slide1 n.
Download
Skip this Video
Loading SlideShow in 5 Seconds..
Ft. Ugo Cavina PowerPoint Presentation
Download Presentation
Ft. Ugo Cavina

Loading in 2 Seconds...

play fullscreen
1 / 66

Ft. Ugo Cavina - PowerPoint PPT Presentation


  • 119 Views
  • Uploaded on

Ruolo delle stimolazioni propriocettive nel progetto riabilitativo. Ft. Ugo Cavina. ORGANIZZAZIONE DEL MOVIMENTO VOLONTARIO LA COORDINAZIONE

loader
I am the owner, or an agent authorized to act on behalf of the owner, of the copyrighted work described.
capcha
Download Presentation

PowerPoint Slideshow about 'Ft. Ugo Cavina' - cassady-beasley


An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript
slide2

ORGANIZZAZIONE

DEL MOVIMENTO

VOLONTARIO

LA COORDINAZIONE

Per Meinel coordinazione è "la sintesi di tutti i processi parziali dell'atto motorio rispetto all'obbiettivo e allo scopo che si deve raggiungere eseguendo il movimento"

K.MEINEL Teoria del movimento ed. S.S.S. Roma

Oppure secondo Berstein "la coordinazione è l'organizzazione della controllabilità dell'apparato motorio"

slide3

ATTO

MOTORIO

Input

sensoriale

Processi sensoriali

legati allo stimolo

in entrata

Processi

percettivi

Identificazione ed

elaborazione dello stimolo

Feedback di controllo

Scelta della risposta da

mettere in atto

Processi

motori

Caricamento e perfezionamento

del programma motorio

di risposta

Risposta motoria

Esecuzione della risposta

slide4

LE COSTANTI CHE GUIDANO IL MOVIMENTO SONO :

il senso

il significato del compito motorio

l'anticipazione del risultato che si vuole ottenere.

slide5

Saranno esse a determinare il programma motorio

Berstein introduce così il concetto di immagine o rappresentazione del risultato.

Concetto che le attuali conoscenze permettono di ampliare in quello di…

immagine motoria

immagine motoria

Definizione :

IMMAGINE MOTORIA

“L’immagine motoria è la simulazione mentale di un movimento in assenza di macroscopica attivazione muscolare”

Jeannerod 1995

O più generalmente … “è una rappresentazione

astratta della sequenza di un’azione”

slide7

Potremmo anche dire che per eseguire un movimento in maniera fluida ed armoniosa, è necessaria una corretta sequenza temporale nell’attivazione dei vari muscoli interessati.

Soltanto quando la sequenza di attivazione ed inibizione degli impulsi inviati ai muscoli agonisti e antagonisti è perfettamente sincronizzata si può parlare di controllo motorio nella sua forma più completa ed evoluta.

slide8

CONTROLLO MOTORIO IPOTIZZATO

SECONDO DUE MODELLI :

TEORIA DEL CONTROLLO PERIFERICO

(controllo motorio a circuito chiuso)

TEORIA DEL CONTROLO CENTRALE

(controllo motorio a circuito aperto)

slide9

In generale si può affermare che il sistema a circuito chiusosembra essere la spiegazione più idonea permovimenti complessi e di lunga durata, mentre l’ipotesi di una modalità di controllo a circuito aperto è la più plausibile per l’esecuzione dimovimenti veloci

slide10

IL PROCESSO DI SOLUZIONE

La natura reale del processo d'esercitazione, necessario per riuscire a controllare una nuova abilità motoria, consiste nella graduale ricerca delle soluzioni motorie ottimali del compito delle quali ci si deve impadronire.

slide11

Perciò un esercizio riabilitativo impostato correttamente NON consiste nel ripetere ogni volta i “mezzi", ma bisogna attivare il “processo di soluzione del compito motorio”,con mezzi che vengono cambiati e perfezionati volta per volta

slide12

Da queste considerazioni potremo dire che un corretto esercizio riabilitativo atto a riprogammare un gesto motorio, dovrà avere la caratteristica particolare di “ripetizione senza ripetizione”, e un insegnamento motorio, che ignorasse questo principio, rappresenterebbe solo una ripetizione puramente meccanica

… e una considerazione importante sulle possibilità di affinamento della coordinazione...

slide13

IL GRADO DI CORRETTEZZA OBBIETTIVA

Il presupposto decisivo per la riuscita o il fallimento dell'azione da eseguire è il grado di correttezza ( fedeltà) obiettiva dell'informazione

slide14

Il movimento, è sempre il risultato di un’azione coordinata dalla contrazione muscolare e dal feed-back di ritorno realizzato dalle strutture sensitive

al fine di eseguire un gesto finalizzato, coordinato ed efficace

slide15

Il successo o l'insuccesso di ogni attività motoria diretta alla soluzione di un problema di movimento porta ad un perfezionamento progressivo del gesto motorio grazie ad un esame incrociato dei dati di questa sintesi sensoriale in tutte le sue componenti.

