Come le tecnologie possono aiutare le persone anziane in comunità - PowerPoint PPT Presentation

slide1 n.
Download
Skip this Video
Loading SlideShow in 5 Seconds..
Come le tecnologie possono aiutare le persone anziane in comunità PowerPoint Presentation
Download Presentation
Come le tecnologie possono aiutare le persone anziane in comunità

play fullscreen
1 / 26
Come le tecnologie possono aiutare le persone anziane in comunità
109 Views
Download Presentation
rimona
Download Presentation

Come le tecnologie possono aiutare le persone anziane in comunità

- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript

  1. Come le tecnologie possono aiutare le persone anziane in comunità Relatori: Dott. Davide MINNITI – Dr Marco GROSSO

  2. Piano Sanitario Regionale 2007-2010 “… Rispetto al ruolo specifico delle tecnologie innovative (…), si intende fare ricorso a tali tecnologie per monitorare le condizioni di non autosufficienza, in particolare degli anziani con malattie croniche, in quanto tali tecnologie possono potenziare il sistema delle cure domiciliari, favorendo il mantenimento dei soggetti nel proprio contesto abitativo e sociale il più a lungo possibile e migliorando la cooperazione tra gli interventi di tipo sanitario e sociale, in una ottica di continuità delle cure, ottimizzazione delle risorse e miglioramento dell’appropriatezza della presa in carico globale”. Piano Sanitario Regionale 2012-2015 “…E’ verosimile che nel futuro gli sviluppi tecnologici e i cambiamenti di ruolo nell’ambito professionale renderanno necessaria che … gran parte della assistenza possa essere delocalizzata adattandosi alle esigenze del paziente piuttosto che a quelle dell’organizzazione. … Di fatto, le tecnologie presenti negli ambiti domiciliarisono in piena espansione …”

  3. PROGETTO DI RADIOLOGIA DOMICILIARE DELLA REGIONE PIEMONTE

  4. I PAZIENTI

  5. LA TELERADIOLOGIA TERRITORIO Refertazione con trakcare Firmadigitale Pdf CD ROM Pazienti

  6. 2ª fase sperimentale: 1 luglio ’09 - 31 dicembre ‘10 Torino (AOU S. GIOVANNI BATTISTA DI TORINO) Bassa Valle di Susa (ASL TO3) Locana Pont Canavese (ASL TO4) Distretto Alba-Bra (ASL CN2)‏

  7. R@DHOME VALLE ORCO

  8. SICUREZZA PROTEZIONE ED ELABORAZIONE DI CONTENUTI MULTIMEDIALI IN AMBITO BIOMEDICO TECNICHE PER LA SICUREZZA E LA PROTEZIONE (WATERMARKING) TECNICHE DI SICUREZZA IN TRASFERIMENTO E CONSERVAZIONE-FINGERPRINTING TECNICHE DI VALUTAZIONE DELLA QUALITA’ VIDEO SU CANALE CON RUMORE

  9. LE IMMAGINI

  10. I PROGETTI … DERIVATI… • THE RAD-HOME PROJECT: A PILOT STUDY OF HOME DELIVERY OF RADIOLOGY SERVICES. Ricauda NA, Tibaldi V, Bertone P, Quagliotti E, Tizzani A, Zanocchi M, Isaia GC, Grosso M, Cammarota T, Davini O. Arch Intern Med. 2011 Oct 10;171(18):1678-80. Epub 2011 Aug 8. • LA RADIOLOGIA DOMICILIARE COME DRIVER DI SVILUPPO DELLA SANITÀ DIGITALE IN AMBITO TERRITORIALE Davide Minniti, Marco Grosso, Stefano Murotto, Alessandro Beux, Nicoletta Aimonino ricauda, Vittoria Tibaldi, Tersa Cammarota, Ottavio Davini. Radhome:. Sanità Pubblica e Privata Vol 2 – marzo-aprile 2010 • DESIGN OF A STUDY ON THE QUALITY PERCEIVED BY PATIENTS HOSPITALIZED AT HOME UNDERGOING DOMICILIARY RADIOGRAPHY. Cammarota T, Aimonino Ricauda N, Davini O, Beux A, Grosso M, Minniti D, Tibaldi V, Cerri R, , Di Marco I, Di Novi Cinzia, Bertetto O. XIXth IAGG World Congress of Gerontology and Geriatrics 5-9 july 2009 • E-CARE E RADIOLOGIA DOMICILIARE: IL FUTURO DELLA RADIOLOGIA A CASA DEI PAZIENTI IN TUTTA SICUREZZA. Minniti D, Pagana G, Grosso M, Murotto S, Veronesi A, Beux A, Cammarota T, Davini O. E-health Care Innovazione e Tecnologie In Sanità .Anno II n.3 – maggio/giugno 2010 • HIA E HTA: LA SINERGIA DI DUE STRUMENTI A SUPPORTO DEI DECISORI. Minniti D, Grosso M, Davini O. Atti 4° Congresso Nazionale SIHTA - HTA è qualità dei servizi sanitari. Udine 17-19 Novembre 2011 • SICUREZZA PROTEZIONE ED ELABORAZIONE DI CONTENUTI MULTIMEDIALI IN AMBITO BIOMEDICO IN RELAZIONE AL PROGETTO SPERIMENTALE DI RADIOLOGIA DOMICILIARE DELLA REGIONE PIEMONTE. Davide Minniti, Marco Grosso, Guido Pagana. Information Technology Anno 1, Numero 1, nov-dic 2010, 52-60

