universit de fribourg facult des lettres domaine d italien n.
Skip this Video
Loading SlideShow in 5 Seconds..
Université de Fribourg Faculté des Lettres Domaine d’Italien PowerPoint Presentation
Download Presentation
Université de Fribourg Faculté des Lettres Domaine d’Italien

Loading in 2 Seconds...

  share
play fullscreen
1 / 96
Download Presentation

Université de Fribourg Faculté des Lettres Domaine d’Italien - PowerPoint PPT Presentation

leigh-simpson
148 Views
Download Presentation

Université de Fribourg Faculté des Lettres Domaine d’Italien

- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript

  1. Université de FribourgFaculté des LettresDomaine d’Italien Semestre Autunnale 2012-2013 Corso introduttivo Avviamentoall’analisideltestopoetico Prof. Uberto Motta MIS 3026, giovedì 15-19h

  2. Bibliografia (1) • Manuale di riferimento P. G. Beltrami, Gli strumenti della poesia, Bologna, Il Mulino, 2002.

  3. Bibliografia (2) • Opere di consultazione D’A. S. Avalle, L’analisi letteraria in Italia: formalismo, strutturalismo, semiologia, Milano-Napoli, Ricciardi, 1970. L. Renzi, Come leggere la poesia, con esercitazioni su poeti italiani del Novecento, Bologna, Il Mulino, 1985. C. Segre, Avviamento all’analisi del testo letterario, Torino, Einaudi, 1985. M. Martelli – F. Bausi, La metrica italiana: teoria e storia, Firenze, Le Lettere, 1993. Il testo letterario. Istruzioni per l’uso, a cura di M. Lavagetto, Roma-Bari, Laterza, 1996. P. V. Mengaldo, Prima lezione di stilistica, Roma-Bari, Laterza, 2001- P. V. Mengaldo, Attraverso la poesia italiana: analisi di testi esemplari, Roma, Carocci, 2008. G. Lavezzi, I numeri della poesia: guida alla metrica italiana, Roma, Carocci, 2002. L. Serianni, La lingua poetica italiana: grammatica e testi, Roma, Carocci, 2009. B. Mortara Garavelli, Il parlar figurato. Manualetto di figure retoriche, Roma-Bari, Laterza, 2010. S. Bozzola, La lirica. Dalle origini a Leopardi, Bologna, Il Mulino, 2012. A. Afribo – A. Soldani, La poesia moderna. Dal secondo Ottocento a oggi, Bologna, Il Mulino, 2012.

  4. Calendario delle lezioni Giovedì 20 settembre 15:15 – 17:00 MIS 3026 Giovedì 27 settembre 15:15 – 17:00 MIS 3026 Giovedì4 ottobre 15:15 – 17:00 MIS 3026 Giovedì 11 ottobre 15:15 – 17:00 MIS 3026 Mercoledì 17 ottobre17:15 – 19:00 MIS 3026 Giovedì 18 ottobre 15:15 – 17:00 MIS 3026 Martedì 23 ottobre: Giornata di studiitaliani Giovedì 25 ottobre 15:15 – 17:00 MIS 3026 Giovedì 8 novembre 15:15 – 17:00 MIS 3026 Giovedì 15 novembre 15:15 – 17:00 MIS 3026 Giovedì 22 novembre: lezionesospesa Giovedì 29 novembre 15:15 – 17:00 MIS 3026 Giovedì 6 dicembre 15:15 – 17:00 MIS 3026 Giovedì 13 dicembre 15:15 – 17:00 MIS 3026 Giovedì 20 dicembre 15:15 – 17:00 MIS 3026

  5. T. S. Eliot, Le frontieredellacritica, 1956 (I) Capire una poesia vuol dire gustarla pienamente per la ragione giusta. […] Capire una poesia travisandola significa compiacersi di una mera interpretazione della propria mente. […] È impossibile gustare appieno una poesia se non la si è capita; d’altro canto è ugualmente vero che non possiamo capirla fino in fondo se non la gustiamo.

