le funzioni strumentali le aree di competenza il profilo le azioni
Download
Skip this Video
Download Presentation
Le Funzioni strumentali Le aree di competenza Il profilo Le azioni

Loading in 2 Seconds...

play fullscreen
1 / 31

Le Funzioni strumentali Le aree di competenza Il profilo Le azioni - PowerPoint PPT Presentation


  • 171 Views
  • Uploaded on

Le Figure di Sistema & I Progetti. Le Funzioni strumentali Le aree di competenza Il profilo Le azioni. Aree di intervento. Area 1 Coordinamento dell’offerta formativa curricolare ed extracurricolare Valutazione d’istituto. Aree di intervento. Area 2 Sostegno al lavoro dei docenti.

loader
I am the owner, or an agent authorized to act on behalf of the owner, of the copyrighted work described.
capcha
Download Presentation

PowerPoint Slideshow about 'Le Funzioni strumentali Le aree di competenza Il profilo Le azioni' - berdine


An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript
le funzioni strumentali le aree di competenza il profilo le azioni
Le Figure di Sistema

&

I Progetti

Le Funzioni strumentali

Le aree di competenza

Il profilo

Le azioni

slide2
Aree di intervento

Area 1

  • Coordinamento dell’offerta formativa curricolare ed extracurricolare
  • Valutazione d’istituto
slide3
Aree di intervento

Area 2

  • Sostegno al lavoro dei docenti
slide4
Aree di intervento

Area 3

  • Interventi e servizi per gli alunni
slide5
Aree di intervento

Area 4

  • Realizzazione di percorsi formativi d’intesa con enti e istituzioni esterni e con le famiglie
slide6
Aree di intervento

Area 5

  • Coordinamento delle attività laboratoriali di informatica e biblioteca
i settori di competenza
I Collaboratori

del Dirigente Scolastico

I settori di competenza

slide14
Il secondo

collaboratore

slide15
Il referente

di plesso sc.inf.

requisiti richiesti ai candidati competenze azioni da realizzare
Il profilo della

Funzione Strumentale

REQUISITI RICHIESTI AI CANDIDATI

COMPETENZE

AZIONI DA REALIZZARE

requisiti richiesti ai candidati per svolgimento di f s
REQUISITI RICHIESTI AI CANDIDATI PER SVOLGIMENTO DI F. S.

Sulla base dei compiti previsti per ciascuna delle funzioni strumentali, è agevole individuare i requisiti che i candidati dovranno possedere.

Tali requisiti dovranno riferirsi, non solo a specifiche competenze, ma anche a motivazioni personali (tratti di personalità).

Per quanto attiene alle competenze, si farà riferimento, più che a titoli di studio, a competenze operative (conoscenze procedurali), possibilmente già sperimentate.

requisiti richiesti ai candidati per svolgimento di f s18
REQUISITI RICHIESTI AI CANDIDATI PER SVOLGIMENTO DI F. S.

Le funzioni strumentali sono chiamate ad operare a sostegno dei colleghi impegnati nella concreta programmazione, organizzazione e realizzazione dell’azione educativa e didattica, che, giova ribadirlo, nella scuola dell’autonomia è mirata ad assicurare ai singoli alunni il successo formativo, inteso come piena formazione della personalità nel rispetto delle identità personali, sociali, culturali e professionali.

requisiti richiesti ai candidati per svolgimento di f s19
REQUISITI RICHIESTI AI CANDIDATI PER SVOLGIMENTO DI F. S.

È questo l’impegno dei docenti tutti che deve vedere coinvolte in prima linea le funzioni strumentali, al di là di ogni formalismo più o meno burocratico.

In tale prospettiva, alle funzioni strumentali si richiedono competenze ed atteggiamenti che possano risultare di aiuto ai docenti tutti nel loro impegno quotidiano nelle aule scolastiche.

competenze personali e professionali
COMPETENZE PERSONALI E PROFESSIONALI
  • Competenze psicopedagogiche.
  • Competenze didattiche e metodologiche.
  • Competenze informatiche.
  • Competenze comunicativo/relazionali per contribuire a diffondere, all’interno dell’istituto scolastico, i principi della cooperazione e della corresponsabilità, evitando il rischio della separatezza dai colleghi.
  • Competenze organizzativo-gestionali per coordinare le azioni dei docenti affinché le stesse siano "armoniche" ed efficaci e per raccordarsi con le altre figure, affinché non ci sia scollamento tra quanto progettato in un'area e quanto realizzato.
competenze personali e professionali21
COMPETENZE PERSONALI E PROFESSIONALI
  • Capacità propositiva, promozionale e progettuale.
  • Capacità di coordinamento.
  • Capacità di rapportarsi positivamente con i colleghi, con gli alunni, con le famiglie e gli Enti.
  • Maturate esperienze nel settore partecipando ad attività di ricerca-azione.
  • Attività svolte nella scuola con incarichi specifici.
  • Partecipazione a corsi di formazione attinenti alla pratica del lavoro docente con particolare riferimento agli aspetti pedagogici e didattici.
competenze personali e professionali22
COMPETENZE PERSONALI E PROFESSIONALI