slide16

Per comprendere quanti e quanto raffinati e affinabili siano gli strumenti che abbiamo a disposizione per strutturarci e ristrutturarci attraverso il movimento, adattandoci alle problematiche dell'ambiente o adattando l'ambiente alle nostre esigenze, è necessario conoscere questi strumenti o analizzatori.

slide17

I CANALI DI PERCEZIONE

Qualcuno percepisce il mondo principalmente tramite la vista, altri attraverso l'udito e altri ancora tramite il tatto. La realtà viene di solito percepita dal canale predominante che, nella cultura

occidentale, è la vista seguita dall'udito

slide18

Propriocettività è un termine introdotto da Sherrington per descrivere gli ingressi sensoriali che originano, nel corso di movimenti guidati da particolari strutture:

i propriocettori

La loro funzione principale è di fornire informazioni di retroazione sui movimenti propri dell'organismo, in altre parole di segnalare, istante per istante, quali siano i movimenti che l'organismo stesso sta compiendo

slide19

La sensibilità propriocettiva riguarda l’insieme d’informazioni sulla posizione ed il movimento del corpo

quelle sul movimentocaratterizzano invece un tipo particolare di sensibilità propriocettiva denominata sensibilità cinestesica

le informazioni sullaposizione caratterizzano la sensibilità propriocettiva vera e propria

slide20

Quando si subisce un trauma possono insorgere non solo lesioni fisiche ma l'organismo può perdere e/o diminuire la sua capacità di valutare bene le informazioni che arrivano dall'esternoe i recettori inviano al sistema nervoso centrale sensazioni di qualità inferiore e qualitativamente distorte

Ripristinare tale capacità tramite l'esercizio propriocettivo consente non solo di completare il ripristino globale della funzionalità dell'arto, ma anche di limitare il rischio di recidive

slide21

I sistemi su cui convergono le informazioni sensitive hanno compiti differenti:

  • la corteccia cerebrale ha come scopo una elaborazione propriocettiva cosciente
  • il midollo spinale fornisce una risposta riflessa
  • il cervelletto è deputato al controllo degli automatismi motori.
slide22

Si parla di sensibilità incoscientese le informazioni non giungono alla corteccia cerebrale, ma a centri sottostanti, e quindi gli stimoli vengono percepiti in modo vago o apparentemente non vengono percepiti, e ad essi non si potranno dare risposte volontarie.

La sensibilità si definisce cosciente se le informazioni, giunte alla corteccia cerebrale, vengono decodificate e valutate in modo da poterci mettere in relazione con la sorgente della stimolazione

slide23

E’ in gran parte sulla base delle informazioni sensitive coscienti confrontate con la memoria e l’esperienza, che si elaborano importanti strategie motorie.

slide24

PER ESEMPIO…

Quando si solleva un corpo,

la presa della mano varia dipendentemente dalla forma

e dalla consistenza…

Forza di Presa

Successivamente entra in azione la

Forza di Sollevamento,

ed una volta entrate in azione entrambe variano in sincronia mantenendo un rapporto costante.

Questo rapporto rimane invariato durante tutto l’arco di movimento, aggiustando in continuazione la sincronia di attivazione dei vari muscoli interessati.

slide25

Il differente comportamento della forza di presa durante questo tipo di movimenti suggerisce una considerazione importante…

gli stessi muscoli possono mettere in atto differenti progetti motori adattandosi alle informazioni sensitive in arrivo

slide26

Il solo controllo motorio, privato della guida sensitiva, porterebbe ad un movimento non solo inutile, ma disarticolato e completamente privo di significato !

esercizi propriocettivi in riabilitazione
ESERCIZI PROPRIOCETTIVI IN RIABILITAZIONE…?

