Allevamento
Download
1 / 21

Allevamento - PowerPoint PPT Presentation


  • 170 Views
  • Uploaded on

Allevamento. L’allevamento e la gestione sono due cose diverse. A certe condizioni l’allevamento (ed il ripopolamento con selvaggina allevata) può essere parte di un progetto complessivo di gestione faunistico-venatoria.

loader
I am the owner, or an agent authorized to act on behalf of the owner, of the copyrighted work described.
capcha
Download Presentation

PowerPoint Slideshow about ' Allevamento' - jaxon


An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript
Allevamento
Allevamento

L’allevamento e la gestione sono due cose diverse.

A certe condizioni l’allevamento (ed il ripopolamento con selvaggina allevata) può essere parte di un progetto complessivo di gestione faunistico-venatoria.


Problemi connessi all’allevamento dei galliformi selvaticiovvero la qualità nell’allevamento di selvaggina

In genere la sopravvivenza dei fagiani di allevamento è molto più bassa di quella dei selvatici


Problemi connessi all’allevamento dei galliformi selvaticiovvero la qualità nell’allevamento di selvaggina

  • Problemi comportamentali

  • Problemi genetici

  • Problemi sanitari


Limiti e problemi connessi con l’allevamento intensivo

La mancanza del contatto con il genitore naturale determina una minore capacità di adattarsi alla vita selvatica soprattutto per il mancato apprendimento del comportamento anti-predatorio


L’uso dei sistemi anti-pica può condizionare il comportamento anche dopo l’immissione nell’ambiente selvatico


Alcuni elementi noti della selezione naturale e alcuni elementi noti della selezione di allevamento

-la dimensione della caruncola del maschio è un elemento critico nella scelta della femmina;

-la maggiore mole migliora la sopravvivenza nei selvatici e la peggiora negli allevati;

-L’uso dell’incubatrice artificiale, e i successivi passaggi, permettono la schiusa delle uova e la sopravvivenza dei pulcini in un’altissima percentuale, assicurando un alto successo riproduttivo anche a quegli individui destinati, in natura, ad averlo nullo o basso. Questo fatto provoca un indebolimento di quelle forze selettive che tendono a contenere le dimensioni della covata entro i limiti ottimali per la specie. l’uso dell’incubatrice produce, nel tempo, individui che depongono più uova di quante possano covare. La dimensione ottimale della covata in natura è infatti notevolmente inferiore alle potenzialità individuali: la funzione della potenzialità, normalmente non espressa, è quella di compensare eventuali perdite o permettere strategie riproduttive individuali particolari;

-I comportamenti legati alle cure parentali tenderanno a disorganizzarsi, ad essere meno efficienti o a perdersi con l’incubazione artificiale ed è probabile che anche le cure parentali siano meno efficaci (ai ceppi di fagiano d’allevamento è empiricamente attribuita una diminuzione dell’attitudine alla cova). (L’ormone follicolo stimolante, responsabile della produzione dei follicoli ovarici, è un antagonista della prolattina che, inibendo l’attività ovarica, stimola dapprima l’istinto della cova e successivamente l’istinto materno).


Problemi genetici elementi noti della selezione di allevamento

La fitness ideale per l’ambiente “allevamento” potrebbe differire da quella dell’ambiente “selvatico”



La selezione naturale può essere molto diversa da quella artificiale effettuata nell’allevamento

Anche in modo inconsapevole l’allevatore tende a scegliere gli animali più docili e che si adattano meglio a vivere in cattività


Problemi sanitari artificiale effettuata nell’allevamento

  • Dove si immettono fagiani allevati è maggiore la prevalenza e l’intensità delle infestazioni parassitarie.

