decreto brunetta l.
Download
Skip this Video
Loading SlideShow in 5 Seconds..
DECRETO “BRUNETTA” PowerPoint Presentation
Download Presentation
DECRETO “BRUNETTA”

Loading in 2 Seconds...

play fullscreen
1 / 27

DECRETO “BRUNETTA” - PowerPoint PPT Presentation


  • 243 Views
  • Uploaded on

DECRETO “BRUNETTA”. Decreto Legge n. 112 del 25/06/2008 convertito in Legge n. 133 del 06/08/2008. DISPOSIZIONI URGENTI. Il D.L. 112/2008 è stato pubblicato sulla G.U. n. 147 del 25 giugno 2008 ed è entrato in vigore nello stesso giorno. ASSENZE PER MALATTIA Articolo 71.

loader
I am the owner, or an agent authorized to act on behalf of the owner, of the copyrighted work described.
capcha
Download Presentation

PowerPoint Slideshow about 'DECRETO “BRUNETTA”' - soledad


An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript
decreto brunetta

DECRETO “BRUNETTA”

Decreto Legge n. 112 del 25/06/2008

convertito in Legge n. 133 del 06/08/2008

disposizioni urgenti
DISPOSIZIONI URGENTI
  • Il D.L. 112/2008 è stato pubblicato sulla G.U. n. 147 del 25 giugno 2008 ed è entrato in vigore nello stesso giorno.
assenze per malattia articolo 71
ASSENZE PER MALATTIAArticolo 71
  • 1° comma – Trattamento economico
  • 2° comma – Modalità di giustificazione dell’assenza
  • 3° comma – Controlli da disporre
  • 4° comma – Calcolo dei permessi retribuiti
  • 5° comma – Trattamento Economico Accessorio
  • 6° comma – Imperatività della Norma
1 comma trattamento economico
1° comma Trattamento Economico
  • Nei primi dieci giorni viene corrisposto il solo trattamento economico fondamentale, con esclusione di ogni emolumento accessorio comunque denominato, anche a carattere fisso e continuativo.
  • La qualificazione delle voci retributive è determinata dal contratto collettivo di riferimento.
1 comma trattamento economico5
1° commaTrattamento Economico
  • La decurtazione retributiva ha carattere permanente.
  • Opera per ogni episodio di assenza, anche di un solo giorno.
  • Opera per tutti i primi dieci giorni e pur in presenza di periodi di assenza per malattia retribuiti contrattualmente al 100%.
1 comma trattamento economico6
1° commaTrattamento Economico
  • I dieci giorni non rappresentano il contingente massimo nell’anno solare esaurito il quale si applicano le regole contrattuali; la decurtazione opera ogni qualvolta inizia un nuovo periodo di assenza nell’anno.
  • L’assenza per malattia che si protrae oltre il decimo giorno non consente la corresponsione della retribuzione contrattuale a partire dal primo giorno, il trattamento economico dei primi dieci giorni rimane decurtato.
1 comma trattamento economico7
1° commaTrattamento Economico
  • La protrazione dell’assenza oltre il decimo giorno non fa maturare, fin dal primo giorno, il venir meno della decurtazione.
  • Se il CCNL prevede già una decurtazione retributiva, rapportata alla durata delle assenze, la nuova disciplina si sovrappone. Esempio: nel periodo dei tre mesi di malattia con riduzione al 90%, i primi 10 gg. subiscono la decurtazione.
1 comma trattamento economico8
1° commaTrattamento Economico
  • Il D.L. 112/2008 non ha apportato modificazioni alla modalità di gestione delle assenze per visite specialistiche, terapie ed accertamenti diagnostici.
1 comma trattamento economico9
1° commaTrattamento Economico
  • Il dipendente può ricorrere ai seguenti istituti contrattuali:
    • permessi brevi, soggetti a recupero;
    • permessi per documentati motivi personali;
    • assenza per malattia, giustificata da certificazione medica, se ne ricorrono i presupposti;
    • ferie.
1 comma trattamento economico10
1° commaTrattamento Economico
  • Il ricorso all’uno o all’altro istituto dipende dalla valutazione del dipendente.
  • In ogni caso il ricorso all’assenza per salute comporta l’applicazione del nuovo regime riduttivo.
1 comma trattamento economico11
1° commaTrattamento Economico
  • Resta fermo il trattamento più favorevole previsto dal CCNL – Scuola
    • nel caso di ricovero ospedaliero e successivo periodo di convalescenza (art. 17, c. 8 lett. A);
    • malattie dovute a infortunio sul lavoro (art. 20, comma 1) previo accertamento INAIL;
    • malattie dovute a causa di servizio (art. 20, comma 2).
1 comma trattamento economico12
1° commaTrattamento Economico
  • Nel caso di gravi patologie che richiedono terapie salvavita, la nuova normativa ha salvaguardato le assenze relative a :

- ricoveri ospedalieri (pubblici o privati);

- day hospital;

- conseguenze certificate delle terapie salvavita.