  11. STUDIO RANDOMIZZATO POPOLAZIONE: gruppo 2 randomizzato 1:1 Pazienti ricoverati in regime di ospedalizzazione a domicilio (OAD) vs pazienti seguiti in ospedale. • OSSERVAZIONALE POPOLAZIONE: gruppo 1 non randomizzato DURATA DELLO STUDIO: Dal 1 giugno 2008 al 31 dicembre 2010.

  12. I RISULTATI sono stati eseguiti > 600 esami radiologici a domicilio; l’87% rappresentati da radiografie del torace (studio osservazionale). N=123 elegibili allo studio n=69 (55%) sono stati oggetto dello studio randomizzato: n=34 radhome e n=35 in Ospedale Età media di 78 anni e il 45% erano uomini Patologie prevalenti: scompenso cardiaco, BPCO, Polmonite. In entrambi i gruppi le radiografie hanno confermato il sopsetto clinico in circa il 70% dei casi.

  13. I RISULTATI Studio Randomizzato: non si sono rilevate differenze significative tra i due gruppi per quanto riguarda: età, sesso, stato civile, scolarità, convivenza, attività lavorativa pregressa, stato finanziario, condizioni abitative. THE RAD-HOME PROJECT: A PILOT STUDY OF HOME DELIVERY OF RADIOLOGY SERVICES. Ricauda NA, et al. Arch Intern Med. 2011. Epub 2011 Aug 8.

  14. DATI STUDIO RADIOLOGIA DOMICILIARE • Non si sono rilevate differenze statisticamente significative tra i due gruppi per quanto riguarda l’attesa dell’esame (2,3 gg vs 3.1 [p=0.177]). • Non si sono verificate alterazioni comportamentali in corso di esame RX a domicilio mentre circa il 20% dei pazienti che hanno eseguito esame in ospedale hanno presentato disturbi comportamentali, in particolare agitazione psico-motoria, trattata farmacologicamente nel 50% dei casi • L'iniziale e parziale elaborazione dei costi pare dimostrare un minor costo dell'esame radiologico eseguito a domicilio rispetto all'ospedale THE RAD-HOME PROJECT: A PILOT STUDY OF HOME DELIVERY OF RADIOLOGY SERVICES. Ricauda NA, et al. Arch Intern Med. 2011. Epub 2011 Aug 8.

  15. COSTI STIMATI RX TORACE OSPEDALE Vs DOMICILIO • DOMICILIO • Costi fissi:circa 60.000 € da ammortizzare • Costi variabili: manutenzione apparati, autovettura ,sistemi teletrasmissione, materiale di consumo (metano, no full risk, filmless)2000 Euro / anno per attività cittadina. • Ipotizzati 25 esami a settimana per 5 anni :70000 €/6500 esami = 10,7 € a esame. • Costo TSRM 25 € /ora :200 € al lordo • Ipotizzati 25 esami a settimana per 5 anni : 40 € a esame • Costo totale ipotizzato : • circa 60 € • OSPEDALE • Costi fissi:ammortizzati sul lungo periodo +costi variabili: manutenzione e materiale di consumo • Costo medio calcolato Regione Piemonte : 21,5 € • Paziente con difficoltà al trasporto: • Costo medio trasporto su autolettiga a/r :90 € • Costo infermiere accompagnamento 25 € /ora • Costo orario perdita giornata lavorativa care giver : difficile da valutare, ma evidenza di costo sociale elevato • Costo ipotizzato per almeno 3 ore di permanenza : 186,5 €