  6. T. S. Eliot, Le frontiere della critica (II) Le fonti e i modelli “non offrono alcuna chiave per l’intendimento di qualsiasi poesia scritta da qualsiasi poeta”. Capire una poesia vuol dire afferrare la sua ragione d’essere e la sua ‘entelechia’.

  7. T. S. Eliot, Le frontiere della critica (III) Spiegazione causale: l’evento è il risultato di una causa → critica biografica e psicologica Spiegazione finalistica: l’evento è il suo effetto → critica ‘reader oriented’

  8. Eliot, The frontiers of criticism(IV) “In tutta la grande poesia c’è qualcosa che deve restare inesplicabile, per quanto completa possa essere la nostra conoscenza del poeta, e anzi è questo il più importante. Quando nasce una poesia è accaduta una cosa nuova che non può essere interamente spiegata da qualsivoglia cosa avvenuta prima. È questo, io credo, ciò che s’intende per creazione”.

  9. Eliot, The frontiers of criticism(V) • Di una poesia non c’è una sola interpretazione giusta. • Un’interpretazione non è giusta se e perché corrisponde a ciò che l’autore si proponeva di fare. • Nessuna interpretazione deve preclude al lettore la possibilità di continuare a gustare la poesia.

  10. Eliot, The frontiers of criticism (VI) Leggere una poesia non è solo un esercizio archeologico, un viaggio a ritroso nel tempo: è uno spalancamento su una scintilla.

  11. Contini, Filologia ed esegesi dantesca, 1965(I) Una apparente aporia nell’esperienza di ogni lettore • l’abbandono all’incanto dell’esecuzione; il godimento, la fruizione della poesia (B) l’acclaramento penetrante della lettera; lo studio, il giudizio culturale, la spiegazione sistematica

  12. Contini, Filologia ed esegesi (II) “Leggere e godere prima di avere capito tutto” Consentire che sia la gioia della lettura a stimolare la ricerca e lo studio (e non viceversa) → dall’ispirazione alla tecnica Passare dalla critica ideologica alla critica verbale: l’esecuzione del testo

  13. Contini, Filologia ed esegesi (III) Citazione da B. Croce, La poesia di Dante, 1921 “Proposizioni filosofiche, nomi di persone, accenni a casi storici, giudizi morali e politici e via dicendo, sono, in poesia, nient’altro che parole, identiche sostanzialmente, a tutte le altre parole, e vanno interpretate in questi limiti”.

  14. Contini, Filologia ed esegesi (IV) A proposito della critica verbale: limitare il giudizio ai casi di flagrante intenzionalità è arbitrario, perché spesso la scrittura poetica ha una velocità che si sottrae alla coscienza

  15. V. Sereni, Il silenzio creativo, 1962 “Si convive per anni con sensazioni, impressioni, sentimenti, intuizioni, ricordi. Il senso di rarità o eccezionalità che a ragione o a torto si attribuisce ad essi, forse in relazione con l’intensità con cui l’esistenza li impose, è forse la prima fonte di insoddisfazione creativa, anzi di riluttanza di fronte alla messa in opera, che si traduce (peggio per chi non la prova) in nausea metrica, in disgusto per ogni modulo precedentemente sperimentato… Si convive con le proprie invenzioni, con spettri di poesie non scritte… Non è prodotto del caso (e direi anche che è salutare) la rinunzia a chiedersi che cosa sia, in assoluto, la poesia. Molto più senso di una simile domanda mi pare abbia l’individuazione di un piano di sviluppo delle emozioni che porti a raffigurare sotto un angolo specifico il rapporto tra esperienza e invenzione: la ricerca d’un tale angolo e d’un tale rapporto segna il passaggio dalla fase negativa del silenzio di cui discorrevo alla fase per cui gli spettri dell’insoddisfazione prendono corpo. Ma ci sono tanti modi d’inventare e non s’inventa una volta per tutte. Al contrario, s’inventa volta per volta… Avere ben presenti queste cose significa evitare per quanto possibile di fare anche dell’invenzione, dei propri collaudati modi inventivi, una formula e un’abitudine, sapere sempre – a rischio d’altri silenzi – che l’angolo utile, il rapporto illuminante non è mai dato, ma è da trovare; e al tempo stesso mettersi in grado di aderire meglio a quanto ha di vario il moto dell’esistenza. E questo è il prezzo della comunicazione”.

