valutazione della ricerca nelle recenti proposte cun vincenzo russo seminario sidea roma 11 12 09 n.
Download
Skip this Video
Loading SlideShow in 5 Seconds..
Valutazione della ricerca nelle recenti proposte CUN Vincenzo Russo Seminario SIDEA – Roma 11.12.09 PowerPoint Presentation
Download Presentation
Valutazione della ricerca nelle recenti proposte CUN Vincenzo Russo Seminario SIDEA – Roma 11.12.09

Loading in 2 Seconds...

play fullscreen
1 / 19
ronald

Valutazione della ricerca nelle recenti proposte CUN Vincenzo Russo Seminario SIDEA – Roma 11.12.09 - PowerPoint PPT Presentation

117 Views
Download Presentation
Valutazione della ricerca nelle recenti proposte CUN Vincenzo Russo Seminario SIDEA – Roma 11.12.09
An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author. While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.

- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript

  1. Valutazione della ricerca nelle recenti proposte CUNVincenzo RussoSeminario SIDEA – Roma 11.12.09

  2. Indicatori dell’attività scientifica (prodotti) • Pubblicazioni su riviste ISI, non ISI con referee , con comitato di revisione, internazionali, nazionali ecc • Pubblicazioni su libri, Atti di convegnie seminari con referaggio o con comitati di revisione ecc • Monografie • Cura e cataloghi di mostre e esosizioni • Cura volumi a carattere scientifici • Opere d’arte • Sistemi software e banche dati • Progetti di opere e manufatti • Disegni e rappresentazioni multimediali • Carte geologiche • Brevetti • Altro Seminario SIDEA – Roma 11.12.09

  3. Indicatori attività scientifica e di ricerca Richiesta Ministro Formulare “ proposte atte ad individuare alcuni indicatori di qualità relativi all’attività scientifica e di ricerca da definire in relazione ai diversi livelli concorsuali e alle peculiarità delle diverse aree scientifiche. La prospettiva è determinare standard minimi di qualità necessari per un ottimale svolgimento delle procedure concorsuali. Tali indicatori saranno utilizzabili anche per determinare il grado di qualificazione dei proponenti dei progetti di ricerca di interesse nazionale…..” Seminario SIDEA – Roma 11.12.09

  4. Premesse • Criteri di valutazione trasparenti e condivisi sono elementi importanti per reclutare i migliori talenti e per promuovere i docenti e la qualità delle Università. • La promozione della qualità e dell’eccellenza del SUR non può prescindere dall’autonomia responsabile degli Atenei. • Superamento difficoltà svolgimento concorsi può avvenire attraverso una significativa riforma. • Indicatori utili se i concorsi vengono banditi con continuità e regolarità • Non totale coincidenza indicatori per concorsie per valutazione proponenti progetti di ricerca Seminario SIDEA – Roma 11.12.09

  5. Precisazioni sul significato degli indicatori • Livelli minimi normalmente accettabili per ammissioni a diverse fasce di docenza • Autonomia Atenei nella strutturazione dei bandi • Non utilizzabili per escludere in modo automatico ammissione a concorsi • Responsabilità esclusiva della commissione di concorso nello stabilire graduatoria • Punti di riferimento qualificanti per le commissioni che in caso di non considerazione debbono motivarne le ragioni • Punti di riferimento qualificanti per l’autovalutazione dei candidati Seminario SIDEA – Roma 11.12.09

  6. Precisazioni sul significato degli indicatori(2) • Non coincidenti con parametri per le procedure di valutazione dei ricercatori • Distinti dai ”criteri indicanti il carattere scientifico delle pubblicazioni”ai fini della valutazione dell’attività di ricerca (legge 1/2009) • Non sufficienti ai fini delle ”chiamata diretta” dei docenti • Necessità di aggiornamento periodico • Impossibilità utilizzazione indicatori identici per tutte le aree e in qualche caso per tutti i SSD • Consultazionecomunità scientifiche Seminario SIDEA – Roma 11.12.09

  7. Indicatori dell’attività scientifica (prodotti) • Pubblicazioni su riviste ISI, non ISI con referee , con comitato di revisione, internazionali, nazionali ecc • Pubblicazioni su libri, Atti di convegnie seminari con referaggio o con comitati di revisione ecc • Monografie • Cura e cataloghi di mostre e esosizioni • Cura volumi a carattere scientifici • Opere d’arte • Sistemi software e banche dati • Progetti di opere e manufatti • Disegni e rappresentazioni multimediali • Carte geologiche • Brevetti • Altro Seminario SIDEA – Roma 11.12.09

  8. Indicatori dell’attività scientifica (altro) • Dottorato di ricerca • Numero prodotti • Periodo di attività • Posizione nelle pubblicazioni • Criteri bibliometrici ( IF, Citazioni, H index, ecc) • Modalità di diffusione • Altro Seminario SIDEA – Roma 11.12.09

