collegamenti con altri ambiti interculturali ed interreligiosi

slide6
OSA

Obiettivi di apprendimento:

Il bambino:

Traguardi di sviluppo delle competenze

CONNESSIONI POSSIBILI

-

-

-

-

PERCORSO DIDATTICO

Approccio esperienziale

Attività

Evocazioni

Contenuti/fonti

Collegamenti con altri ambiti interculturali ed interreligiosi:

Prodotti dei bambini

Riflessione

Riespressione verbale, grafica, mimica ….

Produzioneverbale e musicale

Verifica’:

Osservazione/Valutazione/documentazione. Il singolo bambino:

UNITA’ FORMATIVA:“Titolo……………..”

Bambini ... livello

Livello ProgettualeScuola Infanzia

slide7
OSA 1° e 2° livello

Titoli Unità formative

1° Livello:

osserviamo il risveglio della natura

Scoprire la Persona di Gesù di Nazaret come viene presentata dai Vangeli e come viene celebrata nelle feste cristiane.

2° Livello:

Pasqua, la grande festa e gioia dei cristiani

slide8
Gli OSA: 0rganizzazione “tematica”

ScuolaPrimaria

La Chiesa

L’agire cristiano

Gesù Cristo Signore

Uomo e Dio

Le figure-simbolo dell’Antico e del Nuovo Testamento, la Bibbia, con particolare attenzione ai Vangeli…

La comunità cristiana con le immagini misteriche e ministeriali di famiglia e di popolo di Dio nelle espressioni delle feste liturgiche…

Bisogno di Dio insito nel cuore umano che si esprime nei segni-simboli delle religioni…

Preghiera, Parola di Dio, sacramenti, annuncio, testimonianza, carità, accoglienza, apertura verso il prossimo…

slide9
I testi CEI si ispirano ai seguenti criteri:

1. Sviluppo degli obiettivi specifici in U.F., i cui elementi si collegano al sapere religioso . I contenuti dei Nuclei vengono tematizzati attraverso titoli che esprimono correlazioni significative in ordine alla natura – cultura - vita (interculturalità – interdisciplinarità – convivenza civile);

2.attenzione alle esperienze degli alunni e fedeltà ai nuclei fondanti del dato cristiano;

3.attenzione alle attività di autovalutazione – valutazione, secondo la logica dello sviluppo delle competenze

slide10
Scuola Primaria - Classe 1°

Attraverso l’intervento della scuola debbono essere trasformati in obiettivi di apprendimento, nella prospettiva dello sviluppo delle competenze del primo ciclo di istruzione. Si trovano nelle tabelle allegate e vanno concepite come occasione per formulare le unità formative.

Obiettivi specifici di apprendi-mento Dlg 59/2004

Conoscenze- abilità

  • Scoprire nell’ambiente i segni che richiamano ai cristiani e a tanti credenti la presenza di Dio Creatore e Padre
  • Cogliere i segni cristiani del Natale e della Pasqua.
  • Descrivere l'ambiente di vita di Gesù nei suoi aspetti quotidiani, familiari, sociali e religiosi.
  • Rinoscere la Chiesa come famiglia di Dio che fa memoria di Gesù e del suo messaggio.

Dio Creatore e Padre di tutti gli uomini.

Obiettivi specifici di apprendi-mento propri dell’insegnamento della Religione Cattolica.

Gesù di Nazaret, l’Emmanuele, il “Dio con noi”.

La Chiesa, comunità dei cristiani aperta a tutti i popoli.

slide11
Scuola Primaria - 1° biennio Classe 2° e 3°

Conoscenze- abilità

  • Comprendere, attraverso i racconti biblici delle origini, che il mondo è opera di Dio, affidato alla responsabilità dell’upmp.
  • Ricostruire le principali tappe della storia della salvezza, anche attraverso figure significative.
  • Cogliere, attraverso alcune pagine evangeliche, come Gesù viene incontro alle attese di perdono e di pace, di giustizia e di vita eterna.
  • Identificare tra le espressioni delle religioni la preghiera e, nel "Padre Nostro", la specificità della preghiera cristiana.
  • Rilevare la continuità e la novità della Pasqua cristiana rispetto alla Pasqua ebraica.
  • Cogliere, attraverso alcune pagine degli "Atti degli Apostoli", la vita della Chiesa delle origini.
  • Riconoscere nella fede e nei sacramenti di iniziazione (battesimo-confermazione-eucaristia) gli elementi che costituiscono la comunità cristiana.