  16. QUALITA’ DELLE IMMAGINI In 16 Pazienti è stata valutata la qualità del radiogramma del torace eseguito a domicilio a confronto con un esame dello stesso Paziente eseguito presso una Radiologia dell’Ospedale. 7 Medici Radiologi dell’Azienda hanno valutato i due radiogrammi “anonimizzati”,seguendo la griglia di valutazione per la qualità dei radiogrammi del torace, proposta e validata dalla SIRM

  17. “DICONO… • “andare in ambulanza, alla mia età, e’ un problema”. • “ho tanto male , se mi muovo e’ peggio”. • “qui, a casa, mi sento una persona, non un numero”. • “sono molto debole, il trasporto sarebbe molto difficile”. • “non mi alzo da due anni”. • Valutazione della qualità percepita dai pazienti • sottoposti ad indagine radiologica domiciliare • (Ric. San. Fin. 2008 bis). DESIGN OF A STUDY ON THE QUALITY PERCEIVED BY PATIENTS HOSPITALIZED AT HOME UNDERGOING DOMICILIARY RADIOGRAPHY Cammarota T, Aimonino Ricauda N, Davini O, Beux A, Grosso M, Minniti D, Tibaldi V, Cerri R, , Di Marco I, Di Novi Cinzia, Bertetto O.

  18. Sicurezza dei dati Canale di Comunicazione Generazione Immagine Referto medico E-CARE E RADIOLOGIA DOMICILIARE: IL FUTURO DELLA RADIOLOGIA A CASA DEI PAZIENTI IN TUTTA SICUREZZA. Minniti D et al E-HEALTH CARE INNOVAZIONE E TECNOLOGIE IN SANITÀ. Anno II n.3 – maggio/giugno 2010 La sicurezza deve essere garantita a tutti i livelli della comunicazione

  19. Watermark e Immagini Watermark=Patient_ID+ Exam_ID+digital signature + Immagine con Watermark Immagine originale + = Aggiunta di Watermark SICUREZZA PROTEZIONE ED ELABORAZIONE DI CONTENUTI MULTIMEDIALI IN AMBITO BIOMEDICO IN RELAZIONE AL PROGETTO SPERIMENTALE DI RADIOLOGIA DOMICILIARE DELLA REGIONE PIEMONTE. Davide Minniti, Marco Grosso, Guido Pagana. Information Technology Anno 1, Numero 1, nov-dic 2010, 52-60

  20. IDENTIFICAZIONE DI SITI PER LA TELERX • Come identificare I siti dove TMed e TRxpossono • avere un impattoparticolarmentesignificativo? • Parametri : • Presenzadiospedali • Trasporti • Densitàpopolativa • Etàpopolazione • ….. HIA E HTA: LA SINERGIA DI DUE STRUMENTI A SUPPORTO DEI DECISORI. Minniti D, Grosso M, Davini O. Atti 4° Congresso Nazionale SIHTA - HTA è qualità dei servizi sanitari. Udine 17-19 Novembre 2011

  21. IDENTIFICAZIONE DI SITI PER LA TELERX • Il software R@DWhereidentifica le zone del territorioovel’accessoaiservizidiradiologiatradizionale è piùagevole Ivrea Susa Torino HIA E HTA: LA SINERGIA DI DUE STRUMENTI A SUPPORTO DEI DECISORI. Minniti D, Grosso M, Davini O. Atti 4° Congresso Nazionale SIHTA - HTA è qualità dei servizi sanitari. Udine 17-19 Novembre 2011

  22. Identificazione siti TeleRX Ivrea Susa Torino Aree più adatte alla telemedicina – bassa mobilità pazienti HIA E HTA: LA SINERGIA DI DUE STRUMENTI A SUPPORTO DEI DECISORI. Minniti D, Grosso M, Davini O. Atti 4° Congresso Nazionale SIHTA - HTA è qualità dei servizi sanitari. Udine 17-19 Novembre 2011

  23. CONCLUSIONI Andare a casa di un paziente (che sia nei criteri di inclusione) costa meno che portarlo in ospedale La maggior parte dei pazienti del campione, in ospedale, ha avuto alterazioni comportamentali importanti tanto da dover essere, in qualche caso, ricoverati; a casa nessun paziente ha avuto problemi di questo tipo. E’ possibile fornire la stessa qualità clinico-diagnostica delle immagini radiologiche prodotte in ospedale. Il gradimento dei pazienti e delle famiglie è altissimo. La sicurezza tecnologica è garantita

  24. www.radiologiadomiciliare.it info@radiologiadomiciliare.it