Presentazione MASSA Spin-off - PowerPoint PPT Presentation

presentazione massa spin off n.
Download
Skip this Video
Loading SlideShow in 5 Seconds..
Presentazione MASSA Spin-off PowerPoint Presentation
Download Presentation
Presentazione MASSA Spin-off

play fullscreen
1 / 29
Presentazione MASSA Spin-off
124 Views
Download Presentation
rachael
Download Presentation

Presentazione MASSA Spin-off

- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript

  1. Presentazione MASSA Spin-off CNR - Emerging Companies Roma 23 Maggio 2012

  2. SPUNTI SUL TRASFERIMENTO TECNOLOGICO

  3. Attese dal mondo della ricerca • Generare flussi di conoscenze che qualifichino in termini competitivi il tessuto produttivo, valorizzando le capacità di relazione e di innovazione presenti • Favorire lo sviluppo e la qualificazione di filiere scientifico-tecnologichedi eccellenza e la generazione di processi e attività imprenditoriali innovative • Promuovere programmi di ricerca applicata in grado di coinvolgere le imprese, nuove idee progettuali e un conseguente flusso di comunicazione

  4. Attese dal trasferimento tecnologico • Comprensione dei fabbisogni di ricerca e delle potenzialità di innovazione presenti nel territorio • Concretizzazione di progetti di ricerca applicata • Sviluppo di idee imprenditoriali innovative • Attivazione di relazioni e processi di collaborazione con aggregazione di competenze tra enti di ricerca, università, imprese

  5. Risultati attesi dal trasferimento tecnologico • “Industrializzazione”dei risultati della ricerca (nuovi prodotti, servizi, sistemi) e creazione/sviluppo di nuovi spazi di mercato • Sviluppo di nuovi bisogni indotti di innovazione • Feedback sugli enti madre di ricerca • Impatti sul sistema produttivo: • Trasferimento di competenze e propensione alla ricerca/innova-zione nelle imprese • Creazione di nuove imprese spin-off e start-up tecnologici • Creazione di filiere di eccellenza, reti di imprese, distretti tecnologici

  6. Criticità del trasferimento tecnologico • Non tutti i risultati della ricerca sono suscettibili di essere collocati sul mercato • Importanza del “time to market”, cioè del tempo che intercorre tra la nascita di un’idea di un nuovo prodotto o servizio ed il suo collocamento sul mercato • Immaturità della domanda rispetto ai risultati della ricerca: il vantaggio competitivo può comportare la gestione e configurazione di un “oceano blu” (irrilevante concorrenza e limitata configurazione della domanda)

  7. Il rischio insito nel processo di spin-off(dalla gestazione alla gemmazione) gruppo di ricerca impresa laboratorio impresa sperimentale impresa mercato ELEVATA CRITICITA’ PER: strategia e pianificazione organizzazione e rete relazionale sviluppo di competenze manageriali e convergenza con competenze scientifiche focalizzazione competenze distintive e mercati target risorse finanziarie ELEVATA CRITICITA’ PER: indirizzi di ricerca elevati investimenti maturità della ricerca oggetto di trasferimento configurazione dell’offerta configurazione organizzativa

  8. L’ESPERIENZAMASSA SPIN-OFF

  9. Il progetto OPPORTUNITA’ DI BUSINESS crescenti problematiche legate allo smaltimento rifiuti PATRIMONIO DI COMPETENZE/ RELAZIONI scientifiche e industriali BUSINESS PLANNING business idea, analisi e strategia PROGETTAZIONE MODELLO ORGANIZZATIVO assetto e struttura organizzativa e dei processi, certificazioni, piattaforma ICT SPINNING-OFF gemmazione delle competenze scientifiche in una realtà imprenditoriale START-UP E AVVIO OPERATIVO implementazione organizzativa, sviluppo di mercato, dotazione risorse, avvio progetti di Ricerca & Sviluppo

  10. La composizione societaria

  11. La missione Offrire soluzioni per il monitoraggio e la riduzione degli impatti ambientali • MASSA Spin-off intende operare sul mercato nazionale e internazionale delle attività ad alto impatto ambientale, in risposta alle esigenze di monitoraggio e riduzione del rischio • MASSA Spin-off si rivolge alla risoluzione delle problematiche riguardanti le emissioni gassose in atmosfera da discariche, impianti industriali, aree urbane e naturali, siti di stoccaggio gas e l’inquinamento di acquiferi nel sottosuolo

