La rivoluzione astronomica e la nuova filosofia dell infinito
Download
1 / 30

La rivoluzione astronomica e la nuova filosofia dell infinito - PowerPoint PPT Presentation


  • 189 Views
  • Uploaded on

La rivoluzione astronomica e la nuova filosofia dell’infinito. Universo degli antichi e dei medioevali. Unico : pensato come il solo universo esistente, soprattutto per la teoria dei luoghi naturali secondo cui ogni materie deve essere concentrato in un determinato posto

loader
I am the owner, or an agent authorized to act on behalf of the owner, of the copyrighted work described.
capcha
Download Presentation

PowerPoint Slideshow about 'La rivoluzione astronomica e la nuova filosofia dell infinito' - armina


An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript

Universo degli antichi e dei medioevali
Universo degli antichi e dei medioevali dell’infinito

  • Unico: pensato come il solo universo esistente, soprattutto per la teoria dei luoghi naturali secondo cui ogni materie deve essere concentrato in un determinato posto

  • Chiuso: immaginato come una sfera limitata da cielo delle stelle fisse, oltre il quale non c’era nulla, neppure il vuoto

  • Finito: essendo chiuso; in quanto l’infinito era solamente un idea e non una realtà attuale

  • Fatto di sfere concentriche: oltre alla sfera delle stelle fisse c’erano i cieli di Saturno, Giove, Marte, Mercurio, Venere, Sole, Luna.

  • Diviso qualitativamente: differenziato in mondo Sopralunare e Sublunare.

    La testimonianza dei sensi, l’autorità di Aristotele, i teoremi della metafisica e al parola divina della Bibbia avevano quindi finito per convergere in una comune attenzione della validità assoluta del sistema tolemaico.


Nicolaus copernicus
Nicolaus Copernicus dell’infinito

  • Nasce a Thorn nel 1473

  • Studia a Cracovia, Bologna, Padova, Ferrara.

  • Scrive il De Revolutionibus orbium coelestum

  • Studioso di fisica celeste riteneva la dottrina tolemaica “antieconomica” e quindi errata poiché troppo complessa.

  • Cerca continuamente sui libri degli antichi delle soluzioni alternative al geocentrismo, si imbatte così nell’eliocentrismo

  • “ mi sono assunto il compito di rileggere le opere di tutti i filosofi, che fossi in grado di avere, per cercare se qualcuno di loro avesse mai pensato che le sfere dell’universo potessero muoversi secondo moti diversi da quelliche propongono gli insegnatnti di matematica delle scuole” (De Revolutionibus orbium coelestum, prefazione)

  • Scopre che Iceta, pitagorici, Eraclide Pontico ecc. erano già giunti all’ipotesi eliocentrica

  • Elabora quindi il sistema copernicano

  • muore a Frauenburg nel 1543


Sistema copernicano

Attorno al Sole ruotano i pianeti dell’infinito

La terra prende posto tra questi e ruota su se stessa, dando origine al moto apparente del Sole su di essa dei pianeti e delle stelle

La luna ruota attorno alla terra

Lontane dal Sole e dai pianeti stanno fisse le stelle

MA…

Non ci si allontana dalla vecchia immagine di universo

Copernico concepiva l’universo ancora come unico e chiuso dal cielo delle stelle fisse

Accettava il principio della perfezione dei moti circolari uniformi delle sfere cristalline, pensate come entità reali ed incorruttibili.

Sistema copernicano


Ostacoli all affermazione delle teorie copernicane
Ostacoli all’affermazione delle teorie copernicane dell’infinito

  • Il teologo luterano Andreas Osiander premise al capolavoro di Copernico, senza il consenso dell’autore una prefazione anonima, in cui si sosteneva la natura puramente ipotetica e matematica della dottrina. Ciò attutiva l’effetto dirompente delle sue idee, infatti le sue teorie erano una riproduzione fedele della struttura reale del cosmo, non uno dei tanti modelli possibili


Ostacoli all affermazione delle teorie copernicane1
Ostacoli all’affermazione delle teorie copernicane dell’infinito

  • Il mancato progresso tecnologico, scientifico, la fisica del tempo non era in grado di argomentare e sostenere tali teorie

  • Obiezioni anti-copernicane :

  • se la terra si muove perché non provoca il lancio degli oggetti lontano dalla superficie terrestre?

