Download
istituto statale istruzione secondaria ii grado m immacolata san giovanni rotondo fg n.
Skip this Video
Loading SlideShow in 5 Seconds..
ISTITUTO STATALE ISTRUZIONE SECONDARIA II GRADO “M. IMMACOLATA” San Giovanni Rotondo (FG) PowerPoint Presentation
Download Presentation
ISTITUTO STATALE ISTRUZIONE SECONDARIA II GRADO “M. IMMACOLATA” San Giovanni Rotondo (FG)

ISTITUTO STATALE ISTRUZIONE SECONDARIA II GRADO “M. IMMACOLATA” San Giovanni Rotondo (FG)

119 Views Download Presentation
Download Presentation

ISTITUTO STATALE ISTRUZIONE SECONDARIA II GRADO “M. IMMACOLATA” San Giovanni Rotondo (FG)

- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript

  1. ISTITUTO STATALE ISTRUZIONE SECONDARIA II GRADO “M. IMMACOLATA”San Giovanni Rotondo (FG) offerta formativa anno scolastico 2005-2006 Dirigente Scolastico: Prof. Paolo Gentile

  2. Dal passato al presente • Nasce nel 1938 come Istituto Magistrale Associato, poi legalmente riconosciuto; • Dal 1949/50 al 1952/53 è sezione staccata del Magistrale Poerio di Foggia e riceve l’autonomia a partire dall’anno scolastico 1953/54; • Nel 1988 parte la minisperimentazione P.N.I.; • Nel 1993 viene attivato il Liceo Linguistico Sperimentale “Brocca”; • Nel 1998 viene attivato il Liceo Socio–Psico– Pedagogico e il liceo delle Scienze Sociali; • Nel 1999 viene attivato il Liceo Scientifico Tecnologico; • Nel 2002/03 vengono autorizzati progetti con finanziamenti della Comunità Europea e vengono cofianaziati dal Fondo Sociale Europeo e dal Fondo Europeo per lo sviluppo Regionale progetti finalizzati all’acquisto di strumentazioni all’avanguardia nei laboratori di fisica e chimica e di stazioni multimediali mobili, nonché al cablaggio d’Istituto.

  3. CONTINUITÀ ORIENTATIVA E METODOLOGICA

  4. LE SCELTE POSSIBILI • INDIRIZZO LINGUISTICO • INDIRIZZO SOCIO – PSICO- PEDAGOGICO • INDIRIZZO DELLE SCIENZE SOCIALI • INDIRIZZO SCIENTIFICO TECNOLOGICO

  5. Indirizzo linguistico: caratteristiche • Durata del corso: 5 anni • Struttura: biennio + triennio • Titolo conseguibile: Diploma ad indirizzo linguistico che consente l’iscrizione a qualsiasi facoltà universitaria Corrispondenza (art. 4 D.P.R. 31.5.74 n. 419): Licenza Linguistica • Consente di inserire i giovani nel mercato del lavoro dell’Europa unita • Prepara i giovani alla prosecuzione degli studi in tutte le facoltà universitarie • Consente anche l’immediata spendibilità del titolo nel mondo del lavoro • La prima e la seconda lingua hanno uno sviluppo quinquennale; la terza ha uno sviluppo triennale.

  6. indirizzi Indirizzo linguistico: quadro orario (*) n° 1 ora settimanale di conversazione in lingua straniera

  7. Indirizzo socio–psico-pedagogico: caratteristiche • Durata del corso: 5 anni • Struttura: biennio + triennio • Titolo conseguibile: Diploma ad indirizzo Socio-Psico-Pedagogico che consente l’iscrizione a qualsiasi facoltà universitaria. Corrispondenza (art. 4 D.P.R. 31.5.74 n. 419): Maturità Magistrale equiparata ai diplomi di maturità dei cosi quinquennali • Offre basi culturali e strumenti di orientamento per la prosecuzione degli studi a livello universitario, con particolare riguardo a quelli di preparazione alla professione docente e per la costruzione di una professionalità di base per attività rivolte al sociale.

  8. indirizzi Indirizzo Socio-Psico-Pedagogico: quadro orario

  9. Indirizzo delle Scienze Sociali: caratteristiche • Durata del corso: 5 anni • Struttura: biennio + triennio • Titolo conseguibile: Diploma ad indirizzo Scienze Sociali che consente l’iscrizione a qualsiasi facoltà universitaria. Corrispondenza (art. 4 D.P.R. 31.5.74 n. 419): Maturità Magistrale equiparata ai diplomi di maturità dei cosi quinquennali • Il curricolo formativo del liceo delle scienze sociali si distingue per avere la società come oggetto privilegiato della propria indagine. Consente l’iscrizione a qualsiasi facoltà universitaria e presenta anche interessanti possibilità di proseguimento nel segmento postsecondario.

  10. Indirizzo scienze sociali: quadro orario (*) È prevista n° 1 ora settimanale di compresenza con altra disciplina (**) La “Committenza locale” ha il fine di consentire di inserire nel Piano dell’Offerta Formativa esigenze specifiche individuate a livello locale indirizzi

  11. Indirizzo scientifico – tecnologico : caratteristiche • Durata del corso: 5 anni • Struttura: biennio + triennio • Titolo conseguibile: Diploma ad indirizzo Scientifico Tecnologico che consente l’iscrizione a qualsiasi facoltà universitaria. Corrispondenza (art. 4 D.P.R. 31.5.74 n. 419): Maturità Scientifica • È un indirizo scientifico moderno che, senza rinunciare all’apporto del sapere umanistico, risponde bene all’interesse dei giovani per le materie scientifiche e le attività di laboratorio.