  9. Proposta di indicatori attività scientifica e di ricerca • Semplici, trasparenti, facilmente applicabili e congrui per le diverse aree o gruppi di SSD • Indicatori e valori minimi per area o per gruppi di SSD Seminario SIDEA – Roma 11.12.09

  10. Prodotti prevalenti nelle arie aree • Area 01-07, 09 e 13 pubbl. “qualificate” • Area 08 prodotti scientifici • Area 10-12 e14 monografie + saggi Seminario SIDEA – Roma 11.12.09

  11. Criteriper accedere ai concorsi RICERCATORI ASSOCIATI ORDINARI Pubblicazioni n°1-76-30 7-50 Prodotti n° 1-3 3-6 6-10 Monografie n° 1 2 2-3 Saggi n° 3-4 6-8 8-12 Seminario SIDEA – Roma 11.12.09

  12. Altri criteri per l’accesso ai concorsi • Dottorato di ricerca o equivalenti anni di ricerca per ricercatori • Periodo di pubblicazione (anni) rispetto a bando Ricercatori Associati Ordinari -- 5-10 5-12 Numero citazioni Posizione in pubblicazioni a più autori Età accademica Seminario SIDEA – Roma 11.12.09

  13. Area 07Premessa agli Indicatori di attività scientifica e di ricerca • Produzione prevalentemente pubblicistica • Tempi lunghi per la conclusione di ricerche complesse • Tempi legati ad andamento stagionale e ripetizioni • Pubblicazioni su diverse tipologie di riviste, ma in qualche SSD si ricorre anche alla monografia o su libri e Atti convegni • Variabilità tra SSD sul numero di Autori • Variabilità tra SSD nella posizione degli Autori sulle pubblicazioni a più Autori • Disparità di utilizzazione di criteri bibliometrici tra SSD • Costituita da 30 SSD sufficientemente omogenei per criteri di valutazione, ma diversi per numerosità dei prodotti scientifici, Seminario SIDEA – Roma 11.12.09

  14. Indicatori di attività scientifica per Ricercatori • almeno 4 anni di attività di ricerca documentata dopo la laurea magistrale • Autore o coautore di almeno 3-5 lavori originali pubblicate su riviste referizzate di cui almeno 2-3 ISI Seminario SIDEA – Roma 11.12.09

  15. Indicatori di attività scientifica per Associati • Autore o coautore di almeno 10-20 lavori originali pubblicate su riviste referizzate di cui almeno 5-10 ISI • Almeno 5-8 dei lavori pubblicati negli ultimi 5 anni precedenti il bando • Primo, secondo o ultimo nome o corresponding author in almeno 5-8 Seminario SIDEA – Roma 11.12.09

  16. Indicatori di attività scientifica per Ordinari • Autore o coautore di almeno 15-30 lavori originali pubblicate su riviste referizzate di cui almeno 8-12 ISI • Almeno 5-8 dei lavori pubblicati negli ultimi 5 anni precedenti il bando • Primo, secondo o ultimo nome o corresponding author in almeno 8-12 lavori

  17. Individuazione parametri ai fini della valutazione dei titoli e delle pubblicazioni ai fini dei concorsi per ricercatori (legge 1/99)

  18. Anagrafe nazionale dei professori e dei ricercatoriArticoli su rivista • Come criterio di scientificità appare necessaria, per la maggior parte delle discipline, l’esistenza di una procedura di revisione degli articoli sottomessi per la pubblicazione, che subordini l’accettazione al parere favorevole di almeno due esperti, possibilmente anonimi, o comunque al giudizio di un comitato scientifico che offra sufficienti garanzie di terzietà rispetto agli autori. • Resta comunque accettabile,almeno in una fase intermedia,il giudizio di un comitato scientifico che offra garanzia di terzietà rispetto agli autori

  19. Anagrafe nazionale dei professori e dei ricercatoriMonografie e articoli su libro • Anche in questo caso risulterà necessario stabilire una procedura di accreditamento, articolata per case editrici e, ove necessario, per collane. L’editore, per qualificarsi come “scientifico”, dovrà dotarsi di un comitato scientifico e di meccanismi di accettazione/rigetto basati su revisori (sempre fornendo garanzie di terzietà, in particolare quando si tratti di editori fortemente “locali”. Per salvaguardare la libertà di ogni editore di pubblicare senza il parere di revisori qualunque testo che rientri nella propria politica editoriale e che non pretenda di qualificarsi come “scientifico”, potrà risultare opportuno collocare i testi che ambiscono al carattere di scientificità in specifiche “collane alle quali si potranno essere applicati i protocolli sopra indicati.