comunicazione e mass media l.
Download
Skip this Video
Loading SlideShow in 5 Seconds..
Comunicazione e mass media PowerPoint Presentation
Download Presentation
Comunicazione e mass media

Loading in 2 Seconds...

play fullscreen
1 / 13

Comunicazione e mass media - PowerPoint PPT Presentation


  • 247 Views
  • Uploaded on

Comunicazione e mass media. Media Prospettiva tecnologica Strumento per trasferire informazione Comunicazione uno-molti Prospettiva culturale Dispositivo di mediazione tra uomo ed ambiente Non coincide con la capacità di moltiplicazione dello stesso messaggio. Massa.

loader
I am the owner, or an agent authorized to act on behalf of the owner, of the copyrighted work described.
capcha
Download Presentation

PowerPoint Slideshow about 'Comunicazione e mass media' - dom


An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript
comunicazione e mass media
Comunicazione e mass media

Media

  • Prospettiva tecnologica
    • Strumento per trasferire informazione
    • Comunicazione uno-molti
  • Prospettiva culturale
    • Dispositivo di mediazione tra uomo ed ambiente
    • Non coincide con la capacità di moltiplicazione dello stesso messaggio
massa
Massa
  • Aggregato di individui anonimi che si costituisce in funzione della condivisione di determinate esperienze
  • Aggregato non stabile, mutevole e ampio
  • Si definisce anche attraverso le pratiche relative alla diffusione dei media
  • Come la folla è priva d’identità definita ma più stabile nel tempo, accomunata da medesimi interessi
  • Asimmetricità tra la fonte e il suo target (fonte mediatica più esperta e autorevole)
  • Con il consolidamento attuale l’audience sempre più percepito come partecipante attivo
modello lineare
Modello lineare
  • Effetti del messaggio univoci e che generano le stesse risposte (come teorie del codice)
  • Lasswell:
    • A chi
    • Che cosa
    • Attraverso quale canale
    • A chi
    • Con quale effetto
opinion leader
Opinion leader
  • Spesso la comunicazione viene filtrata da rappresentanti di un det. Gruppo
  • Lo scambio interattivo facilita l’adesione alla proposta
  • Opinion leader rinforza la plausibilità del messaggio grazie alla sua competenza
  • Seleziona la rilevanza delle informazioni ed interpreta il messaggio a seconda di sistemi di valori e categorie
in realt
In realtà
  • Selettività nell’esposizione: correlazione tra le opinioni della gente e ciò che sceglie di ascoltare
  • Informazione elaborata sulla base del proprio sistema di credenze
  • I media servono a rinforzare il sistema di valori
  • Gli effetti dei media non sono lineari né prevedibili
  • Studio più orientato ai processi cognitivi implicati nell’attribuzione di significato e alla selettività nell’esposizione
  • I media guardano alla gratificazione dei bisogni dell’audience
modello multifattoriale
Modello multifattoriale
  • I media funzionano come filtri di polarizzazione sul piano cognitivo e informativo
  • Relazione tra le scelte nella produzione (ordine e gerarchia di rilevanza offerta) e criteri di rilevanza e di K a disposizione dei fruitori
  • Tv vs stampa rispetto al tempo per la riflessione rispetto al messaggio
  • Secondo alcuni Media contribuiscono attraverso l’omologazione a creare un clima d’opinione
effetti a lungo termine
Effetti a lungo termine
  • Orientamento mediale: preferenza verso certi contenuti,mezzi o generi
  • L’orientamento consente di prevedere le scelte future in base anche a fattori specifici (offerta, circostanze individuali, contesto di consumo)
  • Non solo omologazione ma anche differenziazione: l’accesso ai flussi d’informazione non è egualmente disponibile. Livello socioculturale più alto, più veloce nel recupero inf e nella gestione del sovraccarico
  • Si parla perciò di Fruizione dei media: non esistono contenuti immutabili bensì una partecipazione alla costruzione di significati di diverse comunità interpretative
  • Da un lato i media forniscono potenti dispositivi di approvazione culturale agendo quotidianemnte (amplificano, dilatano attegg e valori), dall’altro la recezione degli individui è diversificata e selettiva e ha la libertà di accettare o rifiutare i format proposti
slide8
Pubblico non omogeneo al suo interno, più l’informazione è ristretta rispetto al target più il messaggio sarà in grado d’influenzare
  • Gli effetti sull’audience a lungo termine sono determinati dalla capacità di cattura del programma (reach) e dalla frequenza d’esposizione (frequency), azione cumulativa
    • Valutazione importante anche per definire gli spazi pubblicitari
new media
New media
  • Comunicazione mediata da nuove tecnologie

a) Comunicazione asincrona

b) Comunicazione sincrona

  • A) ipertesti e ipermedia, e-mail, mailing list, SMS
  • B) Chat, MUD (multi user dimension), video chat, Instant messaging
slide10
In molte di queste forme sono assenti aspetti metacomunicativi (paralinguistico, extralinguistico), utenti non ricevono feedback
  • Nessuna garanzia d’identità data solo dal contenuto del messaggio
  • Disimpegna rispetto alla cooperazione (specie asincrona)
  • Rallenta il ritmo della comunicazione (abbreviazioni)
  • Modifica l’alternanza dei turni
  • Rallentare identità ed impegno possono creare comunicazioni disfunzionali (opportunismo elettronico, Rocco et al. 1995):
    • Creazione d’identità fittizie (spoofing)
    • Disinvestimento dei principi di cooperazione (specie asincrona)
    • Violazione della privacy (lurking)
    • Invio di messaggi non desiderati (spamming)
    • Ostruzionismo (bombing)
reduce social cues theory sproull keisler 1986
Reduce social cues theory (Sproull, Keisler, 1986)
  • Rarefazione dell’identità in CMC
    • I soggetti meno vincolati da regole sociali
    • Più liberi di esprimersi
    • Più tentati di violare le regole sociali
    • All’interno di organizzazioni questo può rendere lo scambio più democratico
    • Paradosso psicologico di internet (Kraut. 1998): le potenzialità sociali di globalizzazione riducono il coinvolgimento sociale reale e aumento di isolamento.
social information processing theory
Social Information Processing theory
  • Come giustificare le relazioni affettive nate attraverso la comunicazione mediata, il successo degli SMS?
  • Le persone sono spinte a generare relazioni interpersonali indipendentemente dal mezzo, anzi adottando le proprie strategie comunicative alle opportunità del mezzo
slide13
Permette di superare le barriere spaziali ed economiche alla motivazione all’interazione
  • Come altre comunità si definisce su una comune cultura di appartenenza (comunità virtuale)
  • Permette ai soggetti di selezionare gradualmente le caratteristiche di personalità da presentare, riduce il rischio di rottura
  • Affinché abbia successo sono però necessarie:
    • Tempo
    • Motivazione
    • Capacità di costruirsi impressioni da inf disponibili
    • Capacità di fornire questi indizi