slide1 n.
Download
Skip this Video
Loading SlideShow in 5 Seconds..
...una specie da salvare PowerPoint Presentation
Download Presentation
...una specie da salvare

Loading in 2 Seconds...

play fullscreen
1 / 20

...una specie da salvare - PowerPoint PPT Presentation


  • 279 Views
  • Uploaded on

LA LAMPREDA. ...una specie da salvare. La lampreda è un pesce antichissimo che appartiene agli AGNATI e più precisamente alla classe dei CICLOSTOMI, all’ordine dei PETROMIZONTI e alla famiglia dei PETROMIZONTIDI.

loader
I am the owner, or an agent authorized to act on behalf of the owner, of the copyrighted work described.
capcha
Download Presentation

PowerPoint Slideshow about '...una specie da salvare' - shauna


An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript
slide1

LA LAMPREDA...

...una specie da salvare

slide2

La lampreda è un pesce antichissimo che appartiene agli AGNATI e più precisamente alla classe dei CICLOSTOMI, all’ordine dei PETROMIZONTI e alla famiglia dei PETROMIZONTIDI.

La lampreda è priva di mascella e mandibola, ma è dotata di una bocca circolare provvista di denti cornei e di una lingua muscolosa grazie a cui si nutre parassitando altri organismi acquatici.

Inoltre è provvista di sette fori branchiali ai lati degli occhi e di un’unica narice dorsale.

slide3

Le larve delle lamprede, dette AMMOCETI, vivono insabbiate nel substrato fluviale, per circa tre/quattro anni, durante i quali si nutrono per filtrazione attraverso l’ENDOSTILO.

slide4

Le Lamprede

  • Le lamprede non hanno un cranio vero e proprio e lo scheletro non è costituito da ossa ma da cartilagine.
  • La cavità orale armata di dentelli, così come la lingua, viene usata per perforare i tessuti delle vittime.
  • Dopo essersi attaccata a una preda e aver lacerato la sua pelle per mezzo dei numerosi dentelli, la lampreda comincia ad aspirare il sangue della sua vittima, mantenuto fluido dalla saliva che contiene una sostanza anticoagulante.
slide5

Caratteristiche della lampreda

Bocca di una lampreda

Ai lati della testa 7 aperture permettono la fuoriuscita dell'acqua pompata per la respirazione branchiale.

Le pinne sono assenti, ad eccezione delle due pinne dorsali e dell'anale (quest'ultima solo accennata), fuse assieme alla pinna caudale.

È una specie migratrice anadroma: risale il corso dei fiumi, per la riproduzione, da gennaio a marzo, accoppiandosi verso maggio, quando vengono deposte oltre 40.000 uova per femmina.

slide6

Riproduzione

Ritornate ai fiumi dove erano nate, i loro dentelli si atrofizzano per non ferire il partner. Dopo aver scavato e ripulito una cavità nella ghiaia o nella sabbia, depongono migliaia di uova sui fondali assolati e ossigenati dalla corrente e poi, non potendosi più alimentare, muoiono di stenti.

slide7

Dopo 10-20 giorni le uova si schiudono e le larve scavano nei fondali melmosi delle piccole gallerie. Questi rifugi, essendo orientati contro corrente, danno loro modo di filtrare e raccogliere le particelle nutritive e il microplancton acquatico.

Cieche e prive di denti, le larve, chiamate ammoceti, trascorrono da 3 a 5 anni sepolte nel fango. Quando raggiungono i 12-15 cm di lunghezza inizia la metamorfosi (perfezionamento del sistema respiratorio, sviluppo dell'imbuto orale, al cui interno crescono i dentelli cornei, e differenziamento degli occhi) che le trasformerà nell’individuo adulto.

lampreda
LAMPREDA

DI MARE DI FIUME DI RUSCELLO

slide10

Lampredadi Mare

NOME LATINO: Petromyzon marinus

FAMIGLIA: Petromyzonidae ( Petromizonti )

MORFOLOGIA: corpo cilindrico che termina a punta, compresso nella parte posteriore; doppia pinna dorsale, situate sulla metà posteriore del dorso e assai vicine tra loro, la prima, più bassa, ha forma subcircolare, la seconda triangolare; bocca ovale con piastra sopraorale munita di due denti vicini tra loro, piastra suborale con 7-9 denti e 4 piastre labiali con due denti ciascuna; colorazione dell'adulto bruno nerastra sul dorso, a macchie scure su fondo giallo verdastro sui fianchi, biancastro il ventre; nei giovani la colorazione è uniformemente bruno chiara.

TAGLIA: fino a 90 cm.

DISTRIBUZIONE: Lungo tutte le coste italiane. Corso medio e inferiore del Po, Ticino, Lambro, Scrivia, Adige, Arno, Tevere.

slide11

Lampredadi Mare

HABITAT: dimora presso la zona litorale marina; specie anadroma, risale lungo i fiumi nei periodo riproduttivo che ha luogo in zone con corrente rapida e fondali ghiaiosi e sassosi; i giovani vivono in acque fluviali calme con fondo fangoso fino alla metamorfosi.

