slide1 n.
Download
Skip this Video
Loading SlideShow in 5 Seconds..
Giovanni Borgarello, Pracatinat scpa PowerPoint Presentation
Download Presentation
Giovanni Borgarello, Pracatinat scpa

Loading in 2 Seconds...

play fullscreen
1 / 21

Giovanni Borgarello, Pracatinat scpa - PowerPoint PPT Presentation


  • 98 Views
  • Uploaded on

Laboratori di approfondimento “La costruzione sociale dei PePS”. Rivoli, 27 ottobre 2010 Senso dei Laboratori. Giovanni Borgarello, Pracatinat scpa. A META’ del GUADO.

loader
I am the owner, or an agent authorized to act on behalf of the owner, of the copyrighted work described.
capcha
Download Presentation

PowerPoint Slideshow about 'Giovanni Borgarello, Pracatinat scpa' - norm


An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript
slide1

Laboratori di approfondimento“La costruzione sociale dei PePS”.Rivoli, 27 ottobre 2010Senso dei Laboratori

Giovanni Borgarello,Pracatinat scpa

a meta del guado
A META’ del GUADO

A due anni dalla approvazione delle Linee guida regionali per la costruzione dei Profili e dei Piani di Salute, siamo in mezzo al guado:

  • i Distretti stanno ultimando la definizione dei Profili
  • stanno per passare alla definizione dei Piani di Salute;
  • intanto, si sono avviati i percorsi del secondo ciclo di programmazione dei Piani di Zona, i cui termini sono slittati di un anno.
tutto ci in un contesto in rapida trasformazione
Tutto ciò in un contesto in rapida trasformazione

tagli alle risorse, annunci di un nuovo piano socio-sanitario, federalismo, dibattito su costi standard …

ma anche cambi tra le fila degli amministratori a seguito delle elezioni amministrative, messa in discussione degli assetti istituzionali tradizionali (gestione associata di servizi obbligatoria per i piccoli comuni, accorpamenti delle Comunità Montane e loro ruolo incerto, fine dei Consorzi, …) …

per non dire della situazione di crisi che investe complessivamente il nostro paese, l’emergere di vecchi e nuovi bisogni, acuirsi di aree di disagio e di richieste rivolte ai sistemi di servizi, ecc. ….

slide4
In questo scenario è importante avere luoghi, che consentano di distanziarsi, non immediatamente orientati ad un fare più o meno affannoso

Luoghi in cui sia possibile soffermari a “pensare”, non da soli ma con altri.

slide5
I Comuni sono i titolari dei processi; ai territori, agli enti locali, ai Sindaci è assegnato un ruolo essenziale, strategico, nel definire quadri di conoscenza e piani di azione per promuovere la salute.

In gioco vi è la possibilità di integrare le politiche, di agire in modo efficace sui livelli di salute, sullo “star bene” di un territorio e d’una popolazione.

cosa significa fare un peps
Cosa significa fare un PePS ?

Il PEPS è un processo

non si tratta tanto di fare un documento ma di sviluppare nel tempo un processo complesso sul territorio che vede la partecipazione di molti soggetti

Ciò che conta sono i concreti percorsi la loro qualità e la loro efficacia.

slide7
Si tratta di far convergere attori (organizzazioni, istituzioni, soggetti di tipo e livello diverso) ed azioni:

la novità consiste nell’intrecciare ed integrare politiche, assumendo la salute come lettura di ogni politica e di ogni decisione

(quale impatto ha una certa scelta urbanistica o trasportistica o relativa all’istruzione .... sulla salute ?).

Sarebbe utile a questo proposito che i Bilanci comunali fossero accompagnati d una valutazione di impatto sulla salute.

il pssr precisa cosa significa comunit e partecipazione
Il PSSR precisa cosa significa comunità e partecipazione:

“.... la centralità delle cittadine e dei cittadini che, in quanto persone singole o gruppi sociali radicati in un territorio, sono titolari originari del diritto alla salute che va tutelato attraverso una vigile, assidua e per certi versi radicale partecipazione democratica. ...”

[PSSR, Premessa, pagg. 2]

“... l’orientamento generale per la programmazione degli interventi di promozione della salute è infatti quello di valorizzare il ruolo preminente degli enti locali (democrazia delegata), garantendo la partecipazione attiva della comunità ai processi decisionali (democrazia deliberativa, partecipativa) e riservando ai servizi sanitari le funzioni di proposta, supporto e consulenza tecnica. In questo quadro strategico si definisce pertanto, con sempre maggior chiarezza, il peso crescente delle politiche amministrative, prima ancora che quelle sanitarie, ai fini dell’impatto sulla salute della comunità ...”

