fondazione lighea n.
Download
Skip this Video
Loading SlideShow in 5 Seconds..
FONDAZIONE LIGHEA PowerPoint Presentation
Download Presentation
FONDAZIONE LIGHEA

Loading in 2 Seconds...

play fullscreen
1 / 71

FONDAZIONE LIGHEA - PowerPoint PPT Presentation


  • 87 Views
  • Uploaded on

Cenni storici. Modello d’intervento. Strutture. FONDAZIONE LIGHEA.

loader
I am the owner, or an agent authorized to act on behalf of the owner, of the copyrighted work described.
capcha
Download Presentation

PowerPoint Slideshow about 'FONDAZIONE LIGHEA' - celine


An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript
cenni storici

Rappresentata da una sirena Lighea prende il nome da un racconto di Giuseppe Tomasi di Lampedusa: “..è l’illusione e la seduzione dell’abbandono totale, della perdita di sé”. Qualcosa di molto simile alla follia, attrazione per il vuoto che allontana dalla realtà.

  • Opera a Milano dal 1985 si occupa della cura e del reinserimento sociale di persone con disagio psichico, fornendo assistenza psicologica ai pazienti e alle loro famiglie.
Cenni Storici
elementi caratteristici del modello lighea

Strutture formano una mini rete immersa nel tessuto urbano (pz come cittadini tra i cittadini)

  • Equipe multidisciplinare strumento di lavoro terapeutico. Risposte polidirezionali al mosaico di quadri clinici. Gruppi complessi.
  • Intervento stesura di un progetto individuale a partire da un esame delle potenzialità, attitudini e difficoltà del nuovo ospite che è co-protagonista del proprio progetto riabilitativo
  • Utilizzo di un lessico familiare. CT spazi affettivi.
Elementi caratteristici del modello Lighea
strutture

2 unità residenziali a media protezione (24h) Lighea 1-Lighea 3

1 unità residenziale a media protezione (12h) Lighea 2

Centro Diurno (dal lunedì al sabato 8-19)

11 appartamenti residenzialità leggera (2h)

N.b. Al momento dell’indagine le strutture residenziali era tutte a 24 h cambiamenti significativi nel gruppo ospiti.

Strutture
percorso ideale

CASA/SPDC/ALTRE CT

  • CENTRO DIURNO
  • STRUTTURA 24H
  • STRUTTURA 12H
  • RESIDENZILITA’ LEGGERA

I percorsi riabilitativi NON seguono mai le tappe in modo lineare in un’unica direzione

Percorso ideale
oggetto

Definiamo clima terapeutico:

  • Come l’aria che si respira in un luogo di cura, con l’obiettivo di stabilire se quest’aria è più o meno”pulita”, cioè favorevole ad attivare processi trasformativi negli ospiti di una comunità terapeutica.
  • Chiave di accesso per la comprensione dell'efficacia terapeutica di una struttura
Oggetto
obiettivi

Esplorare i punti di forza e le criticità del funzionamento comunitario correlati alla qualità del trattamento e al miglioramento degli ospiti.

Fornire maggiore consapevolezza mediante auto riflessione. No forma di giudizio.

Definire gli indicatori di qualità per il funzionamento di un modello di comunità trasversale ai modelli teorici clinici.

Obiettivi
lo strumento

Community FunctioningQuestionnaireimage-28

Questionario autosomministrato (carta e matita)

Diviso 3 sezioni

Può essere impiegato in ricerche longitudinali al fine di osservare delle variazioni del funzionamento comunitario e del “clima” in diversi momenti temporali

Filone di ricerca che vede la valutazione del funzionamento della comunità terapeutiche come specifica metodologia di cura.

Lo strumento
cfq 28 image

SEZIONE 1

  • 28 affermazioni. Il compilatore esprime il suo grado di accordo o disaccordo (scala Likert a 6 punti).
  • Affermazioni possono essere raggruppate in 3 cluster
  • Capacità di lavoro in gruppo e adeguatezza della leadership
  • Clima emotivo dell’équipe
  • Processi di responsabilizzazione rispetto agli ospiti
CFQ-28 image
cfq 28 image1

item 1- Le figure gerarchiche aiutano a comprendere meglio le problematiche dell'ospite

item 2 - Gli ospiti sono coinvolti nel processo di approvazione delle politiche operative, delle procedure e delle regole della comunità terapeutica

item 3- Durante la riunione prova paura del giudizio

item 4- Le figure gerarchiche distribuiscono adeguatamente i compiti e le responsabilità alle diverse figure professionali

item 5- Gli ospiti sono coinvolti in tutte le decisioni riguardanti la loro cura e il loro trattamento

item 6- Sente di poter esprimere la sua opinione liberamente

item 7- Vi sono sottogruppi e alleanze non dichiarate apertamente

item 8- Durante la riunione prova disinteresse

item 9- Si fa appello in modo rigido e pignolo ai compiti prescritti dal proprio mansionario

item 10 Le figure gerarchiche cercano di far crescere la professionalità degli operatori

