antropologia lezione 18 n.
Download
Skip this Video
Loading SlideShow in 5 Seconds..
Antropologia - Lezione 18^ PowerPoint Presentation
Download Presentation
Antropologia - Lezione 18^

Loading in 2 Seconds...

play fullscreen
1 / 96

Antropologia - Lezione 18^ - PowerPoint PPT Presentation


  • 125 Views
  • Uploaded on

Antropologia - Lezione 18^. Momento sistematico 1 Le strutture della libertà creata. Aspiro al Donatore più che ai doni.Non è dei doni, ma del Donatore che ho sempre la nostalgia.Non il riposo cerco, ma il volto di Chi lo dona cerco supplichevole.

loader
I am the owner, or an agent authorized to act on behalf of the owner, of the copyrighted work described.
capcha
Download Presentation

PowerPoint Slideshow about 'Antropologia - Lezione 18^' - penny


An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript
antropologia lezione 18

Antropologia - Lezione 18^

Momento sistematico 1

Le strutture della libertà creata

slide2
Aspiro al Donatore più che ai doni.Non è dei doni, ma del Donatore che ho sempre la nostalgia.Non il riposo cerco, ma il volto di Chi lo dona cerco supplichevole.

Non il banchetto delle nozze, ma il desiderio dello Sposo mi fa languire. Non alla gloria aspiro, ma il Glorificato voglio abbracciare. Non il desiderio di vivere, ma il ricordo di Colui che dà la vita mi consuma senza posa.

Dammi te stesso, Dio mio, restituiscimi te stesso.Io ti amo. Se così è poco, rendi più forte il mio amore. So questo soltanto: che tutto ciò che non è Te per me è male, non solo al di fuori di me,ma anche in me stesso; e ogni mia ricchezza, se non è il mio Dio è miseria (Gregorio di Narek – padre della chiesa armena)

slide3
Per ulteriori approfondimenti circa il tema della relazione uomo-creazione:
  • Kehl M., E Dio vide che era cosa buona. Una teologia della creazione, Queriniana, Brescia 2009
  • Piola A., Non litigare con Darwin. Chiesa ed evoluzionismo, Paoline 2009.
slide4

Momento sistematico I (= strutture della libertà creata)

 L’uomo: libertà creata

 La relazione uomo-creazione

 L libertà sessuata: differenza nella/per la comunione (vedi file)

 La grazia: l’incorporazione a Cristo

Ri-fare il discorso a partire da:

Tesi fondamentale della Predestinazione:

Figli nel Figlio per grazia

SIAMO QUI

slide5
La grazia.

L’incorporazione a Cristo: realizzazione della comunione

slide6
Lettura obbligatoria:

Greshake G.,Libertà donata, Queriniana.

Sempre sul tema della Grazia:

A. Ganoczy, Dalla sua pienezza noi tutti abbiamo ricevuto. Lineamenti fondamentali della dottrina della grazia, Queriniana.

slide7
L’attuarsi della Predestinazione

Eternità:

filiazione in Cristo

Storia:

creazione = premessa (la grammatica) modalità = incorporazione

in Cristo per grazia

L’incorporazione per grazia indica la modalità con cui la predestinazione si attua negli uomini come comunione a Gesù Cristo

slide8
 Duplice fatica a comprendere il discorso sulla grazia:
  • dal punto di vista culturale = difficile comprensione della gratuità in un mondo dominato dalla logica produttiva ed efficentista
  • dal punto di vista religioso e cristiano = il termine è forse ab-usato, ma inteso (o forse incompreso) con molteplici accezioni:
  • si parla delle “grazie”, al plurale
  • si pensa ad un dono, ad una grazia da chiedere, a un aiuto ... probabilmente pochi pensano subito allo Spirito di Cristo come realtà personale.
  • occorre previamente porsi l’interrogativo di fondo: Cos’è la Grazia dal punto di vista cristiano?
slide9
Dati biblici

sulla Grazia

slide10
Sintesi:

La grazia di Dio è a un tempo misericordia chinata sulla miseria (hen), fedeltà generosa verso i suoi (hesed), fermezza incrollabile nei suoi impegni (‘emet), attaccamento di cuore e di tutto l’essere a coloro che egli ama (rahamim), giustizia inesauribile (sedeq)

J. Guillet

slide11
L’Antico Testamento

= due termini per dire il nostro “grazia”

 LXXrende con cháris il termine ebraico hēn

 La radicehnn da cui derivano il verbo hanan e il sostantivo hēn indica “essere benevolo”, “muoversi a pietàper qualcuno” ed è tratto dall’area semantica dei rapporti umani: rivolgersi, avvicinarsi a qualcuno, trovare grazia al cospetto di qualcuno, trovare il favore benevolo (cf Gn 6,8 – Es 33,12).

slide12
La forma verbalehanan (gr.= eléein) indica principalmente l’essere benevolo, misericordioso, il concedere, fare un favore, graziare, dedicarsi con amore.