  • Perché non si sollevano le persone e le cose?

  • Come si spiega la caduta dei gravi da una torre?


Tycho brahe
Tycho Brahe dell’infinito

  • Fu un astronomo danese(1546-1601)

  • Nega l’esistenza di sfere solide e reali dell’astronomia antica

  • Passaggio da concetto di orbe a orbita

  • Ideatore del sistema ticonico, riprende Eraclide Pontico

  • I pianeti girano attorno al sole, mentre il sole gira a sua volta attorno alla terra al centro del mondo


Johannes kepler 1571 1630
Johannes Kepler(1571-1630) dell’infinito

Professore di matematica, assistente di Tycho Brahe

- al centro del mondo sta il sole, immagine di Dio Padre, dal quale deriva luce, calore, vita

- I 6 pianeti (Saturno, Giove, Marte, Mercurio, Venere, Terra) costituiscono un poliedro regolare e si muovono secondo sfere inscritte al poliedro delineato dalla loro posizione reciproca

- al posto delle intelligenze motrici pose forze puramente fisiche


Johannes kepler 1571 16301
Johannes Kepler(1571-1630) dell’infinito

Prima legge di Keplero:Le orbite dei pianeti sono delle ellissi con il Sole in uno dei due fuochi.

L'immagine e' solo un'illustrazione. In realta' le orbite sono molto meno schiacciate.Alcune conseguenze importanti:

l'orbita di un pianeta e' completamente contenuta da un piano;

l'orbita e' chiusa e periodica;

La distanza tra sole e pianeta non e costante.


Johannes kepler 1571 16302
Johannes Kepler(1571-1630) dell’infinito

Seconda legge di Keplero:

Il raggio vettore che congiunge il pianeta al sole spazza aree uguali in tempi uguali


Johannes kepler 1571 16303
Johannes Kepler(1571-1630) dell’infinito

Terza legge di Keplero: Il rapporto tra il quadrato del periodo impiegato per descrivere l’orbita e il cubo del semiasse maggiore delle ellissi è costante per tutti i pianeti

Questa terza legge implica che il periodo dei pianeti aumenta velocemente all'aumentare del raggio dell'orbita e dunque con la distanza dal sole: i pianeti piu' distanti ruotano molto piu' lentamente. Per questo i pianeti piu' distanti hanno degli "anni" molto piu' lunghi dei pianeti piu' interni


La nuova scienza
La nuova scienza dell’infinito

1954 : A.R. Hall, The scientific revolution ne definisce l’ambito cronologico tra la pubblicazione del capolavoro di Copernico La rivoluzione degli astri celesti (1543) e l’opera di Newton, I principi matematici di filosofia naturale (1687)

1. Natura come ordine oggettivo strutturato su relazioni causali governate da leggi;

2. Scienza come sapere sperimentale-matematico valido universalmente e avente come scopo la conoscenza del mondo e il suo dominio a vantaggio dell’uomo


La natura
La natura dell’infinito

a) Natura è un ordine oggettivo spogliato di ogni valore o qualità umana (come nella magia)

b) natura è ordine causale. Delle 4 cause di Aristotele l’unica riconosciuta è quella efficiente

c) natura è un insieme di relazioni e non di essenze

d) i fatti sono governati da leggi


La scienza
La scienza dell’infinito

a) è un sapere sperimentale, si fonda sull’osservazione dei fatti, e sull’esperimento cioè una procedura di verifica

b) sapere intersoggettivo con procedimenti pubblici e controllabili; non un sapere occulto per iniziati o per una casta (sacerdotale)

c) suo fine è la conoscenza oggettiva del mondo e delle sue leggi (per garantirne il controllo umano)


Ambiente favorevole
Ambiente favorevole dell’infinito

Cultura rinascimentale con la sua tendenziale laicizzazione del sapere; libertà della ricerca intellettuale nei confronti della tradizione culturale e religiosa.