CFQ-28 image
cfq 28 image2

item 11- Le figure gerarchiche valorizzano i contributi di ciascuno

item 12- Gli ospiti sono coinvolti nel processo di assegnazione dei ruoli e dei compiti a tutti i membri della comunità

item 13- Le figure gerarchiche riescono a sintetizzare e prendere delle decisioni

item 14- E' presente un atteggiamento passivo del tipo : tanto comanda il responsabile

item 15- Gli ospiti possono fare domande riguardanti problemi di gestione e sulle dinamiche di gruppo e istituzionali (i.e. gli ospiti possono chiedere come mai gli operatori sono irritabili, come mai un operatore se ne va, come mai una riunione viene cancellata..)

item 16- Il gruppo di lavoro si sente unito da un compito comune

item 17- Le lamentele degli operatori vengono prese in considerazione in comunità e all'interno dei gruppi

item 18- E' possibile per l'operatore mettere in comune i sentimenti, i modi diversi di vedere il paziente e di dare significato al suo comportamento

item 19- Le lamentele degli ospiti vengono prese in considerazione in comunità all'interno dei gruppi

item 20- Sente che il resto del gruppo tiene conto della sua opinione

CFQ-28 image
cfq 28 image3

item 21- Durante la riunione prova rabbia

item 22- Le figure gerarchiche favoriscono il lavoro d'equipe

item 23- Gli ospiti condividono con gli operatori i compiti della pratica quotidiana della comunità (i.e. condurre la riunione di comunità, andare a fare la spesa, condurre in visita gli ospiti)

item 24- Si aderisce formalmente al compito ma in realtà si cerca di fare di testa propria

item 25- Le figure gerarchiche agevolano la comunicazione tra i diversi membri dell'equipe

item 26- Se si trova in difficoltà con un ospite, sente di poter contare sull'equipe

item 27- Gli operatori sono coinvolti nel processo di approvazione delle politiche operative, delle procedure e delle regole della comunità terapeutica

item 28- Ci sono linee condivise tra le diverse figure gerarchiche

CFQ-28 image
cfq 28 image4

SEZIONE 2

La seconda sezione è rappresentata da un’area grafica in cui viene chiesto al compilatore di rappresentare con un disegno la riunione di équipe

CFQ-28 image
cfq 28 image5

SEZIONE 3

La sezione descrive le variabili che definiscono meglio le strutture:

il livello di protezione (alto, medio, basso)

Collocazione (urbana, rurale)

il modello d’intervento

la tipologia di utenti ospitati

la qualifica degli operatori che hanno compilato il questionario.

CFQ-28 image
tappe del lavoro

Presentare in dettaglio allo Staff obiettivi ricerca e strumenti utilizzati

Visita strutture

Somministrazione questionari

Estrapolazioni dati quantitavi (tabella excel divisa per cluster)

Analisi disegni e classificazione

Confronto coi giudici

Confronto clima evocato e risposte fornite al questionario

Restituzione all’Equipe

Tappe del lavoro
classificazione

La classificazione è stata fatta da 4 giudici indipendenti

  • Per impostare l’analisi qualitativa si è pensato di raggruppare i disegni in binomi rappresentativi dell’atmosfera e del tipo di organizzazione comunitaria a cui rimandano
Classificazione
binomi clinico rappresentativi

coesione/ dispersione

organizzazione flessibile/organizzazione rigida

strutturazione/confusione

integrazione/ scissione

cooperazione/agonismo

individuazione/fusionalità

pariteticità/ gerarchia

senso di appartenenza/ isolamento

presenza/ assenza della figura umana

goal/ no goal.

