Download
il sistema delle fonti del diritto del lavoro e la contrattazione collettiva come fonte n.
Skip this Video
Loading SlideShow in 5 Seconds..
Il sistema delle fonti del diritto del lavoro e la contrattazione collettiva come fonte PowerPoint Presentation
Download Presentation
Il sistema delle fonti del diritto del lavoro e la contrattazione collettiva come fonte

Il sistema delle fonti del diritto del lavoro e la contrattazione collettiva come fonte

594 Views Download Presentation
Download Presentation

Il sistema delle fonti del diritto del lavoro e la contrattazione collettiva come fonte

- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript

  1. Il sistema delle fonti del diritto del lavoroe la contrattazione collettiva come fonte

  2. Nella disciplina dei rapporti individuali di lavoro – e, dunque, nel diritto del lavoro in senso stretto – la legge nazionale ha storicamente assunto un ruolo fondamentale nel sistema dellefonti …così anchenel diritto previdenziale … e nel settore delpubblico impiego,soprattutto prima della cd. “contrattualizzazione” Diversa incidenza e interferenza delle fonti nei vari settori del diritto del lavoro (in senso ampio)

  3. …in quest’ambito (sp. nella disciplina dello sciopero e del sistema di contrattazione collettiva) la legge è sempre stata poco presente, mentre, in una certa fase storica (Statuto dei lavoratori, 1970) ha assunto un ruolo importante nella disciplina dell’attività e della libertà sindacale nei luoghi di lavoro …anche in questa materia, tuttavia, l’importanza di precedenti previsioni legali (artt. 19 S.L.) è stata soppiantata da importanti disposizioni contrattuali collettive (Accordo del 23 luglio 1993 e Protocollo del 20 dicembre 1993 sulle R.S.U.) Diversa incidenza e interferenza delle fonti nei vari settori del diritto del lavoro (in senso ampio) ...e nella disciplina dei rapporti collettivi?

  4. Il sistema delle fonti nel diritto del lavoro: tre peculiarità (1) La fonte contrattuale collettiva

  5. (1) Una primae tradizionale peculiarità: L’affiancamento alle fonti eteronome (Costituzione e legge ordinaria, in primo luogo) della fonte autonoma rappresentata dalla contrattazione collettiva Il riconoscimento costituzionale del (a) principio di libertà sindacale e (b) del potere normativo dei sindacati (art. 39 Cost.)

  6. Il principio costituzionale di libertà sindacale “L’organizzazione sindacale è libera” (art. 39 Cost., comma 1) E’ difficile dire di più con meno parole (U. Romagnoli)

  7. Il riconoscimento del potere normativo dei sindacati “ I sindacati registrati hanno personalità giuridica. Possono, rappresentati unitariamente in proporzione ai loro iscritti, stipulare contratti collettivi con efficacia obbligatoria per tutti gli appartenenti alle categorie alle quali il contratto si riferisce” (art. 39 Cost., comma 4)

  8. Un passo indietro:come si inquadrava la contrattazione collettiva nel sistema delle fonti? • Art. 1 disp. prel. cod. civ.: • Sono fonti del diritto: • le leggi; • 2) i regolamenti; • 3) le norme corporative • 4) gli usi nel sistema corporativo il contratto collettivo entrava, a pieno titolo, nel sistema delle fonti

  9. Come si inquadra la contrattazione collettiva di diritto comune nel sistema delle fonti? Esso ha, pertanto, il corpo della legge e l’anima del contratto (Napoli, 2002) La dottrina costituzionalistica: la contrattazione collettiva come fonte terziaria o extra ordinem (Pizzorusso, 1990) il contratto collettivo, non è fonte formaledel dirittopositivo, ma fonte materialedelle regole che governano i rapporti di lavoro; è, cioè, fonte tipica di regolazione dei rapporti di lavoro

  10. …il’“corpo della legge” La riforma del codice di procedura civile. Il nuovo articolo 360 c.p.c. «Art. 360 (Sentenze impugnabili e motivi di ricorso). - Le sentenze pronunciate in grado d'appello o in unico grado possono essere impugnate con ricorso per cassazione: 1) per motivi attinenti alla giurisdizione; 2) per violazione delle norme sulla competenza, quando non è prescritto il regolamento di competenza; 3) per violazione o falsa applicazione di norme di dirittoe dei contratti e accordi collettivi nazionali di lavoro;

  11. l’interpretazione “autentica” dei contratti collettivi nel settore pubblico(art. 49, c.1, d. lgs. n. 165/2001: “Quando insorgano controversie sull’interpretazione dei contratti collettivi, le parti che li hanno sottoscritti si incontrano per definire consensualmente il significato della clausola controversa” ) …e “l’anima del contratto”: le regole sulla interpretazione dei contratti (art. 1362 c.c.) e non quelle sulla interpretazione della legge ma come si interpretano le norme dei contratti collettivi?