Ripresa di dottrine come atomista di Democrito; eliocentriche di Pitagora

naturalismo rinascimentale / spiegazione della natura con la natura senza ricorrere a forze estranee

importanza delle idee extrascientifiche (metafisiche e teologiche che ne stanno alla base)


L opposizione dei teologi
L’opposizione dei teologi dell’infinito

Scienza portatrice di uno schema teorico anti-finalistico e anti-essenzialistico

contrappone l’esperienza e la verifica all’arma del ragionamento

scardinava una visione cosmologica a cui si riferivano le credenze di fede

inquietava un metodo che si fondava sul principio della libera ricerca (eretica come le tesi del “libero esame” delle Scritture proposto dai protestanti)


IL SECONDO PASSO DELLA RIVOLUZIONE ASTRONOMICA: DAL MONDO “CHIUSO” DI COPERNICO ALL’UNIVERSO “APERTO” DI BRUNO

  • Copernico, a parte l’eliocentrismo, propone una teoria ancora relativa alle ideologie passate, un universo composto di sfere solide e reali, limitato dalla ultima sphera mundi, se ipsam et omnia continens, di fatto il suo universo è finito. Di conseguenza la rivoluzione copernicana avrebbe rischiato di fermarsi a metà senza un ulteriore apertura del cosmo


IL SECONDO PASSO DELLA RIVOLUZIONE ASTRONOMICA: DAL MONDO “CHIUSO” DI COPERNICO ALL’UNIVERSO “APERTO” DI BRUNO

  • Con Democrito e Lucrezio (sulla Natura) appare per la prima volta la molteplicità dei mondi e l’infinità del Tutto

  • Cusano pur negando che l’universo sia finito e racchiuso dalle sfere celesti, non ne afferma la positiva infinità

  • Con Giordano Bruno si raggiunge l’esplicita affermazione dell’infinità dell’universo - dedotta dal principio teologico secondo cui il mondo, creato da un Essere infinito, deve essere per forza degno del Creatore e quindi esso stesso infinito


Giordano bruno
Giordano Bruno “CHIUSO” DI COPERNICO ALL’UNIVERSO “APERTO” DI BRUNO

  • Giordano Bruno giunge a conclusioni che non derivano da osservazioni astronomiche o calcoli matematici, bensì dall’intuizione riguardo all’infinità dell’universo alimentata dal copernicanesimo.

  • “Se la terra è un pianeta che gira attorno al sole, le stelle che si vedono nelle notti serene e che gli antichi immaginarono attaccate all’ultima parete del mondo, non potrebbero essere tutte, o almeno in parte, immobili soli circondati da rispettivi pianeti?”


Giordano bruno1
Giordano Bruno “CHIUSO” DI COPERNICO ALL’UNIVERSO “APERTO” DI BRUNO

  • “Per cui l’universo anziché essere composto da un sistema unico, il nostro, non potrebbe ospitare in sé un numero illimitato di stelle- soli, disseminate nei vasti spazi del firmamento e centri di rispettivi mondi?”

  • “Non è chi io l’abbia osservato”

  • “Sono dunque soli innumerabili, sono terre infinite, che similmente circuiscono quei soli, come veggiamo queste sette circuire questo sole a noi vicino “

  • Di conseguenza l’universo è infinito poiché la creazione di Dio per essere all’altezza del creatore deve essere essa stessa infinita e straripante di vita


Le tesi cosmologiche rivoluzionarie
Le tesi cosmologiche rivoluzionarie “CHIUSO” DI COPERNICO ALL’UNIVERSO “APERTO” DI BRUNO

  • Abbattimento delle mura esterne dell’universo

  • Pluralità dei mondi e loro abitabilità: “ così si magnifica l’eccellenza di Dio, si manifesta la grandezza de l’imperio suo: non si glorifica in uno, ma in soli innumerevoli: non in una terra, un mondo, ma in duecentomila, dico infiniti”