  16. Due ‘ipotesi’ a confronto Gentile Ettore Serra poesia è il mondo l’umanità la propria vita fioriti dalla parola la limpida meraviglia di un delirante fermento Quando trovo in questo mio silenzio una parola scavata è nella mia vita come un abisso (G. Ungaretti, Commiato, 1916) «Secondo quale criterio linguistico si riconosce empiricamente la funzione poetica? In particolare, qual è l’elemento la cui presenza è indispensabile in ogni opera poetica? [...] La funzione poetica proietta il principio d’equivalenza dall’asse della selezione all’asse della combinazione. L’equivalenza è promossa al grado di elemento costitutivo della sequenza». (R. Jakobson, Linguistica e poetica, 1963)

  17. Gen|ti|le 3 Et|to|re | Ser|ra 5 po|e|si|a 4 è il | mon|do | l’u|ma|ni|tà 8 la | pro|pria | vi|ta5 fio|ri|ti | Dal|la | pa|ro|la8 la | lim|pi|Da | me|ra|vi|glia 8 di un | De|li|ran|te | fer|men|to 8 Quan|dO | trO|vO 4 in | que|stO | mi|O | si|len|ziO 8 u|nA | pA|ro|lA 5 scA|vA|tA è | nel|lA | mi|A |vi|tA 9 co|me un | a|bis|so 5

  18. Versi liberi Montale, Forse un mattino, v. 8 tra gli uomini che non si voltano, col mio segreto. Montale, Felicità raggiunta, v. 8 è dolce e turbatore come i nidi delle cimase.

  19. Versi spezzati Montale, La bufera, 18-20 lo scalpicciare del fandango, e sopra qualche gesto che annaspa… Come quando ti rivolgesti e con la mano, sgombra

  20. G. Ungaretti, Eterno Tra un fiore colto e l’altro donato l’inesprimibile nulla I redazione, “Lacerba”, 8 maggio 1915 Eternità Tra un fiore colto e l’altro donato l’inesprimibile vanità. Fiore doppio nati in grembo alla madonna della gioia.

  21. La misura dei versi • «di retro da Maria, da quella costa» (Purg., X 50) • «L’amoroso pensero» (Petrarca, RVF, LXXI 91) • «Nel mezzo del cammin di nostra vita» (Inf., I 1) • «lo ciel perdei che per non aver fé» (Purg., VII 8) • «che noi possiam ne l’altra bolgia scendere» (Inf., XXIII 32)

  22. Sistole e diastole Né dolcezza di figlio, né la pièta del vecchio padre, né ’l debito amore lo qual doveaPenelopé far lieta (Inf. XXI 94-6) E ’l duca disse a me: - Più non si desta di qua dal suon dell’angelica tromba, quando verrà la nimicapodèsta. (Inf.VI 94-6) Come quando la nebbia si dissipa, lo sguardo a poco a poco raffigura ciò che cela il vapor che l’aere stipa (Inf. XXXI 34-6)

  23. I versi della poesia italiana Mono- e Bisillabo «Qui / non si sente / altro» (Ungaretti) Trisillabo (2)«Si tace» (Palazzeschi) Quadrisillabo (1,3) «sono priso» (Giacomo da Lentini); «vuoto e tondo» (Boito) Quinario (1/2,4) «ninfa gentile» (Pindemonte); «bandiera bianca» (Fusinato) Senario (2,5 o 1,3,5) «Dal core mi vene» (Giacomo da Lentini); «non voler soffrire» (Jacopone da Todi); «fantasma tu giungi» (Pascoli) Settenario (1-4,6) «Meravigliosamente» (Giacomo da Lentini); «Chiare, fresche et dolci acque» (Petrarca); «Ei fu. Siccome immobile» (Manzoni)