L’obiettivo che perseguiamo dando stimoli propriocettivi, è la riorganizzazione dell’atteggiamento umano nei confronti degli stimoli esterni afferenti, si cercherà così di creare di nuovo un corretto rapporto fra il corpo e l’ambiente che lo circonda in base ai diversi obiettivi da raggiungere

slide28

Il soggetto deve formulare un’ipotesi percettiva, eseguire il movimento, e successivamente effettuare il confronto tra quanto ipotizzato e quello effettivamente percepito.Tale confronto fa capire al soggetto le differenze statico-dinamiche tra l’ipotesi teorica e l’esecuzione pratica dell’esercizio con lo scopo di ricostruire una capacità cognitiva finalizzata alle esigenze della propria vita quotidiana o della propria specialità sportiva.

slide29

Per mettere in pratica tutto questo in riabilitazione dovremo agire di volta in volta su stadi diversi

  • di apprendimento delle abilità motorie che cerchiamo di ripristinare :
  • Fase cognitiva
  • Fase associativa
  • Fase di automazione
fase cognitiva
FASE COGNITIVA

Il modo più diretto per insegnare una data attività

motoria, è quello di dare una dimostrazione pratica

dell’attività stessa, cioè mimare il movimento

In questa prima fase di apprendimento motorio, sono ancora necessarie

l’impiego di risorse “attentive” molto alte,le quali dovranno isolare e memorizzare i

“sub-movimenti”singolarmente

slide31

Mimando il movimento richiesto, si attiva

un processo di “imitazione” il quale favorisce

l’apprendimento delle azioni e, di conseguenza,

l’acquisizione del modo in cui svolgerle

  • Intesa in questi termini, l’imitazione prevede
  • alcune specifiche fasi :
  • osservare qualcuno che compie un movimento
  • individuare un piano per agire
  • implementare e specificare il piano usando
  • i propri mezzi
  • eseguire l’atto motorio
fase associativa
FASE ASSOCIATIVA

I singoli movimenti appresi nella fase precedente, si fondono in un unico insieme

fluidificando ed armonizzando il movimento nel suo complesso

fase di automazione
FASE DI AUTOMAZIONE

Sono definiti “movimenti chiusi”, tutti quei movimenti messi in atto all’interno di un ambiente stabile dove tutte le varianti sono predicibili

Si hanno “movimenti aperti” quando il contesto ambientale presenta fattori che possono cambiare continuamente facendo così risultare l’ambiente turbolento e non predicibile

Il passaggio da movimento “aperto” a “chiuso” rappresenta in pratica il processo di automazione

slide34

Le linee guida per una corretta rieducazione propriocettiva sono :

  • Il soggettodeve essere collaborativo
  • Eseguire 2sedute al giorno da 20 minuti
  • Tonomuscolare sufficiente
  • Recupero completo del ROM
  • Proseguirealmeno 3 settimane dopo la
  • guarigione dal trauma con la stessa
  • frequenza
  • Bisognapoi continuare con sedute di
  • mantenimento a frequenza bisettimanale
slide35

La durata abbastanza lunga e la ripetitività giornaliera dell’allenamento sono date dal fatto che si sta lavorando sul sistema nervoso, e quindi, c’è bisogno di ritrovare una logica perduta nel trauma e ripristinare schemi motori fisiologici al posto di quelli instaurati successivamente al trauma

slide36

RIABILITAZIONE PROPRIOCETTIVA

DELL’ARTO INFERIORE

L'equilibrio mantenuto nella postura eretta è un tipico ed importante esempio di come tutti i meccanismi di controllo ( propriocettivi e non ) sono coinvolti.

slide37

“Per equilibrio s´intende quella capacità coordinativa speciale, per mezzo della quale é possibile svolgere compiti motori su superfici d´appoggio limitate o sotto la spinta di forze esterne che ne disturbano l´esecuzione”

L´equilibrio interessa tutti gli sport e tutte le azioni della vita comune nella sua espressione di "mantenimento della postura ed é una capacità che va sviluppata dalla nascita e continuamente stimolata perchè tende ad involvere con l´età.

L´equilibrio si manifesta in forme diverse:

statico, ovvero la capacità di mantenere una data posizione su base riflessa

dinamico,ossia la capacità di mantenere una determinata posizione con il corpo in movimento, sfruttando il grado di sviluppo dello schema corporeo e della strutturazione temporo-spaziale

slide38

L´equilibrio é un´espressione complessa delle capacità coordinative, in cui rientrano più fattori, l´informazione visiva, tattile ecc. dando vita a reazioni che sono a cavallo tra le riflesse e le automatiche,

per sviluppare le quali sarà opportuno esercitarsi a compiere attività in situazioni poco agevoli

slide39

In seguito ad un trauma, la lesione di alcune fibre capsulari e tendinee, l'insorgenza di edema delle strutture e gli stimoli dolorosi alterano il sistema di controllo e modulazione della risposta motoria, aumentando i rischi di recidive a carico dell'articolazione colpita.

"LA POTENZA E' NULLA

SENZA IL CONTROLLO !"

