la tortura giudiziaria nell et del diritto comune n.
Download
Skip this Video
Loading SlideShow in 5 Seconds..
La tortura giudiziaria nell’età del diritto comune PowerPoint Presentation
Download Presentation
La tortura giudiziaria nell’età del diritto comune

Loading in 2 Seconds...

play fullscreen
1 / 28

La tortura giudiziaria nell’età del diritto comune - PowerPoint PPT Presentation


  • 250 Views
  • Uploaded on

La tortura giudiziaria nell’età del diritto comune. Intervento del 14 febbraio 2010 Per il corso di Storia del diritto processuale e degli ordinamenti giudiziari Prof. Paolo Alvazzi del Frate. Struttura dell’intervento. La definizione di “tortura giudiziaria”

loader
I am the owner, or an agent authorized to act on behalf of the owner, of the copyrighted work described.
capcha
Download Presentation

PowerPoint Slideshow about 'La tortura giudiziaria nell’età del diritto comune' - xylia


An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript
la tortura giudiziaria nell et del diritto comune

La tortura giudiziarianell’età del diritto comune

Intervento del 14 febbraio 2010

Per il corso di

Storia del diritto processuale e degli ordinamenti giudiziari

Prof. Paolo Alvazzi del Frate

struttura dell intervento
Struttura dell’intervento
  • La definizione di “tortura giudiziaria”
  • La Quaestio tra Veritas e Inquisitio
  • I “modi” della tortura giudiziaria
  • Finto garantismo e dissimulazione onesta
  • La lotta illuministica per l’abolizione della tortura
  • La tortura giudiziaria e il terrorismo internazionale: provocazione e dibattito
testi pi importanti sull argomento
Testi più importanti sull’argomento
  • Cesare Cantù, Beccaria e il diritto penale, ed. G. Barbera, Firenze, 1862.
  • AdhémarEsmein, Histoire de la procédure criminelle en France et spécialmente de la procédure inquisitoire, depuis le XIIIe siècle jusqu’à nosjours, ed. L. LaroseetForcel, Paris, 1882, pagg. 93 ss.;
  • Antonio Pertile, Storia del diritto italiano dalla caduta dell’Impero romano alla codificazione, seconda edizione riveduta e migliorata, ed. Utet, Torino, 1892, vol. VI, parte I, pagg. 427 ss.;
  • Piero Fiorelli, La tortura giudiziaria nel diritto comune, 2 Voll., ed. Giuffrè, Varese, 1953;
  • Alec Mellor, La torture. Son histoire, son abolition, saréapparition au XX ͤ siècle, ed. Maison Mame, Paris, 1961;
  • Franco Cordero,Criminalia. Nascita dei sistemi penali, ed. Laterza, Roma-Bari, 1985;
  • Italo Mereu,Storia dell’intolleranza in Europa. Sospettare e punire: l’Inquisizione come modello di violenza legale, seconda edizione, ed. Bompiani, 1988;
  • Mario Sbriccoli, Tormentumidesttorquerementem. Processo inquisitorio e interrogatorio per tortura nell’Italia comunale, in La parola all’accusato, a cura di J.-C.MaireVigueure C. Paravicini Bagliani, Palermo, 1991, pagg. 17 ss.;
  • Alessandra Giannellie Maria Pia Paternò (a cura di), Tortura di Stato: le ferite della democrazia, ed. Carocci, Roma, 2004
  • John H. Langbein,Tortureand the LawofProof. Europe and England in the Ancient Règime, III edizione, ed. Universityof Chicago Press, Chicago, 2006.
i tipi di tortura
I “tipi” di tortura
  • Tortura fisica
  • Tortura psicologica