  12. Le norme dei contratti collettivi come norme prodotte da un ordinamento, quello appunto intersindacale, autonomo e distinto rispetto a quello statale Dalla teoria della pluralità degli ordinamenti giuridici (Santi Romano) a quella dell’ordinamento intersindacale (G.Giugni, 1960) Contrattazione collettiva e ordinamento intersindacale

  13. Il sistema di relazioni industriali come sistema sociale – ma anche giuridico-normativo - fra imprenditori (e loro associazioni), organizzazioni dei lavoratori e pubblici poteri(Giugni, 2006) L’ordinamento intersindacale

  14. In tale sistema si producono norme - extra-legislative - destinate a regolare sia i rapporti fra le parti dei rapporti di lavoro, sia le relazioni fra le stesse organizzazioni sindacali e i poteri pubblici L’ordinamento intersindacale

  15. La teoria dell’ordinamento intersindacale riflette un processo di trasformazione più generale della produzione del diritto: la fine dell’identificazione (tipica del giuspositivismo) tra diritto, legge e Stato(Caruso, 2004) L’ordinamento intersindacale

  16. Come si inquadra la contrattazione collettiva nel sistema delle fonti? poiché anche il contratto collettivo è fonte materiale delle regole che governano i rapporti di lavoro, qual è il rapporto tra la contrattazione collettiva e legge? Il più tradizionale rapporto tra le due fonti: l’inderogabilità unilaterale e il principio del favor prestatoris ne è esempio l’art. 40, comma 2, St. Lav.: “Restano salve le condizioni dei contratti collettivi e degli accordi sindacalipiù favorevoli ai lavoratori”

  17. Come si inquadra la contrattazione collettiva nel sistema delle fonti? Il contratto collettivo secundum legem – il rinvio integrativo – le materie “delegificate” Esempio di rinvio integrativo: la determinazione delle prestazioni indispensabili ex art. 2 della l. n. 146/1990 Numerosissimi i rinvii integrativi nel d. lgs. 276/2003 Il contratto collettivo praeter legem (regola materie che la legge o le eventuali altre fonti secondarie non regolano) • esempi: • per l’ampliamento delle • ipotesi in cui è ammissibile la • somministrazione a tempo indeterminato • (art. 20, c. 3, lett. i) • per la determinazione dei casi in • cui è possibile concludere contratti • di lavoro intermittente (art. 34, c. 1)

  18. Il rinvio della legge alla contrattazione collettiva realizza un modello di integrazione funzionaletra le due fonti devoluzione di potere normativo alle parti sociali

  19. svolgono funzioni di stimolo e di innovazione rispetto al diritto statale sostiene in vario modo l’autonomia e la contrattazione collettiva, anche attraverso la delega di poteri normativi Si realizza, pertanto, una osmosi tra ordinamento intersindacale e statale: L’ordinamento statale L’ordinamento intersindacale e la contrattazione collettiva

  20. La contrattazione collettiva regolata dalla legge [settore pubblico: dalla legge quadro sul p.i. (l. n. 93/1983) al d. lgs. n. 396/1997, agliartt. 40 e ss. d. lgs. n. 165/2001] La contrattazione collettiva non regolata in via generale dalla legge (settore privato) La contrattazione collettiva come fonte Le regole sulla produzione dei contratti collettiviesistono nel non esistono nel

  21. La contrattazione collettiva – in seguito al d. lgs. n. 396/1997- è diventata una fonte equivalente alla legge ordinaria. “La contrattazione collettivasi svolge su tutte le materie relative al rapporto di lavoro ed alle relazioni sindacali” (art. 40 d. lgs. n. 165/2001) La contrattazione collettiva regolata dalla legge (settore pubblico) Cos’è successo, inoltre, nel pubblico impiego contrattualizzato ?