  24. I versi della poesia italiana Quinario doppio (4,9) «Dal mio cantuccio, donde non sento» (Pascoli) Senario doppio (2,5,8,11) «Dagli atri muscosi, dai Fori cadenti» (Manzoni) Settenario doppio (alessandrino o martelliano) (6,13) «Sui campi di Marengo | batte la luna; fosco» (Carducci) «tra la Bormida e il Tanaro |s’agita e mugge un bosco» (Carducci)

  25. I versi della poesia italiana Ottonario (3,7) «Quant’è bella | giovinezza» (Lorenzo de’ Medici) «Su ’l castello | di Verona» (Carducci) Novenario (2,5,8) «tremava | un sospiro | di vento» (Pascoli) Decasillabo (3,6,9) «Dilongato | mi son da la via» (Jacopone); «Soffermati | sull’arida sponda» (Manzoni) Endecasillabo (4/6,10) «Nel mezzo del cammin | di nostra vita» (2,6,10: endecasillabo a maiore, con accenti fissi di 6a e 10a); «mi ritrovai | per una selva oscura» (4,8,10: endecasillabo a minore, con accenti fissi di 4a e 10a)

  26. L’accentometrico • Regolagenerale: accentometrico = accento grammaticale • Atoni: articoli, preposizioni, congiunzioni pron. pers. di unasillabaseguiti da verbo non in posizione non enfatica agg. poss. in posizionedebole (miavita) agg. di unasill. + sost. verbiausiliarimonosill. + part. (èstato) verbiausiliari di 2 sill. + accentodel part. (aveafatto >< abbiaperduto) es. (6,10) «che di lagrimesonfattiuscio e varco» (Rvf 3,11)

  27. Ipermetria e ipometria • Boccaccio, Teseida, I 38 I denti batte e rugghia e gli spediti sen¦tie¦ri a¦ sua¦ sa¦lu¦te¦ cer¦ca e¦ pe’ ¦ro¦mo¦ri ch’egli ha in qua in là in giù e su uditi, non sa qua’ vie per lui sien migliori. • Saba, Canzoniere, A mamma, v. 108 Sugli ultimi mari i naviganti [1948] < Di su gli ultimi mari i naviganti [1911 e 1921]

  28. Figure metriche (1) Sinalefe«Voi ch’ascoltate in rime sparse il suono» (RVF I 1) Dialefe«O anima cortese mantoana» (Inf. II 58) Sinèresi«di quei sospiri ond’io nudriva il core» (RVF I 2) Dieresi«Sì travïato è ’l folle mi’ desio» (RVF VI 1)

  29. Figure metriche (2) • «e come albero in nave si levò» (Dante, Inf., XXXI 145) → sinalefe • «che fece me a me uscir di mente» (Dante, Purg., VIII 14) → dialefe • «Io venia pien d’angoscia a rimirarti» (Leopardi, Alla luna, v. 3) → sineresi • «O grazïosa luna, io mi rammento» (Leopardi, Alla luna, v. 1) → dieresi

  30. Testo “Spesso il male di vivere ho incontrato: era il rivostrozzato che gorgoglia”. Parafrasi di I grado Dal verso (due endecasillabi a maiore) alla prosa Disposizione delle parole Ho incontrato spesso il male di vivere: era come un corso d’acqua che, bloccato da un ostacolo, ribolle. Parafrasi di II grado Risoluzione e scioglimento delle figure retoriche Io ho sperimentato spesso il male di vivere, e ne ho trovato l’equivalente metaforico, per esempio, in un corso d’acqua che, impedito nel suo scorrere naturale, ribolle.