L’'origine del mondo e dell'uomo nel cristianesimo e nelle altre religioni.

Gesù, il Messia, compimento delle promesse di Dio.

OSA

della

Religione

Cattolica

La preghiera, espressione di religiosità.

La festa della Pasqua.

La Chiesa, il suo credo e la sua missione.

slide12
Scuola Primaria - 2° biennio Classe 4° e 5°
  •   Leggere e interpretare i principali segni religiosi espressi dai diversi popoli.
  • Evidenziare la risposta della Bibbia alle domande di senso dell'uomo e confrontarla con quella delle principali religioni.
  • Cogliere nella vita e negli insegnamenti di Gesù proposte di scelte responsabili per un personale progetto di vita.
  •    Riconoscere nei santi e nei martiri, di ieri e di oggi, progetti riusciti di vita cristiana.
  •   Evidenziare l'apporto che, con la diffusione del Vangelo, la Chiesa ha dato alla società e alla vita di ogni persona.
  • Identificare nei segni espressi dalla Chiesa l'azione dello Spirito di Dio, che la costruisce una e inviata a tutta l'umanità.
  • Individuare significative espressioni d'arte cristiana, per rilevare come la fede è stata interpretata dagli artisti nel corso dei secoli.
  •   Rendersi conto che nella comunità ecclesiale c'è una varietà di doni, che si manifesta in diverse vocazioni e ministeri.
  • Riconoscere in alcuni testi biblici la figura di Maria, presente nella vita del Figlio Gesù e in quella della Chiesa.

Conoscenze- abilità

   Il cristianesimo e le grandi religioni: origine e sviluppo.

La Bibbia e i testi sacri delle grandi religioni.

OSA

della

Religione

Cattolica

Gesù, il Signore, che rivela il Regno di Dio con parole e azioni.

I segni e i simboli del cristianesimo, anche nell'arte.

La Chiesa popolo di Dio nel mondo: avvenimenti, persone e strutture.

slide13
OSA classe prima:

ConoscenzeGesù di Nazaret, l’“Emmanuele”, il “Dio con noi”.

Abilità Cogliere i segni cristiani della festa della Pasqua

OSA classe seconda:

ConoscenzeGesù, il Messia, compimento delle promesse di Cristo.

La festa della Pasqua

Abilità Cogliere, attraverso alcune pagine evangeliche, come Gesù viene incontro alle attese di perdono e di pace, di giustizia e di vita eterna.

OSA classe terza:

Abilità Ricostruire le principali tappe della storia della salvezza, anche attraverso figure significative.

Rilevare la continuità e la novità della Pasqua cristiana rispetto alla Pasqua ebraica.

ConoscenzeLa festa della Pasqua

slide14
OSA classe quarta:

Abilità Individuare significative forme d’arte cristiana, per rilevare come la fede è stata interpretata dagli artisti nel corso dei secoli.

ConoscenzeI segni e i simboli del cristianesimo anche nell’arte.

OSA classe quinta:

ConoscenzeGesù, il Signore, che rivela il Regno di Dio con parole ed azioni

Abilità Cogliere nella vita e negli insegnamenti di Gesù proposte di scelte responsabili per un personale progetto di vita

slide15
UNITA’ FORMATIVA:“Titolo……………..”

Livello ProgettualeScuola Primaria

Classe

OSA:

Traguardi di sviluppo delle competenze

Conoscenze

Abilità

Percorso didattico:

slide16
ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO DI GRUPPOScuola dell’Infanzia

Facciamo il punto per evidenziare le nostre consapevolezze e/o difficoltà in ordine alla costruzione di una UNITA’ FORMATIVA e dei suoi elementi costitutivi;

scegliamo la “scuola”, la sezione ed il gruppo alunni – età – livelli - per i quali intendiamo organizzare l’U.F.;

organizziamo, con l’ausilio del “modello”, l’UF sulla Pasqua cristiana, sia nel livello ideativo-progettuale, sia nel livello didattico.

slide17
ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO DI GRUPPOScuola Primaria

Facciamo il punto per evidenziare le nostre consapevolezze e/o difficoltà in ordine alla costruzione di una UNITA’ FORMATIVA e dei suoi elementi costitutivi;

scegliamo la “classe”, od il gruppo alunni per i quali intendiamo organizzare l’U.F.;

organizziamo, con l’ausilio del “modello”, l’UF sulla Pasqua cristiana, sia nel livello ideativo-progettuale, sia nel livello didattico.

ad