______________________________________________

  • Tortura-mezzo (tortura finalizzata ad ottenere qualcosa dal torturato: un comportamento, un’informazione);
  • Tortura-fine (tortura finalizzata a sé stessa come punizione o come mero atto di violenza).
1 la definizione di tortura giudiziaria
1. La definizione di tortura giudiziaria
  • “Qualsiasi procedimento giudiziario con cui si cerchi d’estorcere all’imputato o ad altro soggetto processuale, piegandone con forza o con artificio la contraria volontà, una confessione o altra dichiarazione utile all’accertamento di fatti non altrimenti accertati, al fine ultimo di definire il giudizio fondando la sentenza sulla verità così ottenuta, qualsiasi procedimento che abbia questo contenuto e questo fine rientrava, o diciamo rientra, nel concetto di tortura giudiziaria” (Piero Fiorelli, La tortura giudiziaria, cit., pag. 5.).
i caratteri distintivi della tortura giudiziaria
I caratteri distintivi della tortura giudiziaria
  • Giudiziarietà (l’essere strumentale rispetto alla decisione giudiziaria);
  • Legalità (l’essere consentita da una norma giuridica);
  • Istituzionalità-autoritatività (l’essere praticata dai rappresentanti di quelle istituzioni che in un dato ordinamento dispongono del relativo indispensabile potere autoritativo).
tortura giudiziaria vs tortura pena
Tortura Giudiziaria VS Tortura-Pena
  • Mentre nella tortura giudiziaria la “giudiziarietà” è una qualificazione della “tortura”, nella tortura-pena è l’essere “tortura” che rappresenta una specificazione della “pena”;
  • la tortura-pena, contrariamente a quella giudiziaria (che è tortura-mezzo),rientra senz’altro tra i tipi della tortura-fine;
  • contrariamente alla tortura giudiziaria, la tortura-pena si svolge non all’interno di un processo, bensì successivamente e, anzi, proprio a cagione di questo.
2 la quaestio tra veritas e inquisitio
2. La Quaestio tra Veritas e Inquisitio
  • Per Azzone l’Inquisizione è “Inquisitioveritatis per tormenta”;
  • Per Ulpiano “quaestionemsic accipimus non tormenta tantum, sedomneminquisitionem”.

La tortura ad eruendamveritatem

  • ‘Quaestionem’ intelligeredebemus tormenta etcorporisdolorem ad eruendamveritatem(Ulpiano);
  • Inquisitioquaefit ad eruendamveritatem per tormenta etcorporisdolorem(Anonimo autore del Tractatus de tormentis).
veritas vs verit processuale
Veritas VS Verità processuale
  • Per Veritas si intende la presunta coincidenza assoluta tra la verità dei fatti e quella ricostruita nell’ambito di un procedimento giudiziario;
  • Per Verità processuale si intende la presa di coscienza che la verità dei fatti è inconoscibile dal giudice terzo, il quale non potrà, dunque, che ricostruire una “verità” il più possibile attendibile e veridica sulla base degli elementi da lui raccolti.

Altri esempi di Verità:

  • Il caso della creazione dell’uomo:
    • Verità di fede (creazionismo)
    • Verità scientifica (darwinismo)
    • Verità storica (inconoscibile)
verit e tortura nell inquisizione
Verità e tortura nell’Inquisizione
  • «Ci vuol poco a immaginare cosa avverrebbe se quale premessa della decisione pretendessimo niente di meno che la verità: un’ossessione del genere conduce alla tortura» F. Cordero, Procedura Penale, VII edizone, cit., pagg. 18 e 19;
  • «L’Inquisizione si risolve in una partita a due fra il giudice e l’imputato, inteso come il depositario di una verità da spremere. Il postulato arbitrario è che, dati gli indizi, il resto si possa ottenere con i tormenti» (Ibidem);
  • “La veritas sta nella tortura, ne è elemento ineliminabile perché non c’è altro tipo di verità che il tormento possa estrapolare. E la veritas presuppone una “inquisizione”, poiché quest’ultima è la sola in grado di creare la prima”.
3 i modi della tortura giudiziaria
3. I “modi” della tortura giudiziaria
  • Quando si parla di “modi” di tortura non s’intendono le “pratiche”, ovverosia le “tecniche” di tortura, bensì le modalità processuali con le quali la tortura giudiziaria viene somministrata all’interno del processo.
le tecniche di tortura
Le tecniche di tortura
  • “Varie e molte erano le specie di tormenti praticate nei diversi paesi, le une più dolorose delle altre. V’era la morsa di ferro cioè due lamine con prominenze, tra le quali con una vite si chiudevano i pollici; gli stivaletti o lo stivale spagnuolo, ed era un simile congegno con cui si stringeva la parte inferiore delle gambe; l’allacciatura, che, giunte insieme le mani dell’inquisito, faceasi coll’attorcigliargli una funicella ben serrata intorno ai polsi od anche alle avambraccia; l’eculeo o cavalletto, specie di scala od altro strumento elevato nel mezzo, e quindi d’ogni parte a piano inclinato, sul quale si distingueva l’inquisito, legandone in alto le braccia, per istirargli le membra con una corda avvinta a piedi e che s’avvolgeva su per un rullo. (continua…)
segue
(…segue)
  • Simile a questo era il supplizio della colla o corda, di tutti il più comune, e consisteva nel legare all’infelice le mani dietro la schiena con una fune che passava per una carrucola infissa nel soffitto, e dall’altro capo era raccomandata ad un cilindro, intorno a cui annaspandola, si sospendeva in aria il torturato, che si lasciava cader giù precipitosamente, dandogli in questa maniera quelli che si dicevano tratti, scosse o saccate, le quali si potevano ripetere per ben tre volte, in un solo esperimento, a distanza di dieci o quindici minuti. Per rendere il tormento ancora più grave si attaccavano ai piedi dell’imputato pesanti ferri, ciò che ritenevasi il massimo dei supplizi, ovvero gli si gittavano giù pel dorso secchie d’acqua fredda [questa variante era chiamata anche “dello Squassamento”]. (continua…)
segue1
(…segue)
  • Si contava ancora la stanghella; la veglia, che consisteva nel tenere per quaranta or l’inquisito sopra uno scanno o in piedi con due persone al fianco, le quali non lo lasciassero mai chiudere gli occhi al sonno; il conficcare stecchi appuntiti sotto le unghie; la scottatura versando zolfo o pece o lardo bollente sul corpo dell’Inquisito, oppure tenendogli la fiamma di parecchie candele o un bacino di brace sotto i piedi, sotto le ascelle o altrove; le quali scottature si adoperavano anche semplicemente per aggravare il tormento della corda o del cavalletto. Oltre i suddetti ed altri generi di supplizi ammessi dalle diverse leggi, v’erano quelli arbitrari che inventava il capriccio dei giudici e dei carnefici”. (A. Pertile, op. cit., vol. VI, parte I, pagg. 436 – 438).
i modi di tortura
I modi di tortura
  • Tortura ai Rei e tortura ai Testimoni;
  • Tortura In caput proprium e in caput alieno;
  • Tortura individuale e confronto tra i tormenti;