ALIMENTAZIONE: è parassita principalmente di merluzzi, sgombri e aringhe, ma anche di delfini, ai quali succhia il sangue.

RIPRODUZIONE: la montata riproduttiva avviene tra la primavera e l'inizio dell'estate; la coppia scava tra ghiaia e sassi una buca nella quale vengono deposte le uova molto piccole (1 mm di diametro). Dopo l'atto riproduttivo gli adulti muoiono.

Le larve ( ammoceti ) si trasferiscono in tratti di fiume a corrente tranquilla e nel fango trascorrono da 2 a 5 anni prima di compiere la metamorfosi (15-20 cm). Successivamente alla metamorfosi si ha la migrazione verso il mare.

slide12

Cavitàorale

Le Lamprede

Le Lamprede

Fori Branchiali

Stadio adulto

slide13

LAMPREDA DI FIUME ( Petromyzon fluvialitis ).

  • GRUPPO: pesciORDINE: petromizontiFAMIGLIA: petromizontidiGENERE: lampetra fluviatilis
  • PESO: da 0,5 a 1 KgLUNGHEZZA: da 30 a 50 cm
  • MATURITA'SESSUALE: tra i 5 e i 6 anniNUMERO DI UOVA: 40'000 circa
  • VITA MEDIA: 8-10 anni
lampreda di fiume petromyzon fluvialitis
LAMPREDA DI FIUME ( Petromyzon fluvialitis ).

La lampreda di fiume è stata rinvenuta nel Po e nei principali fiumi lombardi, emiliani, nonché nei fiumi veneti e toscani dove risulta più frequente; è stata trovata anche nel Lago di Garda.

Questo animale presenta un corpo cilindrico e una bocca sprovvista di mascella ma con forti denti . È più piccola dell'affine lampreda di mare, ha un colore grigio olivastro, quasi bianco sul ventre.

lampreda di fiume petromyzon fluvialitis1
LAMPREDA DI FIUME ( Petromyzon fluvialitis ).

Al contrario di altre specie parassite, non si nutre succhiando il sangue dell'ospite ma di prede che aggredisce o di resti animali morti.

La lampreda di fiume è una specie migratrice anadroma ( risale il corso dei fiumi ) , gli adulti si accoppiano una sola volta tra Aprile e Maggio, mese nel quale ha luogo la deposizione delle uova, al termine della quale muoiono

slide16

La lampreda di ruscello

La lampreda di ruscello (Lampetra planeri) predilige il nord Europa ed è presente in Italia, anche se in modo discontinuo, nel versante tirrenico della penisola.

Lampetra planeri, è una specie esclusiva di acque dolci e non presenta la fase parassitaria tipica delle lamprede adulte.

slide17

Corpo anguilliforme ,bocca circolare, con denti labiali poco numerosi, smussati, occhio piccolo. Sette fessure branchiali per lato, disposte in una fila leggermente inclinata verso il basso in direzione antero-posteriore. Pinne dorsali contigue. Pinna anale assente. Pinna caudale lanceolata. Dorso, con sfumature tendenti al grigio. Fianchi da giallastro a giallo argentato.

slide18

La lampreda di ruscello

Sebbene durante la metamorfosi sviluppino i necessari meccanismi per l'alimentazione parassitaria, questi non vengono mai impiegati e quindi le lamprede di ruscello non parassitano i pesci.

Le gonadi prendono a maturare quasi immediatamente dopo la metamorfosi, mentre l'intestino si atrofizza.

In assenza di alimentazione, queste lamprede restano di dimensioni nane, e raggiunta la maturità sessuale, depongono le uova e muoiono.

conservazione delle lamprede

Conservazione Delle Lamprede

Tutte le specie di lamprede presenti in Italia sono riportate nella Direttiva CEE 92/43 tra le “specie animali e vegetali d’interesse comunitario la cui conservazione richiede la designazione di zone speciali di conservazione”.

Per questo, allo scopo di tutelare le popolazioni di lamprede ancora presenti, le proposte di intervento riguardano necessariamente la conservazione degli habitat: è urgente intervenire con l’istituzione di riserve naturali comprendenti le zone dei corsi d’acqua in cui sono ancora presenti le condizioni ambientali idonee per lo svolgimento del loro complesso ciclo biologico; sono inoltre necessari interventi di razionalizzazione dei prelievi idrici e di ghiaia dagli alvei dei corsi d’acqua.

slide20
La convenzione di Berna annovera Lampetra fluviatilis tra la fauna protetta.

La pesca è vietata in Olanda , Francia e Italia.

Classe 1G Liceo Parentucelli

A.S. 2009/10