Download
oratorio savio messina fabio cicci n.
Skip this Video
Loading SlideShow in 5 Seconds..
ORATORIO SAVIO MESSINA Fabio Cicciò PowerPoint Presentation
Download Presentation
ORATORIO SAVIO MESSINA Fabio Cicciò

ORATORIO SAVIO MESSINA Fabio Cicciò

148 Views Download Presentation
Download Presentation

ORATORIO SAVIO MESSINA Fabio Cicciò

- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript

  1. SALESIANIGIOVANISPORTPASTORALE ORATORIO SAVIO MESSINA Fabio Cicciò FABIO CICCIO’

  2. LE SCELTE DI BASE 1 I Salesiani intendono dedicarsi ai giovani, non ad un gruppo particolarmente scelto per la qualità o le richieste che presentano, cioè a pochi giovani; ma al più grande numero dei ragazzi «comuni».

  3. LE SCELTE DI BASE 1 Non soltanto giovani scelti dal punto di vista sociale, economico, culturale e nemmeno religiosamente scelti già avanti nella fede; ma il più grande numero, quei giovani cioè che, pur non essendo mossi da alti ideali di tipo religioso, culturale o sociale, sono coinvolti nelle esperienze più comuni della vita, tali come la famiglia, la scuola, il tempo libero, il loro futuro.

  4. LE SCELTE DI BASE 2 Quando un salesiano interviene nello sport, lo fa certamente, pur senza strumentalizzare il gioco, per far emergere i valori e il senso evangelico contenuti in ogni esperienza di vita che i giovani fanno.

  5. LE SCELTE DI BASE 2 Si dice che i salesiani scelgono il cammino e l’area dell’educazione. Ciò vuol dire negativamente che non si assumono soltanto attività e temi religiosi; positivamente che intervengono anche in quelle attività legittime e comuni dell’uomo, in cui è possibile far crescere le persone, come sono il lavoro, la scuola, lo sport.

  6. LE SCELTE DI BASE La sensibilità missionaria. «io voglio essere il parroco dei giovani che non hanno parrocchia, io voglio essere il maestro di quei giovani che non hanno scuola». ANDARE INCONTRO ALLE PERSONE, NON ASPETTARE SOLTANTO CHE I RAGAZZI VENGANO DA NOI!

  7. INDICAZIONI OPERATIVE Dare importanza alle esperienze di vita giovanili (acquisizione di cultura, amicizia, inserimento sociale) scorgendo in esse consistenza umana ed evangelica

  8. INDICAZIONI OPERATIVE Fondere continuamente evangelizzazione ed educazione in modo tale che si richiamino e si implichino. Si tratta di aiutare a vivere le esperienze quotidiane, aprendo alla fede e annunciando il Vangelo, e di vivere questo assumendo la totalità del dinamismo personale e sociale.

  9. INDICAZIONI OPERATIVE Da ciò il doppio movimento o direzione degli sforzi: la persona e l’ambiente, sviluppare l’individuo, trasformare l’ambiente e la collettività

  10. IL MAGGIOR NUMERO DI GIOVANI STRADE SCELTE DAI SALESIANI EDUCAZIONE E ISTRUZIONE RELIGIOSA MISSIONARIETA’

  11. LO SPORT • è un esperienza giovanile generale • è una realtà secolare • è un’esperienza che offre l’opportunità di partecipare all’elaborazione della cultura e della vita del territorio • è un’esperienza che aiuta a crescere umanamente • è un tema all’interno del quale far sorgere domande di senso e intessere rapporti

  12. LO SPORT • è agonismo • è realizzazione personale • è incontro interpersonale • è disciplina • è solidarietà MA E’ ANCHE: • commercio, consumo, spettacolo • trasmissione di atteggiamenti, norme, mito

  13. RISPOSTE AGLI INTERROGATIVI INIZIALI • Perché nello sport e con lo sport incontrano un gran numero di giovani; • Nello sport accompagnano i giovani in un’esperienza umana, ricca di valori individuali e sociali;

  14. RISPOSTE AGLI INTERROGATIVI INIZIALI • Perché attraverso questa esperienza e altre simili possono mettere la vita in rapporto con la fede; • Perché nell’esperienza dello sport si ripromettono di raggiungere col messaggio anche coloro che all’inizio non lo chiedevano;

  15. RISPOSTE AGLI INTERROGATIVI INIZIALI • Perché si offre ai giovani la possibilità di formare gruppi, creare ambienti, partecipare nel territorio, essere presenti nell’elaborazione di un aspetto della cultura

  16. PER TUTTO QUESTO I SALESIANI NON ABBANDONERANNO FACILMENTE L’AREA DEL GIOCO E DELLO SPORT!!!

  17. I bambini imparano ciò che vivono I bambini imparano ciò che vivono. Se un bambino vive nella critica impara a condannare. Se un bambino vive nell'ostilità impara ad aggredire. Se un bambino vive nell'ironia impara ad essere timido. Se un bambino vive nella vergogna impara a sentirsi colpevole. Se un bambino vive nella tolleranza impara ad essere paziente. Se un bambino vive nell'incoraggiamento impara ad avere fiducia. Se un bambino vive nella lealtà impara la giustizia. Se un bambino vive nella disponibilità impara ad avere una fede. Se un bambino vive nell'approvazione impara ad accettarsi. Se un bambino vive nell'accettazione e nell'amicizia impara a trovare l'amore nel mondo.