il sistema solare n.
Download
Skip this Video
Loading SlideShow in 5 Seconds..
IL SISTEMA SOLARE PowerPoint Presentation
Download Presentation
IL SISTEMA SOLARE

Loading in 2 Seconds...

play fullscreen
1 / 72

IL SISTEMA SOLARE - PowerPoint PPT Presentation


  • 126 Views
  • Uploaded on

IL SISTEMA SOLARE. Nascita e formazione Il Sole I pianeti interni di tipo terrestre I pianeti esterni gassosi Le lune Asteroidi e Comete I pianeti extrasolari. NASCITA E FORMAZIONE.

loader
I am the owner, or an agent authorized to act on behalf of the owner, of the copyrighted work described.
capcha
Download Presentation

PowerPoint Slideshow about 'IL SISTEMA SOLARE' - akasma


An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript
il sistema solare

IL SISTEMA SOLARE

Nascita e formazione

Il Sole

I pianeti interni di tipo terrestre

I pianeti esterni gassosi

Le lune

Asteroidi e Comete

I pianeti extrasolari

nascita e formazione
NASCITA E FORMAZIONE
  • Circa 5 miliardi di anni fa, da una nebulosa di gas e polveri, si formarono per autogravitazione centinaia di nuove stelle, tra cui anche il Sole
la nascita dei pianeti
La nascita dei pianeti
  • Anno 0: da una massa di gas informe inizia a condensarsi il “protosole”
  • Anno 1.000.000: si forma un disco di gas e polveri ruotante attorno al protosole
  • Anno 10.000.000: il disco di gas e polveri inizia a formare i “protopianeti”
  • Anno 100.000.000: i pianeti si sono formati
i pianeti interni formazione
I pianeti interni: formazione
  • I pianeti interni, di natura rocciosa, si sono formati nelle regioni più vicine al Sole. L’intenso calore proveniente dal nostro astro e gli effetti del vento solare non hanno permesso di trattenere grandi quantità di gas, come invece è avvenuto per i pianeti esterni.
i pianeti esterni formazione
I pianeti esterni: formazione
  • I pianeti esterni, composti da un nucleo roccioso, hanno potuto accrescersi con grandi quantità di gas per la scarsa azione del vento solare a quelle distanze. Attorno ai grandi pianeti gassosi si sono poi formati complessi sistemi di lune
le distanze dei pianeti
Le distanze dei pianeti
  • Mercurio, il pianeta più vicino, dista in media 58 milioni di km dal Sole.
  • La Terra, il terzo pianeta in ordine di distanza, orbita a 150 milioni di km.
  • Giove, il più grande di tutti, si trova a quasi 800 milioni di km dal Sole.
  • Plutone, il più lontano, ha un’orbita fortemente ellittica che lo porta a quasi 6 miliardi di km dalla nostra stella.
le dimensioni
Le dimensioni
  • Giove, il pianeta più grande, ha un diametro di 142.800 km, dodici volte quello della Terra
  • Plutone è il più piccolo, il suo diametro è di circa 2.200 km, inferiore a quello della Luna
  • La Terra è il più grande tra i pianeti interni (12.742 km)
  • Ganimede, satellite di Giove, è la più grande luna del Sistema Solare; con i suoi 5.270 km di diametro supera per dimensioni anche il pianeta Mercurio
  • La massa di tutti i pianeti raggiunge appena l’1% di quella solare
l interno del sole
L’interno del Sole
  • Il Sole ha un diametro di 1,5 milioni di km, nel nucleo la temperatura è di 15 milioni di gradi
  • L’idrogeno che viene trasformato in elio mediante le reazioni nucleari libera energia che impiega un milione di anni ad attraversare la zona radiativa
  • La fotosfera è la superficie visibile del Sole, ha una temperatura di 5.700 gradi
  • Le protuberanze sono provocate da violente esplosioni sulla superficie, che a volte seguono le linee dell’intenso campo magnetico solare
la fonte di energia
La fonte di energia
  • Nel nucleo del Sole atomi di idrogeno si combinano per formare atomi di elio; da questa reazione nucleare viene liberata energia sotto forma di raggi X e gamma
le macchie solari
Le macchie solari
  • Sono zone più fredde della superficie del Sole (4.000° anziché 5.700°)
  • Da queste regioni fuoriescono gli intensi campi magnetici solari
  • Si manifestano in maggior numero con una periodicità di 11 anni
il campo magnetico e la rotazione
Il campo magnetico e la rotazione
  • La rotazione solare avviene in modo differenziato tra equatore (25 giorni) e poli (34 giorni)
  • Questo provoca uno stiramento delle linee di forza del campo magnetico.
il vento solare
Il vento solare
  • E’ costituito da un flusso continuo di particelle ionizzate emesse dal Sole, che si disperdono in ogni direzione.
  • Quando raggiungono la Terra vengono deviate dal campo magnetico e a volte possono dar vita ad aurore boreali
le protuberanze
Le protuberanze
  • La superficie del Sole è scossa da violente esplosioni che eiettano plasma solare a distanze enormi, anche ad oltre 200.000 km
  • La loro temperatura è di 10.000° e seguono l’andamento delle linee di forza del campo magnetico
  • Da Terra si possono ammirare durante le eclissi totali di Sole
la corona solare

