fasi dell azione di un farmaco n.
Download
Skip this Video
Loading SlideShow in 5 Seconds..
FASI DELL’AZIONE DI UN FARMACO PowerPoint Presentation
Download Presentation
FASI DELL’AZIONE DI UN FARMACO

Loading in 2 Seconds...

play fullscreen
1 / 40

FASI DELL’AZIONE DI UN FARMACO - PowerPoint PPT Presentation


  • 423 Views
  • Uploaded on

FASI DELL’AZIONE DI UN FARMACO. Fase farmaceutica: caratterizzata dalla disponibilità farmaceutica, cioè dalla capacità della forma farmaceutica (capsule, compresse, supposte, soluzioni, aerosoli…) a cedere il principio attivo affinché venga assorbito ed assoggettato ai processi farmacocinetici.

loader
I am the owner, or an agent authorized to act on behalf of the owner, of the copyrighted work described.
capcha
Download Presentation

FASI DELL’AZIONE DI UN FARMACO


An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript
fasi dell azione di un farmaco
FASI DELL’AZIONE DI UN FARMACO

Fase farmaceutica: caratterizzata dalla disponibilità farmaceutica, cioè dalla capacità della forma farmaceutica (capsule, compresse, supposte, soluzioni, aerosoli…) a cedere il principio attivo affinché venga assorbito ed assoggettato ai processi farmacocinetici.

Fase farmacocinetica: dipende dalle caratteristiche chimiche e chimico-fisiche del farmaco e comprende una serie di processi che determinano la quota di farmaco disponibile al sito di azione.

Fase farmacodinamica: è costituita dall’interazione del farmaco o di un suo metabolita attivo con il sito di azione (macromolecola recettoriale), che a sua volta attiva la risposta biologica.

slide2

Assorbimento

Distribuzione

Dissoluzione

Forma

farmaceutica

Farmaco

in soluzione

Farmaco

in circolo

Metabolismo

Escrezione

Complesso

Farmaco-Recettore

Effetto

farmacologico

Lo stadio più lento determina la velocità dell’intero processo

Con il termine biodisponibilità si fa riferimento alla quantità percentuale della dose di farmaco somministrata che raggiunge in forma attiva il circolo ed è quindi disponibile per le azioni sistemiche.

farmacocinetica
FARMACOCINETICA

Le caratteristiche di Assorbimento, Distribuzione, Metabolismo ed Eliminazione/Escrezione (ADME) sono proprietà importanti da considerare nello sviluppo di nuovi agenti terapeutici.

Molti composti che pur arrivano ai trials clinici di fase I-III devono essere abbandonati, spesso per problemi riconducibili alle proprietà ADME.

Anche la tossicità è un fattore importante ed è a sua volta correlato alle proprietà ADME.

slide4

ASSORBIMENTO DEI FARMACI

cioè il processo per mezzo del quale un

farmaco passa dal sito di

somministrazione al torrente circolatorio

slide5

L’assorbimento è un parametro di fondamentale importanza nella progettazione di nuovi farmaci

Al momento c’è una netta tendenza ad ottenere candidati farmaci che presentino un buon assorbimento dopo somministrazione orale, nella speranza che ciò si rifletta in una buona biodisponibilità orale

slide8

Altre vie di somministrazione abbastanza utilizzate sono:

VIA TRANSCUTANEA:

VIA TRANSMUCOSA: soprattutto attraverso la mucosa vaginale

slide9

MECCANISMI MOLECOLARI ATTRAVERSO CUI PUO’ AVVENIRE IL PASSAGGIO DI FARMACI ATTRAVERSO LA MEMBRANA PLASMATICA

A B C D E

A: diffusione passiva: il passaggio è regolato dal grado di lipofilia del farmaco

B: diffusione attraverso canale

C: diffusione mediata da trasportatore

D: endocitosi in fase fluida

E: endocitosi mediata da recettore

slide10

LA DIFFUSIONE PASSIVA OBBEDISCE

ALLA LEGGE DI FICK:

