Gruppo di lavoro “Immigrati e richiedenti asilo” - PowerPoint PPT Presentation

slide1 n.
Download
Skip this Video
Loading SlideShow in 5 Seconds..
Gruppo di lavoro “Immigrati e richiedenti asilo” PowerPoint Presentation
Download Presentation
Gruppo di lavoro “Immigrati e richiedenti asilo”

play fullscreen
1 / 11
Gruppo di lavoro “Immigrati e richiedenti asilo”
140 Views
Download Presentation
colby
Download Presentation

Gruppo di lavoro “Immigrati e richiedenti asilo”

- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript

  1. COMMISSIONE DI PIANO Gruppo di lavoro “Immigrati e richiedenti asilo” EMERGENZE e PROCESSI di COESIONE CORRESPONSABILE a cura di Maurizio Saggion e Aldo Morrone

  2. IMMIGRAZIONE … di qualeImmigrazione parliamo ? … quali caratteristiche osserviamo ? domande … quale approccio utilizziamo nell’individuazione delle criticità e delle opportunità ? … cosa significa occuparsi di migrazioni ?

  3. IMMIGRAZIONE Il contesto cittadino I residenti stranieri a Roma sono 293.948 (dati 2009) incidenza è pari a circa 10% . La media nazionale inizio 2009 risulta pari al 6.5%. In dieci anni gli stranieri residenti nella Capitale sono quasi raddoppiati La componente femminile supera il 53% dei residenti con cittadinanza estera, con notevoli differenze tra le varie nazionalità. Oltre il 40% delle donne è coniugata Età media stranieri residenti 37,4contro il 44,9 popolazione complessiva Tra gli stranieri iscritti in anagrafe i nati in Italia sono ben 33.434 e costituiscono il 12,4% del totale dei residenti Utilizzatori servizi di cittadinanza Servizi “indiretti” Servizi “diretti”

  4. IMMIGRAZIONE L’immigrazione utilizzatrice dei servizi di cittadinanza Utilizzatori servizi di cittadinanza • Questa “Immigrazione” si muove lungo tre assi principali: • STABILIZZAZIONE • TERRITORIALITA’ • SPONTANEITA’

  5. IMMIGRAZIONE L’immigrazione nel processo d’integrazione Consideriamo appartenenti a questo ambito singoli o nuclei socialmente fragili che non usufruiscono di servizi dedicati a sostenere la condizione migratoria, ma vengono intercettati perché in situazioni di disagio transitorio o perché si sono rivolti a iniziative finalizzate alla promozione del benessere individuale o familiare Diversi progetti e servizi sono realizzati nel territorio dal Dipartimento, dai Municipi e da altri Enti territoriali esempi: Centri per i Senza fissa dimora, centri interculturali per minori; Centri Territoriali permanenti per l’educazione degli Aduli (EDA); Programma Retis mense Servizi “indiretti”

  6. IMMIGRAZIONE L’immigrazione dentro l’emergenza Rientrano in quest’ambito d’intervento singoli o nuclei familiari che fruiscono di progetti e servizi riservati a “categorie” di migranti specifiche. Son progettualità di carattere prevalentemente assistenziale/emergenziale, temporalmente definite e finalizzate al “fronteggiamento” di una situazione di problematicità senza il carattere della sistematicità. Progetti realizzati “prevalentemente” dal Dipartimento Promozione dei Servizi Sociali e della Salute esempio: richiedenti la protezione internazionale, i minori stranieri non accompagnati Utenti “diretti”

  7. IMMIGRAZIONE L’approccio storico del circuito cittadino di accoglienza DOMANDA Lista di attesa Risposta istituzionale: l’ampliamento QUANTITATIVOdei posti Circuito “informale” di accoglienza - (occupazioni) Circuito strutturale dell’emergenza Progettualità realizzata attraverso il singolo centro di accoglienza Assenza di un sistema di monitoraggio Attori del Lavoro (sistema chiuso) Istituzioni Attori della Formazione Rappresentanze sociali Uscita progettuale dal circuito non sistemica

  8. IMMIGRAZIONE Verso il sistema territoriale di accoglienza BISOGNO Risposta istituzionale: articolazione dell’offerta QUALITATIVA ISTITUZIONI FORMAZIONE LAVORO )SISTEMA APERTO( Velocizzazione dei processi di autonomia sociale (lingua, formazione, lavoro, ecc.) Ampliamento della rete degli enti territoriali interessati alla realizzazione di percorsi co-progettati di accoglienza integrata (abitazione, lavoro, sociale)

  9. IMMIGRAZIONE Piste di lavoro • Favorire il passaggio da interventi per progetti a programmi costruiti su sistemi progettuali • Armonizzazione e razionalizzazione degli interventi territoriali: interistituzionalità, interdisciplinarietà, intersettorialità (governance territoriale) • Centralità della Persona, approccio relazionale nellacostruzione di reti di sostegno che possano favorire lo sviluppo del Capitale sociale della Persona e degli Attori sociali • Differenziazione, articolazione e personalizzazione dell’offerta dei servizi • Promozione della partecipazione delle persone (protagonismo della responsabilità)

  10. IMMIGRAZIONE Il Forum“Immigrazione” si incontrerà presso il Centro Cittadino per le Migrazioni, l’Asilo e l’Integrazione Sociale in Via Assisi, 41nei giorni: 9 novembre – 23 novembre – 14 dicembre dalle ore 15.00 alle 18.00per informazioni: 06.78850299/29e-mail: info@programmaretis.it

  11. IMMIGRAZIONE Conclusione dell’interventoGrazie per l’attenzione