La Corona solare

La corona solare

E’ l’atmosfera del Sole; da Terra la si può osservare soltanto durante le eclissi

Ha una temperatura di diversi milioni di gradi, ma una densità molto bassa

il ciclo solare
Il ciclo solare
  • Ha una durata di 11 anni circa, durante i quali aumenta l’attività solare con la produzione di un gran numero di macchie
  • Ogni 22 anni si inverte la polarità del campo magnetico
il sole visto dallo spazio
Il Sole visto dallo spazio
  • Sonde spaziali come l’americana “SOHO” possono osservare il Sole in tutte le lunghezze d’onda, evidenziando strutture altrimenti invisibili da terra
il sole e la vita
Il Sole e la Vita
  • L’energia che il Sole produce viene irraggiata nello spazio e solo una minima parte raggiunge la Terra
  • Ciò è però sufficiente per far vivere il nostro pianeta
  • Le piante sfruttano l’energia solare per la fotosintesi clorofilliana
  • L’atmosfera e gli oceani della Terra vengono animati dal calore del Sole
mercurio
Mercurio
  • Diametro: 4880 km
  • Densità: 5,4 g/cm3
  • Massa: 0,055 T
  • Gravità: 0,37 T
  • Temperatura: +350 –170
  • Distanza Sole: 57,9 mil.
  • Periodo rivoluz.: 88 giorni
  • Periodo rotaz.: 59 giorni
  • Velocità orbitale: 47,9 km/s
  • Diam apparente: 12”,9 max
  • Satelliti: nessuno
venere
Venere
  • Diametro: 12104 km
  • Densità: 5,2 g/cm3
  • Massa: 0,815 T
  • Gravità: 0,88 T
  • Temperatura: +480
  • Distanza Sole: 108,2 mil.
  • Periodo rivoluz.: 224,7 giorni
  • Periodo rotaz.: -243 giorni
  • Velocità orbitale: 35 km/s
  • Diam apparente: 63”,1 max
  • Satelliti: nessuno
l atmosfera di venere
L’atmosfera di Venere
  • E’ composta per il 97% da anidride carbonica con tracce minime di vapor d’acqua (0,2%)
  • In superficie cadono piogge di acido solforico, indice che vi sono violente eruzioni vulcaniche
la superficie di venere
La superficie di Venere
  • Su Venere l’effetto serra è esasperato al massimo: le nubi di anidride carbonica trattengono il calore solare e portano la temperatura a valori di quasi 500°.
  • La pressione al suolo è di 90 atmosfere, uguale a quella presente 900 metri sott’acqua.
il volto svelato di venere
Il volto svelato di Venere
  • L’impenetrabile coltre di nubi ha impedito per anni di vedere la superficie
  • Grazie alle sonde radar (Magellano) è stato possibile cartografare la superficie
  • Come sulla Terra, anche su Venere ci sono continenti elevati rispetto alle zone circostanti
  • Ci sono montagne molto alte (Mt. Maxwell) e vulcani attivi
le fasi di venere
Le fasi di Venere
  • Essendo un pianeta interno all’orbita terrestre, Venere presenta delle fasi simili a quelle lunari
  • Quando Venere è più vicino alla Terra si ha la “Congiunzione Inferiore”, all’opposto la “Congiunzione Superiore”; nei casi intermedi le “Elongazioni”
terra
Terra
  • Diametro: 12742 km
  • Densità: 5,51 g/cm3
  • Massa: 5,977x1027 g
  • Gravità: 1 T
  • Temperatura: +15
  • Distanza Sole: 149,6 mil.
  • Periodo rivoluz.: 365,25 giorni
  • Periodo rotaz.: 23h 56m 04s
  • Velocità orbitale: 29,8 km/s
  • Satelliti: Luna
il pianeta vivente
Il pianeta vivente
  • La Terra è l’unico pianeta del Sistema solare su cui l’acqua sia presente allo stato solido, liquido e gassoso.
  • La temperatura è idonea allo sviluppo della vita
  • L’alternarsi delle stagioni favoriscono il ricambio delle masse d’aria tra i poli e l’equatore
