qualit carcasse e carni n.
Download
Skip this Video
Loading SlideShow in 5 Seconds..
Qualità Carcasse e carni PowerPoint Presentation
Download Presentation
Qualità Carcasse e carni

Loading in 2 Seconds...

play fullscreen
1 / 31

Qualità Carcasse e carni - PowerPoint PPT Presentation


  • 259 Views
  • Uploaded on

Qualità Carcasse e carni. Come controllare la qualità lungo tutta la filiera?. 1- caratteristiche di allevamento e fattori che ne condizionano la qualità 2- caratteristiche alla macellazione e fattori che ne condizionano la qualità

loader
I am the owner, or an agent authorized to act on behalf of the owner, of the copyrighted work described.
capcha
Download Presentation

PowerPoint Slideshow about 'Qualità Carcasse e carni' - osias


An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript
come controllare la qualit lungo tutta la filiera
Come controllare la qualità lungo tutta la filiera?

1- caratteristiche di allevamento e fattori che ne condizionano la qualità

2- caratteristiche alla macellazione e fattori che ne condizionano la qualità

3- caratteristiche alla sezionatura ed allo spolpo e fattori di qualità

4- caratteristiche della carne e fattori che ne condizionano la qualità

slide3

1-Parametri di efficienza dell’allevamento

- Accrescimento giornaliero: si misura come:

(peso finale-peso iniziale)/giorni di allevamento

Influenza i costi fissi (interessi, manodopera, ecc.) e l’utile lordo

giornaliero. Può variare da circa 1kg/g fino a oltre 1,5 kg giorno, a

seconda del tipo genetico e del tipo di animale, nei bovini.

E’ il parametro di norma misurato nella pratica.

Dipende da tipo genetico, sesso, età, tecnica di allevamento, alimentazione, stato sanitario, ambiente (temperatura, umidità, ecc.).

Consumo alimentare: influenza l’ingestione di alimento e quindi la

disponibilità di energia per l’accrescimento, i costi alimentari.

Dipende anch’esso da tipo genetico, sesso, età, tecnica di allevamento, alimentazione, stato sanitario, ambiente (temperatura, umidità, ecc.).

caratteristiche di allevamento indicativi
Caratteristiche di allevamento (indicativi)

Indice di conversione (ICA) : si misura come:

alimenti consumati (ss, energia, ecc.,)/accrescimento realizzato quindi è tanto migliore quanto più è basso. Può variare da circa 6 fino a 8 nei bovini e dipende dagli stessi caratteri prima annotati per il consumo di alimenti.

  • Resistenza alle patologie di allevamento: Varia non solo in funzione del genotipo (rusticità, adattamento) ma anche delle condizioni di allevamento di origine.
  • Le patologie più frequenti sono:
    • -Respiratorie (piani di vaccinazione, strutture)
    • -Apparato locomotore (tipologia di animale, tipologia di pavimentazione,
    • alimentazione
    • -Apparato digerente (alimentazione)
  • La media di soggetti eliminati dal ciclo (macellati d’urgenza o morti) dovrebbe essere di circa il 2,5-3%. Ci sono variazioni sia in eccesso che in difetto.

Peso finale : dipende dal genotipo, dalla categoria di animale e dalle tecniche di finissaggio. Compreso fra 450-500 e oltre 650 kg nei bovini.

slide5

Parametri di efficienza alla macellazione

Resa al macello: è caratteristica legata al tipo genetico ma anche all’alimentazione. Può variare dal 54-55% fino al 62% circa e oltre, nei bovini,

Negli ovini da 45 a 55% (senza testa e corata).

Nei suini fino all’80%.

Dipende da fattori intrinseci (razza, sessso, età, ecc) e da fattori estrinseci (alimentazione, ambiente, allevamento, ecc)

Conformazione della carcassa: varia in funzione del tipo genetico,dell’alimentazione, del tipo di pavimentazione, ambiente, ecc..

Adiposità= varia in funzione del genotipo, età, livello alimentare, ambiente, ecc.

