slide1
Download
Skip this Video
Download Presentation
AFFETTI E AMORI

Loading in 2 Seconds...

play fullscreen
1 / 32

AFFETTI E AMORI - PowerPoint PPT Presentation


  • 188 Views
  • Uploaded on

AFFETTI E AMORI. DI SAFFO. !. LA FAMIGLIA DI SAFFO. La famiglia di Saffo era di origini aristocratiche. Scamandrònimo e Cleide. Figli. Saffo. Larico. Erigio. Carasso. SCAMANDRONIMO.

loader
I am the owner, or an agent authorized to act on behalf of the owner, of the copyrighted work described.
capcha
Download Presentation

PowerPoint Slideshow about 'AFFETTI E AMORI' - bruno


An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript
slide2
!

LA FAMIGLIA DI SAFFO

scamandr nimo e cleide
Scamandrònimo e Cleide

Figli

Saffo

Larico

Erigio

Carasso

slide5
SCAMANDRONIMO

Scamandronimo era il padre di Saffo. Il suo nome deriva dal fiume Scamandro che scorre nella vicina terra dell’Asia Minore.

Ovidio riferisce che Saffo sia rimasta orfana

all’ età di sei anni.

slide6
CARASSO

Carasso,il fratello maggiore di Saffo, fu un mercante e,secondo Erodoto, causò la sua rovina economica per amore della cortigiana Rodopi e per questo ricevette un rimprovero dalla sorella in un componimento di cui ci resta un ampio frammento, nel quale...

slide7
Saffo prega la divinità

affinchè il fratello Carasso torni sano e salvo a casa,

e maledice la ragazza Dorica.

slide8
« O Cipride, o Nereidi, sano e salvofate che mi ritorni il mio fratello,e quante cose nel suo cuore brama,si adempian tutte,[...]Cipride, molto amara ella ti trovi!Fa che Dorica non si vanti maid'aver colto l'amor desideratoun'altra volta. »
slide15
“Saffo, Eros ha scosso

la mia mente come il vento che giù

dal monte batte sulle querce. Dolce madre, non posso più

tessere la tela domata nel cuore dall'amore

di un giovane: colpa della soave Afrodite. Sei giunta, ti bramavo, hai dato ristoro alla mia anima bruciante di desiderio.”

slide16
In Saffo il tema dell’amore è dominante ed è
  • visto come forza che sconvolge i sensi e la mente,
  • e che trova le sue occasioni poetiche nella gelosia
  • o nella contemplazione della bellezza delle fanciulle.
slide17
.

“Simile a un dio mi sembra quell'uomoche siede davanti a te, e da vicinoti ascolta mentre tu parlicon dolcezzae con incanto sorridi. E questofa sobbalzare il mio cuore nel petto.Se appena ti vedo, subito non possopiù parlare:la lingua si spezza: un fuocoleggero sotto la pelle mi corre:nulla vedo con gli occhi e le orecchiemi rombano:un sudore freddo mi pervade: un tremoretutta mi scuote: sono più verdedell'erba; e poco lontana mi sentodall'essere morta.Ma tutto si può sopportare…”

slide18
La grandezza di Saffo è anche nella sua capacità di accettare ogni tipo d'amore: quello istituzionalizzato, maschile e nuziale, e la tenerezza tra fanciulle del Tiaso che tale amore distrugge.
slide19
Saffo si innamora in particolare di tre sue allieve: Attis, Gongila e Dika.

Conosciamo questi amori grazie a piccoli frammenti delle stessa Saffo.

slide20
“Soavi danzano fanciulle,intonando cori fioriti. Dika è in mezzo a loro,ed Arignota, e Gongila bella,v’è Cleis con la mitra scarlatta.I loro passi sono legatidalle morbide braccia intrecciate.

Soavi le voci sui freschi prati di Lesbo;di serti di rose, di cipero e di aneto,ai capelli è amabile ornamento.Coronata di viole, Saffo,dolcemente sorride fra le Fanciulle,illustre poetessa, Donna pienamente.

Soave guida il tìaso, il girotondo delle figlie,sorelle ed amanti dilette;ella guida i loro passi sulle strade nascostedi Eros e delle dive di Pieria.Vieni Alma Dea,come già per Lei facesti,e narra della tua Cantrice”

(Anacreonte)

slide21
“Ero innamorata di te, un tempo, Attis* * *una fanciulla piccola sembravi, e acerba”

“Eros che fiacca le membra, di nuovo, mi abbatte,dolceamara invincibile fiera* * *Attis, ti sei stancata di pensarea me, e voli da Andromeda”

“O mia Gogila, ti prego:

Metti la tunica bianchissima

E vieni a me davanti:intorno a te

Vola desiderio di amore.

Così adorna, fai tremare chi

Guarda;

E io ne godo, perché la tua

Bellezza

Rimprovera Afrodite”

slide22
Che la poetessa nutrisse per le fanciulle un amore omosessuale era un fatto normale in un contesto storico e sociale in cui esisteva una stretta separazione dei sessi.
cercila di andro
CERCILA DI ANDRO
  • Si dice che Saffo sposò Cercila di Andro.
  • Probabilmente questa è una notizia inventata da commediografi in quanto “Cercila da Andro” dal greco significa “genitali maschili”.
slide25
Questo potrebbe significare che la poetessa, semplicemente, si unì ad un uomo come amante in carne ed ossa, del quale non era importante il nome ma il ruolo.
  • Da Cercila ebbe una figlia, che chiamò come sua madre, Cleis (ma è possibile anche che questo sia il nome di una giovinetta oggetto della passione amorosa della poetessa).
alceo
Secondo leggende legate ad alcuni versi del poeta lirico Alceo, questi fu ritenuto amante di Saffo; ma gli stessi poeti antichi smentirono questa ipotesi, ritenendo che i versi in questione erano da interpretare come un'idealizzazione, non come una nota autobiografica

Alceo

slide27

Le poesie di Saffo, tutte rivolte all’amore e alla bellezza son ardenti e delicatissime nelle loro semplicità

Alceo la descrisse così: “…Dai capelli viola, pura, dolce ridente…”

slide29
Faone era un anziano barcaiolo che traghettava i turisti dall’isola di Leucade a quella di Lesbo. Secondo la leggenda diventò bello grazie ad un dono fatto dalla dea Afrodite. Dopo una breve storia d’amore con Saffo, decise di lasciarla e partì per Catania con una bella siciliana dai capelli ricci. la povera Saffo, non reggendo al dolore, si gettò dalla rupe più alta dell’isola di Leucade . Le pene d’amore, l’avevano costretta a gettarsi nel vuoto.
slide30
D’altra parte, anche a quell’epoca, Saffo era considerata la poetessa erotica per eccellenza. A parte, però, le frasi audaci, il verso più bello resta sempre quello dove Saffo dice a Faone:

“Non ti chiedo di amarmi, ma di lasciarti amare”

(Ovidio-Heroides, XV, 96).

slide31

Le poesie di Saffo, tutte rivolte all’amore e alla bellezza sono ardenti e delicatissime nelle loro semplicità

presentazione realizzata da
Presentazione realizzata da

Stefania Sanna

Veronica Origa Pala

2012