la nascita del sistema solare n.
Download
Skip this Video
Loading SlideShow in 5 Seconds..
La nascita del Sistema Solare PowerPoint Presentation
Download Presentation
La nascita del Sistema Solare

Loading in 2 Seconds...

play fullscreen
1 / 12

La nascita del Sistema Solare - PowerPoint PPT Presentation


  • 191 Views
  • Uploaded on

La nascita del Sistema Solare. Una nube di gas e polveri interstellari (la "nebulosa solare") collassa sotto la sua stessa gravità. La perturbazione potrebbe essere stata, ad esempio, l'onda d'urto di una vicina supernova. Quando la nube collassa, si riscalda e si comprime al centro.

loader
I am the owner, or an agent authorized to act on behalf of the owner, of the copyrighted work described.
capcha
Download Presentation

PowerPoint Slideshow about 'La nascita del Sistema Solare' - megan-douglas


An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript
slide2

Una nube di gas e polveri interstellari (la "nebulosa solare")

collassa sotto la sua stessa gravità.

La perturbazione potrebbe essere stata, ad esempio,

l'onda d'urto di una vicina supernova.

slide3

Quando la nube collassa, si riscalda e si comprime al centro.

Si scalda abbastanza per vaporizzare le polveri.

Si suppone che il collasso iniziale sia durato meno di 100.000 anni.

slide4

Il centro si comprime abbastanza per diventare una protostella,

mentre il resto del gas orbita intorno ad esso.

La maggior parte del gas precipita verso l'interno e va

ad aumentare la massa della stella in formazione.

Ma il gas sta ruotando: perciò la forza centrifuga impedisce

che una parte del gas finisca nella stella.

Invece esso forma un "disco di accrescimento" intorno alla stella.

Il disco perde gradualmente la sua energia e si raffredda.

slide5

Il gas orbitante intorno alla protostella

potrebbe essere instabile e comprimersi a sua volta sotto la sua stessa gravità.

Ciò produce una stella doppia. Ma se non è instabile...

slide6

Il gas si raffredda abbastanza perché i metalli, la roccia e il ghiaccio

(lontano a sufficienza dalla stella in formazione)

si condensino in piccole particelle.

I metalli si condensano quando si forma il disco di accrescimento,

la roccia si condensa un po' più tardi.

slide7

Le particelle di polvere collidono le une contro le altre

e formano particelle più grandi. Questo va avanti finché le particelle

raggiungono le dimensioni di ciottoli o piccoli asteroidi.

slide8

La crescita si intensifica. Una volta che le maggiori di queste particelle diventano

grandi abbastanza per avere una gravità non insignificante,

il loro ritmo di crescita aumenta. La forza di gravità attira

particelle più piccole in numero sempre maggiore.

slide9

In questo periodo, circa 1 milione di anni dopo il raffreddamento della nebulosa,

la stella dovrebbe cominciare a generare un forte vento solare,

che spinge lontano tutto il gas residuo nella nebulosa protoplanetaria.

Se il protopianeta è abbastanza grande in tempo,

la sua gravità sarebbe riuscita a raccogliere il gas,

ed esso sarebbe diventato un gigante gassoso.

Altrimenti, esso sarebbe rimasto un corpo di roccia o ghiaccio.

slide10

A questo punto, il sistema solare è composto solo da corpi protoplanetari solidi

e da giganti gassosi. I "planetesimi" avrebbero quindi cominciato

a collidere l'uno con l'altro e a diventare più massicci.

slide11

Infine, passati da dieci a cento milioni di anni, si finisce con una decina di pianeti,

su orbite stabili, e questo è un sistema solare.

Questi pianeti e le loro superfici potrebbero essere stati fortemente

modificati da un'ultima grande collisione

(per esempio la composizione in larga misura metallica di Mercurio o della Luna).