  • Lo scudo dell’ozono protegge la Terra dalle mortali radiazioni UV solari
il sistema terra luna
Il sistema Terra - Luna
  • La luna orbita a 380.000 km dalla Terra
  • Il periodo di rivoluzione della Luna attorno al nostro pianeta è di quasi 29 giorni, uguale a quello di rotazione
  • La Luna presenta sempre la stessa faccia
marte
Marte
  • Diametro: 6787 km
  • Densità: 3,9 g/cm3
  • Massa: 0,108 T
  • Gravità: 0,38 T
  • Temperatura: -23°
  • Distanza Sole: 227,9 mil.
  • Periodo rivoluz.: 687 giorni
  • Periodo rotaz.: 24h 37m 23s
  • Velocità orbitale: 24,1 km/s
  • Diam apparente: 25”,2 max
  • Satelliti: Phobos Deimos
il suolo di marte
Il suolo di Marte
  • Le sonde atterrate su Marte hanno mostrato un pianeta desolato, simile ai deserti pietrosi della Terra
  • Marte ha una tenue atmosfera di anidride carbonica, non sufficiente però a innescare un effetto serra per riscaldare il pianeta
  • Tutto l’ossigeno si è combinato con le rocce del suolo, dandogli il caratteristico colore rossastro, visibile anche da Terra
dov l acqua
Dov’è l’acqua?
  • Sulla superficie di Marte sono chiari i segni della presenza, in un lontano passato, di acqua allo stato liquido
  • Oggi tutta l’acqua è ghiacciata e si trova ai poli e nello strato di “permafrost”, pochi metri sotto la superficie
mondo di giganti
Mondo di giganti
  • Sulla superficie di Marte si trovano alcune delle strutture geologiche più grandi del Sistema solare:
    • La Valle Marineris è il più grande Canyon, lungo 4500 km, largo 120 e profondo 7
    • Il Monte Olimpo è un vulcano a scudo alto 27.000 mt e largo alla base 600 km
come si vede da terra
Come si vede da Terra
  • Marte ha un’orbita molto eccentrica perciò, in rapporto alla stagione, si trova a distanze diverse dal Sole
  • Il momento in cui si trova più vicino alla Terra si chiama “opposizione” e si verifica circa ogni due anni
  • Nelle opposizioni più favorevoli le sue dimensioni sono ragguardevoli
  • Se l’opposizione è sfavorevole il pianeta apparirà molto più piccolo
giove
Giove
  • Diametro: 142800 km
  • Densità: 1,3 g/cm3
  • Massa: 317,9 T
  • Gravità: 2,64 T
  • Temperatura: -150°
  • Distanza Sole: 778,3 mil.
  • Periodo rivoluz. 11,86 anni
  • Periodo rotaz.: 9h 50m 30s
  • Velocità orbitale: 13,1 km/s
  • Diam apparente: 49”,8 max
  • Satelliti: 39 lune
atmosfera turbolenta
Atmosfera turbolenta
  • Giove è un pianeta gassoso; i suoi principali componenti sono l’idrogeno, l’elio, il metano e l’ammoniaca
  • La superficie delle nubi è scossa da venti ad oltre 300 km/h
  • Le nubi si dispongono su bande o fasce parallele all’equatore; all’interno di queste si possono sviluppare turbolenze e vortici che permangono anche per secoli, com’è il caso della “Grande Macchia Rossa”
stella mancata
Stella mancata
  • Giove assomiglia molto più ad una stella che ad un pianeta
  • La sua composizione chimica è infatti molto simile al Sole ed il nucleo del pianeta emette molto più calore di quanto Giove ne riceva dalla nostra stella
  • La sua massa non è di molto inferiore a quella necessaria per innescare le reazioni nucleari
un altro sistema di mondi
Un altro sistema di mondi
  • L’osservazione di Giove fatta da Galileo nel 1610 ha rivoluzionato la visione del Mondo: c’era un altro centro di attrazione dell’universo!
  • Si può correttamente definire Giove e la sua coorte di lune come un sistema solare “in miniatura”