Binomi clinico rappresentativi
intensit emotiva

I disegni, suddivisi per presenza o assenza della figura umana e assegnati ad un binomio rappresentativo specifico, sono stati classificati dai giudici in base alla loro ”intensità emotiva”

  • alta intensità emotiva
  • clima emotivo positivo
  • freddezza emotiva
Intensità emotiva
alcuni dati

Su un campione di 64 soggetti è significativo il fatto che tutti i questionari presentano un disegno e che in alcuni, oltre al disegno, il compilatore integra l’immagine con una frase esplicativa.

Ad una prima analisi dei disegni emerge la tendenza di un’ampia porzione del campione, il 73% dei casi, nel privilegiare rappresentazioni grafiche a quelle figurative. I dati mostrano infatti che solo in 17 questionari, su un totale di 64, è presente la figura umana.

Alcuni dati
disegni
Alcuni esempi. Integrazione dei dati grado di accordo/disaccordo con clima evocato.DISEGNI
q54 binomio pariteticit clima freddezza qualifica operatore struttura intermedia

Il binomio rappresentativo è confermato solo formalmente: il compilatore non si sente libero di esprimere la propria opinione assegna valore 2 (in una scala Likert da 1 a 6) all’item 6 e teme moderatamente di essere giudicato assegna valore 4 (in una scala Likert da 1 a 6) all’item 3. Il clima freddo è confermato graficamente dall’assenza della figura umana e dal fatto che il compilatore sente che il gruppo aderisce formalmente al compito ma che in realtà ci si muove in autonomia assegna valore 4 (in una scala Likert da 1 a 6) all’item 24. In generale la leadership non sempre appare in grado di sintetizzare e prendere decisioni e di favorire la comunicazione tra i diversi membri dell’equipe.

Q54(Binomio: pariteticità -Clima: freddezza- Qualifica: operatore -Struttura: intermedia)
q8 binomio gerarchia clima critico qualifica operatore struttura media protezione

Le risposte fornite agli items che indagano il clima emotivo dell’èquipe non concordano con la percezione di una forte criticità, ad esempio sono assenti sentimenti di disinteresse o rabbia durante la riunione. I valori assegnati al questionario descrivono una leadership molto presente e attenta alle esigenze degli operatori anche se non sempre in grado di favorire la comunicazione interna.

Q8(Binomio: gerarchia-Clima: critico -Qualifica: operatore-Struttura: media protezione)
q39 binomio coesione clima freddezza qualifica operatore struttura intermedia

In disaccordo con la valutazione dei giudici che assegnano la rappresentazione grafica al binomio coesione, il compilatore sente che sono presenti sottogruppi all’interno dell’equipe rispondendo con valore 5 (in una scala Likert da 1 a 6) all’item 7 e che il gruppo sia privo di un obiettivo comune, assegna valore 2 (in una scala Likert da 1 a 6) all’item 16 . Significativa la descrizione di un atteggiamento passivo del tipo tanto comanda il responsabile, espresso con valore 5 (in una scala Likert da 1 a 6) all’item 14 fa pensare ad un sistema fortemente gerarchico.

Q39(Binomio: coesione-Clima: freddezza -Qualifica: operatore -Struttura: intermedia)
q14 binomio dispersione clima freddezza qualifica psicologo struttura media protezione

In contrasto col clima freddo e immobile rimandato dal disegno i valori assegnati al questionario si collocano agli estremi della scala Likert. Il compilatore diversamente da quanto espresso graficamente descrive un gruppo coeso e assegna infatti valore 6 ( In una scala Likert da 1 a 6) all’item 16 sostenendo che il gruppo di lavoro si sente unito da un compito comune.

Q14(Binomio: dispersione-Clima: freddezza Qualifica: psicologo-Struttura: media protezione)
q26 binomio appartenenza clima alta intensit qualifica psicologo struttura media protezione

In accordo col disegno il compilatore assegna valori molto elevati alla maggior parte degli items del quetionario. Da sottolineare la percezione che venga meno la capacità di lavorare in gruppo e che si faccia di testa propria. . E’ curioso inoltre il dato mancante all’item 20 (sente che il resto del gruppo tiene conto della sua opinione) considerato il ruolo ricoperto dal compilatore all’interno dell’equipe (vedi qualifica).