Il Collegio docenti deve tenere in debito conto il principio della coerenza tra le attività attribuite e le competenze possedute in modo che si possa dare concreta attuazione alle proposte che la scuola formula e soddisfare così i bisogni dell’istituto.

azioni da realizzare
AZIONI DA REALIZZARE
  • Stesura progetto
  • Individuazione degli obiettivi da perseguire;
  • Indicazione del risultato atteso;
  • Scelta di percorsi e strategie ottimali;
  • Individuazione delle risorse disponibili;
  • Definizione dei tempi;
  • Relazione finale.
azioni da realizzare24
AZIONI DA REALIZZARE

Il Modello di domanda, cui si dovrà allegare il progetto analitico, sarà disponibile sul server del laboratorio multimediale, sul sito della scuola e, in cartaceo, presso l’ufficio di segreteria.

slide25
Criteri di valutazione per il finanziamento

I compiti del Referente di progetto

I modelli di domanda

I Progetti

criteri valutativi e metodologia per il finanziamento dei progetti scolastici
Progettazione

Rilevazione di un bisogno (analisi) - Formulazione di una risposta (progetto) Controllo dei risultati attesi (verifica).

Valutare un progetto scolastico significa valutare la sua utilità per la comunità scolastica in rapporto ai costi (rapporto costi-benefici).

In cosa consiste l’utilità di un progetto

Un progetto è utile se offre una risposta coerente a un problema/bisogno.

(dove per “problema/bisogno” non si intende solo una “mancanza”. Il potenziamento di abilità-conoscenze, o l’ampliamento di un servizio possono essere problemi/bisogni).

Un progetto è tanto utile quanto più risponde

a bisogni importanti per la comunità.

Si tratta allora di analizzare i bisogni della comunità scolastica e stabilire un ordine di priorità.

La valutazione di un progetto si basa dunque sull’importanza dei bisogni a cui il progetto risponde.

Criteri valutativi e metodologia per il finanziamento dei progetti scolastici
criteri valutativi e metodologia per il finanziamento dei progetti scolastici27
La commissione «Valutazione Progetti» utilizzerà strumenti efficaci e trasparenti:

modello unico per la presentazione dei progetti

(a disposizione dei docenti)

criteri valutativi stabiliti dal collegio (elenco di priorità …)

Tutti i progetti verranno così analizzati

e valutati con gli stessi criteri

Il Modello per la proposta di progetti d’Istituto è disponibile:

presso la segreteria della scuola (modello cartaceo)

presso l’aula multimediale - desktop del server.

sul sito della scuola (url: www.scuolasanpiox.it), modulistica.

Criteri valutativi e metodologia per il finanziamento dei progetti scolastici
raccomandazioni per la compilazione del modello di proposta progetti d istituto
Essere più precisi possibile nella definizione delle diverse voci

Indicare un solo docente referente che si renderà responsabile delle fasi progettuali, operative, di monitoraggio e di verifica/valutazione finale

Privilegiare progetti che possano coinvolgere più alunni, di classi e/o moduli diversi

Nell’indicare i destinatari del progetto precisare il numero degli alunni coinvolti (non meno di 10 per la Sc. Inf. e 15 per la Sc. Prim.), cercando di evitare che gli stessi alunni siano impegnati in più progetti

Nel reclutamento degli alunni sollecitare e coinvolgere il più possibile i bambini che necessitano di consolidare/potenziare abilità e competenze trasversali alle discipline curricolari

Raccomandazioni per la compilazione del modello di proposta progetti d’Istituto
i compiti del referente di progetto
predispone la documentazione utile per facilitare la realizzazione dei progetti raccogliendo informazioni e notizie utili

coordina i lavori

richiede ad ogni docente coinvolto nel progetto l’espletamento del compito assunto nonché la massima collaborazione per la riuscita del progetto stesso

controlla il raggiungimento degli obiettivi previsti dal progetto

relaziona al Dirigente scolastico su tutto lo svolgimento del progetto (obiettivi, contenuti, problemi emersi, difficoltà, proposte per il futuro).

Stila la relazione finale.

I compiti del Referente di progetto
i modelli di domanda
MODELLO PER LA PROPOSTA DI PROGETTI D’ISTITUTO

DOMANDA PER L’ASSEGNAZIONE PROGETTO P.A.I.

RELAZIONE DI VERIFICA FINALE

per la valutazione dei progetti

I modelli di domanda
ad