  • Attorno al pianeta orbitano più di 30 satelliti, quattro dei quali (Io, Europa, Ganimede e Callisto) hanno taglia e caratteristiche di veri e propri pianeti
gli anelli di giove
Gli anelli di Giove
  • Nel 1979 la sonda Voyager 1, mentre stava attraversando il piano equatoriale di Giove, fece una scoperta inaspettata e curiosa: anche il pianeta gigante aveva un sistema di anelli, molto più tenui però di quelli di Saturno
saturno
Saturno
  • Diametro: 120057 km
  • Densità: 0,7 g/cm3
  • Massa: 95,2 T
  • Gravità: 1,15 T
  • Temperatura: -180°
  • Distanza Sole: 1427 mil.
  • Periodo rivoluz. 29,46 anni
  • Periodo rotaz.: 10h 14m
  • Velocità orbitale: 9,6 km/s
  • Diam apparente: 20”,8 max
  • Satelliti: 30 lune
il signore degli anelli
Il Signore degli anelli
  • Gli anelli, ben visibili anche da Terra, sono composti da rocce e polveri vaganti in orbita attorno al pianeta
  • Sono mantenuti stabili dalla presenza di piccoli satelliti “pastore”
  • Gli anelli principali sono sei, suddivisi ognuno in decine o centinaia di sottosistemi
  • Hanno uno spessore di pochi chilometri e con il passare degli anni, si presentano sotto diverse angolazioni
  • All’interno degli anelli vi sono delle zone vuote, chiamate divisioni, visibili anche con un telescopio
una famiglia numerosa
Una famiglia numerosa
  • Sono ben 30 le lune orbitanti attorno a Saturno. La più grande, Titano, ha un diametro di oltre 5.000 km e un’atmosfera molto densa, simile a quella che aveva la Terra primordiale. Una missione spaziale, la Cassini-Huygens, svelerà presto (nel 2004) se su Titano ci siano forme di vita extraterrestre.
un mondo che galleggia sull acqua
Un mondo che galleggia sull’acqua
  • Composto dagli stessi elementi chimici di Giove, Saturno ha però una caratteristica peculiare: la sua densità è così bassa (0,7 g/cm3) che potrebbe galleggiare su un ipotetico mare che fosse in grado di contenerlo!
urano
Urano
  • Diametro: 51118 km
  • Densità: 1,29 g/cm3
  • Massa: 14,6 T
  • Gravità: 1,17 T
  • Temperatura: -210°
  • Distanza Sole: 2869,6 mil.
  • Periodo rivoluz. 84,01 anni
  • Periodo rotaz.: 17h 14m
  • Velocità orbitale: 9,6 km/s
  • Diam apparente: 3”,8 max
  • Satelliti: 17 lune
un pianeta inclinato
Un pianeta inclinato
  • Urano ha una caratteristica peculiare: il suo asse di rotazione è inclinato di quasi 90° sul piano dell’orbita; il pianeta perciò “rotola” anziché ruotare su se stesso.
  • Possiede inoltre un sistema di 11 anelli molto sottili, a malapena visibili da Terra
  • La sua composizione chimica è molto simile a quella di Giove e Saturno
un mondo di ghiaccio
Un mondo di ghiaccio
  • Quando nel 1986 la sonda Voyager 2 ha sorvolato il sistema di Urano ha ripreso da vicino le sue 5 lune principali, dei mondi desolati di ghiaccio e roccia con diametri tra i 500 e i 1500 km
nettuno
Nettuno
  • Diametro: 49530 km
  • Densità: 1,64 g/cm3
  • Massa: 17,14 T
  • Gravità: 1,18 T
  • Temperatura: -210°
  • Distanza Sole: 4450,6 mil.
  • Periodo rivoluz. 164,79 anni
  • Periodo rotaz.: 16h 07m
  • Velocità orbitale: 5,4 km/s
  • Diam apparente: 2”,1 max
  • Satelliti: 8 lune
un pianeta tutto blu
Un pianeta tutto blu
  • Le nubi sono spinte da venti impetuosi, i più forti di tutto il Sistema Solare: vicino alla Grande Macchia Oscura possono raggiungere i 2.000 Km/h.