la macellazione
La macellazione
  • La macellazione è il processo di uccisione e sezionamento di un animale (da allevamento, selvaggina e cacciagione) allo scopo di separare la pelle e i vari tagli di carne in vista del consumo alimentare.
  • Fasi della macellazione
  • In tutte le culture la macellazione è regolata da una serie di norme sanitarie e legislative ben precise, perché dalla buona esecuzione di questa operazione (e dai controlli sanitari effettuati) dipendono molte caratteristiche della carne e la sua sicurezza e idoneità all'alimentazione umana.
  • Riportiamo qui le fasi di macellazione per i bovini: a grandi linee, anche la macellazione degli altri tipi di animali segue una procedura simile.
macellazione bovini
Macellazione bovini
  • Controllo veterinario ante mortem
  • Prima di essere avviato alla macellazione, l’animale trasportato al mattatoio, esaminato dal veterinario che rileva eventuali segni di stress (difficoltà di respirazione, perdita di pelo) e/o segni di infezioni cutanee: se l'animale mostra sintomi sospetti viene allontanato e posto in appositi box per un successivo controllo approfondito.
  • Altrimenti il veterinario ne garantisce lo stato di salute con un certificato.
  • Stordimento
  • In Italia la normativa prevede 4 sistemi possibili per rendere incosciente l'animale:
    • Pistola a proiettile captivo;
    • Commozione cerebrale;
    • Elettronarcosi;
    • Esposizione al biossido di carbonio.
  • Il sistema più sicuro e più usato oggi è l’elettronarcosi: l’applicazione di corrente elettrica all'animale provoca la scomparsa totale della sensibilità, abolizione della coscienza, perdita dei riflessi, ma permanenza di respirazione e circolazione sanguigna. La perdita di sensibilità deve essere totale e durare fino alla morte dell’animale.
  • Una volta stordito, l'animale viene appeso per le zampe posteriori e preparato per le fasi successive, a cominciare dalle operazioni di macellazione sulla “carcassa”.
  • Iugulazione
  • Vengono recisi i grandi vasi sanguigni del collo (l'arteria carotide o la vena giugulare) o del petto (tronco carotidale e vena cava anteriore) completo dissanguamento della carcassa, condizione indispensabile alla successiva buona conservazione della carne.
macellazione bovini1
Macellazione bovini

Decapitazione e scuoiatura

Si staccano la testa all'altezza della prima vertebra e le estremità (zampe e coda): facendo attenzione a non tagliare gli organi interni e in particolare la cistifellea, si incide la pelle del ventre verticalmente dal collo fino al perineo, che viene aggirato con una incisione circolare. Incisioni simili si fanno lungo l'interno delle zampe fino a congiungerle con l'incisione ventrale. A questo punto la carcassa viene scuoiata (distacco del mantello) e eviscerata (si tolgono le interiora, che vengono sottoposte ad esame da un veterinario che certifica lo stato di salute dell'animale e l'idoneità al consumo alimentare). I timbri V.S. (visita sanitaria), apposti in più punti della carcassa, garantiscono i controlli sanitari dopo la macellazione.

Successivamente la carcassa viene tagliata a metà longitudinalmente con una sega lungo la spina dorsale, ricavandone due pezzi detti mezzene, che, con un successivo taglio in due, all'altezza della sesta o settima costola, sono poi divisi in due quarti anteriori e due quarti posteriori. I quarti posteriori contengono quasi tutte le carni tenere e vengono perciò considerati i più pregiati.

Marchiatura e maturazione

Carcasse e interiora vengono sottoposti ad un secondo controllo veterinario: se anche questo viene superato, mezzene e quarti vengono marchiati a seconda della qualità della carne e fatti frollare (asciugare) all'aria per una o due ore perché la carne perda la sua durezza. Dopo l'asciugatura vengono portati in una cella frigorifera a 4ºC dove maturanoper un periodo variabile da 6 a 12 giorni, a seconda dell'età dell'animale e della quantità di tessuto connettivo presente nella carne.

Qui i commercianti andranno a sceglierli per i loro negozi.

macellazione rituale
Macellazione rituale

Alcune culture, come l‘Islam e l‘ebraismo, prescrivono animali macellati senza preventivo stordimento.

In Italia questo tipo di macellazione era proibita, ma recentemente il decreto 339/98 ha recepito la possibilità di tali procedure.

La legge islamica, cioè l'insieme dei precetti del Corano, degli Hadith, lo Ijma' e il Qija prescrivono una serie di regole per la macellazione del bestiame affinché la carne sia considerata commestibile per i musulmani (Alal): tali regole sono mutuate dalla tradizione ebraica del cibo Kosher.

Condizioni del bestiame prima della macellazione

Tutti gli animali e il bestiame devono essere in salute,

È espressamente proibito picchiare gli animali da macellare o impaurirli:

Condizioni di uccisione

L'uccisione alal di animali deve essere effettuata i luoghi e con mezzi differenti rispetto a quelle normali.

L'uccisore deve essere un musulmano adulto, sano di mente e informato dei precetti .

