13 congresso fimp napoli pediatria mediterranea percorsi diagnostici n.
Download
Skip this Video
Loading SlideShow in 5 Seconds..
13° CONGRESSO FIMP NAPOLI Pediatria mediterranea PERCORSI DIAGNOSTICI PowerPoint Presentation
Download Presentation
13° CONGRESSO FIMP NAPOLI Pediatria mediterranea PERCORSI DIAGNOSTICI

Loading in 2 Seconds...

play fullscreen
1 / 43

13° CONGRESSO FIMP NAPOLI Pediatria mediterranea PERCORSI DIAGNOSTICI - PowerPoint PPT Presentation


  • 161 Views
  • Uploaded on

13° CONGRESSO FIMP NAPOLI Pediatria mediterranea PERCORSI DIAGNOSTICI. HOTEL RAMADA NAPOLI 17-18 MAGGIO 2013. LA TERAPIA OMEOPATICA NELLE IRR. Dott. C. GERALDINA SERVODIDIO I DATI DEL CENTRO STUDI SCIENTIFICO FIMP NAPOLI. NASO CHE COLA.

loader
I am the owner, or an agent authorized to act on behalf of the owner, of the copyrighted work described.
capcha
Download Presentation

PowerPoint Slideshow about '13° CONGRESSO FIMP NAPOLI Pediatria mediterranea PERCORSI DIAGNOSTICI' - yetty


Download Now An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript
13 congresso fimp napoli pediatria mediterranea percorsi diagnostici

13° CONGRESSO FIMP NAPOLI Pediatria mediterranea PERCORSI DIAGNOSTICI

HOTEL RAMADA NAPOLI

17-18 MAGGIO 2013

la terapia omeopatica nelle irr
LA TERAPIA OMEOPATICA NELLE IRR

Dott. C. GERALDINA SERVODIDIO

I DATI DEL CENTRO STUDI SCIENTIFICO

FIMP NAPOLI

naso che cola

NASO CHE COLA

GRANDE PROTAGONISTA DEL NOSTRO QUOTIDIANO

omeobioterapia o medicina low dose
OMEOBIOTERAPIA O MEDICINA “LOW DOSE”
  • CITOCHINE
  • ORMONI
  • NEUROTRASMETTITORI
  • FATTORI DICRESCITA CELLULARI
quesito di ricerca
QUESITO DIRICERCA

OMEOBIOTERAPIA

FREQUENZA EPISODI

  • MUCOR RACEMOSUS
  • ASPERGILLUS NIGER
  • RINORREA RICORRENTE

E/O PERENNE

SENZA O CON I PERTROFIA DEI TURBINATI

setting
setting

Ambulatori di Pediatria di Famiglia dei dottori

L. Cioffi, G. Servodidio, P. Gallo,

R. Limauro

naso che cola obiettivo
NASO CHE COLA obiettivo
  • Riduzione del numero di episodi in una popolazione di bambini > 2 anni affetti da rinorree ricorrenti e/o perenni, con muco di qualsiasi colore, della durata > 4gg e < 7gg (3 episodi negli ultimi 6 mesi) con o senza otite effusiva, con o senza rinopatia ostruttiva (ipertrofia dei turbinati)
outcome
OUTCOME
  • Riduzione del 50% della frequenza di ricorso all’ambulatorio pediatrico
  • Aumento dei giorni liberi da rinorrea durante il periodo di osservazione
identificazione dei casi
identificazione dei casi

Bambini affetti da:

  • Rinorree ricorrenti e o perenni, con muco di qualsiasi colore della durata > a 4 gg e < inferiore a 7 gg (3 episodi negli ultimi 6 mesi), con o senza otite effusiva, con o senza rinopatia ostruttiva (ipertrofia dei turbinati)
materiali e metodi
MATERIALI E METODI
  • 120 bambini (età media 5.3 +/- 3.5 )
  • Sankombi Sanum D5 gtt :12gtt/ die+2 ml di soluzione fisiologica somministrata attraverso Rinowash per 15 gg/ mese per 3 mesi
mat e met
MAT E MET
  • Abbiamo confrontato la frequenza di accessi al nostro studio nei 6 mesi precedenti al trattamento con la frequenza di accessi allo studio durante un trattamento di 3 mesi
  • Valutazione della soddisfazione delle famiglie mediante scala “grading”
scala eterocromatica
SCALA ETEROCROMATICA
  • Bianco , rosa,rosso, rosso scuro, nero
  • Dove il bianco indica il punteggio 5 con piena soddisfazione e senza episodi di naso che cola
  • E il nero punteggio 1 nessuna soddisfazione e episodi invariati
  • Alcuni pz trattati (10) erano stati documentati attraverso rinoscopia pre e post trattamento
risultati
RISULTATI
  • Riduzione delle visite ambulatoriali da 4.9 +/- 1.5 a 1.7 +/- 1.32 (p < 0,001) ODDS RATIO 16,07 (al 95% di IC)
  • La soddisfazione delle famiglie dei bambini sottoposti a trattamento variava da 1+- 0.4 a 4.9 +- 1,5 (p < 0,001) ODDS RATIO 5.2 (IC al 95%)
  • Nei bb sottoposti a rinoscopia si evidenziava :

diminuzione significativa del muco

in definitiva
In definitiva
  • 107/120 pz riducevano gli accessi in ambulatorio del 50%
  • 87/120 famiglie manifestavano soddisfazione rispetto alla terapia
conclusioni
CONCLUSIONI

“naso che cola”