  12. Indirizzo Scientifico Tecnologico: quadro orario (*) n° 1 ora settimanale di compresenza con informatica indirizzi

  13. Laboratori

  14. FINALITÀ EDUCAZIONE INFORMAZIONE FORMAZIONE progetti

  15. FINALITÀ BIENNIO • La crescita psico-fisica in armonia con gli stadi evolutivi dell'adolescente; • la capacità di comunicare e di autoesprimersi; • l'iniziale conoscenza della natura e della società.

  16. FINALITÀ TRIENNIO • La conoscenza e la comprensione della natura e della società; • lo sviluppo della consapevolezza di sé; • la capacità dì orientarsi e di conferire senso alla propria esistenza e rispetto per quella degli altri; • l'acquisizione di uno spirito critico; • la ricerca e la costruzione della propria identità culturale, professionale e sociale; • la strutturazione delle relazioni interpersonali; • la formazione dei valori; • la costruzione di un responsabile progetto di vita.

  17. LA VALUTAZIONE • deve tener conto del progressivo sviluppo della personalità e delle competenze via via acquisite sul piano cognitivo, decisionale e operativo; • deve coinvolgere gli studenti nella linearità e nella fondatezza dei criteri di valutazione. • Gli elementi per il giudizio sono, pertanto, offerti da esperienze, forme di verifica anche diverse da quelle tradizionali ed interventi finalizzati non a semplici misurazioni sull'apprendimento, ma ad incoraggiare una assidua ed intelligente collaborazione che permetta di: • valorizzare interessi, attitudini e capacità; • utilizzare le conoscenze ; • assimilare e rielaborare argomenti e temi con spirito critico.

  18. ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO SCOLASTICO • Per rilevare i livelli di partenza e i bisogni degli alunni ai fini della elaborazione della programmazione didattica, vengono effettuate, nei primi giorni di lezione, prove di ingresso per disciplina. I docenti si informano sull'ambiente scolastico di provenienza, individuano gli argomenti di particolare interesse per la classe, suggeriscono possibili soluzioni operative, illustrano le regole di comportamento da osservare all'interno dell'Istituto. • L'integrazione degli alunni portatori di handicap viene curata con la dovuta sensibilità, nel rispetto della normativa vigente. Su proposta dei Consigli di Classe vengono attivati, nei limiti della copertura finanziaria, interventi didattici educativi integrativi per il recupero dello svantaggio scolastico e per l'approfondimento di argomenti di particolare interesse. • Gli allievi sono aiutati a scoprire se stessi, ad individuare connaturate inclinazioni, ad acquisire conoscenze, competenze e capacità per elaborare responsabili progetti di vita.

  19. ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO SCOLASTICO Oltre alle normali visite ed iniziative per l'orientamento, per gli allievi delle classi terminali saranno attuati: • Incontri con ex studenti dell'Istituto, laureati o non ancora laureati, al fine di: • raccogliere informazioni e materiale informativo sui corsi di laurea e sulle sedi universitarie; • chiarire ed illustrare le particolarità di alcuni corsi di laurea; • informare sulle possibilità di concorrere a borse di studio ed ottenere l'assistenza delle Aziende per il diritto allo studio universitario; • preparare i futuri studenti universitari alle prime esperienze e difficoltà della vita all'Università (calendari delle lezioni, calendari degli esami, possibilità di incontrare i docenti, di trovare alloggio, ...). • Incontri con ex studenti dell'Istituto che hanno già ultimato gli studi universitari e si sono già inseriti nel mondo del lavoro e/o con funzionari e dirigenti di realtà economiche significative della zona, al fine di: • rendere note le possibilità di occupazione in diversi settori; • raccogliere consigli, indicazioni circa i corsi di studio che offrono una preparazione meglio "spendibile" nel mondo del lavoro; • conoscere le aspettative dei datori di lavoro; • conoscere le diverse modalità di assunzione (colloqui, esami, ...) e i criteri di selezione.

  20. Progetto Comenius 2: Primi passi nel mondo professionale Europeo viaggio foto foto Gemellaggio coro

  21. Rappresentazioni teatrali in lingua Teatro 1 Teatro 2 foto

  22. VISITE GUIDATE Per la conoscenza del territorio, la partecipazione a manifestazioni ed iniziative culturali promosse da Enti locali, viaggi di istruzione, scambi culturali e progetti integrativi dell'attività didattica ordinaria. Si svolgeranno in armonia con i piani elaborati dai singoli consigli di classe e nel rispetto della normativa interna contenuta negli atti collegati alla carta dei servizi e delle determinazioni degli organi collegiali competenti.

  23. L’istituto Magistrale “M. Immacolata”E’ ANCHE: • Scambi culturali con istituti di istruzione di altri Paesi europei; • Educazione alla multimedialità; • Piena cittadinanza europea (adeguamento della conoscenza delle lingue straniere alle esigenze turistiche del territorio, estensione della figura dell'esperto di conversazione in lingua straniera a classi di tutti gli indirizzi) • partecipazione a rappresentazioni teatrali in lingua; • Coro polifonico dell'Istituto; • Olimpiadi della matematica • Campionati studenteschi; • Attività sportiva interna (thai boxe, pallavolo, scherma ...).

  24. IL SUOLO DEL COMPLESSO SCOLASTICO POLIVALENTE

  25. Ci sarai anche tu ? GRAZIE ALLE SCELTE CORAGGIOSE, L’ISTITUTO MAGISTRALE “M. IMMACOLATA” HA VISTO MOLTIPLICARE NELL’ARCO DELL’ULTIMO QUINQUENNIO LA POPOLAZIONE SCOLASTICA