Q26(Binomio: appartenenza-Clima: alta intensità-Qualifica: psicologo-Struttura: media protezione)
q62 binomio isolamento clima critico qualifica operatore struttura bassa protezione

Le risposte fornite al questionario non concordano col clima evocato dal disegno, descrivono un clima emotivo positivo all’interno di un gruppo percepito come capace di lavorare insieme e guidato da una leadership adeguata. L’elevato disaccordo tra clima evocato dal disegno e risposte fornite al questionario rende complessa l’interpretazione dei dati, il disegno potrebbe essere rivisto interpretando il momento della riunione d’equipe come un “rispecchiarsi”, forse più in linea con il clima positivo percepito dal compilatore. Da notare anche che l’immagine riflessa nello specchio è un volto sorridente.

Q62 (Binomio: isolamento-Clima: critico- Qualifica: operatore -Struttura: bassa protezione)
cooperazione agonismo
COOPERAZIONE (Q13)

AGONISMO

  • Non sono presenti disegni classificati come AGONISMO
Cooperazione-Agonismo
org flessibile org rigida
ORGANIZZAZIONE FLESSIBILE (Q2)

ORGANIZZAZIONE RIGIDA

  • Non sono presenti disegni classificati come ORGANIZZAZIONE RIGIDA
Org. Flessibile-Org. Rigida
individuazione fusionalit
INDIVIDUAZIONE (Q5)

FUSIONALITA’

  • Non sono presenti disegni classificati come FUSIONALITA’
Individuazione-Fusionalità
q5 binomio individuazione clima positivo qualifica operatore struttura media protezione

Il compilatore attribuisce infatti valore negativo alla capacità della leadership di favorire la comunicazione tra i diversi membri dell’equipe, assegna valore 2 (in una scala Likert da 1 a 6) all’item 25. Le risposte al questionario in generale confermano la percezione di un clima positivo, ma non concordano pienamente con il binomio rappresentativo individuazione in quanto il ruolo della leadership appare a tratti non adeguato o appena sufficiente alla crescita della professionalità degli operatori ed al valorizzare il contributo di ciascuno.

Q5 (Binomio: individuazione-Clima: positivo- Qualifica: operatore-Struttura: media protezione)
integrazione scissione
INTEGRAZIONE

SCISSIONE

  • Non sono presenti disegni classificati come SCISSIONE
Integrazione-Scissione
clima terapeutico lighea

CT Lighea pensata come spazio affettivo. Luogo della ritualità. Il susseguirsi di atti quotidiani garantisce validità terapeutiche di tutte le relazioni e attività svolte quotidianamente in ambito comunitario. Molte rappresentazioni grafiche riportano una chiara distinzione dei ruoli e delle funzioni interne al gruppo e rimandano al senso di appartenenza, alla cooperazione e alla coesione, elementi caratteristici di un clima familiare.

Clima terapeutico lighea
lessico familiare

Lo psichiatra accoglie la parte malata dell’ospite

L’operatore gioca la parte del fratello/sorella maggiore, complice o alleato dell’ospite (fratello minore)

Il Direttore di Comunità assume ruolo di una mamma sufficientemente buona, una guida accogliente e affettiva

Il Direttore Scientifico riveste il ruolo paterno, la norma, il limite, l’aggancio col mondo esterno e le sue regole.

N.B. In ogni famiglia emergono criticità.

lessico familiare
clima mutevole

Setting terapeutico ricco di personaggi. Differenti ruoli che a seconda del momento sono figura o sfondo della scena terapeutica.

  • clima estremamente mutevole
  • Cambiamenti fisiologici della vita comunitaria spesso troppo rapidi o violenti fanno oscillare il setting terapeutico attraverso momenti di clima non-critico e momenti di clima critico
  • Riduttivo definire clima tp con segno + o –
Clima mutevole
clima mutevole1

La realizzazione di un clima terapeutico positivo non equivale quindi alla messa in atto di un trattamento perfetto, ma di un consapevole monitoraggio, sistematico e continuo, delle possibili criticità.

Il lavoro con pazienti psichiatrici gravi è un lavoro che procede lentamente attraverso continui aggiustamenti----comefunamboli ricerca costante dell’equilibrio in attesa del momento giusto per ripartire.

clima mutevole
leadership e lavoro in gruppo

I valori medi assegnati al cluster che indaga la leadership e la capacità di lavorare in gruppo si collocano nel versante positivo della scala e mostrano la presenza di una leadership forte, anche se spesso percepita non sempre pienamente in grado di favorire la comunicazione interna al gruppo e coinvolgere gli operatori nel processo di approvazione delle politiche operative, delle procedure e delle regole della comunità terapeutica.

