slide1 l.
Download
Skip this Video
Loading SlideShow in 5 Seconds..
XXX CONGRESSO NAZIONALE SICP VERONA 8-10 MAGGIO 2008 PowerPoint Presentation
Download Presentation
XXX CONGRESSO NAZIONALE SICP VERONA 8-10 MAGGIO 2008

Loading in 2 Seconds...

play fullscreen
1 / 38

XXX CONGRESSO NAZIONALE SICP VERONA 8-10 MAGGIO 2008 - PowerPoint PPT Presentation


  • 202 Views
  • Uploaded on

XXX CONGRESSO NAZIONALE SICP VERONA 8-10 MAGGIO 2008. SOSTITUZIONE ARTICOLARE DELLA METATARSO-FALANGEA INDICAZIONI E ALTERNATIVE CHIRURGICHE. P. RONCONI- F. CANCILLERI - E. ARATI.

loader
I am the owner, or an agent authorized to act on behalf of the owner, of the copyrighted work described.
capcha
Download Presentation

PowerPoint Slideshow about 'XXX CONGRESSO NAZIONALE SICP VERONA 8-10 MAGGIO 2008' - stuart


An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript
slide1

XXX CONGRESSO NAZIONALE SICP

VERONA 8-10 MAGGIO 2008

SOSTITUZIONE ARTICOLARE DELLA

METATARSO-FALANGEA

INDICAZIONI E ALTERNATIVE CHIRURGICHE

P. RONCONI- F. CANCILLERI - E. ARATI

slide2

Numerosi sono stati i modelli protesici per la sostituzione articolare metatarsofalangea ed in particolare della prima articolazione

slide3

Diversi i materiali usati: leghe in acciaio , titanio, polietilene, siliconici di varia natura ecc.

slide4

Il trattamento chirurgico segue protocolli standard che sono condizionati dallo stato evolutivo della malattia ( F. Malerba, F. De Marchi 1995)

slide5

Si possono distinguere in Tecniche :

1-Conservative

2-Demolitive

3- Artroplastiche con interposizione

slide6

3- Artroplastiche con interposizione:

A- Spaziatori permanenti

B- Spaziatori temporanei

C- Spaziatori riassorbibili

D- Protesi articolari

E- Emi-Impianti

slide7

Gli emi-Impianti ( Si comportano come spaziatori permanenti mantenendo una buona articolarità pur presente una degenerazione cartilaginea in sede di testa metatarsale )

Follow-up di oltre 20 anni con 95% di ottimi risultati (Townley)

slide9

Nell’alluce rigido o nell’alluce valgo rigido si assiste a:

1- Ipermetria metatarsale (Spesso)

2- Alterazione dell’asse di rotazione della I MF

3- Elevazione dinamica del I metatarso che determina la triade:

slide10

Pinch Callus

Bomp dorsale

Alluce “ Autostop”

slide11

CONSEGUENZE

Effetto negativo sull’asse di rotazione della I MF che porta a rigidita’ fino al blocco articolare ,conseguente deambulazione varizzante e sovraccarico funzionale delle teste metatarsali vicine

slide13

Per questi motivi abbiamo apportato una modifica alla tecnica chirurgica del “puro “ emi-impianto eseguendo una osteotomia obliqua con 4 gradi di liberta’

P. Ronconi e coll. -.Weil Osteotomyof the first metatarsal ( Modified by Ronconi) for the correction of Hallux Rigidus) Abstract 2° Congress EFFAS , Basilea 1996 ;33