[PSSR, 3.2.1. Politiche per la salute, pagg. 51]

cos salute
Cos’è salute ?

una visione complessa della salute, non coincidente con ciò che fa la sanità, ma rinvia all’intreccio di una molteplicità di fattori:

  • una salute intesa come esito di molte politiche
  • un’idea di salute affidata soprattutto alla prevenzione
  • un’idea universalista e preoccupata delle differenze sociali e territoriali.

Promuovere salute

=

educare alla salute x partecipazione x politiche pubbliche favorevoli alla salute

[Tones, Tilford, 1994; Lemma, 2005]

slide10

Potere, leggi, proprietà, genere, accesso al credito, trasporti ecc.

condizioni socio-economiche, culturali e ambientali generali

condizioni di vita

e di lavoro

ambiente di lavoro

disoccupazione

reti sociali e comunitarie

agricoltura ed alimentazione

acqua e rifiuti

stili di vita individuali

servizi sociali

età, sesso e

fattori costituzionali

servizi sanitari

istruzione

abitazione

I determinanti della salute

slide11

Importanza attribuita da esperti ai 4 più significativi determinanti di salute

nella riduzione (percentuale max.) dei casi delle 10 principali cause di morte (< 75 anni)

slide12
È per questo che serve il convergere,

la capacità di “lavorare insieme” e di integrarsi/intregrare (politiche, azioni)

di una molteplicità di attori dai diversi livelli istituzionali ai singoli cittadini

la provincia di torino al servizio di questo processo
La Provincia di Torino al servizio di questo processo …

…. creando gli strumenti di una governance complessiva di area vasta, offrendo strumenti di supporto e mettendosi in gioco in prima persona essendo ente che coordina importanti politiche (si pensi al Piano Territoriale di Coordinamento o al POR).

A tal fine la Provincia sta avviando, in un’ottica partecipativa, un Ufficio di Piano provinciale come strumento di partecipazione e di governance (articolato in Conferenza provinciale, Esecutivo, Struttura di supporto ), costruisce strumenti di conoscenza (il Profilo di salute provinciale), offre opportunità e supporti (tra cui questi Laboratori).

slide14
Viviamo un momento che può essere molto intenso e interessante, segnare nuovi orizzonti, ma al contempo presenta numerose difficoltà dovute ad una molteplicità di fattori

è la prima volta che in Piemonte si fanno Profili e Piani di Salute, e quindi tutti i territori, le istituzioni stesse a tutti i livelli, in realtà devono imparare a farli.

i laboratori per rispondere a domande importanti
I Laboratori per rispondere a domande importanti

Come passare dal Profilo al Piano di Salute:

attraverso quali modalità il territorio individua le

priorità di intervento ?

Come riuscire ad integrare realmente le diverse

politiche trasporti, casa, ambiente, istruzione,

ecc…) per realizzare obiettivi di Salute ?

Come integrare gli strumenti di programmazione

locale (PePS e Piano di Zona) ?

slide16
I Laboratori sono impostati in modo da promuovere partecipazione, favorire l’espressione di esperienze, la messa in dialogo di punti di vista e al contempo offrire riflessioni di esperti e concreti riferimenti metodologici.
slide17
La provincia è stata suddivisa in 5 zone.

Ogni zona ha l’opportunità di 3 incontri di quattro ore, introdotti da relazioni di esperti a cui faranno seguito sessioni di approfondimento in cui ai partecipanti verranno proposte delle “esercitazioni” (analisi di casi; esempi di strumenti sperimentati sul campo; ecc.) e di sviluppare una riflessione collettiva.

slide18
Ciò che emerge dagli incontri verrà accuratamente documentato ed i materiali verranno resi disponibili a tutti via e.mail.
slide19
I Laboratori sono pensati soprattutto per gli amministratori [Sindaci e un’ulteriore figura - assessore, consigliere - per ciascun Comune].
slide20
L’apporto di ciascun partecipante è essenziale per la riuscita dei Laboratori [soggetti con esperienza ed impegnati sul campo in prima persona].

Si richiede pertanto da un lato una costanza di presenza, e, dall’altro, partecipazione attiva.