  • L'atmosfera del pianeta ha una composizione molto simile a quella di Urano: idrogeno (85 %), elio (13 %) e metano (2 %); quest'ultimo e' responsabile del caratteristico colore del pianeta, in quanto assorbe la radiazione rossa e riflette quella blu
lune ed anelli
Lune ed anelli
  • Anche attorno a Nettuno la sonda Voyager 2 ha individuato la presenza di anelli, sebbene molto sottili e deboli.
  • Nel suo peregrinare attorno al Sole il pianeta è accompagnato da otto satelliti il più grande dei quali, Tritone, risulta particolarmente interessante per la presenza di ghiaccio d’acqua in superficie e di strutture simili a “gayser” che eruttano materiale scuro
plutone
Plutone
  • Diametro: 2280 km
  • Densità: 2,03 g/cm3
  • Massa: 0,0022 T
  • Gravità: 0,03 T
  • Temperatura: -220°
  • Distanza Sole: 5900 mil.
  • Periodo rivoluz. 248,54 anni
  • Periodo rotaz.: 6d 09h
  • Velocità orbitale: 4,7 km/s
  • Diam apparente: 0”,3 max
  • Satelliti: Caronte
un pianeta doppio
Un pianeta “doppio”
  • Di Plutone non si conosce molto, in quanto non è mai stato visitato da sonde automatiche
  • Si sa però che è un pianeta “doppio” in quanto il suo satellite, Caronte (1270 km di diametro), ha dimensioni quasi paragonabili a quelle di Plutone (2200 km) ed orbitano ad una distanza di appena 20.000 km in 6 giorni, mostrandosi reciprocamente sempre la stessa faccia
  • Entro il 2020 una sonda, chiamata “Pluto Express” dovrebbe visitare il pianeta
veri e propri mondi
Veri e propri Mondi
  • I satelliti dei pianeti giganti sono veri e propri mondi, sia come dimensioni che come caratteristiche fisiche e superficiali
  • Il più grande satellite del Sistema solare è Ganimede (5270 km)
  • Anche Titano e Callisto hanno dimensioni superiori a quelle di Mercurio
ghiaccio e fuoco
Ghiaccio e Fuoco
  • Io, satellite di Giove, ha una attività vulcanica elevatissima, causata dall’attrito mareale del vicino gigante
  • Europa invece è completamente ricoperto da una crosta ghiacciata al di sotto della quale c’è un oceano d’acqua liquida profondo decine di km; non è esclusa la presenza di forme di vita extraterrestre
cara vecchia luna
Cara, vecchia Luna!
  • Il nostro satellite nacque presumibilmente dallo scontro della terra primordiale con un corpo celeste di ragguardevoli dimensioni, forse paragonabili a quelle di Marte
  • Sulla sua superficie, infatti, si trovano minerali che sulla Terra non sono presenti, se non a grandi profondità
  • Sono stati 12 gli astronauti che tra la fine degli anni ’60 e l’inizio dei ’70 andarono sulla Luna; e i prossimi a quando?
schegge cosmiche
Schegge cosmiche
  • Dei quasi cento satelliti dei pianeti del Sistema solare, non più di una dozzina supera i 1000 km di diametro e solo sei hanno dimensioni planetarie
  • Tutti gli altri sono per lo più asteroidi catturati dalla gravità dei pianeti, come ad es. Phobos e Deimos, le due Lune di Marte
  • Altri, come Miranda, sono un inestricabile “puzzle” di schegge cosmiche agglomerate in un lontano passato
la fascia degli asteroidi
La fascia degli asteroidi
  • Compresa tra le orbite di Marte e di Giove, è formata da tutti quei frammenti rocciosi del Sistema solare primordiale che non hanno potuto aggregarsi a causa delle interazioni gravitazionali del vicino Giove
  • Alcuni di questi oggetti, detti NEO (Near Earth Objects), transitano vicino all’orbita terrestre e sono particolarmente pericolosi per possibili impatti che potrebbero avere effetti devastanti sul nostro pianeta
montagne volanti
Montagne volanti

