p o f piano dell offerta formativa l.
Download
Skip this Video
Loading SlideShow in 5 Seconds..
P. O. F. PIANO DELL’OFFERTA FORMATIVA PowerPoint Presentation
Download Presentation
P. O. F. PIANO DELL’OFFERTA FORMATIVA

Loading in 2 Seconds...

play fullscreen
1 / 9

P. O. F. PIANO DELL’OFFERTA FORMATIVA - PowerPoint PPT Presentation


  • 169 Views
  • Uploaded on

P. O. F. PIANO DELL’OFFERTA FORMATIVA. INSIEME PER CRESCERE…. ORGANIGRAMMA D’ISTITUTO. Consiglio d’istituto. Collegio docenti. Funzioni Obiettivo - Collaboratori. Dirigente scolastico. Consigli d’interclasse. Gruppi di lavoro e progettazione. Assemblea A.T.A. PREMESSA.

loader
I am the owner, or an agent authorized to act on behalf of the owner, of the copyrighted work described.
capcha
Download Presentation

PowerPoint Slideshow about 'P. O. F. PIANO DELL’OFFERTA FORMATIVA' - Gabriel


Download Now An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript
organigramma d istituto
ORGANIGRAMMA D’ISTITUTO

Consiglio d’istituto

Collegio docenti

Funzioni Obiettivo - Collaboratori

Dirigente scolastico

Consigli d’interclasse

Gruppi di lavoro e progettazione

Assemblea A.T.A.

premessa
PREMESSA

Il piano dell’offerta formativa (P.O.F.) è il documento fondamentale costitutivo dell’identità progettuale delle singole istituzioni. Esso esplicita la progettazione curriculare, extracurriculare, educativa ed organizzativa adottata nell’ambito dell’autonomia delle istituzioni scolastiche.

L’identità culturale e progettuale della scuola è costruita su alcuni principi di base che regolano l’attività educativa e didattica correlati alee richieste della società attuale e a quella del territorio in cui la scuola è chiamata ad operare.

principi di base
PRINCIPI DI BASE

CONSAPEVOLEZZA

CORRESPONSABILITA’

TRASPARENZA

IDENTITA’

ACCOGLIENZA

FLESSIBILITA’

INTEGRAZIONE

VALORIZZAZIONE DEL CURRICOLO SCOLASTICO DELL’ALUNNO ATTRAVERSO LO SVILUPPO ED IL RECUPERO

VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE PROFESSIONALI E STRUTTURALI

CONTINUITA’

INDIVIDUALIZZAZIONE DELLE PROPOSTE RISPETTO AI BISOGNI

DIVERSIFICAZIONE DELL’OFFERTA FORMATIVA

APPROCCI LABORATORIALI

analisi della societa
BISOGNI FORMATIVI EMERGENTI

Capacità di problematizzare, valutare,scegliere e decidere.

Capacità di considerare la diversità come risorsa

Capacità di individuarlo,di gestirlo e di orientarlo

Conoscere i nuovi linguaggi informatici e usare nuove tecnologie.

Riconoscere la necessità di darsi regole, applicarle, di considerare la “norma” elemento indispensabile alla vita associativa.

CARATTERISTICHE DELLA SOCIETA’

Complessità derivante dalla presenza contemporanea di culture,valori e comportamenti a volte in contrapposizione

Multiculturalità

Cambiamento iperaccellerato

Informatizzazione

Scarso rispetto della legge e del vivere civile

ANALISI DELLA SOCIETA’
slide6
Scarsa attenzione al processo educativo;

Presenza formale;

Fattiva collaborazione e significativa presenza;

Atteggiamento di chiusura di fronte ai problemi;

Senso di inadeguatezza rispetto agli impegni educativi;

Delega ad istituzioni private il compito di seguire i figli in orario extrascolastico;

Aspettative non sempre rispondenti alle reali capacità dei figli.