  12. Dove siamo

  13. La Direzione Tecnica presso l’Area della Ricerca del CNR di Pisa (IGG)

  14. Nuova sede in Calabria

  15. Il percorso evolutivo CNR UNIFI Partner industriali COLLABORAZIONE PARTECIPAZIONE COORDINAMENTO MASSA SPIN-OFF ricercatori manager INTEGRAZIONE ESPLORAZIONE BUSINESS CNR COLLABORAZIONE PARTECIPAZIONE Partner industriali UNIFI IMPRESA AUTONOMA VIRTUAL ENTERPRISE

  16. Attuali linee di ricerca • qualità dell’aria nelle aree antropizzate (caratterizzazione PM e nanoparticolato, tracciabilità degli inquinanti, radioattività aerodispersa) • qualità delle acque e sistemi innovativi di trattamento (analisi e rimozione metalli, neutralizzazione acidità) • cattura della CO2 e tecniche innovative di carbonatazione (carbonatazione minerale, inertizzazione amianto) • monitoraggio e controllo delle emissioni da siti di stoccaggio gas (CO2, CH4)

  17. Fattori Critici di Successo • Diversificazione sul fronte delle applicazioni, delle aree target e dei servizi • Crescenti investimenti nella dotazione scientifica/strumentale in sinergia con gli enti madre di riferimento • Consolidamento e radicamento delle competenze e delle relazioni (enti di ricerca e istituzioni) strategiche rispetto alla missione • Consolidamento del modello di trasferimento tecnologico • Affermazione sui mercati di riferimento

  18. Linee di business Discariche monitoraggio delle emissioni, analisi di impatto, reengineering, massimizzazione della resa energetica Aree e processi industriali valutazione livello di contaminazione, riduzione impatto, incremento efficienza, reenginering di processo Aree urbane e naturali valutazione e controllo della presenza di inquinanti ad alto impatto Siti di stoccaggio gas monitoraggio emissioni di CO2 per oil recovery e CCS, stoccaggio di CH4 in hub strategici Agroalimentare tracciabilità e rintracciabilità nella filiera agroalimentare

  19. Alcune realizzazioni Discariche: monitoraggio e caratterizzazione del biogas diffuso e convogliato

  20. Alcune realizzazioni Discariche Discarica Area industriale

  21. Alcune realizzazioni Aree e processi industriali Area di studio: situata in Pianura Padana, tra Parma e Mantova, critica per l’inquinamento da PM10 in quanto fortemente industrializzata e caratterizzata da una meteorologia che sfavorisce la dispersione degli inquinanti. Scopo dello studio: identificare le sorgenti che contribuiscono all’inquinamento atmosferico locale e determinarne il diverso apporto quantitativo Inquinanti monitorati: PM10, VOC, Aldeidi e Chetoni

  22. Alcune realizzazioni Aree e processi industriali Determinazione del bianco ambientale nell’area interna alla Piattaforma Polifunzionale CONGLOMIX sita in Loc. Ischia di Crociano, Piombino (LI)

  23. Alcune Realizzazioni Aree naturali Sardegna: superficie: 24.090 km²  DETERMINAZIONE DELLA RADIOATTIVITA’ AERODISPERSA E MISURA DELL’EQUIVALENTE DI DOSE AMBIENTE (Air pollutionmonitoring)

  24. Alcune realizzazioni Aree naturali

  25. Alcune realizzazioni Stoccaggio CO2 Progettazione, assemblaggio, installazione e collaudo stazione per misura CO2 da teste di pozzo a norma ATEX – progetto ENI GHG – monitoraggio geochimico

  26. Alcune realizzazioni Stoccaggio CH4 Progettazione e sviluppo stazioni di monitoraggio geochimico ambientale Ingegnerizzazione, progettazione esecutiva, sviluppo, realizzazione, attività di stabilizzazione del sistema e manutenzione di stazioni di monitoraggio geochimico ambientale per la rivelazione di emissioni fuggitive a seguito dello stoccaggio di gas naturali (CH4) in serbatoi geologici.

  27. Trend

  28. Alcune collaborazioni col mondo della ricerca

  29. I principali clienti