specializzazione internazionale n.
Download
Skip this Video
Loading SlideShow in 5 Seconds..
SPECIALIZZAZIONE INTERNAZIONALE PowerPoint Presentation
Download Presentation
SPECIALIZZAZIONE INTERNAZIONALE

Loading in 2 Seconds...

play fullscreen
1 / 25

SPECIALIZZAZIONE INTERNAZIONALE - PowerPoint PPT Presentation


  • 92 Views
  • Uploaded on

SPECIALIZZAZIONE INTERNAZIONALE. All’interno del problema : la performance internazionale. Le merci italiane a partire dai primi anni ’90 hanno continuamente perso quote di mercato mondiale (qualche segnale di inversione di rotta nel 2006……).

loader
I am the owner, or an agent authorized to act on behalf of the owner, of the copyrighted work described.
capcha
Download Presentation

PowerPoint Slideshow about 'SPECIALIZZAZIONE INTERNAZIONALE' - phiala


An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript
all interno del problema la performance internazionale
All’interno del problema: la performance internazionale

Le merci italiane a partire dai primi anni ’90 hanno continuamente perso quote di mercato mondiale (qualche segnale di inversione di rotta nel 2006……)

la posizione attuale dell italia sui mercati mondiali la perdita di quota riguarda merci e servizi
La posizione attuale dell’Italia sui mercati mondiali La perdita di quota riguarda merci e servizi
slide5

Puntididebolezza: un effettodellapiccoladimensionedelleimpreseesportatrici è la concentrazionedell’export in mercativicini(e a volte non avanzati)

slide6

Come mai le merci italiane hanno perso quote di mercato relative?

  • a) perdita di competitività di prezzo
  • b) specializzazione produttiva anomala + emergere di nuovi concorrenti
perdita competitivit di prezzo
Perditacompetitivitàdiprezzo

Negliultimidiecianni le merci italianehannosubitounachiaraperditanellacompetitivitàdiprezzo.

  • E’ colpadell’euro?
  • No (o almeno non direttamente)!
  • Francia e Germania hannosperimentatounamiglioredinamica…
perdita competitivit di prezzo1
Perditacompetitivitàdiprezzo

Nella figura il tasso di cambio reale effettivo è costruito a partire dal costo del lavoro per unità di prodotto(CLUP) e questo dipende da:

  • a) renumerazione del lavoro(+)
  • b) produttività del lavoro(-)

L’evoluzionerelativadi

a) non permettedispiegare la perditadicompetitività.

Rimane

b): e già sappiamo che la sua evoluzione è stata deludente per l’Italia

slide11

Perciò non è statol’euro.

  • O meglio, non direttamente.
  • Indirettamentel’euro ha eliminatounostrumentodipoliticaeconomica: iltassodicambio.
  • Per un paese abituato a ricorrenti svalutazioni questo passaggio può essere come una camicia di forza…… benefica!!!??????
struttura produttiva industria e servizi
Struttura produttiva:Industria e Servizi
  • Aspetto peculiare del sistema produttivo italiano riguarda la sua specializzazione produttiva.
  • Se consideriamo la produzione per settore di attività, l’Italia è molto simile alle altre economie avanzate in quanto il settore dei servizi risulta ormai in gran parte dominante.
specializzazione produttiva
Specializzazioneproduttiva
  • L’economia italiana è caratterizzata da alcune anomalie rispetto ai suoi concorrenti industrializzati:
  • -dimensione media delle imprese piccola(tendenzialmente organizzata sulla base di agglomerazioni territoriali –i distretti industriali)
  • -specializzazione produttiva anomala: in comparti differenti da quelli dei concorrenti industrializzati
slide14

L’economia italiana è caratterizzata da una specializzazione produttiva anomala:

  • -punti di forza nel comparto “tradizionale” e della meccanica specializzata
  • -punti di estrema debolezza nei settori “scale intensive” e soprattutto nel comparto dell’alta tecnologia
  • Inoltre la specializzazione è:
  • -Polarizzata
  • -Persistente
indice di balassa
INDICE DI BALASSA
  • L’indice di specializzazione relativa o indice dei vantaggi comparati rivelati è una delle misure normalmente utilizzate per analizzare il modello di specializzazione internazionale di un paese. Per ciascun settore, il tessile per esempio, ISP è calcolato come il peso delle esportazioni tessili sul totale delle esportazioni di un paese diviso per il peso delle esportazioni tessili mondiali sul totale delle esportazioni mondiali.
  • Se il valore di ISP è maggiore di uno, si dice che quel paese è relativamente specializzato nei prodotti tessili.
slide18

L’ultima colonna conferma il quadro aggregato precedentemente accennato. I settori in cui l’Italia è molto specializzata relativamente al resto del mondo (ISP attorno a 2) sono quasi tutti i cosiddetti “tradizionali” (abbigliamento, pelli e cuoio, calzature, articoli da viaggio e mobili).

  • Gli altri settori in cui c’è specializzazione sono innanzitutto la meccanica specializzata (macchine ed apparecchi meccanici con ISP pari a 1,51), il tessile, l’editoria, la raffinazione del petrolio, la lavorazione dei minerali non metalliferi, la metallurgia e i prodotti in metallo.
  • Di converso, l’Italia mostra despecializzazione nelle produzioni high-tech e dove esistono elevate economie di scala nel processo produttivo.
slide19

Innanzitutto, come emerge dalle statistiche Istat lo status di esportatore non è in media maggioritario tra le imprese:

  • le imprese manifatturiere esportatrici sono infatti solo il 20,4% del totale.
  • Questo margine estensivo varia però molto per classe dimensionale: la percentuale di imprese esportatrici aumenta con la dimensione, passando dal 12% tra le microimprese al 96,4% delle imprese con più di 250 addetti.
un confronto per classi dimensionali
Un confronto per classi dimensionali
  • Un fatto stilizzato consolidato è che le imprese esportatrici hanno caratteristiche profondamente diverse da quelle delle imprese che vendono solo sul mercato domestico.
  • La Tavola 1 mostra come le imprese esportatrici rispetto a quelle non esportatrici siano in media più grandi (30,3 addetti contro 4,3), abbiano una produttività del lavoro più alta (59 contro 29) e un più elevato costo del lavoro (40,8 contro 26,7), investano di più (10,7 contro 5) e siano più profittevoli (31,6 contro 12,6)
slide22

La sostanziale diversità tra imprese esportatrici e non rimane valida anche considerando la distribuzione dimensionale delle imprese: per tutte le classi dimensionali la performance delle imprese esportatrici è migliore di quelle non esportatrici.

  • Dalla Tavola 1 emerge inoltre che, indipendentemente dallo status di esportatore o non esportatore, al crescere della classe dimensionale, aumenta la produttività del lavoro, così come gli investimenti per addetto, il costo medio del lavoro e la profittabilità.
slide24

Tra le imprese esportatrici, anche la propensione media all’esportazione cresce con la dimensione dell’impresa, dal 20,5% di esportazioni su fatturato per le micro-imprese (0-9 addetti) al 38,4% delle imprese con più di 250 addetti.

italia che fare
Italia che fare?
  • Dove intervenire:
  • Mercati dei beni e dei servizi: maggiore concorrenza
  • Mercato del lavoro: minore protezione per gli occupati, maggiore tutela per i disoccupati
  • Educazione: maggiorserietà ………
  • Cosaevitare:
  • -Protezionismo
  • -Assistenzialismo