1 comma trattamento economico13
1° commaTrattamento Economico
  • A titolo di mero esempio ricordiamo che in alcuni CCNL sono state fornite alcune esemplificazioni del significato di “grave patologia” anche se, per la tutela della privacy del lavoratore/paziente, il dato non sarà mai evidenziato nelle certificazioni sanitarie:
  • - emodialisi
  • - chemioterapia
  • - infezione HIV-AIDS
  • - vedere anche il D.M. Sanità n. 329 del 28/05/1999
1 comma trattamento economico14
1° commaTrattamento Economico
  • Non rientrano nelle norme di salvaguardia le prestazioni rese in regime di urgenza dai servizi di Pronto Soccorso.
1 comma trattamento economico15
1° commaTrattamento Economico
  • L’art. 77 del C.C.N.L. Scuola 29/11/2007 determina la struttura della retribuzione:
  • Trattamento fondamentale:
    • Stipendio tabellare per posizioni stipendiali
    • Posizioni economiche orizzontali
    • Eventuale assegno “ad personam”
1 comma trattamento economico16
1° commaTrattamento Economico
  • Trattamento accessorio:
    • Retribuzione professionale docenti
    • Compenso per funzioni strumentali
    • Compenso ore eccedenti e attività aggiuntive
    • Indennità di Direzione dei D.s.g.a.
    • Compenso individuale accessorio ATA
    • Compenso per incarichi ed attività ATA
    • Indennità e compensi retribuiti con il F.I.S.
    • Altre indennità previste dal contratto o altre Leggi
2 comma giustificazione dell assenza
2° commaGiustificazione dell’assenza
  • La certificazione medica è obbligatoria per tutte le assenze.
  • A partire dal terzo evento di malattia nell’anno solare, indipendentemente dalla durata dello stesso, la certificazione medica deve essere rilasciata da medici convenzionati con il S.S.N. o da strutture sanitarie pubbliche.
  • In ogni caso, le assenze di durata superiore a dieci giorni, indipendentemente dal fatto che si tratti di 1°, 2° 3° ecc. evento di malattia, la certificazione medica deve essere rilasciata da medici convenzionati con il S.S.N. o da strutture sanitarie pubbliche.
2 comma giustificazione dell assenza18
2° commaGiustificazione dell’assenza
  • Un esempio per chiarire:
  • Il dipendente si assenta 1 giorno per la prima volta nell’anno solare per cure dentistiche
  • La certificazione dell’assenza può essere rilasciata dallo stesso medico dentista
2 comma giustificazione dell assenza19
2° commaGiustificazione dell’assenza
  • Il dipendente si assenta 1 giorno per la terza volta nell’anno solare per cure dentistiche
  • La giustificazione dell’assenza deve essere rilasciata da medici convenzionati con il S.S.N. o da strutture sanitarie pubbliche
3 comma controlli dell amministrazione
3° commaControlli dell’Amministrazione
  • L’amministrazione deve obbligatoriamente richiedere la visita fiscale anche nelle ipotesi di prognosi di un solo giorno.
  • Nel caso di assenza per visita specialistica, l’Amministrazione, per non incorrere nell’ingiustificato aggravio di spesa per lo Stato, valuterà di volta in volta la necessità o meno di richiedere la visita fiscale.
3 comma controlli dell amministrazione21
3° commaControlli dell’Amministrazione
  • Il lavoratore non può assentarsi dalla propria abitazione dalle ore 08,00 alle ore 13,00 e dalle ore 14,00 alle ore 20,00.
  • Il lavoratore può assentarsi durante le fasce orarie solo per seri e fondati motivi, che devono essere segnalati all’Amministrazione in tempo utile.
4 comma calcolo orario dei permessi
4° commaCalcolo orario dei permessi
  • I Permessi retribuiti di cui all’art. 15 del CCNL Scuola dovranno essere conteggiati a ore.

(Inf.:15;Pri:12;Sec:9;ATA:18)

4 comma trattamento permessi
4° commaTrattamento Permessi
  • In sede di conversione (Legge n. 133/08) sono state apportate modifiche alla tematica dei permessi per i portatori di handicap (Legge 104/92): è stato sostituito il riferimento all’art. 33, comma 3, con il riferimento al comma 6 del medesimo articolo.
4 comma trattamento permessi24
4° commaTrattamento Permessi
  • I portatori di handicap grave possono fruire alternativamente nel corso del mese di:
    • tre giorni di permesso (a prescindere dall’orario giornaliero);
    • due ore di permesso al giorno (per ciascun giorno lavorativo del mese).
5 comma trattamento economico accessorio
5° commaTrattamento Economico Accessorio

ECCEZIONI

  • Fanno eccezione le assenze per congedo di maternità (ex astensione obbligatoria), compresa l’interdizione anticipata, congedo di paternità, i permessi per lutto, le assenze per citazioni a testimoniare e quelle per espletare la funzione di giudice popolare.
5 comma trattamento economico accessorio26
5° commaTrattamento Economico Accessorio

ECCEZIONI

  • Le assenze previste dall’art. 4, comma 1, Legge 53/2000, richiamate dal comma 2 dell’art. 15 del CCNL Scuola 29/11/2007 (permessi per gravi motivi personali o familiari).
5 comma trattamento economico accessorio27
5° commaTrattamento Economico Accessorio

ECCEZIONI

I permessi previsti dall’art. 33, comma 6,della Legge 104/1992, limitatamente ai soli dipendenti portatori di handicap grave: tre giorni mensili di permesso o in alternativa due ore giornaliere senza limite massimo.