Eros

Ida

  • Dalle forme più svariate e bizzarre, gli asteroidi hanno dimensioni che variano dai 1000 km per Cerere alle poche decine di metri dei più piccoli; ognuno di essi presenta però una superficie molto craterizzata, segno di violenti impatti con asteroidi più piccoli

Gaspra

il nome di cortina fra le stelle
Il nome di Cortina fra le stelle
  • Scoperto il 27 gennaio 2000, l’asteroide Cortina ha un diametro di 5 Km e ha un’orbita di circa 4 anni
le comete da dove vengono
Le comete: da dove vengono?
  • Sono miliardi i nuclei cometari che orbitano attorno al Sole; la maggioranza sono confinati in una regione, chiamata “Nube di Oort”, situata a metà strada tra il Sole e le stelle più vicine
nel regno del sole
Nel regno del Sole
  • Quando una cometa si avvicina al Sistema solare interno, la sua superficie ghiacciata sublima al calore del Sole ed inizia ad emettere materiale che va a formare dapprima la chioma, poi la coda di ioni ed infine quella di polveri
  • La coda di gas è azzurra e rettilinea, rivolta sempre dalla parte opposta del Sole; quella di polveri è gialla e ricurva e tende a seguire l’orbita della cometa
il cuore della cometa
Il cuore della cometa
  • Il nucleo della cometa è molto simile ad un enorme iceberg volante, ricoperto da una crosta di materiale organico scuro, al cui interno vi sono grandi quantità di ghiaccio d’acqua che fuoriesce sotto forma di getti di vapore da spaccature della crosta
  • I nuclei cometari hanno dimensioni di alcuni chilometri, ma materiale sufficiente per decine di passaggi nei pressi del Sole
polvere di stelle
Polvere di stelle
  • Le polveri emesse dalle comete si dispongono lungo l’orbita e può capitare che la Terra la intersechi in uno o più punti
  • Quando ciò avviene si verifica il fenomeno delle “Stelle cadenti”: le particelle cometarie vengono bruciate dall’attrito con l’atmosfera terrestre e danno vita alla luminosa scia che attraversa il cielo
  • Famose sono le piogge delle Perseidi a metà agosto e delle Leonidi, visibili a novembre
mondi di altre stelle
Mondi di altre stelle
  • Sono ormai più di cento i pianeti extrasolari scoperti attorno ad altre stelle
  • La maggior parte di essi però è di dimensioni molto grandi, anche più di Giove. Per scoprire pianeti simili alla Terra sono necessari strumenti di nuova generazione, che permettano una risoluzione ottica elevatissima
  • Il sistema extrasolare più interessante è quello orbitante attorno alla stella 55 Cancri, dove sono stati individuati 3 pianeti