Flusso molare: (C1 – C2) x D x A/d

flusso molare: velocità del passaggio dal compartimento 1 al compartimento 2

C1 e C2:concentrazione del farmaco (F) nei due compartimenti (C)

D:coefficiente di diffusione, che dipende sia da F che da C, cioè può essere identificato come il coefficiente di ripartizione

A: area delle membrane che F deve attraversare

d:spessore delle membrane da attraversare

slide11

LA MAGGIOR PARTE DEI FARMACI E’ ASSORBITA PER

DIFFUSIONE PASSIVA

DELLA FORMA NON-IONIZZATA

slide12

COEFFICIENTE DI RIPARTIZIONE

E’ molto importante la solubilità del farmaco nel doppio strato lipidico, misurata dal

che indica come un farmaco si distribuisce

in una soluzione contenente H2O e olio:

Se > 1 il farmaco è lipofilo e diffonde facilmente

Se < 1 il farmaco è idrofilo e non diffonde facilmente

COEFFICIENTE DI RIPARTIZIONE

COEFFICIENTE DI [farmaco] nella fase oleosa

= -----------------------------------

RIPARTIZIONE [farmaco] nella fase acquosa

  • Il coefficiente di ripartizione non è un parametro fisso, ma può variare in diverse situazioni,
  • per esempio:
  • per metabolizzazione del farmaco
  • la maggior parte dei farmaci sono acidi o basi deboli, quindi il coefficiente varia a seconda del pH dell’ambiente nel quale si trovano (questa variabile può essere sfruttata anche per aumentare la velocità di eliminazione: alcalinizzazione delle urine in caso di avvelenamento da barbiturici)
slide13

Un acido debole, come l’acido acetilsalicilico, varia il proprio coefficiente di ripartizione a seconda del pH dell’ambiente in cui si trova

slide14

In definitiva l’entità dell’assorbimento di un farmaco dipende dal suo pKa, dalla sua lipofilia e dal pH del mezzo.Questi tre parametri sono tra loro correlati nella cosiddetta ipotesi della ripartizione in funzione del pH:

  • Il tratto GI, al pari di altre membrane, si comporta come una barriera lipofila
  • Acidi e basi sono assorbiti di preferenza in forma indissociata
  • La maggior parte dei farmaci è assorbita per diffusione passiva
  • La velocità di assorbimento e la quantità di farmaco assorbita sono correlate al coefficiente di ripartizione: >liposolubilità = >assorbimento
  • Acidi deboli e farmaci neutri possono essere assorbiti nello stomaco, ma non le basi.
slide15

I capillari sanguigni hanno un’organizzazione morfo-funzionale diversa a seconda della sede in cui si trovano

QUINDI:

la permeabilità del letto vascolare ad un certo farmaco è diversa a seconda del distretto irrorato

slide16

La Barriera Emato-Encefalica Contribuisce all’Omeostasi del Sistema Nervoso Centrale

I CAPILLARI DEL SNC SONO SIGILLATI DA GIUNZIONI SERRATE

I gas respiratori ed alcune molecole liposolubili diffondono liberamente.

Le sostanze nutritizie vengono trasportate attivamente.

Quelle che potrebbero turbare l’omeostasi del SNC vengono bloccate.

GLI ASTROCITI SVOLGONO UN RUOLO FONDAMENTALE NEL PROMUOVERE LE GIUNZIONI SERRATE

slide17

Nel SNC possono quindi penetrare solamente:

  • farmaci con un adeguato coefficiente di distribuzione (direttamente dipendente dal coefficiente di ripartizione)
  • farmaci capaci di utilizzare i sistemi di trasporto presenti a livello della barriera ematoencefalica

Lo stato di impermeabilità è ridotto a livello dei plessi coroidei e di altre regioni periventricolari, dove hanno normalmente luogo i processi di filtrazione e secrezione.