L’aggettivo corrispondente è hannun, che significa benevolo, propizio, grazioso.

slide13
Nella maggior parte dei casi il termine hēn ha un significato profano (ad esempio è termine tecnico dei fidanzamenti)
  • Quando si applica a Dio indica la sua personale attenzione cordiale per l’uomo, rivolta in assolu-ta libertà e portatrice di doni salvifici concreti (cfr. Sal 4,2)
  • A. Ganoczy

ricorre frequentemente l’espressione “trovare grazia agli occhi di…” =

hēn non indica tanto le singole manifestazioni concrete di favore quanto piuttosto un atteggiamento di fondo, da cui tali atti

possono scaturire.

slide14
hesed (gr. = éleos)

ricorre molto spesso nell’Antico Testamento (245 volte) con un utilizzo estremamente ampio a seconda del contesto: bontà, indulgenza, benevolenza, amicizia, amore, grazia

hesed rende la realtà della grazia fondamen-talmente con il significato di relazione, rapporto reciproco, più che realtà entificata (in un dono o un beneficio) donata da Dio.

slide15
E. Schillebeeckx = hesedsottolinea più l’atteggia-mentointeriore del donante che il dono in sé:

È difficile, nelle lingue moderne, tradurre hesed conservandone il carattere di relazione umana. Grazia e benevolenza si rivelano insufficienti: per sua stessa essenza hesed è qualcosa che si determina tangibilmente in una situazione concreta, ma che ciò nonostante la trascende; essa ha a che vedere con un impegno per la vita di un altro e coinvolge quindi l’intera persona del soggetto della hesed.

slide16
L’impiego religioso e teologico del termine hesed affonda in questa prospettiva di relazioni umane:

l’hesed di Dio così concepita viene considera-ta come «la forma originaria di ciò che la teologia cristiana chiama grazia» (A. Ganoczy).

Essa è il comportamento di Jahvè che promet-te sé stesso e, quindi, la sua disposizione radicale ad essere presente al suo popolo, ad intessere con gli uomini una relazione per-sonale fonte di doni e vita.

slide17
Basti pensare alla rivelazione del nome di Dio “Jahvé”: “Colui che è qui”, oppure “Io sarò qui come Colui che qui sarà”
  • questa proposizione relativa “paranomastica” risulta in un certo senso sospesa e incompren-sibile: “è la libertà di Jahvé che non può essere precisata in dettaglio” (von Rad.)

Il suo “essere qui” non può però essere fissato dall’uomo.

  • Dio si dimostra l’essere libero per eccellenza
slide18
È proprio il carattere indeducibile, occasionale, causale degli eventi storici, non un essere-già-dato assolutamente necessario, che sta ad indicare la libertà di Dio e della sua hesed.

La realtà della hesed di Dio non viene annunciata con proposizioni dottrinali aride e astratte ma con portenti storici, che diventano oggetto di continua memoria e narrazione nell’Israele delle generazioni.

slide19
Esempio:

Quando Israele era giovinetto, io l’ho amato e dall’Egitto ho chiamato mio figlio […] Ad Efraim io insegnavo a camminare tenendolo per mano, ma essi non compresero che avevo cura di loro. Io li traevo con legami di bontà, con vincoli d’amore; ero per loro come chi solleva un bimbo alla sua guancia; mi chinavo su di lui per dargli da mangiare

(Os 11,1.3-4).

slide20
Nuovo Testamento

L’atto di grazia di Dio trova la sua definitività nella persona e nella storiadi Cristo. In riferi-mento a Cristo, Paolo afferma: «È apparsa infatti la grazia di Dio, apportatrice di salvezza per tutti gli uomini» (Tt 2,11).

Metodologia corretta: non cercare le ricorrenze del termine grazia nei testi del NT

  • Es. la tradizione sinottica non usa mai il termine “cháris” nel senso di “grazia” sulla bocca di Gesù
  • solo Luca usa “cháris” nell’annuncio del Regno

 Ma partire dall’annuncio che Gesù fa del Regno di Dio: il rapporto dell’uomo con Dio

slide21
non è più caratterizzato da prestazioni umane religiose, ma dall’agire divino benevolo reso presente in Cristo
  • il Dio della Grazia si fa vicino in Cristo. Egli è “l’autobasileia del Padre” (Origene)
  • «Ora la “grazia” ha un nome» (O. Pesch).

Segno del rovesciamento di sistema religioso sono i destinatari “impossibili” della missione di Gesù: isolati, inguaribili, bambini, truffatori, impuri, peccatori pubblici.

Il regno di Dio ha dimensioni interiori (liberazione dal peccato e dalle forze coercitive: angoscia… ricezio-ne dello Spirito) e dimensioni esteriori (la relazione fraterna predomina sul legalismo, l’autoritarismo, il tradizionalismo ebraico).

slide22
Giovanni più che insistere sul termine di cháris (che usa ad es. nel Prologo), propone lo stesso messag-gio di favore gratuitodivino per l’uomo con la categoria dell’agape. Si veda in1Gv 4,7-16:

8 Chi non ama non ha conosciuto Dio, perché Dio è amore.

10 In questo sta l’amore: non siamo stati noi ad amare Dio, ma è lui che ha amato noi

11Carissimi, se Dio ci ha amato, anche noi dobbiamo amarci gli uni gli altri.

13Da questo si conosce che noi rimaniamo in lui ed egli in noi: egli ci ha fatto dono del suo Spirito

slide23
Sinteticamente si possono riconoscere alcuni aspetti fondamentali della dottrina giovannea della Grazia:
  • Dio è Amore, ossia l’identificazione della Grazia, Amore gratuito, con la persona stessa di Dio (v.8)
  • Siamo stati amati per primi: il contenuto è l’esperienza personale della Grazia: “essere amati”, in Cristo
  • Il dono dello Spirito e il Suo dimorare nell’uomo come effetto di questa esperienza
  • l’amore dei fratelli come frutto e conferma della Grazia.
slide24
Paolo è il primo grande teologo della grazia

Il termine stesso compare ben 100 volte nel suo epistolario (solo 55 volte nel resto del NT)

Alla luce della propria esperienza personale, l’apostolo parla della grazia come relazione interpersonale:

“il dono, fatto per grazia, dell’unico uomo Gesù Cristo”(Rm 5,11)

slide25
Tra i tanti passaggi di Paolo – specie nelle lettere ai Romani e ai Galati – è centrale l’idea della giustificazione gratuita del peccatore in Rom 3,21-24:

«Ora invece, indipendentemente dalla Legge, viene manifestata la giustizia di Dio, testimoniata dalla Legge e dai Profeti; giustizia di Dio per mezzo della fede in Gesù Cristo, per tutti quelli che credono. E non c’è differenza: tutti infatti hanno peccato e sono privi della gloria di Dio, giustificati gratuitamente per la sua grazia, per mezzo della redenzione

che è in Cristo Gesù».

slide26
L’accento di Paolo cade sull’atto redentore di Cristo come “forma” storica dell’amore di Dio per gli uomini peccatori e nemici: “Dio dimostra il suo amore verso di noi perché, mentre eravamo anco-ra peccatori, Cristo è morto per noi” (Rm 5,8).