  • causa di numerosi accessi impropri nel nostro ambulatorio
  • Il trattamento con un prodotto omeopatico ha significativamente ridotto la frequenza dell’evento
  • riduzione degli accessi in studio
conclusioni1
CONCLUSIONI
  • La soddisfazione delle famiglie è un ulteriore parametro del gradimento verso un prodotto che pur mantenendo gli effetti curativi primari, non ha provocato, in questo studio, effetti secondari o collaterali
isopatia
ISOPATIA
  • SI BASA SULLA SCOPERTA DEL PROF. ENDERLEIN, CHE AFFERMA LA POSSIBILITA’ DI RICONDURRE MICRORGANISMI PRESENTI NEL SANGUE A FORME DISVILUPPO PRECEDENTI, INFERIORI.
  • CIO’ SIGNIFICA CHE ESSI POSSONO ESSERE RIPORTATI A FORME PRIMITIVE RICORRENDO AL MEDESIMO ORGANISMO.
  • L’APPLICAZIONE DIQUESTO FENOMENO BIOLOGICO PERMETTE DIRIDURRE L’AGGRESSIVITA’ DEL MICRORGANISMO NEL CORPO UMANO E DIRENDERLO INNOCUO PER IL TESSUTO
louis j pasteur 1822 1895
LOUIS J. PASTEUR1822/1895
  • Sterilità batterica nel sangue e nei tessuti degli organismi sani
  • Patogeni infettanti dall’esterno
  • Immutabilità dei microrganismi
  • Ogni microbo può causare una sola malattia

MONOMORFISMO

antoine bechamp 1816 1908
ANTOINE BECHAMP1816/1908

CORPUSCOLI PROTEICI

sopravvivono alla morte dell’organismo

possono trasformarsi in microrganismi causando putrefazione e fermentazione

POLIMORFISMO

pleomorfismo
PLEOMORFISMO

Tutti gli organismi a sangue caldo sono infettati da forme primitive di microrganismi in grado di modificarsi morfologicamente secondo le influenze ambientali.

Essi possono mutare da una forma benigna non virulenta ad una forma potenzialmente patogena.

gunther enderlein 1872 1968

GUNTHER ENDERLEIN1872/1968

Nasce a Lipsia nel 1872, consegue la laurea in scienze naturali ad indirizzo zoologico

endobionte
ENDOBIONTE
  • Nel 1916 Enderlein analizzando sieri di malati di tifo con microscopio in campo oscuro osservò nel sangue un microrganismo vegetale
  • Serie evolutiva inferiore: protidi e condriti apatogeni
  • Serie evolutiva superiore: forme patogene quale virus, batteri, funghi
ambiente
AMBIENTE
  • Inquinamento
  • Conservanti e coloranti
  • Concimi artificiali
  • Eccesso di farmaci
  • Alimentazione ricca in zuccheri e proteine
ciclogenia batterica

CICLOGENIA BATTERICA

In condizioni ben precise una specie microbica può manifestarsi in differenti forme e stadi di sviluppo

enderlein
ENDERLEIN
  • Microrganismi da sempre presenti nelle cellule
  • Anche nell’organismo sano
  • Simbiosi : salute
  • Disequilibrio della simbiosi: alterazione della salute/malattia
ciclogenia
CICLOGENIA
  • La più piccola unità vivente è il colloide
  • Non è patogeno ed è la forma dell’ endobionteche

vive in simbiosi equilibrata con la cellula

  • Presenta pleomorfismo dipendente dalle condizioni ambientali di cellule e tessuti
  • Variando queste condizioni l’endobionte assume valenza patogena
ciclogenia1
CICLOGENIA
  • Le forme patogene possono ritornare alle forme apatogene (ciclo del sembionte)
  • Ph tissutale
futuro
FUTURO
  • Biologia ultramolecolare
  • Citochine : proteine secrete dal sistema immunitario, messaggeri chimici
  • Probiotici : simbionti capaci di ristabilire una simbiosi
terapia sanum isopatia
TERAPIA SANUM ISOPATIA
  • Rimedi che contengono diverse frazioni di varie specie di microrganismi simbionti, sostanze biologicamente attive (citochine,ormoni, neurotrasmettitori ect)
  • A contatto con masse microbiche ad alta valenza ne inducono la reversione in forme apatogene e ne favoriscono le eliminazione attraverso gli emuntori
  • Omeopatizzati
diluizione omeopatica

DILUIZIONE OMEOPATICA

Espressione che indica la concentrazione del rimedio omeopatico

c h dh
CH - DH
  • Il materiale di base viene diluito nel veicolo liquido o solido in rapporto 1:100 (diluizione centesimale) o 1:10 (diluizione decimale)
  • In un flacone si introducono una parte in peso della sostanza di base e si aggiungono 99 o 9 parti del veicolo appropriato
  • Si effettuano poi le succussioni (attivazioni cinetiche sequenziali) ottenendo così la 1 CH/DH
placebo

PLACEBO

Acqua fresca

aspettativa di vita
Aspettativa di vita
  • S. HAHNEMANN 1755-1843 88 anni
  • A. BECHAMP 1816- 1908 92 anni
  • G. ENDERLEIN 1872- 1968 96 anni
  • T. P. PASCHERO 1904- 1986 82 anni
  • A. NIGRO 1908-2010 102 anni
  • P. S. ORTEGA 1919-2005 86 anni
  • L. J. PASTEUR 1822-1895 73 anni
tomas pablo paschero
Tomas Pablo Paschero

“La cosa più importante,ciò che realmente ha valore nell’attitudine del Medico, è il senso dell’unità della vita.

Se non ce l’ha, non può comprendere l’ammalato ne’ far niente per lui.”

GRAZIE