  31. Spes|so^il |ma|le| di |vi|ve|re ^ho^ in|con|tra|to: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 e|ra ^il |ri|vo |stroz|za|to| che| gor|go|glia. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 Cfr. Dante, Inf. VII 125, “quest’inno si gorgoglian nella strozza”

  32. La rima (1) La rima può essere piana (amore : dolore), tronca (sentì : compì) o sdrucciola (cantano : piantano). Si parla di assonanza se coincidono solo le vocali, mentre sono diverse le consonanti (campane : celare), e di consonanza nel caso di uguaglianza delle consonanti (ardo : morde).

  33. La rima (2) baciate (AA, es. valore : signore) alternate (ABAB, es. bella : oro : stella : lavoro) incrociate (ABBA, es. colore : morta : porta : valore) invertite (ABC.CBA, es. piagenza : vertute : mostra : nostra : salute : conoscenza, in Cavalcanti) replicate (ABC.ABC, es. tutto : sovente : vergogno : frutto : chiaramente : sogno, in Petrarca)

  34. La rima (3) Facili campare : andare : parlare in Inf. II 68-72 Difficili Inf., XXIX 74-78, con la serie tegghia-stregghia-vegghia Ricche regi :dispregi, in Inf. VIII e Par. XIX Derivative parte : sparte, degna : indegna, in Inf. III Equivoche porta : porta, in Inf. XXIV 37-39

  35. F. Petrarca, R.v.f. XVIII Quand’io son tuttovòlto in quella parte ove ’l bel viso di madonnaluce, et m’é rimasanelpensier la luce che m’arde et struggedentro a parte a parte, 4 i’ chetemodel cor che mi si parte, et veggio presso il fin de la mialuce, vommene in guisa d’orbo, senzaluce, che non sa ove si vada et pur si parte. 8 Cosìdavanti ai colpi de la morte fuggo: ma non sìrattoche ’l desio meco non venga come venir sòle. Tacito vo’, ché le parole morte 12 farianpianger la gente; et i’ desio che le lagrime mie si spargan sole.

  36. La rima (4) Frantein Inf. XXVIII 119-123, la serie come-chiome-Oh me; in Inf. XXX 83-87, la serie oncia-sconcia-non ci ha Ripetute o identiche «Qui vince la memoria mia lo ’ngegno; / ché quella croce lampeggiava Cristo, / sì ch’io non so trovare essempro degno; / ma chi prende sua croce e segue Cristo, / ancor mi scuserà di quel ch’io lasso, / vedendo in quell’albor balenar Cristo» (Par. XIV 103-108)

  37. La rima (5) Rima ipermetra tempesta : restano «che ti lessi negli occhi, ch’erano / pieni di pianto, che sono / pieni di terra, la preghiera / di vivere e d’essere buono!» (Pascoli) «Ah l’uomo che se ne va sicuro, / agli altri ed a se stesso amico, / e l’ombra sua non cura che la canicola / stampa sopra uno scalcinato muro!» (Montale)

  38. A che cosa serve la rima • Funzione strutturante o demarcativa in relazione alla forma del testo • Funzione musicale: valorizzazione della componente eufonica del segno • Funzione semantica: attivazione di rapporti produttori di senso

  39. La rima Voi ch’ascoltate in rime sparse il suono ABBA di quei sospiri ond’io nudriva ’l core in sul mio primo giovenileerrore quand’era in parte altr’uom da quel ch’i’ sono: 4 del vario stile in ch’io piango et ragiono, ABBA fra le vane speranze, e ’l vandolore, ove sia chi per prova intenda amore, spero trovar pietà, nonché perdono. 8 Ma ben veggio or sì come al popoltuttoCDE favola fui gran tempo, onde sovente di me medesmo meco mi vergogno; et del mio vaneggiar vergogna è ’l frutto, 12 CDE e ’l pentérsi, e ’l conoscer chiaramente che quanto piace al mondo è breve sogno.