  • Unificazione del cosmo = identità di struttura fra cielo e terra

  • Geometrizzazione dello spazio cosmico: “uno è il loco, uno il spacio immenso che chiamar possiamo liberamente vacuo”, sostituzione dello spazio aristotelico (gerarchico), in quello euclideo infinito e omogeneo, in cui non esiste punto di riferimento assoluto

  • Infinità dell’universo


La nuova cosmologia e religione
La nuova cosmologia e religione “CHIUSO” DI COPERNICO ALL’UNIVERSO “APERTO” DI BRUNO

  • “fermati o sole, su Gabon e tu la Luna sulla valle di Aialon!” (Giosuè, 10,12)

  • “Una generazione va e una generazione viene, eppure la terra rimane sempre al suo posto” (Ecclesiaste, 1, 4-5)

  • “ sulle sue basi fondasti la terra, e starà immota negli evi degli evi” (Salmi, 104)

  • All’inizio la chiesa non si mosse, forse a causa dei problemi urgenti derivanti dall’eresia protestante

  • La teoria della pluralità dei mondi abitati metteva in discussione il dogma dei dogmi: l’incarnazione

  • Come doveva essere interpretato adesso?

  • In seguito le reazioni della chiesa nei confronti di Bruno furono estreme, lo dichiararono emblema demoniaco e lo bruciarono vivo


L uomo e l universo
L’uomo e l’universo “CHIUSO” DI COPERNICO ALL’UNIVERSO “APERTO” DI BRUNO

  • Bruno pur non essendo uno spirito moderno, ha un intuizione possente e profetica per il fatto che è raggiunta mediante strumenti extrascientifici

  • Brahe, Keplero, Galileo lo accolsero freddamente e lo rifiutarono in gran parte, respingendo la pluralità dei mondi


L uomo e l universo1
L’uomo e l’universo “CHIUSO” DI COPERNICO ALL’UNIVERSO “APERTO” DI BRUNO

  • La teoria della diversità e della molteplicità introdotta da Bruno e Copernico provocano un trauma e una caduta delle certezze

  • Il geocentrismo conteneva motivi atti a deprimere l’uomo, allo stesso tempo lo esaltava

  • Uomo al centro del mondo, ma il mondo poteva essere definito anche come centro del peccato

  • Geocentrismo interpretabile come “diabolocentrismo”

  • La terra è “lordura e melma del mondo”(Montaigne)

  • “Toilette del mondo”(Voltaire)

  • Analogamente l’eliocentrismo esaltava e deprimeva l’uomo


Dal rifiuto all accettazione
Dal rifiuto all’accettazione “CHIUSO” DI COPERNICO ALL’UNIVERSO “APERTO” DI BRUNO

  • L’odio contro Bruno per ironia della sorte si trasformò in accettazione con le medesime motivazioni : idea per cui un universo infinito risultava più adatto a rispecchiare l’infinita potenza di Dio

  • = eresia bruniana capovolta in ortodossia

  • Freud = sistema tolemaico l’illusione narcisistica; cioè la proiezione a livello cosmico dell’amore infantile che l’uomo nutre per sé…

  • BanfiL’uomo copernicano, 1950 = immagine di una umanità adulta che mette da parte ogni illusione accettandosi per quel che è e costruisce autonomamente il proprio destino nel mondo.


