slide1 n.
Download
Skip this Video
Loading SlideShow in 5 Seconds..
Chiara Alberti Dipartimento di Farmacia – A.O. di Verona Giuseppe Lombardo MMG – UIF ASL 20 Verona PowerPoint Presentation
Download Presentation
Chiara Alberti Dipartimento di Farmacia – A.O. di Verona Giuseppe Lombardo MMG – UIF ASL 20 Verona

Loading in 2 Seconds...

play fullscreen
1 / 19

Chiara Alberti Dipartimento di Farmacia – A.O. di Verona Giuseppe Lombardo MMG – UIF ASL 20 Verona - PowerPoint PPT Presentation


  • 256 Views
  • Uploaded on

Corso “Prescrizione di Farmaci: normativa e appropriatezza”. UTILIZZO OFF LABEL. Chiara Alberti Dipartimento di Farmacia – A.O. di Verona Giuseppe Lombardo MMG – UIF ASL 20 Verona. MARZANA, 28 SETTEMBRE e 5 OTTOBRE 2007. Definizioni.

loader
I am the owner, or an agent authorized to act on behalf of the owner, of the copyrighted work described.
capcha
Download Presentation

PowerPoint Slideshow about 'Chiara Alberti Dipartimento di Farmacia – A.O. di Verona Giuseppe Lombardo MMG – UIF ASL 20 Verona' - savanna


An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript
slide1

Corso “Prescrizione di Farmaci: normativa e appropriatezza”

UTILIZZO OFF LABEL

Chiara Alberti Dipartimento di Farmacia – A.O. di Verona

Giuseppe Lombardo MMG – UIF ASL 20 Verona

MARZANA, 28 SETTEMBRE e 5 OTTOBRE 2007

slide2

Definizioni

Farmaco registrato: farmaco approvato dalle autorita’ regolatorie competenti per lo specifico utilizzo

  • * evidenze scientifiche di efficacia e sicurezza nella patologia, dosaggio, popolazione per cui e’ registrato

Off-label: uso al di fuori delle condizioni previste da scheda tecnica: indicazioni, dose, eta’ e via di somministrazione

  • PEDIATRIA (60% di prescrizioni off label, 89% dei bb ricoverati)
  • ONCOLOGIA
  • PSICHIATRIA E NEUROLOGIA
  • REUMATOLOGIA

epidemiologia

normativa di riferimento per l uso off label
Normativa di riferimento per l’uso off-label
  • Legge 8/4/1998n. 94 Normativa sull’uso speciale dei farmaci“Legge Di Bella”
  • Legge 23/12/1996 n.648 e successivi aggiornamenti
  • D.M. 8/5/2003 (uso compassionevole/uso allargato)
slide4

Prescrizione off-label:

a carico di chi?

  • A carico delSSN (648/96, malattie rare, studi no-profit finalizzati al miglioramento della pratica clinica)
  • A carico dell’azienda produttrice (uso terapeutico secondo DM 8/5/2003)
  • A carico del cittadino(Legge 8/4/1998 n. 94)
  • A carico della Azienda sanitaria in caso di ricovero (compreso nel DRG di ricovero)(Legge 8/4/1998 n. 94)
slide6
Legge Finanziaria 2007 (art.1, comma 796, titolo z)
  • delimita gli usi off-label: “ la Legge Di Bella non è applicabile agli usi off-label diffusi e sistematici, ossia all’uso routinario di farmaci al di fuori delle condizioni di registrazione, quando questi non costituiscano l’unica (e ultima) alternativa possibile”

Un utilizzo di questo tipo è consentito solo nell’ambito delle sperimentazioni cliniche.