Maturare la consapevolezza dellanecessità di partecipa-re attivamente alla vita della scuola condividendone il progetto formativo;

Assumere la responsabilità rispetto al contratto forma-tivo tra la scuola , la fami-glia, l’alunno;

Prendere coscienza che la famiglia, punto di riferimen- to insostituibile, dovrebbe adottare una linea educativa ferma e coerente;

Concordare modalità educa- tive comuni scuooa-famiglia

FAMIGLIE BISOGNI (variabilinella partecipazione alla vita della scuola)

alunni bisogni
Popolazione scolastica costituita anche da bambini nomadi, di diversa etnia e da bambini portatori di handicap;

Scarsa o modesta autostima nelle possibilità di raggiungere obiettivi dati;

Scarso rispetto delle “regole”;

Affievolimento del senso del dovere scolastico, inteso come assunzione di impegno e di responsabilità;

Dipendenza dai modelli di consumo imposti dalla pubblicità e dai miti creati dai mass-media.

Promuovere i processi di integrazione, di accoglienza e di compensazione – recu- pero degli svantaggi;

Favorire l’incontro tra culture diverse;

Combattere la dispersione scolastica;

Creare un ambiente coinvolgente per l’acquisizione della sicurezza emotiva e di valori quali la convivenza democratica e il rispetto delle regole;

Sviluppare la capacità di comprendere costruire,criticare argomentazioni e discorsi,per dare significato alle proprie esperienze.

ALUNNI BISOGNI
slide8

OBIETTIVI FORMATIVI

AREA SOCIO-AFFETTIVA

AREA CORPOREA

AREA SOCIO-AFFETTIVA

AREA COGNITIVA

OBIETTIVI FORMATIVI

AREA COGNITIVA

  • Sviluppare la formazione integrale della personalità, valorizzandole attitudini di ciascuno;
  • Promuovere la continuità orizzontale e verticale del processo formativo, nell’interazione con la famiglia, con altri ordini di scuola e con le agenzie educative presenti sul territorio;
  • Favorire condizioni educative per valorizzare le diversità ed evitare forme di emarginazione;
  • Promuovere l’interculturalità all’insegna del rispetto e della cooperazione internazionale;
  • Incentivare la conquista del senso di responsabilità, dell’autonomia di giudizio, di scelte, di assunzioni di impegni;
  • Sviluppare il senso della legalità.
  • Promuovere l’inserimento nel mondo delle relazioni interpersonali;
  • Educare al rispetto delle regole della vita associata;
  • Far acquisire la capacità di integrazione sociale sul territorio;
  • Favorire processi di autostima,di autocontrollo e di autonomia;
  • Stimolare la motivazione all’apprendimento.
  • Consolidare le abilità sensoriali, percettive, motorie, cognitive e linguistiche;
  • Promuovere e realizzare la prima alfabetizzazione culturale;
  • Promuovere operazioni mentali di vario tipo, quali quelle di simbolizzazione, classificazione, partizione, seriazione, quantificazione, generalizzazione, astrazione…
  • Favorire la formazione del pensiero negli aspetti di intuizione,immaginazione, progettazione, ipotesi e deduzione, controllo;
  • Sviluppare il potenziale comunicativo ed espressivo;
  • Far acquisire i linguaggi specifici delle discipline.

AREA CORPOREA

  • Far prendere coscienza della propria entità corporea come espressione della personalità e come condizione comunicativa;
  • Favorire lo sviluppo delle funzioni senso percettivi;
  • Sviluppare le caratteristiche morfologiche-biologiche e funzionali del corpo e la motricità in senso globale ed analitico;
  • Promuovere la consapevolezza dei problemi della salute, dell’igienepersonale, del rispetto dell’ambiente naturale.
composizione del circolo

SCUOLA MATERNA

SCUOLA ELEMENTARE

XXX

XXX

XXX

XXX

Alunni n°207

Sez. n°8

Docenti n°16

Bidelli n°5

Alunni n°144

Sez. n°6

Docenti n°11

Bidelli n°4

Alunni n°725

Classi n°22

Docenti n°57

Bidelli n°12

Alunni n°216

Classi n°10

Docenti n°18

Bidelli n°3

COMPOSIZIONE DEL CIRCOLO

… CIRCOLO DIDATTICO