francesco petrarca n.
Download
Skip this Video
Loading SlideShow in 5 Seconds..
Francesco Petrarca PowerPoint Presentation
Download Presentation
Francesco Petrarca

Loading in 2 Seconds...

play fullscreen
1 / 20

Francesco Petrarca - PowerPoint PPT Presentation


  • 170 Views
  • Uploaded on

Francesco Petrarca. Cenni biografici. Nasce ad Arezzo 1304 da famiglia fiorentina guelfa bianca in esilio Dal 1309 ad Avignone 1327 l’incontro determinante con Laura Ordini minori (chierico) Scoprì l’Epistolario di Cicerone. 1348: muore di peste Laura 1350 conosce Boccaccio

loader
I am the owner, or an agent authorized to act on behalf of the owner, of the copyrighted work described.
capcha
Download Presentation

PowerPoint Slideshow about 'Francesco Petrarca' - liluye


An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript
cenni biografici
Cenni biografici
  • Nasce ad Arezzo 1304 da famiglia fiorentina guelfa bianca in esilio
  • Dal 1309 ad Avignone
  • 1327 l’incontro determinante con Laura
  • Ordini minori (chierico)
  • Scoprì l’Epistolario di Cicerone
slide3
1348: muore di peste Laura
  • 1350 conosce Boccaccio
  • Dal 1353 vive a Milano alla corte dei Visconti (anticipazione del mecenatismo)
  • Incoronato poeta
  • Visse gli ultimi anni tra PD, VE e Arquà, dove gli venne donata una proprietà e dove morì nel 1374
la cultura classica
La cultura classica
  • P. fu un grande scrittore in lingua latina, che riteneva la vera lingua letteraria
  • Nelle sue opere manifesta un grande amore per i classici fuso con profonda spiritualità cristiana
  • Opere principali: Africa (poema epico in esametri rimasto incompiuto), De viris illustribus (biografie di personaggi famosi), De vita solitaria, De Otio religioso (si esaltano la solitudine dell’intellettuale e la serenità dei monasteri)
il secretum
Il Secretum
  • E’ forse l’opera latina più importante
  • Immagina un dialogo con Sant’Agostino sui temi che troveremo spesso nel Canzoniere: le debolezze dell’uomo, il contrasto fra l’aspirazione religiosa e le tentazioni delle passioni terrene, le conseguenti crisi interiori
l epistolario
L’epistolario
  • Numerosissime sono le lettere in latino indirizzate ad amici e a personaggi famosi del suo tempo
  • Non hanno il fine d’essere spedite, ma sono componimenti letterari, politici e riflessivi dai quali emerge la figura dell’intellettuale del tempo che si vuole porre ad esempio
  • Più importante è “Ai posteri”, primo scritto autobiografico della letteratura italiana
le opere in volgare
Le opere in volgare
  • Oltre al Canzoniere che influenzò la storia della letteratura italiana…
  • I Trionfi: poema allegorico in terzine dantesche diviso in 6 parti che corrispondono alle fasi del suo pensiero e della sua vita: Amore, Pudicizia, Morte, Fama, Tempo, Eternità
tematiche
Tematiche
  • Operò una sintesi tra i valori dell’antichità classica (sempre da imitare) e la spiritualità cristiana
  • Pre-umanista
il conflitto petrarchesco
Il conflitto petrarchesco
  • Molto religioso, non concepiva però il pensiero medievale di vita come realizzazione di un progetto divino
  • P. dava enorme importanza alla dimensione interiore dell’uomo
  • Conflitto tra i desiderio di amare e di fama e il richiamo della vita religiosa
  • Una vita piena di dubbi e di insoddisfazione che P. definirà “Accidia” simile alla depressione
nuova concezione dell amore
Nuova concezione dell’amore

Petrarca

Laura è una donna affascinante, un essere umano, non un angelo

Per lei P. prova desiderio e passione

L’amore per lei non lo porta a Dio, ma al contrario, lo allontana e gli crea dubbi e drammi spirituali

Dante

  • La Donna è una creatura angelica
  • La Donna avvicina l’uomo a Dio
  • L’amore per lei è una sorta di elevazione morale e spirituale
chi era laura
Chi era Laura?
  • Laura de Noves (1310 - 6 aprile 1348) fu una nobildonna, sposa del marchese Ugo di Sade probabilmente avignonese
  • Forse Laura amata da Petrarca non è mai esistita, ed è solo il simbolo dell’allontanamento da Dio.
la filologia
La filologia
  • Divenne con P. una scienza
  • Correggere gli errori dei numerosi manoscritti e riportare il testo quanto più vicino all’originale antico
  • La filologia divenne la disciplina fondamentale degli Umanisti
il canzoniere 1374
Il Canzoniere 1374
  • Formato da 366 poesie come i giorni dell’anno più un sonetto introduttivo
  • Ordine cronologico: 263 sonetti “in vita” di Laura e 103 “in morte”
  • Vi lavorò per 40 anni, aggiungendo poesie e modificando di continuo l’ordine
temi del canzoniere
Temi del Canzoniere
  • L’amore tormentato, sia per la ritrosia di Laura, sia per la sua schiavitù d’amore
  • Contrasti di sentimenti, analisi psicologica
  • Dissidiocontinuo fra il cedimento alle passioni terrene e il richiamo religioso
  • Fascino terreno di Laura che subisce gli attacchi del tempo e che non innalza a Dio
poesie in vita e in morte
Poesie in vita e in morte

In morte di Laura

L. Compassionevole verso le sofferenze del poeta

Nostalgia e idealizzazione di L

Paesaggio in sintonia con lo spirito del poeta

In vita di Laura

  • L. bella e indifferente
  • Poeta tormentato dal dissidio interiore
  • Alternanza di gioie e scoramenti
  • Paesaggio in sintonia con lo spirito del poeta
lo stile del canzoniere
Lo stile del Canzoniere
  • Continue correzioni per raggiungere lo stile perfetto, ma grande semplicità, con ricorso a parole usuali (Bello per es.)
  • Es . Chiare fresche e dolci acque
  • Linguaggio fluido di grande eleganza
le figure retoriche
Le figure retoriche
  • Essenzialmente due: antitesi e ossimoro
  • Antitesi:

Pace non trovo, et non ò da far guerra;e temo, et spero; et ardo, et son un ghiaccio;et volo sopra 'l cielo, et giaccio in terra;et nulla stringo, et tutto 'l mondo abbraccio.

  • Ossimoro:

disgustoso piacere, illustre sconosciuto, silenzio assordante

slide20
FINE
  • Presentazione a cura della Prof.ssa
  • Maria Grazia Massari
  • Istituto Alberghiero “F. Martini”
  • Montecatini Terme (PT)