P. Ronconi e coll. . Distal oblique osteotomy of the first metatarsal for the correction of hallux limitus and rigidus . J. Foot Surg. , 2000; 39:154-160

slide14

Possibilita’ di spostamento spaziale della testa metatarsale con osteotomia obliqua (4 gradi di libertà: abbassamento,arretramento,lateralizzazione e rotazione)

slide15

PROCEDURA CHIRURGICA

  • SHAVING ARTICOLARE
slide16

PROCEDURA CHIRURGICA

  • DISALLINEAMENTO ARTICOLARE
  • TESTA MT ELEVATA
  • RIGIDITA’ ARTICOLARE
slide17

PROCEDURACHIRURGICA

  • OSTEOTOMIA OBLIQUA CON 4 GRADI DI LIBERTA’
slide18

PROCEDURA CHIRURGICA

  • VALUTAZIONE ARTICOLARITA’ MF DOPO OSTEOTOMIA
slide20

PROCEDURA CHIRURGICA

  • OSTEOTOMIA ECONOMICA BASE FALANGE
slide21

PROCEDURACHIRURGICA

  • MISURA PERIMETRALE PER ALLOGGIAMENTO EMI-IMPIANTO
slide22

PROCEDURACHIRURGICA

APPLICAZIONE FILO GUIDA E FRESATURA

slide23

PROCEDURA CHIRURGICA

  • APPLICAZIONE

EMICOPPA DI PROVA E

VALUTAZIONE ARTICOLARITA’

  • RIMOZIONE EMICOPPA DI PROVA
slide24

PROCEDURA CHIRURGICA

  • ALLOGGIAMENTO EMIPROTESI
slide25

PROCEDURA CHIRURGICA

  • VALUTAZIONE NUOVA ARTICOLARITA’
  • INSERIMENTO INTRA-ARTICOLARE FATTORI DI CRESCITA
slide26

CASISTICA

DAL 23/03/2007 AL 30/12/2007:

N. CASI:12

(F:11 -M: 1)

RANGE ETA’: 45-75

GRADO II-III: 6

GRADO III: 6

PREGRESS. INTERV.: 2

VALGO-RIGIDO: 6

SOLO EMIMPIANTO: 3

OSTEOTOMIE MT LAT.: 5

CORREZIONE RETROPIEDE: 1

slide29

Valgo rigido op 3-10-07

Controllo 5-3-2008

slide30

Valgo rigido op 3-10-07

Controllo 5-3-02008

slide33

CONTROINDICAZIONI

  • ARTROPATIE INFIAMMATORIE
  • GRAVE ARTROSI SESAMOIDEA
  • INFEZIONI
  • FALLIMENTI NELLE ARTRODESI
slide34

Risultati Con lo score Koenig modificato :

Considerando il breve periodo di riferimento della casistica si è proceduto ad una valutazione clinico – obiettiva preliminare esaminando alcuni parametri di riferimento

A-Grado di soddisfazione del paziente

B- Sintomatologia dolorosa

C- Limitazione attività lavorativa

D- Deambulazione

E- Uso di calzature

F- Rdx di controllo

slide35

Koenig score modificato

- 9 casi (risultato Ottimo):

No dolore

Buona funzione MTP1 ( Range > 30 )

Marcia normale

Non segni di scollamento e o mobilizzazione protesi

- 2 casi ( risultato Buono):

Sono quelli con assenza di dolore , soddisfatti ma con funzionalità ridotta ( Range <= 30 ° )

- 1 caso ( risultato scarso)

Con dolenzia alla deambulazione

slide36

Conclusioni

  • Questa metodica per la sua versatilita’ di impiego puo’ essere usata in tutti quei casi dove bisogna :
  • 1- Abbassare la testa metatarsale ( ricentramento articolare)
  • 2- Arretrare la testa metatarsale ( Nelle ipermetrie)
  • 3- Migliorare il rapporto retro-avampodalico
  • 4- Aprire o chiudere l’IMA ( osteotomia di apertura o di chiusura)
  • 5- Migliorare l’orientamento della testa metatarsale (Sfrutta il 4° grado di libertà (la rotazione)
  • 6- Aumentare il range of motion MPJ1
  • 7-Preservare il Bone Stock articolare che in caso di insuccesso consente di poter ricorrere ad un impianto protesico o ad una artrodesi
slide37

Conclusioni

  • INFINE DESIDERIAMO EVIDENZIARE CHE LA TECNICA NON E’
  • DIFFICOLTOSA E CHE LA CURVA DI APPRENDIMENTO E’ ABBASTANZA BREVE : DUE TRE IMPIANTI