Di qui diventa comprensibile perché la giustizia e grazia (dikaionsyne e charis) non possono essere viste come due qualità distinte di Dio tra cui esisterebbe una specie di rapporto schizofrenico.

Bisogna invece dire che “la giustizia di Dio consi-ste nella grazia, perché essa è identica al suo amore” (Wilckens). Che è un amore non intenzio-nale, ma operativo e concreto in quanto fa dei peccatori dei giusti.

slide28
La consegna della Tradizione

Tre accezioni con cui si è imposto il termine – “termine tecnico” per indicare il dono di Dio:

  • auxilium Dei(Agostino)
  • iustitia Dei(conc. Trento)
  • donum Spiritus Sancti(definizione moderna).
  • non “esclusive”, ma progressivamente sempre più “comprensive” = stratificazione del concetto
  • la teologia della grazia è il risultato di succes-sivi dibattiti storici = l’origine polemica di tale riflessione, in reazione ad alcune posizioni critiche e, dunque, come risposte limitate a queste
slide29
Ripercorriamo TRE tappe:

 auxilium Dei = Agostino: in reazione a Pelagio

Pelagio (spiritualità volontaristica per contenere le tendenze lassiste) = sosteneva a tal punto la libertà dell’uomo da riconoscerla capace di fare il bene senza alcun bisogno dell’aiuto interiore di Dio ( = grazia) ai fini della osservanza salvifica della legge morale

Una bontà immanente già manifestata nelle proprie disposizioni naturali, così come alle forme esteriori della grazia (gratia externa = Legge, Scrittura, Chiesa)

slide30
Agostino = giustifica la capacità di fare il bene, esattamente ricorrendo alla grazia:

l’uomo non può fare il bene se non riceve un aiuto (auxilium) da parte di Dio

 aiuto che, data la situazione dell’uomo, non può che essere gratuito (gratia interna)

slide31
Pelagio condannato dal Concilio di Cartagine (418):
  • l’uomo ha assolutamente bisogno dell’auxilium della grazia per osservare i comandamenti
  • Per evitare i peccati ci vuole un aiuto della grazia che rafforzi la volontà

In seguito:l’Indiculus de Gratia (elenco delle decisioni pontificie sulla dottrina della grazia)

= condanne contro i nemici della grazia di Dio e contro i perniciosissimi difensori del libero arbitrio.

slide32
La tradizione occidentale

Agostino: auxilium Dei – adiutorium

  • la grazia come adiutorium = aiuto per l’anima dell’uomo
  • sgancia la grazia da Dio e ne fa una entità antropologica, una qualità interiore dell’uomo
  • la Scolastica segue l’impostazione antropologica di Agostino.
slide33
Tommaso (STh I – II – 110) descrive la grazia come qualcosa di entitativo presente nell’anima, cioè una qualità permanente, aggiunta in maniera accidentale (habitus)

 entitativo = che contribuisce alla costituzione dell’ente (= “tutto ciò che è” dal gr. tà ónta)

Scuola francescana (Bonaventura e Scoto) = questo habitus è luce interiore e amore (intelletto e volontà)

Scolastica barocca e Neoscolastica = proseguono nella molteplice suddivisione dei “tipi” di grazia

slide34
increata

creatoris (del Creatore): ‘elevans’

Grazia redemptoris: ‘elevans et sanans’

creataexterna

gratis datahabitualis:

internagratum faciens‘santificans’

actualis:

‘adiuvans’

actualis illuminationis; inspirationis

adiuvans praeveniens; operans; concomitans; cooperans

sufficienes; efficax

slide35
1) Grazia increata = favor Dei (autoinfusione di Dio)

2) Grazia creata = aiuti e effetti prodotti dal favore di Dio nell’uomo

La differenza a partire dalla azione di Dio

3) Grazia del Creatore = concessa da Dioall’umanità originaria nel paradiso terrestre, come grazia dello stato originario

4) Grazia del Redentore = la grazia di Cristo che sana l’uomo caduto e lo eleva ad un nuovo grado di essere

slide36
La differenza in base al modo in cui influisce:

5) Grazia esterna = ad es. la predicazione e i sacramenti

6) Grazia interna = influisce entitativamente sull’intimo dell’anima

la grazia esterna è ordinata a quella interna come al suo fine

Grazia interna è il concetto centrale che a sua volta si ramifica.

slide37
Grazia interna = suddivisione fondamentale è

tra:

7) Grazia di stato (o d’ufficio) = gratis data = concessa ai singoli sotto forma di carisma (cháris-mata) per il ministero salvifico da svolgere verso gli altri

8) Grazia santificante o giustificante = gratum faciens = destinata a tutti gli uomini per la loro santificazione personale

slide38
La grazia santificante si ramifica in:

9) Grazia abituale: una qualità inerente in maniera permanente all’anima (habitus)

10) Grazia attuale: in qualità di grazia adiutrice = contiene singoli influssi passeggeri di Dio per compiere atti precisi

slide39
La Grazia attuale si ramifica in:

11) Grazia di illuminazione e 12) grazia di rinvigorimento = in quanto Dio influisce sull’intelletto e sulla volontà dell’uomo

13) Grazia preveniente e 14) concomitante = in quanto l’azione di Dio precede o segue un’attività della volontà umana

15) Grazia sufficiente e 16) efficace = in quanto Dio dona la capacità di compiere un atto salvifico o la realizzazione di questo

16 tipi di grazia (“al plurale”)

slide40
 grazia come Iustitia Dei=Concilio di Trento

Per la Scolastica =lagiustificazione è un capitolo della grazia

Per Lutero =la grazia è un capitolo della giustificazione

 Lutero è contrario alle deformazioni della grazia al plurale (= favori, aiuti, indulgenze per garantirsi la salvezza)

 L’accento sull’unica grazia = la giustificazione

  • è questione centrale = è l’articolo di fede per cui la Chiesa “sta o cade”
slide41
Premesse:
  • il peccatore è un essere totalmente corrotto e concupiscente in tutte le sue fibre

 tutto ciò che fa (in ordine al fine ultimo) sfocia nel peccato

 in conseguenza la volontà umana non è libera - è schiavizzata = è un servum arbitrium (come un giumento che va dove vuole chi lo cavalca: o Dio o Satana)

  • la Legge lo accusa sempre: invano cerca di giustificarsi con le sue opere meritorie (= sono prestazioni concorrenziali alla grazia)
slide42
Come posso trovare un Dio benigno?
  • “Scoperta della misericordia” in Rm 1,17:

“la giustizia di Dio si rivela in esso di fede in fede: … il giusto vivrà in forza della fede”

  • il peccatore è giustificato nella grazia di Cristo che gli offre una giustizia estrinseca, che viene all’uomo non dal suo interno ma dall’esterno (gli è imputata: accreditata – messa in conto), come giustizia aliena e che non gli imputa più il peccato (giustizia forense)
slide43
la giustificazione non richiede una radice ontologica (= non c’è nessuna grazia creata dimorante nell’uomo = costituirebbe il pericolo che la grazia diventi una proprietà / poteredell’uomo a scapito della libertà e assoluta sovranità divina)
  • si nega un vero cambiamento nell’uomo anche dopo il battesimo (= la concupiscenza è peccato)
  • il cristiano è simul justus (per la purità altrui = il “biancore di Cristo”) et peccator (di suo c’è una “diabolica nerezza”, anche nel santo!)
slide44
la grazia (in senso assoluto) è il nuovo modo con cui il Dio benigno (!) si rapporta a noi = davanti a Lui la posizione del peccatore condannato diventa la posizione del peccatore giustificato(= ciò che cambia è proprio il rapporto di Dio verso l’uomo)
  • la fonte della grazia di Dio è al di fuori dell’uomo (extra nos),non è un habitus = non è qualcosa di creato in lui: “la grazia di Dio non si divide, non si sminuzza”.
slide45
4 caratteristiche sintetiche:

1) Cristocentrismo esclusivo = Gesù Cristo è il favor Dei (la grazia in persona) esistente al di fuori dell’uomo (solus Christus)

2) Garantire l’immeritabilità e l’efficacia esclusiva della grazia (sola gratia) contro le prestazioni meritorie (= Werkerei)

3) Escludere ogni sinergismo (“cooperazione umana”): l’uomo è totalmente passivo di fronte alla grazia che lo giustifica

4) La giustificazione avviene solo sul versante divino, l’uomo rimane essenzialmente immutato.

slide46
La risposta cattolica (Decreto del Concilio di Trento sulla Giustificazione - 1547)
  • la grazia ha la priorità assoluta su ogni azione umana (= grazia preveniente)

 si concorda con i riformatori

  • la libertà umana e la possibilità di cooperare in modo meritorio con la grazia non sono abolite (= grazia cooperante)

 uomo partner responsabile di Dio

  • insiste sulla grazia creata (= effetto nell’uomo e sull’uomo) = la grazia opera una reale modificazione
slide47
è la trasformazioneprodotta da Dio nell’uomo peccatore perché diventi giusto e capace dicompiere gli atti propri del giusto, cioè gli atti meritori(=grazia santificante)
  • si coglie lo spostamento, nella comprensione della grazia, da Dio all’uomo:

 l’accento cade sulla graziacreata, una modificazione ontologica della persona, e sulleconseguenze etiche della giustificazione

slide48
 La grazia come Donum Spiritus Sancti = la definizione moderna
  • K.Barth = non ridurre la grazia a una “mera forza etica”: il ruolo di Cristo sembra quello di chi produce e comunica doni
  • La grazia non è prima di tutto una forza, o un soccorso; non bisogna pensarla come una cosa, né parlarne come di unarealtà astratta e impersonale.
slide49
“La grazia è comunione, che fa di noi dei partecipanti del servizio, dell’opera, della vittoria di Cristo, e, in primo luogo, della sua vita e del suo amore, del suo sacrificio e della sua preghiera” (M. Flick).
  • Il personalismo dialogico: il primo atto della comunicazione di Dio è l’inabitazione di Dio nell’uomo (M. Schebeen)
  • La grazia è lo Spirito di Cristo che inabita nell’uomo per renderlo giusto
  • verità mai negata ma lo Spirito era relegato sullo sfondo poiché si prestava attenzione più ai suoi effetti (= alla modificazione dell’uomo)
slide50
il passaggio è decisivo anche dal punto di vista metodologico:
  • per comprendere la grazia non si deve partire dall’uomo, ma da Dio:

 è una realtà/azione di Dio prima che una qualità dell’uomo.

slide51
Bilancio

della

Tradizione

slide52
Pregi della riflessione

Si conia un vocabolario tecnico:

* la Grazia increata

* la Grazia creata

slide53
La relazionalità

 “grazia” è un concetto di relazione

 non “qualcosa” che l’uomo otterrebbe da Dio, bensì il comportamento stesso di Dio, la libertà del suo amore per l’uomo

 perché ha come oggetto Dio stesso, la teologia scolastica l’ha chiamata grazia “increata” anche perché questa “grazia è ilCreatore stesso”

 essa coincide con lo Spirito Santo (di Cristo), con l’amore divino donato per mezzo di Gesù Cristo (cf Rm 5,5).

slide54
Lacomplessità dell’evento della Grazia nell’uomo
  • L’amore divino non è un decreto imposto dall’esterno, ma penetra nella stessa realtà umana (contro l’estrinsecismo antropologico)
  • La grazia, entrando nell’uomo, lo configura interiormente, lo abilita a prendere parte attiva nella relazione con Dio
  • In tal modo la grazia non si esaurisce in Dio, senza produrre alcuna conseguenza nell’uomo, ma “si tramuta” in determinati effetti prodotti per e nell’uomo stesso
  • la Grazia increata implica sempre un “effetto creato”
slide55
 Gliaspetti diversi della Grazia nel mistero dell’incontro uomo-Dio
  • Quando Dio ama trasforma radicalmente l’uomo
  • ora egli è capace di accogliere l’amore divi-no, di vivere di questo amore, che penetra la persona nella sua vicenda storica:

grazia di stato (vocazione di sposa/madre)

  • grazia attuale (sostegno in una prova fisica/morale)
  • grazia di illuminazione (il consiglio per operare una scelta).
slide56
Limiti=

 l’irrigidimento di tale schematizzazione: anziché momenti diversificati di una realtà unitaria (la Grazia), sono passati ad indicare realtà distinte e separate (le grazie al plurale)

poiché le varie definizioni (“aiuto” – “giusti-zia”) sono nate in funzione polemica, evidentemente erano e rimangono selettive

slide57
col tempo, la grazia tende ad essere “entificata” cioè identificata con “una cosa” (un aiuto, una modificazione...)
  • conducendo ad una progressiva cosifica-zione (o meglio, «reificazione») nella concezione della grazia
  • perdendone il primario riferimento alla persona dello Spirito Santo.
slide58
Ripresa

teologico-sistematica

  • non è dire cose nuove
  • ma ridire i dati postivi (fonti bibliche – storiche -magisteriali) mettendoli in una sintesi ordinata
  • i due momenti del metodo teologico:

1) momento diacronico

2) momento sincronico

slide59
La Grazia è Dio stesso (versante teologico)
  • ormai è chiaro che l’interrogativo non è più “Cos’è la Grazia?”, bensì “Chi è la Grazia?”.
  • Dunque una Persona, non una “cosa”:

La Grazia èDio stesso come verità ultima della persona. Dio è l’alleato, Dio è Dio-con-noi. Dio è Misericordia e Tenerezza ... questo atteggiamento è la Grazia e qualifica Dio come il Dio di grazia. La Grazia perciò è Dio stesso nel suo amore per noi [...] La Grazia, quindi, non è una realtà intermedia fra Dio e l’uomo, quasi una terza cosa... la Grazia è Dio stesso e questi è un Dio di grazia per l’uomo (G. Colzani)

slide60
vocabolario “equivoco” =

avere o perdere la grazia

essere in stato di grazia o meno

Cosa significa se questa non è una “cosa”, né un semplice dono o un aiuto, ma una persona, anzi Dio stesso in persona?

  • in definitiva è una questione di “relazione”, non tanto di “possesso”

Come va ripensata la dinamica della grazia, se riguarda la relazione personale tra la persona dello Spirito di Gesù e la singola persona umana? Cosa comporta il ricevere/perdere/accrescere la grazia con la partecipazione ai sacramenti?

slide61
Il versante antropologico della grazia: l’incorporazione

«Se la grazia è Dio stesso... non rimane senza effetto... tra Dio e l’uomo si stabilisce una relazione responsabile che sfocia nella nascita di una nuova creatura»

(I. Sanna)

  • L’effetto, dunque, è l’uomo nuovo

Efesini 4,24 = …rivestire l’uomo nuovo (tÕn kainÕn ¥nqrwpon)che è creato a immagine di Dio nella giustizia e nella santità

Come ciò avviene? Attraverso l’incorporazione, ossia in una relazione tra Cristo e la persona che non resta esteriore ai due soggetti.

slide62
«Come di fatto Cristo ci salva? Qual è il modo scelto da lui per renderci partecipi delle ricchezze che ci ha meritato col suo sacrificio? … La Redenzione non è una redenzione dal di fuori, ma una redenzione dal di dentro. Egli è l’Amore (1Gv 4,16) e all’amore non basta star vicino e sacrificarsi per le persone amate, ma vuol soprattutto unirsi a coloro che ama. Per questo non si è contentato di farsi uno di noi; ma ha fatto di ciascuno di noi qualcosa di sé. I sacramenti hanno proprio questo scopo: di incorporarci a Cristo, di “unirci in modo arcano e misterioso a lui sofferente e glorioso” (LumenGentium 7), di fare di noi altrettanti “cristo” in lui»

(A. Beni)

slide63
Il legame tra l’uomo e Cristo è un’unione personale:

La Bibbia esprime il mistero di questa relazione di mutua immanenza utilizzando:

  • le metafore: la vite e i tralci; il corpo e le membra
  • oppure l’essere “in Christo Jesu”, che ritorna 164 volte in Paolo e 24 in Giovanni
  • i neologismi coniati da Paolo (la mistica del con = syn): morti-con Cristo (2Tim 2,11), con-sepolti (Rom 6,4), con-resuscitati (Ef 2,6), con Lui regnanti (2Tim 2,12).
slide64
La tesi dell’incorporazione afferma l’unione a Gesù Cristo come essenza della giustizia cristiana:

 lo stato voluto da Dio per l’uomo e quindi conforme alla volontà di Dio – stato di giustizia – è quello dell’unione al Cristo

I Padri (nelle controversie contro gnostici e ariani) hanno esplicitato il contenuto di tale unione a Cristo nei termini di partecipazione(méthexis) alla sua condizione di Figlio di Dio, facendo così assumere al concetto di giustizia derivata dal Cristo un contenuto che va al di là della semplice accezione morale.

slide65
Esempi:

«Da giudei, pagani, schiavi, eccoci diventati … che cosa? Angeli? No, ma altrettanti Cristi ambulanti, altrettanti Gesù»

(san Giovanni Crisostomo)

«Il Cristo ci ha incorporati a sé, ci ha fatti suoi membri. Eccoci in lui divenuti Cristo. Siamo realmente il suo Corpo, in lui dipendiamo dal Cristo, “Christi sumus”; più ancora “Christus sumus”, non solamente di Cristo, ma Cristo stesso» (sant’Agostino).

slide66
«Chi è deificato possiede per grazia tutto quello che Dio ha per natura»

(Massimo il Confessore, Ambigua, PG 91,1308b).

«Il Cristo diventa nostro con-corporeo e fa di noi un tempio di tutta la divinità, perché nello stesso corpo di Cristo abita tutta la pienezza della divinità corporalmente»

(Gregorio Palamas, Difesa degli esicasti I 3,38.

slide67
Quando Cristo lava, allontana l’argilla dal male e le imprime la propria immagine; quando crisma, attiva le energie dello Spirito, di cui è divenuto egli stesso il depositario, a motivo dell’incarnazione; quando poi introduce con insistenza a mensa e dà da mangiare il proprio corpo, allora trasforma interamente l’iniziato e lo cambia nel suo proprio modo di essere. Pertanto l’argilla non è più argilla, essa, che ha già ricevuto nel lavacro l’impronta regale, ora è divenuta essa stessa corpo del re

(Nicola Cabasilas - Vita in Cristo, IV, 581a)

slide68
 Elementi costitutivi della grazia

A questo punto è possibile individuare gli elementi costitutividella giustizia cristiana: il dono increato e il dono creato

a) Il dono increato

La Grazia increata è il dono stesso dello Spirito Santo, la sua Persona, che «diventa il vincolointerpersonale più profondo tra noi e Cristo».

Nel momento stesso della giustificazione Dio stabilisce una nuova relazione con l’uomo. È ciò che la tradizione ha efficacemente espresso con il tema della inabitazione, ossia della presenza della Trinità nel credente.

slide69
L’inabitazione è un dato biblico:

nell’AT il tema della Gloria di Dio che inabita nella creazione, nel tempio, nel giusto (cf la Sapienza o Ez 36); è la manifestazione sovrab-bondante della presenza di Dio nel mondo

  • nel NT:
  • 1Cor 3,16 = l’uomo come tempio di Dio
  • Gv 15 = rimanere – dimorare nello Spirito (me…nate ™n ™mo…)

 relazione di mutua immanenza = “noi siamo in Lui ed Egli in noi”

  • il testo più ricco sulla inabitazione dello Spirito Santo è senza dubbio Rm 8,9-16.23:
slide70
essere inabitati dallo Spirito Santo è l’unica condizione per appartenere a Cristo: Se qualcuno non possiede lo Spirito di Cristo, questi non è suo(v. 9)
  • inabitando in noi lo Spirito comunica al nostro essere la sua stessa vita: è per la guida dello Spirito che abita in noi che diventiamo figli di Dio(v. 14)
  • lo Spirito ricevuto è uno spirito di filiazione adottiva che attesta che siamo figli di Dio (v. 15-16) e che “geme - grida” come Cristo e in unione con Lui: “Abba, Padre”

 l’inabitazione non va intesa metaforicamente (come se…), ma realisticamente: “la prova è che Dio ha mandato nei nostri cuori lo Spirito del Figlio suo” (Gal 4,6)

slide71
 Per questo i Padri, specie greci, chiamavano i cristiani teofori o pneumatofori

«La Grazia è, per prima cosa, una misteriosa Presenza di Dio, una particolarissima intimità di Dio nell’anima del giusto; Dio non ci colma di doni, quasi distaccandoli da sé,

ma Lui stesso viene a noi!»

(G. Colzani)

slide72
Problema nella patristica:

Se lo Spirito si unisce all’anima non è più esteriore ad essa

Però lo Spirito Santo è distinto dall’anima:

  • Contro l’eresia dei messaliani si afferma che “l’ospite divino è unito all’anima e distino da essa” (non come in un “nirvana” fusionale)
  • Afraate il Siro e Filosseno di Mabbug: “Lo Spirito è l’anima della nostra anima”, la parte più spirituale dell’uomo, il suo vero io
  • Origene per dire il peccato di un già cristiano: “anima abortiva dello Spirito del Logos”.
slide73
Immagini usate da Basilio Magno per dire il rapporto tra l’anima e lo Spirito:
  • Lo Spirito è come la “Luce nell’occhio sano”
  • L’arte nell’artista
  • Lo Spirito è il nostro logos (tradotto con “ragione formale”)

Ireneo nella tricotomia: tramite l’anima che riceve lo Spirito anche il corpo è spirituale.