  • Tortura Sopra il fatto, Tortura sopra le Intenzioni e Tortura sopra i Complici;
modi speciali di tortura
Modi speciali di tortura
  • Tortura con riserva di prova;
  • Torture préalable;
  • Tortura per costringere il Reo a firmare la deposizione estorta;
  • Tortura ut purgaret infamiam.
il momento processuale della tortura
Il momento processuale della tortura
  • Interrogatorio semplice e Rigoroso esame;
  • Terrizione verbale e Terrizione reale:
  • «Alla tortura, che si dà al Reo, non deve esser presente l’Avvocato, ma solamente i Giudici, ed i Notari, dovendosi essa dare in segreto» [segretezza] (Eliseo Masini, Sacro Arsenale, ed. S. Michele a Ripa, Roma, MDCCXXX, pag. 451, Avv. CCXCVII);
  • «procureranno i Giudici, che il Notaro scriva non solamente tutte le risposte del Reo, ma anco tutti i ragionamenti, e moti, che farà, e tutte le parole, ch’egli proferirà ne’ tormenti, anzi tutti i sospiri, tutte le grida, tutti i lamenti, e le lagrime che manderà» [scrittura] (Ivi, pag. 265).
  • Deposizione parziale, deposizione definitiva e deposizione assolutoria;
  • Ratifica della confessione;
regole generali per praticare i tormenti
Regole generali per praticare i tormenti
  • Si può torturare solo in presenza di Indizi idonei (IndiciaLegitima);
  • La tortura deve durare il “tempo necessario” e dev’essere citra membri diminutionemetmortispericulum;
  • Non si possono torturare: i dottori; le persone costituite in dignità; i soldati delle milizie nazionali; i nobili; i decrepiti;
  • Ai fanciulli può essere data solo la tortura delle verghe. Alla donne incinte si può dare tortura solo se ciò non porta diminuzione al bambino.
4 finto garantismo e dissimulazione onesta
4. Finto Garantismo e dissimulazione onesta
  • “Finto Garantismo” è una espressione coniata da Franco Cordero (La fabbrica della peste) per identificare il modo con cui nella legislazione criminale di diritto comune, in ispecie con riguardo all’istituto della tortura giudiziaria, venivano previste, a livello formale, delle “garanzie” a tutela degli interrogati, fossero essi Rei sospetti, Rei accusati o semplici testimoni, le quali, tuttavia, non producevano alcun effetto sul piano sostanziale, traducendosi, dunque, in “finte garanzie” o, come pure le chiama l’Autore, paperrules.
segue2
(…segue)
  • Esempi di finto garantismo:
    • Chi stabilisce quali siano da considerarsi Indizi?
    • Chi stabilisce quando gli Indizi sono Idonei?
    • Chi stabilisce qual è il “tempo necessario”?
    • Chi stabilisce quando una tortura è stata “citra membri diminutionem”?
il dissimulare onesto segue
Il dissimulare onesto (…segue)
  • Espressione creata da Torquato Accetto e applicata da Italo Mereu in ambito giudiziario;
  • la dissimulazione «non è altro […] che un velo composto di tenebre oneste e di rispetti violenti da che non si forma il falso ma si dà qualche riposo al vero, per dimostrarlo a tempo; e come la natura ha voluto che nell’ordine dell’universo sia il giorno e la notte, così conviene che nel giro dell’opere umane sia la luce e le tenebre, dico il procedere manifesto o nascosto, ch’è regola della vita e degli accidenti che in quella occorrono» (Torquato Accetto, Della dissimulazione onesta, 1641).
segue3
(…segue)
  • Esempi:
    • Il Reo- accusato: «Perchè designare con un appellativo così squalificante» come “Reo” «chi ancora non è altro che un imputato, e solo dopo la condanna potrà essere chiamato con l’appellativo di reo? Il presupposto (taciuto) è quello che qualunque persona sia sottoposta a tortura, per l’Inquisitore è già un reo che bisogna solo far confessare» (I. Mereu, cit., pag. 212).
