slide1 l.
Download
Skip this Video
Loading SlideShow in 5 Seconds..
Fondazione Emanuele Casale PowerPoint Presentation
Download Presentation
Fondazione Emanuele Casale

Loading in 2 Seconds...

play fullscreen
1 / 25
march

Fondazione Emanuele Casale - PowerPoint PPT Presentation

121 Views
Download Presentation
Fondazione Emanuele Casale
An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author. While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.

- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript

  1. Fondazione Emanuele Casale Scuola di Notariato dei Distretti Notarili della Campania Diritto Commerciale anno 2008/2009 Mario Campobasso I CONFERIMENTI

  2. I CONFERIMENTI NELLA S.P.A. • PRINCIPIO DI EFFETTIVITA’ DEL CAPITALE • garantire che i conferimenti vengano effettivamente acquisiti dalla società; • garantire che il valore ad essi assegnato sia veritiero.

  3. Conferimenti in denaroVersamento • 25% depositati in banca prima della stipula; • Integrale versamento del soprapprezzo (arg. ex art. 2439) • Costituzione unipersonale: integrale versamento dei conferimenti. Costituzione • 25% versati alla società prima della sottoscrizione; • Integrale versamento del soprapprezzo (art. 2439) Aumento

  4. Le azioni non interamente liberate devono essere nominative e devono recare sul titolo l’indicazione dei versamenti ancora dovuti (2354, 3° comma, n. 3). L’alienante risponde in solido con l’acquirente per tre anni: art. 2356. Gli amministratori possono richiamare in qualsiasi momento i conferimenti ancora dovuti rispettando il principio di parità di trattamento.

  5. Socio moroso(art. 2344) Azione coattiva di adempimento Diffida in G.U. 15 gg. Sospensione del voto Vendita in danno. Offerta ai soci per un corrispettivo non inferiore ai conferimenti dovuti Decadenza del socio con trattenimento delle somme versate Vendita a terzi a mezzo banca o intermediario di borsa. Prezzo ? Entro il medesimo esercizio le azioni devono essere rimesse in circolazione oppure vanno annullate

  6. Conferimenti in natura Art. 2342, 5° comma: Non possono formare oggetto di conferimento le prestazioni di opera o di servizi Art. 2342, le azioni devono essere integralmente liberate al momento della sottoscrizione. Integrale liberazione significa che il socio deve porre in essere tutti gli atti necessari affinché la società acquisti la titolarità e la piena disponibilità del bene conferito al momento della sottoscrizione. L’integrale liberazione non è esclusa dal permanere di obblighi accessori di collaborazione da parte del socio.

  7. Entità conferibili ESCLUSE AMMESSE Diritti di godimento ? Beni futuri Beni immateriali ? Beni generici Know how ? Beni altrui Prestazioni periodiche di dare

  8. Il procedimento di stima(art. 2343, 1° comma) Chi conferisce beni in natura o crediti deve presentare la relazione giurata di un esperto designato dal tribunale nel cui circondario ha sede la società, contenente la descrizione dei beni o dei crediti conferiti, l’attestazione che il loro valore è almeno pari a quello ad essi attribuito ai fini della determinazione del capitale sociale e dell’eventuale soprapprezzo e i criteri di valutazione seguiti. La relazione deve essere allegata all’atto costitutivo. Quali criteri di valutazione ? Quando “scade” la valutazione ? Quando deve essere presentata ? Controllo notarile sulla stima ? E in caso di omissione ?

  9. La revisione della stima (art. 2343, 3° comma) Gli amministratori devono, nel termine di centottanta giorni dalla iscrizione della società, controllare le valutazioni contenute nella relazione indicata nel primo comma e, se sussistono fondati motivi, dovono procedere alla revisione della stima Riduzione del capitale con annullamento delle azioni scoperte Minusvalenza oltre il quinto Conguaglio in denaro Recesso del socio (ex nunc ?) con eventuale restituzione del bene apportato

  10. Esenzione dall’obbligo di stima Artt. 2343-ter e –quater (introdotti dal d.lgs.4-08-2008, in attuazione della dir. 2006/68/CE)

  11. Art. 2343-ter 1) Valori mobiliari quotati conferiti a prezzo di mercato

  12. Nel caso di conferimento di valori mobiliari ovvero di strumenti del mercato monetario non è richiesta la relazione di cui all'articolo 2343, primo comma, se il valore ad essi attribuito ai fini della determinazione del capitale sociale e dell'eventuale sovrapprezzo è pari o inferiore al prezzo medio ponderato al quale sono stati negoziati su uno o piu' mercati regolamentati nei sei mesi precedenti il conferimento.