Sintesi: “Il giorno di Pentecoste lo Spirito in persona agisce e discende dentro la natura umana e si pone come fatto interno della na-tura umana” (P. Evdokimov, Lo Spirito santo e la Chiesa, p. 98).

slide74
L’azione dello Spirito inabitante nell’anima è espressa dalla tradizione con i titoli a lui riservati:
  • Santificatore (Origene, Atanasio, Basilio)
  • Vivificante (simbolo niceno-costantinopolitano)
  • Illuminatore: a commento del Sal 35,10, Basilio dice “nell’illuminazione dello Spirito noi vedremo la vera luce che illumina ogni uomo”
  • Purificatore: rimette i peccati, purifica i corpi nell’ascesi, consente di osservare le virtù

L’intimità dell’anima con lo Spirito è soprattutto frutto della preghiera. Il cristiano prega “nello Spirito” (Origene, De Oratione 2). La preghiera contiene sempre una epiclesi (epi-kalein).

slide75
La riflessione teologica moderna si è trovata impegnata su due interrogativi:
  • il soggetto proprio dell’inabitazione («Chi?»)
  • e la sua modalità («Come?»).

CHI = deve intendersi riferita allo Spirito di Cristo in senso proprio, cioè come persona distinta dalle altre persone della Trinità.

Lo Spirito è il mediatore del rapporto Cristo/uomo.

Lo Spirito è “communicatio Christi” (Ireneo).

 una meta-persona: una Persona divina immanente a una persona umana(Sesboué - Agostino)

slide76
 una persona in molte persone: tra il Padre e il Figlio come Amore dell’Amore e Donatore dell’Amore; nella Chiesa come sua “anima”(Muhlen)

 nella sua kenosi lo Spirito si con-fonde con il soggetto umano (V. Lossky) per cui le operazioni umane hanno come soggetto Dio e l’uomo

  • «sovra-cosciente dello spirito» (J. Maritain), «sovra-conscio luminoso» (P. Florenskij; O. Clément); “inconscio divino”(B. Sesboüé), inconscio spirituale o teofilo (J.C. Larchet).
slide77
Proprio « a causa della nostra partecipazione al mistero della vita trinitaria noi siamo in grado di superare una visione psicologica che può sì scrutare certe “profondità”, ma a cui non è accessibile quella profondità che è la trascendenza umana, quella zona diversamente misteriosa dove dimora lo slancio verso Dio, l’incontro con Dio » (H. De Lubac).
slide78
MODO = quello della causalità quasi formale:

«il Dio trinitario comunica sé stesso all’uomo non secondo una causalità meramente efficiente, ma rendendolo partecipe della natura divina» (K. Rahner)

 una causalità meramente efficiente?

= Dio è presente dove opera

(come fa in genere in tutte le creature anche non umane = agisce “a distanza”)

slide79
causalità quasi formale:
  • L’unione tra l’uomo giustificato e la Trinità è una “incoazione della visione beatifica”
  • Dio stessosi unisce alle facoltà umane attuandole in ordine alla conoscenza e all’amore
  • È un’attuazione ontologica = antecede ed è principio degli atti personali di conoscenza e amore
  • Però Dio non diventa parte di una realtà creata = perciò è un’unione a modo di causa quasi –formale (Dio non “informa” le facoltà umane facendole diventare di “natura” divina)
  • padri gr. = essenza divina (NO) – energie divine (SI)
slide80
Il dato centrale: la teologia moderna recupera il primato al dono increato (ossia alla persona dello Spirito di Cristo inabitante nell’uomo).

Si attua così un passaggio determinante nella comprensione della natura della grazia: da una sostanziale cosificazione (reificazione) alla personalizzazione della grazia

La grazia non è una cosa o una realtà separabile da Dio, ma è Dio stesso nella sua benevolenza e nel suo favore, è Dio stesso nelle sue viscere d’amore e nei gesti concreti che lo esprimono. La grazia, quindi, è un concetto personalistico

(G. Colzani)

slide81
Se la nozione di “rivelazione” è quella di una “autocomunicazione di Dio” (K. Rahner):
  • una realtà comunicatada Dio non può essere separata dalla comunicazione stessa, essendo questa comunicazione di Dio
  • la realtà che è comunicata (= grazia) non può essere separata della realtà che comunica (cioè dal Comunicatore = Dio che è Grazia)
  • se lo fosse, la realtà comunicata (= grazia) sarebbe altra rispetto a quella che comunica (= Dio)
  • in questo caso Dio ci darebbe un’altra realtà e non sé stesso – ma Dio non dona meno di Se stesso
slide82
Il passaggio è incompleto finché non si dà una risposta pienamente cristiana all’identità della grazia: non è una “generica” presenza di Dio, né una generica presenza della Trinità.
  • Gesù Cristo ha rivelato il nome della grazia: dopo la risurrezione lo Spirito è Spirito di Cristo

Gv 14,15: Io pregherò il Padre ed egli vi darà un altro Consolatore (paraclito = “chiamato presso”) perché rimanga con voi per sempre, lo Spirito di verità

slide83
Mantenere la struttura trinitaria della inabitazione:

Il Padre, il Figlio, lo Spirito Santo ammettono l’uomo alla propria intimità, donandosi a lui come una persona si dà ad un’altra persona.

  • In questa comunione esiste un ordine:

il Padre invita l’uomo alla sua amicizia per mezzo del Figlio che s’incarna

  • il Figlio a sua volta manda lo Spirito Santo, che è l’amore unitivo tra il Padre e il Figlio
  • lo Spirito si dona come “anima della Chiesa” (LG 7), in quanto unendosi agli uomini li incorpora al Cristo totale (capo e corpo) e li rende capaci di vivere una vita filiale.
slide84
La donazione trinitaria suppone:
  • una iniziativa divina (le “missioni”)
  • ed esige una mutazione ontologica, prodotta nell’uomo dallo Spirito di Cristo, anima della Chiesa.