Le scoperte astronomiche di galileo galilei
Le scoperte astronomiche di Galileo Galilei “CHIUSO” DI COPERNICO ALL’UNIVERSO “APERTO” DI BRUNO

Le macchie lunari

  • diversamente da ciò che si pensava Galileo mediante l’utilizzo del cannocchiale scopre che la Luna presenta una superficie rugosa e montuosa come la terra

  • In primo luogo diremo dell’emisfero della Luna che è volto verso di noi. Per la maggior chiarezza divido l’emisfero in due parti, più chiara l’una, più scura l’altra: la più chiara sembra circondare e riempire tutto l’emisfero, la più scura invece offusca come nube la faccia stessa e la fa apparire cosparsa di macchie. Queste macchie alquanto scure e abbastanza ampie, ad ognuno visibili, furono scorte in ogni tempo; e perciò le chiameremo grandi o antiche, a differenza di altre macchie minori per ampiezza ma pure così frequenti da coprire l’intera superficie del disco lunare, soprattutto la parte più luminosa: e queste non furono viste da altri prima che da noi.»

  • Da osservazioni più volte ripetute di tali macchie fummo tratti alla convinzione che la superficie della Luna non è levigata, uniforme ed esattamente sferica, come gran numero di filosofi credette di essa e degli altri corpi celesti, ma ineguale, scabra e con molte cavità e sporgenze, non diversamente dalla faccia della Terra, variata da catene di monti e profonde valli.»


I pianeti medicei “CHIUSO” DI COPERNICO ALL’UNIVERSO “APERTO” DI BRUNO

  • Galileo scopre i 4 satelliti di Giove, battezzati pianeti medicei, che compivano attorno ad esso analoghi movimenti della luna attorno alla terra

  • «Il giorno 7 Gennaio, dunque dell’anno 1610, a un’ora della notte, mentre con il cannocchiale osservavo gli astri mi si presentò Giove. Poiché mi ero preparato uno strumento eccellente, vidi (e ciò prima non mi era mai accaduto per la debolezza dell’altro) che intorno gli stavano tre stelle piccole ma luminosissime; e quantunque le credessi del numero delle fisse, mi destarono una certa meraviglia, perché apparivano disposte esattamente secondo una linea retta e parallela all’eclittica e più splendenti di altre di grandezza uguale a loro...»


Le macchie solari
Le macchie solari “CHIUSO” DI COPERNICO ALL’UNIVERSO “APERTO” DI BRUNO

  • Dimostrando che il sole era in continua trasformazione affermava che la materia celeste non era perfetta

  • Le macchie solari sono quelle chiazze scure facilmente osservabili sulla superficie del sole. Si osservano quasi sempre in gruppi di due o multipli di due. Sono così scure perché sono le zone più fredde del sole. In queste zone, potenti campi magnetici impediscono al calore di salire in superficie. La rotazione differenziata della superficie del sole (più veloce alle basse piuttosto che alle alte latitudini) è un fattore determinante nella formazione delle macchie solari. I brillamenti solari (che sono delle spaventose emissioni esplosive di energia) avvengono spesso in gruppi di macchie solari che sono in rapida crescita e che ruotano come un uragano. Il numero delle macchie solari varia secondo un ciclo undecennale


Le fasi di venere
Le fasi di Venere “CHIUSO” DI COPERNICO ALL’UNIVERSO “APERTO” DI BRUNO

  • Nell’antichità si pensava che soltanto la terra fosse un corpo opaco, illuminato dal sole e privo di luce propria

  • Invece la scoperta delle fasi di venere,induce a pensare che tale astro ricevesse la luce da sole girandovi attorno, offriva lo spunto per ritenere che tale ipotesi fosse valida per tutti i pianeti


Le tesi cosmologiche rivoluzionarie e la scienza contemporanea
Le tesi cosmologiche rivoluzionarie e la scienza contemporanea

  • Nonostante la mancata certificazione scientifica della tesi dell’esistenza di altri esseri viventi e dell’infinità spaziale dell’universo, e nonostante la dichiarata insolubilità critica di questa ultima ipotesi, la visione bruniana dell’universo fu accettata in blocco

  • Un colpo decisivo di questo quadro verrà soltanto nel Novecento, in particolare con Einstein che utilizzerà geometrie non euclidee per ipotizzare un universo finito

  • La materia in fatti si incurverebbe, secondo la teoria della relatività, su se stessa per cui il mondo sarebbe illimitato ma finito, simile ad una sfera illimitatamente percorribile


ad