Per imparare a conoscere come agiscono i meccanismi propriocettivi, è necessario"ascoltare" quello che è trasmesso, sensorialmente, dal piede, che è la regione del nostro corpo in grado di fornire il maggior numero d'informazioni propriocettive derivanti dai recettori situati nella parte anteriore del tallone, sotto la testa dei metatarsi, sotto l'alluce e nei muscoli lombricali del piede.

slide40

Il piede è un complesso sistema in equilibrio; la sua struttura ad archi, conferisce al sistema stesso un continuo stato di "allarme" che può essere percepito prestando attenzione a quello che trasmette il piede in appoggio, quando si assume la posizione eretta, con un arto sollevato e piegato.

quali esercizi propriocettivi proporre in riabilitazione
QUALI ESERCIZI PROPRIOCETTIVI PROPORRE IN RIABILITAZIONE

Tutte le esercitazioni per la rieducazione hanno come "base" il piede e devono essere proposteevitandodi indossare le scarpe, ciò affinché le sensazioni propriocettive non siano "distorte" dalla calzatura.

slide46

SEQUENZA DI ESERCIZI

A DIFFICOLTA'

CRESCENTE

"L'equilibrio dipende più dalla capacità individuale di recuperarlo quando lo si è perso, piuttosto che dall'abilità a non perderlo"

slide47

sarà inoltre importante variare il più possibile gli stimoli stessi cambiando i parametri del movimento

(asse, “R.O.M." e velocità)

slide48

DI SEGUITO UN

ESEMPIO DI ESERCIZI A

DIFFICOLTA' CRESCENTE

STAZIONE ERETTA CON DOPPIO APPOGGIORitti, in doppio appoggio sull'attrezzo, mantenere una posizione d'equilibrio 

slide50

CON SINGOLO APPOGGIORitti, in appoggio sull'attrezzo con un solo arto, mantenere una posizione d'equilibrio

LANCIO AL MURORitti sull'attrezzo, lanciare un pallone contro il muro (o ad un compagno) e riprenderlo al volo

slide51

DEAMBULAZIONE TRA ATTREZZIDa ritti, in appoggio su un attrezzo, camminare passando da un attrezzo all'altro

DEAMBULAZIONE CON DOPPIO PALLEGGIODa ritti, in appoggio su un attrezzo, un

pallone in ogni mano, camminare come

sopra palleggiando contemporaneamente

con ambedue i palloni

slide52

SALTO SU ATTREZZODa ritti, in appoggio al suolo,

saltare su un attrezzo

CIRCUITI A DIFFICOLTA’

VARIABILI

Da ritti, in appoggio su

un attrezzo, passare da un attrezzo all’altro in equilibrio

prevenzione
PREVENZIONE

Lo scopo delle esercitazioni preventive deve essere quello di rendere più rapido ed automatico il controllo della muscolatura in considerazione del fatto che durante il movimento si possono sviluppare azioni imprevedibili e talvolta violente.

slide54

RACHIDE LOMBARE

Le alterazioni a carico della colonna vertebrale (tratto cervicale, dorsale, e lombo sacrale) rappresentano, sotto il profilo sociale (assenze per malattia, cure, invalidità), uno dei principali problemi sanitari e possono interessare fino all’80% della popolazione

slide55

GLI OBIETTIVI DELLA RIABILITAZIONE NELLA LOMBALGIA:

- Trattare il dolore con mezzi che riducano il riposo al letto e la dipendenza dai farmaci.

- Migliorare la funzionalità vertebrale e rieducare la postura.

- Insegnare una corretta ergonomia vertebrale nella vita quotidiana e nel lavoro.

- Insegnare al paziente l'autogestione delle manifestazioni a carattere cronico ed infondere fiducia nelle proprie capacità fisiche.

- Ritorno veloce alle normali attività lavorative e domestiche.

slide56

Tecniche posturali statiche volte alla coscientizzazione di un corretto assetto del bacino e dei segmenti rachidei

slide57

Un approccio di tipo

dinamico-funzionale, ha portato a considerare nuovi metodi per la valutazione, il ripristino e l’allenamento della stabilità funzionale del sistema colonna-bacino.

slide61
ANCHE NELLA FASE SUCCESSIVA DI “MANTENIMENTO” SI POSSONO E DEVONO AVERE STIMOLAZIONI CHE CONTINUANO A MIGLIORARE IL CONTROLLO DINAMICO
arto superiore
ARTO SUPERIORE

LA SPALLA HA CARATTERISTICHE

UNICHE

esercizi propriocettivi
ESERCIZI PROPRIOCETTIVI

RAGGIUNGIMENTO

DI OBBIETTIVI

OCCHI APERTI/CHIUSI

ASSISTITI

LIBERI