? …come una Persona divina si dà ad un’altra persona umana… ?

Arduo compito – ancora aperto – di ripensare la teologia della grazia attorno alla categoria della relazionalità:

slide85
Intendiamo per grazia santificante quello stare lì di Dio per me, presente e attuante, come un «tu» personale e vivo che trasforma la mia vita, e la salva in Cristo e le offre nuovo orientamento, forza e dinamismo nello Spirito. Questo modo di parlare della grazia richiede che noi la intendiamo non tanto come «ente», quanto come Persona o presenza personale; che non la riceviamo come «cosa», ma la viviamo dinamicamente come «relazione»

(D. Borobio)

slide86
b) Il dono creato

«Se la grazia increata corrisponde a Dio stesso che si autocomunica in Cristo mediante lo Spirito... la grazia creata è

il risultato e l’effetto dell’opera e della presenza di Dio nell’uomo»

(I. Sanna)

slide87
il dono creato indica la grazia santificante, una modificazione ontologicaindotta nell’anima dal dono increato (= lo Spirito)
  • questa tesi non è direttamente biblica
  • deriva da concezioni antropologiche della Scolastica
  • in particolare il concilio di Trento – in risposta alla definizione luterana della mera non-imputazione – insiste sull’esigenza di salvaguardare la realtà e quindi l’efficacia effettiva della giustificazione che incide sulla struttura antropologica
slide88
Al di fuori dell’origine polemica antiprotesta-nte il nucleo si può ricondurre ai temi biblici della rigenerazione, della nuova nascita(Gv 1,13; 1Gv 2,29; 3,9) o della nuova creazione di Paolo (2Cor 5,17; Gal 6,15; Ef 2,10; 4,24; Col 3,9-11)
  • rigenerare= l’azione di Gesù Cristo e l’infu-sione dello Spiritoraggiunge veramente l’uomo modificandolo nel suo essere, come se rinascesse
  • esprime nell’uomo la novità e quindi la nuo-va situazione creata dall’azione giustifi-cante di Dio
slide89
la cifra biblica dell’uomo nuovo: “se uno è in Cristo è una creatura nuova” (2Cor 5,17)

 venendo ad inabitare nell’uomo lo Spirito Santo, diventa l’origine della sua vita umano-divinizzata

slide90
Gli effetti antropologici della Grazia

La grazia realizza una modificazione reale nell’uomo

 Chi diventa l’uomo?

 approfondiamo gli effetti della giustizia cristiana:

Enunciazione della tesi:

l’unione/incorporazione a Cristo, prodotta dal dono dello Spirito Santo, esprime la propria realtà nel rendere l’uomo partecipe della condizione propria del Cristo, in particolare della sua condizione di Figlio rispetto a Dio,

e quindi della sua natura divina

slide91
la radice data dallo Spirito di Gesù non produce una “generica” opera di “divinizzazione”, bensì ci rende cristiformi, dunque ci introduce in Dio, con quella forma e quella relazione particolare che è propria solo di Gesù: la figliolanza

«Siamo inseriti nell’amore con il quale il Padre da prima di tutti i tempi è rivolto al suo Figlio. Questo amore è lo Spirito Santo. Diventiamo, dunque, partecipi di una relazione che non ha il suo termine ontologico costitutivo in noi come realtà creata, ma nel Figlio, che è Dio»

(G. Gäde)

slide92
Qui il senso e l’unificazione di due temi tradizionali:
  • la filiazione (cfr. Rom 8,15.23 = precisa che si tratta di filiazione adottiva; Gal 4,5; Ef 1,5)

2) e la partecipazione alla natura divina (Gv, 2Pt 1,3-4)

 poiché non si tratta che di aspetti particolari di un’unica realtà

slide93
«Il tema della filiazione esprime la modalità cristiana della divinizzazione: il cristiano partecipa della vita divina a modo di figlio, poiché riceve in sé la presenza dello Spirito di Cristo, che è il Figlio di Dio» (L. Serenthà)

«L’azione dello Spirito Santo presente in noi, ci mette in comunicazione viva con Gesù e col Padre, ci “deifica”. La divinizzazione dell’uomo risponde alla logica interna della “umanizzazione”, incarnazione di Dio: si tratta di uno scambio misterioso in cui “ciascuno fa sue le proprietà dell’altro”» (T. pidlík)

slide94
Il versante negativo di tale tesi è l’obiettiva incompatibilità con lo stato di peccato
  • per cui si ricava che al dono della grazia consegue necessariamente, come suo primo effetto, la remissione del peccato
  • il termine stesso giustificazione – usato come sinonimo di grazia - indica che la grazia concessa trova nell’uomo uno stato di peccato = non è come dovrebbe essere (= SO)
  • è a questo livello che si è storicamente giocato l’equivoco amartiocentrico, che condizionava la grazia al peccato

 felix culpa: il peccato costituisce la ragione della grazia, altrimenti non la avremmo avuta (?)

slide95
recuperato coerentemente il primato della grazia sul peccato e la sua priorità – cfr. tesi della predestinazione – si comprende che:

l’esperienza storica del peccato umano non condiziona la grazia, non la “produce”: semplicemente le fa assumere una formalità nuova

 il piano salvifico di Dio non cambia, sempli-cemente cambia la sua modalità di attuazione, che assume da questo momento una connotazione “redentrice”.

slide96
Di qui quel complesso cammino storico della grazia nell’esistenza umana che denominiamo giustificazione:

 la grazia si rivela come principio di vita per l’uomo, una vita che può esser descritta nel suo dinamismo.

In sintesi due sono gli elementi da evidenziare:

  • In positivo, la filiazione divina adottiva o divinizzazione
  • in negativo, la remissione dei peccati - giustificazione.