  13. Art. 2343-ter 1) Valori mobiliari quotati conferiti a prezzo di mercato 2) Beni conferiti al fair value risultante da un bilancio certificato

  14. Non è altresì richiesta la relazione di cui all'articolo 2343,primo comma, qualora il valore attribuito, ai fini della determinazione del capitale sociale e dell'eventuale sovrapprezzo, ai beni in natura o crediti conferiti, diversi da quelli di cui al primo comma, corrisponda: a) al valore equo ricavato da un bilancio approvato da non oltre un anno, purché sottoposto a revisione legale e a condizione che la relazione del revisore non esprima rilievi in ordine alla valutazione dei beni oggetto del conferimento

  15. Art. 2343-ter 1) Valori mobiliari quotati conferiti a prezzo di mercato 2) Beni conferiti al fair value risultante da un bilancio certificato 3) Beni conferiti valore di precedente stima

  16. b) al valore equo risultante dalla valutazione, precedente di non oltre sei mesi il conferimento e conforme ai principi e criteri generalmente riconosciuti per la valutazione dei beni oggetto del conferimento, effettuata da un esperto indipendente da chi effettua il conferimento e dalla società e dotato di adeguata e comprovata professionalità.

  17. Conferimento in natura senza stimaPROCEDIMENTO Il socio sottoscrive le azioni ed effettua il conferimento, e presenta la documentazione comprovante il valore e le condizioni per l’esonero da stima Entro trenta giorni gli amministratori verificano il valore e le condizioni del conferimento senza stima. Gli amministratori iscrivono la dichiarazione dell’art. 2343-quater e svincolano le azioni Gli amministratori chiedono una nuova valutazione

  18. Richiesta di nuova valutazione Art. 2343-quater 1) Fatti che incidono sul valore degli strumenti finanziari quotati

  19. Gli amministratori verificano, nel termine di trenta giorni dalla iscrizione della società, se, nel periodo successivo a quello di cui all'articolo 2343-ter, primo comma, sono intervenuti fatti eccezionali che hanno inciso sul prezzo dei valori mobiliari o degli strumenti del mercato monetario conferiti in modo tale da modificare sensibilmente il valore di tali beni alla data effettiva del conferimento, comprese le situazioni in cui il mercato dei valori o strumenti non è più liquido ?

  20. Richiesta di nuova valutazione Art. 2343-quater 1) Fatti che incidono sul valore degli strumenti finanziari quotati 2) Fatti sopravvenuti alla stima o all’approvazione del bilancio 3) Mancanza di professionalità o indipendenza dell’esperto

  21. Nuova valutazione su richiesta della minoranza (art. 2440-bis) Gli amministratori deliberano l’AUMENTO DELEGATO DI CAPITALE con apporto di conferimenti in natura senza stima, ed iscrivono nel registro delle imprese la dichiarazione dell’art. 2343-quater. Il conferimento non può essere effettuato prima di trenta giorni dall’iscrizione. I soci non chiedono una nuova valutazione. Gli amministatori pubblicano l’attestazione dell’aumento di capitale e congiuntamente la dichiarazione che non sono sopravvenuti fatti rilevanti I soci che rappresentano il 5% del capitale chiedono una nuova valutazione.

  22. IL PROBLEMA DELLA MANCATA ATTUAZIONE DEI CONFERIMENTI IN NATURA Il conferente in proprietà deve prestare alla società le garanzie della vendita per evizione (1479-1483), gravami non dichiarati al momento del contratto (1495), vizi (1490) e mancanza di qualità (1497) ex art. 2254. Cosa succede quando operano tali garanzie ? TESI A: Il socio viene escluso o la sua partecipazione si riduce proporzionalmente TESI B: Il socio ha facoltà di evitare l’esclusione o la riduzione della partecipazione mediante integrazione in denaro del valore del conferimento TESI C: Il socio ha l’obbligo di integrare in denaro il valore del conferimento con applicazione dell’art. 2344

  23. IL PROBLEMA DELLA COMPENSAZIONE DEL DEBITO DA CONFERIMENTO La compensazione - Non è assimilabile al conferimento di credito - Non comporta lesione dell’integrità e dell’effettività del capitale - Può essere utile per ristrutturare l’esposizione debitoria della società

  24. Gli acquisti pericolosi(art. 2343-bis) • Presupposti • 2 anni dall’iscrizione della società • controvalore non inferiore al 10% del capitale • acquisti da soci, promotori, fondatori, amministratori • Cautele: • Autorizzazione assembleare • Perizia giurata dell’esperto nominato dal Tribunale • Esenzioni: • acquisti a condizioni normali nell’ambito delle operazioni correnti • acquisti su mercati regolamenti o effettuati sotto controllo di autorità giudiziaria e amministrativa. • Contratto di opera o servizi ? Sanzioni Responsabilità degli amministratori e dell’alienante

  25. Le prestazioni accessorie(Art. 2345) Oltre l’obbligo dei conferimenti, l’atto costitutivo può stabilire l’obbligo dei soci di eseguire prestazioni accessorie non consistenti in danaro, determinandone il contenuto, la durata, le modalità e il compenso, e stabilendo particolari sanzioni per il caso di inadempimento. Nella determinazione del compenso devono essere osservate le norme applicabili ai rapporti aventi ad oggetto le stesse prestazioni. Limiti alla circolazione Le modifiche all’unanimità Sanzioni per l’inadempimento