  • demanda alle Regioni l’individuazione dei responsabili dei procedimenti applicativi di tale disposizione anche relativamente alla responsabilità per danno erariale

Deliberazione Regionale n.449 del 27/02/2007

slide7

Regione Veneto: DGR n° 449 del 27.02.2007

ASL 1

ASL 2

Clinico

UO 2

UO 2

UO 1

UO 2

UO 1

UO 2

Farmacia

Direzione Sanitaria

Direzione Sanitaria

CTO

CTO

Ricovero ordinario / DH

Ambulatoriale

CE

CE

CTR

Direzione Sanitaria

ASL di appartenenza

AIFA

Usi diffusi e sistematici

Usi personalizzati e individuali

Procedure operative di AO, ASL e IRCCS della Regione Veneto

usi off label diffusi e sistematici
Usi “off-label” diffusi e sistematici

Il Direttore di U.O. deve raccogliere tutti i protocolli di usi off-label diffusi e sistematici indicando per ciascuno la tipologia di evidenza bibliografica a supporto (metanalisi, RCT, CT, case-series, case report)

Direzione Sanitaria: autorizzazione provvisoria

CTO

sulla base della consistenza delle evidenze

CTR

CE

AIFA

LEGGE 648

slide9

La forza delle evidenze

  • Revisioni sistematiche di RCTS
  • Randomised controlled trials
  • Clinical trials
  • Case series
  • Case reports

Allegato 2: SCHEMA PER LA PRESENTAZIONE DEI PROTOCOLLI

slide10

RESPONSABILITA’ RELATIVA AL DANNO ERARIALE

(art. 1, comma 796, titolo z Legge Finanziaria)

DGR n. 449 27/02/2007: USI “OFF-LABEL” DIFFUSI E SISTEMATICI

Direttore Sanitario protocolli notificati dalle U.O. (provvisoria in attesa di valutazione CTO e CTR)

Direttore U. O. protocolli NON notificati alla Direzione Sanitaria

Medico U.O. protocolli NON notificati al Direttore U.O.  

usi off label per singoli pazienti

DGR n. 449 27/02/2007

Usi “off-label” per singoli pazienti

Consentiti se

  • assenza di valida alternativa terapeutica
  • disponibilità di pubblicazioni scientifiche accreditate in campo internazionale
  • assunzione di responsabilità del medico
  • dichiarazione di futura acquisizione del consenso informato del paziente (“Legge Di Bella” n.94 del 08.04.98)
  • dichiarazione di impossibilità di accesso al farmaco gratuitamente ai sensi del DM 8/5/2003 “uso compassionevole”
slide12

LA DGR PRECISA CHE IL MEDICO PRESCRITTORE NON DEVE INFORMARE IL PAZIENTE RELATIVAMENTE ALLA POSSIBILITA’ DELLA TERAPIA FINO ALLA CONCLUSIONE DELL’ITER AUTORIZZATIVO, PER NON CREARE FALSE ASPETTATIVE NEL PAZIENTE.

COME DEVE ESSERE PRESENTATA LA RICHIESTA:

  • MODULISTICA DEFINITA DA DGR
  • RELAZIONE CLINICA DETTAGLIATA
  • DOCUMENTAZIONE BIBLIOGRAFICA
slide13
.

istruttoria

servizio di

Farmacia

richiesta

medico

AMBULATORIO

RICOVERO/DH

Direzione Sanitaria e

Servizio Farmaceutico

ASL

Direzione Sanitaria

Ospedale

L’autorizzazione o meno deve pervenire entro

5 giorni lavorativi (regola del silenzio/assenso).

Per paziente extra Regione non vale regola silenzio/assenso

slide14

Esempio di scheda di valutazione

  • FARMACO: indicazione richiesta, schema posologico, durata terapia, indicazioni registrate, fascia rimborsabilità, note AIFA, valutazioni PTORV
  • PATOLOGIA: terapie standard, linee guida di trattamento
  • PAZIENTE: razionale della richiesta e caratteristiche paziente riportati nella relazione clinica
  • LETTERATURA:analisi dei principali dati di letteratura a supporto della richiesta
  • COSTI: analisi dei costi secondo schema posologico e durata terapia previsti
  • BIBLIOGRAFIA
slide15

LEGGE 648/96

Modello di Consenso Informato

  • Generalita’ del paziente;
  • norme e qualifica del medico prescrittore;
  • recapito cui fare riferimento in caso di emergenza;
  • impegno da parte del medico ad informare il paziente di eventuali nuovi dati relativi alla terapia;
  • nome del medicinale o specialita’ medicinale, modalita’ di somministrazione,
  • dosaggio, durata del trattamento;
  • trattasi di medicinale autorizzato alla commercializzazione in Italia per indicazione terapeutica diversa;
  • la incompletezza dei dati relativi alla sicurezza ed efficacia del medicinale per l’indicazione terapeutica corrispondente alla patologia del paziente;
  • i potenziali benefici ed i rischi prevedibili.
slide16

L’uso di EBPM nella profilassi della TVP in paziente ortopedico traumatizzato, immobilizzato con gesso,non sottoposto ad intervento chirurgico è OFF LABEL?

