prove invalsi 2010 11 n.
Download
Skip this Video
Loading SlideShow in 5 Seconds..
PROVE INVALSI 2010-11 PowerPoint Presentation
Download Presentation
PROVE INVALSI 2010-11

Loading in 2 Seconds...

play fullscreen
1 / 37

PROVE INVALSI 2010-11 - PowerPoint PPT Presentation


  • 164 Views
  • Uploaded on

PROVE INVALSI 2010-11. ANALISI ESITI LICEO “CRESPI”. LE FINALITA’ DELLA MISURAZIONE DEGLI APPRENDIMENTI. Decreto Legislativo 286/2004 Effettuare verifiche periodiche e sistematiche sulle conoscenze e abilità degli allievi e sulla qualità del sistema educativo

loader
I am the owner, or an agent authorized to act on behalf of the owner, of the copyrighted work described.
capcha
Download Presentation

PowerPoint Slideshow about 'PROVE INVALSI 2010-11' - ulla


An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript
prove invalsi 2010 11

PROVE INVALSI 2010-11

ANALISI ESITI LICEO “CRESPI”

slide2

LE FINALITA’ DELLA MISURAZIONE DEGLI APPRENDIMENTI

Decreto Legislativo 286/2004

Effettuare verifiche periodiche e sistematiche sulle conoscenze e abilità degli allievi e sulla qualità del sistema educativo

avendo come fine

il progressivo miglioramento e l’armonizzazione della qualità del sistema di istruzione

Valutazione di sistema

Misurare l’efficacia e l’efficienza del sistema scolastico nazionale, monitorandone i risultati, definiti in termini di livelli di apprendimento degli studenti, misurati in un quadro di riferimento condiviso

  • Indicatori di base
  • Indicatori di contesto
  • Indicatori di tendenza

Strumento diagnostico per le scuole

Fornire un’ampia base informativa per condurre un’analisi non autoreferenziale

  • Analizzare la capacità di far acquisire competenze essenziali
  • Diagnosticare in modo trasparente punti di forza e di debolezza su cui intervenire
  • Avviare una riflessione su possibili ricadute didattiche
slide3

LA RESTITUZIONE DEI DATI

  • Pubblicazione di una Sintesi dei primi risultati e di un Rapportonazionale basato sui dati delle classi campione (somministrazione delle prove e imputazione delle risposte a cura di un osservatore esterno)
    • Analisi effettuate solo su dati aggregati in modo da garantire pienamente l’anonimato dei singoli allievi e delle singole scuole.
    • Analisi che forniscono un quadro generale dei livelli di apprendimento degli studenti italiani
  • Restituzione in via esclusiva e riservata dei dati a ciascuna scuola
    • Dati aggregati per istituto o suddivisi per classe; non sono disponibili dati disaggregati per alunno
    • Dati disaggregati item per item
    • Dati sui quali avviare riflessioni e approfondimenti in merito alle scelte nell’organizzazione della didattica, anche in un’ottica di confronto con le altre scuole
slide4
I risultati a livello

nazionale e regionale

Rapporto nazionale

Rapporto tecnico

www.invalsi.it

la difficolt delle prove
LA DIFFICOLTÀ DELLE PROVE
  • La Rasch Analysis consente di ottenere sulla stessa scala la stima della difficoltà di ciascuna domanda e la misura del livello di prestazione del rispondente.
  • Ciò è molto importante dal punto di vista interpretativo, poiché consente di comprendere a quale livello di difficoltà si colloca ciascuna domanda e, allo stesso tempo, di comprendere quali e quanti sono gli allievi che mostrano livelli di apprendimento superiori o inferiori alla difficoltà di una determinata domanda o di un insieme di domande
  • I parametri di difficoltà di ciascuna domanda sono definiti su una scala convenzionalecentrata sul valore 0 e compresa tra i valori -4 e +4. Domande con parametri di difficoltà inferiori a 0 sono facili o molto facili se tali parametri assumano valori vicino a -4; domande con parametri positivi sono più difficili fino a divenire molto difficili quanto più ci si avvicina a +4.
slide12

PLACEMENT DELLA PROVA DI MATEMATICA

Abilità degli studenti

Difficoltà dell’item

Scala di misura espressa in “Rasch Unit”

slide13

PLACEMENT DELLA PROVA DI ITALIANO

Abilità degli studenti

Difficoltà dell’item

Scala di misura espressa in “Rasch Unit”

slide15

I DATI RESTITUITI DA INVALSI

E MODALITÀ DI LETTURA

  • Per ciascuna classe un file in Excel con
  • Risultato complessivo nella prova (medie classe, scuola, regionale, macro-area, nazionale)
  • Risultati in ciascun item: (medie classe, scuola, nazionale)
  • Dati disaggregati per nazionalità, sesso e regolarità
  • Percentuali diverse opzioni di risposta
  • GRAFICI
  • Posizionamento di classi e scuola rispetto a regione, macro-area e Italia.
  • Posizionamento scuola item per item rispetto a Italia
  • Variabilità tra e dentro le classi

Lettura analitica

‘di profondità’

Lettura sintetica

in chiave comparativa

slide16
La posizione della scuola per tipologia di istituto rispetto alla media
    • nazionale
    • dell’area geografica
    • della regione di appartenenza
slide26

LE DIFFERENZE DI PRESTAZIONI DELLE CLASSI

NELLE DUE PROVE: MATEMATICA E ITALIANO

MATEMATICA

ITALIANO

slide28

LA VARIABILITÀ DEI RISULTATI INCIDENZA DELLA VARIABILITA’ TRA LE CLASSI E DENTRO LE CLASSI

MATEMATICA

ITALIANO

SCUOLA ITALIA

slide30

10,7

9

7,6

7,3

slide31

CONFRONTO (AMBITO PER AMBITO) TRA IL RISULTATO DI SCUOLA E IL RISULTATO REGIONALE LICEINELLA PROVA DI MATEMATICA

1,0

0,4

0,2

-3,0

Lombardia Licei

slide32

CONFRONTO (AMBITO PER AMBITO) TRA IL RISULTATO DI CLASSE E IL RISULTATO REGIONALE LICEINELLA PROVA DI MATEMATICA

Lombardia Licei

slide33

14,3

10,8

9,6

6,8

slide34

CONFRONTO (AMBITO PER AMBITO)

TRA IL RISULTATO DI SCUOLA E IL RISULTATO REGIONALE LICEINELLA PROVA DI ITALIANO

1,7

-0,1

-0,6

T. NARRATIVO

T. ESPOSITIVO

T .ARGOMENT.

GRAMMATICA

-2,4

Lombardia Licei

slide35

CONFRONTO (AMBITO PER AMBITO) TRA IL RISULTATO DI CLASSE E IL RISULTATO REGIONALE LICEINELLA PROVA DI ITALIANO

Lombardia Licei

slide36
Una lettura

in “chiave didattica”