L'uccisione deve avvenire recidendo la trachea e l'esofago.

slide10

Carcassa

Mezzena

quarti

tagli

In funzione delle diverse parti anatomiche considerate

slide11

Qualità della carcassa

  • CARCASSA (55-65%nei bovini) =
    • =Peso vivo (100) meno:
  • Sangue (5-8%)
  • Pelle (6-15%)
  • Testa (2-3%)
  • Estremità distali arti (1-2%)
  • Tubo digerente vuoto (6-12%) + contenuto (5-12%)
  • Grasso periviscerale (2-5%)
  • Corata (3-5%)
  • Idem negli ovini e caprini.
  • Nei suini :
    • Peso vivo –(setole, unghioni e unghielli- visceri edibili e non)
  • -Resa di macellazione(“a caldo” o a “freddo”)=(Peso carcassa/Peso vivo)*100
  • -Qualità della carcassa: Valutazione SEUROP o altro.
valutazione seurop
VALUTAZIONE SEUROP
  • -BOVINI
  • OVINI
slide13

S

E

U

R

O

P

S= superiore - tutti i profili estremamente convessi, sviluppo muscolare eccezionale con doppia groppa

E= eccellente - tutti i profili da convessi a superconvessi, sviluppo muscolare eccezionale

U= ottima - profili nell’insieme convessi, sviluppo muscolare abbondante

R= buona - profili nell’insieme rettilinei, sviluppo muscolare buono

O= abbastanza buona - profili da rettilinea concavi, sviluppo muscolare medio

P= mediocre - profili da concavi a molto concavi, sviluppo muscolare ridotto

slide14

1 = molto scarso - Copertura di grasso da inesistente a molto scarsa. Nessuna traccia di grasso all’interno della cassa toracica

2 = scarso - Sottile copertura di grasso, muscoli quasi ovunque apparenti. All’interno della stessa cassa toracica i muscoli intercostali sono nettamente visibili

3 = medio - Muscoli salvo quelli della coscia e della spalla, quasi ovunque coperti: scarsi depositi di grasso all’interno della cassa toracica. I muscoli intercostali risultano ancora visibili.

4 = abbondante - Muscoli coperti, ma ancora parzialmente visibili a livello di coscia e spalle; qualche massa consistente di grasso all’interno della cassa toracica. I muscoli intercostali risultano essere infiltrati di grasso.

5 = molto abbondante - Il grasso ricopre tutta la carcassa; rilevanti masse di grasso all’interno della cassa toracica. Coscia interamente coperta, muscoli intercostali infiltrati di grasso

Stato d’ingrassamento

negli ovini
Negli ovini
  • Valutazione differente in funzione del peso della carcassa dell’animale:
  • -sotto i 13 kg (griglia bis) adiposità e colore carne
  • Sopra i 13 kg: Griglia SEUROP
nei suini
Nei suini
  • La valutazione è effettuata sulla base del
  • - perso morto a freddo (ottenuto da peso morto a caldo –”%) corretto in funzione della presenza o assenza di rognone, diaframma e sugna
  • E della percentuale di carne magra, rilevata in punti della carcassa standard usando sonde apposite (FAT-O-METER, HENNESSY GRADING PROBE) misurando lo spessore del lardo e del longissimus e calcolando la % di carne magra sulla base di equazioni apposite.
slide18
La misurazione fisica del tenore di carne magra delle carcasse deve essere effettuata, al momento della pesata, secondo i metodi descritti nell'allegato 3, per determinare l'appartenenza alle classi commerciali previste all'art. 3 del regolamento n. 3220/84, di seguito riportate:
  • ============================================Carne magra stimata in percentuale del peso della carcassa | Classe============================================55 e piu'.... | E50 fino a meno di 55.... | U45 fino a meno di 50.... | R40 fino a meno di 45.... | OMeno di 40.... | P
  • -----------------------------------------------------------------------------
slide20

Controllo colore LD col metodo giapponese

Controllo marezzatura scala canadese

slide21

Minolta

Controllo superficie LD tramite planimetro

Controllo pH finale

slide22

Coscia ipertrofica

Peso tagli primari (% mezzena)

Identificazione tagli primari

operazioni ulteriori al macello
Operazioni ulteriori al macello
  • Sospensione e sgocciolamento carcassa
  • Refrigerazione (a 0-4°C)
    • In seguito alla quale avviene la
    • Maturazione della carne (frollatura)
slide24

Presso il rivenditore (macellaio o ipermercato):

  • - Sezionatura in tagli.
  • La Composizione chimica del “taglio” dipende da:
    • Tipo genetico
    • Età
    • Sesso
    • Tipo di tessuto
    • Alimentazione
    • Lavorazione
slide26

Principali tagli delle carni suine fresche subito dopo l'adeguata frollatura, idonee alla cottura.