INDICAZIONI MINISTERIALI:

Enoxaparina: Profilassi TVP

Fondaparinux: Prevenzione della TEV in pazienti di pertinenza medica considerati ad alto rischio di TEV e che sono immobilizzati a causa di una patologia acuta quale insufficienza cardiaca e/o disturbi respiratori acuti e/o infezioni o patologie infiammatorie acute.

Reviparina: Profilassi della TEV in pazienti a rischio tromboembolico maggiore e in chirurgia ortopedica.

STUDI CLINICI (ES. MEDENOX, PREVENT, EXCLAIM): hanno arruolato pazienti con patologie internistiche acute.

LINEE GUIDA (SISET, ACCP) SULLA PROFILASSI TEV IN MEDICINA:

identificano le condizioni cliniche internistiche acute (quali scompenso cardiaco acuto congestizio di grado III-IV, patologia respiratoria grave) o pazienti in ogni caso allettati con fattori aggiuntivi di rischio di TEV (quali cancro in fase acuta, precedente episodio di TEV, sepsi, malattie neurologiche acute, patologie infiammatorie intestinali) attraverso valutazioni, secondo protocolli clinici, del profilo di rischio del singolo paziente comprendendo anche l’età (considerata ulteriore fattore di rischio se > a 60 anni).

PTORV:

fondaparinux in equivalenza ad enoxaparina nella profilassi delle trombosi venose profonde in pazienti non chirurgici.

slide17

E la traumatologia ortopedica?

STUDI CLINICI: Kuiat, Koch, Jorgensen, Lassen (nadroparina, reviparina, tinzaparina, Monoembolex)

LINEE GUIDA SISET SULLA PROFILASSI TEV IN CHIRURGIA ORTOPEDICA RELATIVAMENTE ALLA TRAUMATOLOGIA ORTOPEDICA:

profilassi con EBPM indicata in pazienti con frattura delle ossa della gamba, con rottura del tendine d’Achille e con lesioni di altri tessuti che richiedono immobilizzazione dell’arto SIA CHE VENGANO OPERATI O MENO.

LINEE GUIDA SIOT SULLA PROFILASSI TEV IN ORTOPEDIA E TRAUMATOLGIA RELATIVAMENTE ALLA FRATTURA DEGLI ARTI:

esistono dati a favore dell’effetto delle EBPM (enoxaparina, nadroparina).

USO OFF LABEL SUPPORTATO DA PROVE DI EFFICACIA?

slide18

CODICE DEONTOLOGICO

  • Il medico agisce secondo il principio di efficacia delle cure nel rispetto dell’autonomia della persona tenendo conto dell’uso appropriato delle risorse. (art. 6)
  • Le prescrizioni e i trattamenti devono essere ispirati ad aggiornate e sperimentate acquisizioni scientifiche tenuto conto dell’uso appropriato delle risorse, sempre perseguendo il beneficio del paziente secondo criteri di equità. (art. 13)
  • Le prescrizioni di farmaci, sia per indicazioni non previste dalla scheda tecnica sia non ancora autorizzati al commercio, è consentita purchè la loro efficacia e tollerabilità sia scientificamente documentata. In tali casi, acquisito il consenso scritto del paziente debitamente informato, il medico si assume la responsabilità della cura ed è tenuto a monitorarne gli effetti. (art. 13)
slide19

www. Dirittosanitario.net

  • Sussiste la responsabilità di lesionidolosenel comportamento del medico che prescriva un farmaco per una somministrazione ed utilizzazione cosiddetta “fuori indicazione” o “off label” per sfruttarne alcuni particolari effetti collaterali allorchè dalla utilizzazione derivi per il paziente una malattia rilevante ai sensi dell’art. 582 c.p. (Lesione personale) e il paziente non abbia rilasciato al sanitario il consenso informato ad ogni possibile conseguenza derivante.