Inoltre, l’impermeabilità della barriera è ridotta in corso di infiammazione e infezione (meningite).

slide18

PROPRIETA’ CHIMICHE E VARIABILI FISIOLOGICHE IMPORTANTI CHE INFLUENZANO L’ASSORBIMENTO

DI UN FARMACO

Proprietà Chimiche natura chimica

peso molecolare

solubilità

coefficiente di ripartizione

Variabili Fisiologichemobilità gastrica

presenza di cibo nello stomaco

pH nel sito di assorbimento

area della superficie assorbente

flusso ematico

eliminazione presistemica

slide19

DISTRIBUZIONE DEI FARMACI

cioè il processo per mezzo del quale un

farmaco passa da un distretto corporeo all’altro fino a raggiungere il sito d’azione

slide20

Nell’attraversare le varie membrane biologiche (cioè nel processo di distribuzione tra i diversi distretti dell’organismo), la concentrazione del farmaco tende a diminuire progressivamente per effetto dell’escrezione, dell’inattivazione metabolica e dell’accumulo in siti di deposito, quali ad es. i grassi e le proteine plasmatiche.

  • Il deposito o accumulo è di norma reversibile ed il farmaco accumulato viene rimesso in libertà (secondo la legge d’azione di massa) via via che la sua concentrazione ematica diminuisce, comportandosi come farmaco ad azione protratta o forma ritardo:
        • F + P FP
  • dove F = farmaco, P = proteina, FP = complesso farmaco-proteina.
  • In genere il complesso FP costituisce una riserva del farmaco, in forma inattiva, che nel frattempo non subisce trasformazioni metaboliche né viene eliminato per escrezione.
slide21

METABOLISMO DEI FARMACI

Il processo di biotrasformazione degli xenobiotici e in particolare dei farmaci è detto metabolismo.

Il metabolismo realizza la trasformazione, all’interno dell’organismo, delle sostanze estranee in composti più polari e di norma più idrosolubili, aumentandone la facilità di escrezione

slide22

METABOLISMO DEI FARMACI

Il processo di biotrasformazione degli xenobiotici e in particolare dei farmaci è detto metabolismo.

Il metabolismo realizza la trasformazione, all’interno dell’organismo, delle sostanze estranee in composti più polari e di norma più idrosolubili, aumentandone la facilità di escrezione

slide25

METABOLISMO DEI FARMACI

La biotrasformazione di un farmaco può portare alla

formazione di:

metaboliti inattivi

metaboliti attivi dotati di spettro farmacologico uguale

a quello del composto d’origine

metaboliti attivi dotati di spettro farmacologico diverso

da quello del composto di origine

metaboliti tossici

slide26

Metaboliti attivi dotati di spettro farmacologico uguale a quello del composto d’origine: l’esempio del diazepam

La benzodiazepina DIAZEPAM genera due metaboliti

dotati della stessa attività farmacologica: OXAZEPAM

e NORDIAZEPAM.

L’emivita dell’oxazepam è circa ¼ di quella del diazepam

L’emivita del nordiazepam è circa il doppio di quella del

diazepam.

La durata d’azione del diazepam dipende quindi da quale

dei due composti viene generato dal corredo di enzimi

del paziente

slide27

Metaboliti tossici: l’esempio del paracetamolo

Il paracetamolo è un farmaco antiinfiammatorio che viene biotrasformato in un metabolita tossico, il parabenzochinone.

Se il paracetamolo viene somministrato a dosi terapeutiche il metabolita tossico viene coniugato con il glutatione ed eliminato.

Se il paracetamolo viene somministrato a dosi troppo elevate, il metabolita tossico, dopo aver saturato tutto il glutatione disponibile, si lega alle proteine degli epatociti e causa epatotossicità

slide28

DOVE AVVIENE LA BIOTRASFORMAZIONE?

Sebbene ogni tessuto sia dotato di una certa capacità

di metabolizzare i farmaci, il FEGATO è la sede

principale del metabolismo.