  • Da ciò deriva:

  • Minore successo riproduttivo

  • Rischio di diffondere parassiti (anche ad altre specie: pernici e starne)

  • Questa maggiore concentrazione di parassiti intestinali nei soggetti di allevamento può dipendere:

  • Elevate densità di allevamento

  • Minore resistenza dei ceppi allevati (ridotta selezione sessuale, minore selezione naturale (uso dei farmaci)


Come limitare i problemi connessi con l allevamento
Come limitare i problemi connessi con l’allevamento? artificiale effettuata nell’allevamento

Utilizzare come riproduttori soggetti di provenienza selvatica (o utlizzarli per rinsanguamento)

Adottare tecniche di allevamento meno intensive o più rispettose dell’etologia del fagiano

Abbassare le densità di allevamento

Non utilizzare sistemi anti-pica (paraocchi, parabecchi ecc)

Dotarsi di voliere ampie ed alte con vegetazione naturale

Utilizzare per ripopolamento animali giovani (60-90 gg)


Allevamento sperimentale di selvatici di cattura artificiale effettuata nell’allevamento

Rilascio precoce di Animali sul territorio

Diversa sensibilità a patologie in funzione dell’età!

DIMINUZIONE TRATTAMENTI!


Utilizzo di riproduttori selvatici per l’allevamento artificiale effettuata nell’allevamento

Produzione di uova di fagiani di diversa origine

I fagiani selvatici sono meno adattati alla cattività e/o meno selezionati per la produzione di uova per cui in allevamento hanno una produzione media inferiore



Allevamento dei riproduttori piuttosto che in famiglia

Il sistema di allevamento scelto è a “colonia” ossia circa 8 maschi e 30 femmine vengono tenuti nella stessa voliera. La formazione precoce del gruppo di riproduzione ha evitato il ricorso a sistemi anti-pica (occhiali, parabecchi etc) e mantenendo un elevato standard di benessere degli animali.

Si utilizza una ceppo commerciale, ma si cerca di fare rinsanguamento con soggetti di origine selvatica

Questo sistema ha un notevole vantaggio rispetto al tradizionale sistema “a famiglia” per quanto riguarda la fertilità delle uova.

Scelta dei riproduttori meno dipendente dall’uomo


Allevamento seminaturale piuttosto che in famiglia

L’esperienza dell’ATC 9 Livorno

Consiste nell’incubazione delle uova da parte di galline domestiche

Allevamento in convenzione con una azienda agricola

Da buoni risultati, specie se abbinato ad un ambientamento precoce nei recinti di ambientamento


Incubazione e gestione delle chiocce piuttosto che in famiglia

La cova da parte delle galline avviene in un locale apposito esterno al recinto

Vengono utilizzate n. 70-100 galline di razze diverse

La galline tendono a covare spontaneamente

Ad ogni gallina vengo assegnate mediamente 13- 15 uova


Incubazione e gestione delle chiocce piuttosto che in famiglia

Dopo la schiusa i pulcini vengono lasciati con la madre per circa 20 gg

Dopodichè la chioccia con i pulcini viene portata nel recinto di ambientamento (di norma utilizzando una gabbia o volierina coperta.

La chioccia fa pascolare i fagianotti all’interno del recinto dove cominciano una alimentazione “naturale” e si rendono via via più indipendenti

I fagiani in questo modo acquisiscono una indole “selvatica”


Ambientamento dei fagianotti piuttosto che in famiglia

Circa la metà della produzione viene ambientata in loco, mentre l’altra parte viene trasferite in recinto limitrofi (zona Val di Cornia LI)

Ciò avviene trasferendo la chioccia stessa insieme ai fagianotti oppure effettuando la ricattura di soggetti di maggiore età


Dati di produzione piuttosto che in famiglia


Come scegliere gli allevamenti fornitori piuttosto che in famiglia

Segliere allevamenti che fanno il ciclo completo (no acquisto di soggetti da terzi per finissaggio)

Ridotte densità di allevamento

No a sistemi anti-pica fino a 60 gg

Disponibilità di voliere ampie, alte con vegetazione naturale e possibilità di inalberarsi

Stipulare protocolli di qualità