    • Tortura=rigoroso esame: « c’è una sapienza psicologica non comune nell’uso di questa espressione che identifica la tortura con un esame e questo con la tortura. Alla base di entrambe c’è la violenza, che tutto altera e distorce; quella fisica e quella psicologica, la territio e il dolore sofferto, che vengono unite in una immagine in cui il rapporto non è più tra uomo e uomo, ma tra uno che può tutto e un altro che deve solo subire. Rigoroso esame, detto di questi stati di sopraffazione esistenziale, è la “dissimulazione” più “onesta” e, in fondo, più vera» (Ivi, pagg. 211 – 213)
5 la lotta illuministica per l abolizione della tortura
5. La lotta illuministica per l’abolizione della tortura
  • 1764: Cesare Beccaria pubblica (anche) le idee del circolo illuministico “Il Caffè” sulla tortura giudiziaria in un libro dal titolo Dei delitti e delle pene;
  • 1804: viene pubblicata postuma l’opera di Pietro Verri, scritta tra il 1770 il 1776, Osservazioni sulla tortura e sulla peste che devastò Milano nell’anno 1630.
le principali tesi di verri e beccaria
Le principali tesi di Verri e Beccaria
  • Uno stesso uomo non può essere costretto a farsi accusatore di sé stesso. Ciò è innaturale;
  • È illogico pensare che la verità risieda tra le slogature delle ossa; questo è il modo migliore di assolvere i robusti scellerati e di condannare i deboli innocenti;
  • È inutile usare la tortura: o il delitto è certo o incerto; se certo, non gli conviene altra pena che la stabilita dalle leggi, ed inutili sono i tormenti, perché inutile è la confessione del reo; se è incerto, allora non si deve tormentare un innocente, perché tale è secondo le leggi un uomo i di cui delitti non sono provati.
la tesi di langbein
La tesi di Langbein
  • L’abolizione della tortura è stata «both a juristic and a politicalevent» (J. Langbein, op. cit., pagg. 64 ss.).
  • Da un punto di vista giuridico, a nulla sarebbero servite le tesi degli illuministi se non si fosse (involontariamente) scardinato il sistema delle prove legali con istituti, quali la poena extraordinaria, che appartengono al diverso sistema del libero apprezzamento del giudicee hanno dimostrato l’ultroneità della tortura giudiziaria.
l abolizione della tortura
L’abolizione della tortura
  • Quattro fasi:
    • Il primo Paese ad abolire la tortura giudiziara in ogni sua forma è la Prussia, nel 1740, per opera di Federico II appena salito al trono, «imbevuto» del pensiero illuminista. Seguirono il Baden, nel 1767; il Mecklemburg, nel 1769; la Sassonia, nel 1770; la Svezia, nel 1772; la Toscana, nel 1776 e, formalmente, nel 1786 da Leopoldo I.
    • Maria Teresa d’Austria abolì la tortura in tutti i suoi Dominj (con un Decreto del 2 gennaio 1776 ), ma il Senato milanese, che tra i suoi dominj pure rientrava ma che aveva mantenuto una certa autonomia, si rifiutò (con una consulta scritta da Gabriele Verri, padre di Pietro) di estendere alla sua giurisdizione il divieto di tortura.
segue4
(…segue)
  • Dopo l’abolizione in Austria, l’Europa fu travolta da una sorta di effetto-domino. Così la tortura giudiziaria fu abolita: in Francia, nel 1788; a Venezia, nel 1787; in Lombardia, nel 1789; in Piemonte, nel 1798; nel 1807 in Baviera; nel 1809 nel Würtenberg; nel 1812 in Sicilia; nel 1818 nell’Hannover; nel 1821 in Sardegna.
  • In fine fu la volta dello Stato Pontificio, il quale, dopo aver abolito una prima volta la tortura giudiziaria nel 1798, per opera dei francesi, la istituì nuovamente non appena cadde la Repubblica Romana e tornò il governo pontificio.
la tortura giudiziaria e il terrorismo internazionale provocazione e dibattito
La tortura giudiziaria e il terrorismo internazionale: provocazione e dibattito
  • Il caso della tickingbomb: se si è in presenza di un uomo che si sa essere un terrorista, e si sa che quest’uomo è a conoscenza delle informazioni necessarie a sventare un prossimo attentato terroristico nel quale morirebbero migliaia di persone, perché mai lo stato non dovrebbe torturarlo? ( Cfr A. MortonDershowitz, Terrorismo, pag. 136)