Anche altri tessuti come POLMONI, INTESTINO e

RENE hanno una attività metabolizzante significativa.

slide30

REAZIONI DI FASE I

Le reazioni di fase I o di FUNZIONALIZZAZIONE

hanno la finalità di inserire o mettere in evidenza nella

molecola gruppi funzionali come -OH, -NH2, -COOH.

Sono reazioni di fase I: ossidazione, riduzione, idrolisi,

idrossilazione.

Le reazioni di fase I avvengono ad opera di una famiglia

di enzimi, chiamati ossidasi a funzione mista localizzati

nei microsomi epatici.

Queste reazioni dipendono da una catena enzimatica di

trasporto di elettroni che ha come terminale il citocromo

P450 (CYP450).

slide31

REAZIONI DI FASE II

Le reazioni di fase II o di CONIUGAZIONE sono reazioni enzimatiche di biosintesi per mezzo delle quali un composto esogeno o un metabolita derivato dalle reazioni di fase I si lega in modo covalente con una molecola endogena.

In generale i coniugati sono molecole polari facilmente

eliminabili.

Le più importanti reazioni di coniugazione sono:

Glucuronazione o coniugazione con l’acido glucuronico

Acetilazione o coniugazione con l’acetato

Coniugazione con il glutatione

Coniugazione con amminoacidi(glicina, taurina,…)

slide32

EFFETTO DI PRIMO PASSAGGIO

Dopo somministrazione orale molti farmaci sono assorbiti dall’intestino tenue e subito trasportati attraverso la vena porta al fegato dove subiscono una notevole metabolizzazione.

L’effetto di primo passaggio può limitare così notevolmente la biodisponibilità di un farmaco somministrato per via orale da costringere ad impiegare altre vie di somministrazione.

slide33

IL METABOLISMO DEI FARMACI DIPENDE DALL’ETA’

Durante l’arco della vita vi è una diversa capacità di metabolizzare i farmaci. L’attività metabolizzante del fegato è molto bassa alla nascita, cresce con l’età raggiungendo il massimo nell’adulto e diminuisce nell’anziano.

  • ONTOGENESI DEL METABOLISMO EPATICO

CORRELAZIONE TRA METABOLISMO DEL DIAZEPAM ED ETA’

slide36

INDUZIONE FARMACO-METABOLICA

Una caratteristica degli enzimi epatici è che la loro sintesi e attività possono aumentare in seguito a somministrazione ripetuta di sostanze come farmaci, pesticidi, sostanze chimiche di origine industriale e alimenti (etanolo).

L’induzione farmaco-metabolica si traduce in una accelerazione del metabolismo e, normalmente, in una riduzione dell’azione farmacologica non solo della sostanza induttrice, ma anche di farmaci somministrati contemporaneamente all’induttore.

slide38

ESCREZIONE DEI FARMACI

cioè il processo per mezzo del quale un

farmaco viene eliminato dall’organismo

slide39

ESCREZIONE DEI FARMACI:

COME AVVIENE

  • L’escrezione può avvenire
  • attraverso i reni con l’urina
  • attraverso il dotto biliare e l’intestino con le feci.
  • Meno importanti sono l’eliminazione per via polmonare (anestetici generali volatili) e quella attraverso la pelle.
  • Etere etilico e stricnina sono esempi di farmaci rapidamente eliminati attraverso l’urina senza andare incontro a fenomeni di accumulo o a trasformazioni metaboliche.
escrezione dei farmaci
ESCREZIONE DEI FARMACI:

MECCANISMI DI RICICLO

I farmaci mediante il circolo sanguigno arrivano al fegato, quindi con la bile raggiungono l’intestino, da dove, come tali o sotto forma di metaboliti, possono essere eliminati con le feci.

La maggior parte di essi però viene riassorbita e dall’intestino, mediante la vena porta, torna di nuovo nel torrente circolatorio e con questo al fegato, chiudendo così il circolo enteroepatico.

Esiste anche un altro meccanismo di riciclo, attivo ad es. per il bialamicolo: intestino-polmoni-bronchi-trachea-faringe-intestino. In questo caso il farmaco è in parte eliminato attraverso l’espettorato.