Leadership e lavoro in gruppo
fuga nell anonimato

Significative le risposte fornite al questionario da due responsabili di struttura . Si percepisce la presenza di un leader carismatico.

RischioFuga nell’anonimato (Correale)

Alcuni disegni del campione, in questo senso, potrebbero essere definiti anonimi. Questi disegni evocano un clima freddo, privo di emozioni e i gruppi sono rappresentati in modo stereotipato. La disposizione circolare, ad esempio, potrebbe descrivere più un atteggiamento conforme che una concreta partecipazione.

Fuga nell’anonimato
leader figura di confine

Correale paragona il leader ad una figura borderline, “cioè una figura che sta con un piede dentro e un piede fuori, sul confine, perché se sta tutto dentro il gruppo diventa garante soltanto dei meccanismi di appartenenza, se sta tutto fuori diventa leader idealizzato che però il gruppo non può utilizzare perché inafferrabile”

Operatore deve poter superare la paura di individualizzarsi

Leader FIGURA DI CONFINE
caso lighea 3

Le cinque equipe a confronto mostrano un funzionamento e un clima terapeutico simile, da notare la presenza di un clima emotivo più negativo, caratterizzato da maggiore criticità, nel gruppo curante della Lighea 3. E’ significativo, che a distanza di qualche mese dalla somministrazione dei questionari, sono stati apportati dei cambiamenti importanti riguardo la composizione dell’equipe: alcuni operatori sono stati inseriti in altri gruppi di lavoro e la direzione della struttura è stata affidata ad un altro psicologo/psicoterapeuta. Segno della presenza di una riflessione interna al gruppo già in atto al momento della nostra indagine.

Caso lighea 3
residenzialita leggera

Non appaiono differenze significative in relazione ai diversi livelli di protezione delle strutture. Anche se dall’analisi dei dati forniti, l’equipe della residenzialità leggera, mostra:

  • un gruppo con un alto livello di funzionamento interno
  • la presenza di una leadership adeguata e in ascolto
  • un clima terapeutico positivo caratterizzato da criticità non rilevanti
  • Riteniamo che la dimensione ridotta rispetto agli altri gruppi di lavoro, il maggiore livello di autonomia degli ospiti degli appartamenti e la mole di lavoro ridotto per gli operatori (2 ore al giorno max) influenzi positivamente il clima terapeutico.
Residenzialita’ leggera
prospettive

La nascita delle comunità terapeutiche in Italia come reazione antimanicomiale ha fortemente rallentato la diffusione di una cultura della valutazione e della ricerca nei servizi pubblici e in particolare nelle comunità terapeutiche

PROSPETTIVE
prospettive1

Valutazione del clima terapeutico come step iniziale di un lavoro di valutazione e ricerca più ampio e strutturato

portare la riflessione interna alle comunità terapeutiche all’esterno, tradurla in un linguaggio comune al fine di lasciare una traccia condivisa del lavoro fatto

Caso Lighea. 25 anni di storia ma dimensione auto valutativa

prospettive
studi follow up

studi di follow up, con valutazione iniziale e finale dei pazienti mediante l’uso di strumenti validati e diffusi. esempio SCL-90 (Symptom Checklist-90)

Scelta deve tenere conto del quadro psicopatologico dello specifico paziente. Questo ci permetterebbe di valutare non solo l’efficacia del trattamento in termini generali, ma anche la specifica risposta di uno specifico paziente ad uno specifico clima terapeutico.

Studi follow up
rapporto costi benefici

studio contemporaneo (Dolanet al. 1996) “... rileva come le spese per il trattamento in CT di un anno vengano ammortizzate in due anni (valutazione con follow up) dal contenimento dei costi sociali per il ridotto utilizzo dei servizi dopo le dimissioni ”

RAPPORTO COSTI BENEFICI
visiting

Associazione Mito&Realtà, ispirandosi all’esperienza inglese, ha avviato il progetto Visiting.

Metodo di ricerca azione.

Il progetto, in un’ottica che vede formazione, attività clinica e valutazione strettamente collegate, cerca di costruire una rete italiana delle comunità, capace di garantire in un clima di reciproco supporto la possibilità di osservare la pratica, scambiarsi le idee e discutere i problemi che le comunità affrontano .

visiting
slide71

Il modello di intervento costruito da Lighea in questi anni vanta sicuramente buoni risultati nella cura dei pazienti psichiatrici gravi. Un modello troppo legato al contesto che per sua natura è difficilmente replicabile.