  22. … e dellarappresentativitàdelle organizzazioni sindacali (art. 43 d. lgs. n. 165/2001) 2)Ladisciplina del procedimento di contrattazione collettiva: a) la fase preventiva: il parere dei comitati di settore b) la trattativa e la conclusione dell’ipotesi di accordo c) il parere favorevole del comitato di settore d) il controllo ella Corte dei Conti sulla compatibilità dei costi contrattuali con gli strumenti di programmazione e di bilancio e) la sottoscrizione del contratto da parte del Presidente dell’ARAN - pubblicazione sulla Gazzetta ufficiale della Repubblica La contrattazione collettiva regolata dalla legge (settore pubblico) 1) La disciplina dei soggetti legittimati a contrattare (ARAN ed organizzazioni sindacali) …

  23. La contrattazione collettiva regolata dalla legge (settore pubblico) 3) L’indirettadisciplina del regime della efficacia soggettivadei contratti collettivi: • art. 40, c. 4, d. lgs. n. 165/2001: Le pubblicheamministrazioni adempiono agli obblighiassunti con i contratti collettivi nazionali o integrativi dalla data della sottoscrizione definitivae ne assicurano l’osservanza nelle forme previste dai rispettivi ordinamenti • art. 45, c. 2 d. lgs. n. 165/2001 : il vincolo per le pubbliche amministrazioni digarantire ai propri dipendenti “parità di trattamento contrattualee comunquetrattamenti non inferiori a quelli previsti dairispettivi contratti collettivi”

  24. Le fonti internazionali … e… …sovranazionali convenzioni (soggette a ratifica con legge statale) e raccomandazioni dell’OIL il diritto comunitario primario e derivato 2) Una secondarilevante peculiarità:

  25. La rilevanza delle fonti comunitarie. È questa “la vera e rilevante trasformazione del sistema delle fonti del diritto del lavoro realizzatasi nell’ultimo decennio” (Mariucci, 2003)

  26. Diritto comunitario e diritto nazionale La primazia del diritto dei Trattati e dei regolamenti: prevalgono sulle norme nazionali contrastanti, anche posteriori • Gli obblighi di • adeguamento • derivanti dalle direttive • (che di per sé non • costituiscono diritto • comunitario uniforme) • Le direttive • incondizionate • e sufficientemente • precise – l’efficacia • diretta “verticale” • (sent. CGCE Marshall I, • 1986) Il nuovo art. 117, comma 1 Cost.: L’esercizio della potestà legislativa dello Stato e delle Regionideve avvenire “nel rispetto (…) dei vincoli derivanti dall’ordinamento comunitario”

  27. Diritto comunitario e diritto nazionale Il processo di comunitarizzazione del diritto del lavoro italiano • Esempi di materie “comunitarizzate” (sp. dopo anni ’80): • I contratti di lavoro flessibili (Direttive n. 97/81 sul part-time e n. 99/70 sul lavoro • a tempo determinato: d. lgs. n. 61/2000; d. lgs. n. 368/2001); • I licenziamenti collettivi (dir. n. 75/129; dir. n. 92/56: • l. 223/1991) • La normativa antidiscriminatoria (dir. n. 2000/43; 2000/78 e 2002/73: i d. lgs. • nn. 215 e 216 del 2003 e 145 del 2005) • I diritti di informazione e di consultazione nelle imprese (dir. 2002/14: • d. lgs. n. 25 del 2007)

  28. 3) Una terza, ancor più recente, peculiarità: Il rilievo attribuito alla legislazione regionale dalla riforma dell’art. 117 Cost. (l. cost. n. 3/2001) e, già prima, dal decreto di riforma del collocamento del 1997 (n. 469) La legislazione concorrente in materia di “tutela e sicurezza del lavoro”; “previdenza complementare e integrativa” “Le leggi regionali entrano a pieno titolo nel sistema delle fonti del diritto del lavoro”. (Mariucci, 2003)

  29. Il diritto del mercato del lavoro Se è vero che il diritto del lavoro non è più soltanto diritto del rapporto di lavoro, ma anche diritto del mercato del lavoro, quest’ultimo è, per buona parte, diritto regionale (Napoli, 2002)