  40. La rima Arso completamente dalla vita io vivo in essa felice e dissolto. La mia pena d’amore non ascolto più di quanto non curi la ferita. (S. Penna)

  41. La rima (6) rima interna / rima al mezzo Leopardi, La ginestra «Con lungo affaticar l’assidua gente avea provvidamente al tempo estivo» (vv. 209-10); «Non ha natura al seme dell’uom più stima o cura» (vv. 231-232)

  42. L’enjambement (1) Molto forte Lessicale «Poi non vi piace ch’eo v’ami, ameraggio- / vi dunque per forza? Non piaccia unque a Deo!» (Guittone) Sintagmatico «Ma, sedendo e mirando, interminati / spazi di là da quella, e sovrumani / silenzi, e profondissima quiete» (Leopardi); «che vanno al nulla eterno; e intanto fugge / questo reo tempo, e van con lui le torme» (Foscolo)

  43. L’enjambement (2) Forte «Ma ben veggio or sì come / al popol tutto favola fui gran tempo, onde sovente» (Petrarca); «Giovin signore, o a te scenda per lungo / di magnanimi lombi ordine il sangue» (Parini) Debole «Amor, ch’a nullo amato amar perdona, / mi prese del costui piacer sì forte» (Dante).

  44. Petrarca, R.f.v. CCCIX, 1-8 L’alto et novo miracolch’a’ dìnostri apparve al mondo, et star seco non volse, che sol ne mostrò ’l ciel, poi sel ritolse per adornarne i suoistellantichiostri, 4 vuolch’i’ depinga a chi nol vide, e ’l mostri, Amor, che ’n prima la mia lingua sciolse, poi mille volte indarno a l’opravolse ingegno, tempo, penne, carte e ’nchiostri. 8

  45. Schemi metrici Sonetto ABAB.ABAB oppure ABBA.ABBA + CDC.DCD, CDE.CDE oppure CDE.EDC Terzina ABA.BCB.CDC.DED… Ottava AB.AB.AB.CC, oppure AB.AB.AB.AB, AB.AB.CC.DD Canzone stanze formate da ‘fronte’ (divisa in due ‘piedi’) e ‘coda’ (o ‘sirma’) Ballata ritornello + stanze Madrigale + Sestina

  46. La stanza di canzone (R.v.f. 126) FRONTE (se indivisibile) 1° piede 1 Chiare, fresche et dolci acque, settenario a 2 ove le belle membra settenario b 3 pose colei che sola a me par donna; endecasillabo C 2° piede 4 gentil ramo ove piacque settenario a 5 (con sospir’ mi rimembra) settenario b 6 a lei di fare al bel fiancho colonna; endecasillabo C SIRMA 7 herbaetfior’ che la gonna settenario c 8 leggiadra ricoverse settenario d 9 co l’angelico seno; settenario e 10 aere sacro, sereno, settenario e 11 ove Amor co’ begli occhi il cor m’aperse: endecasillabo D 12 date udïenza insieme settenario f 13 a le dolenti mie parole estreme. endecasillabo F vv. 6-7, concatenatio vv. 12-13, combinatio

  47. Il congedo di canzone (R.v.f. 126) Se tu avessiornamentiquant’haivoglia, A potrestiarditamente b uscirdelboscho, et gir in fra la gente B

  48. La ballataritornello/ripresa + strofe/stanze grande, con ritornello di quattro versi (endecasillabi, o endecasillabi e settenari); mezzana, con ritornello di tre versi (endecasillabi, o endecasillabi e settenari); minore, con ritornello di due versi (endecasillabi, o endecasillabi e settenari); piccola, con ritornello di un solo endecasillabo; stravagante, con ritornello formato da più di quattro versi

  49. Petrarca, R.v.f. 69 (ballata) Tolta m' è poi di que' biondi capelli, lasso, la dolce vista; e 'l volger de' duo lumi honesti et belli col suo fuggir m' atrista; ma perché ben morendo honor s' acquista, per morte né per doglia non vo' che da tal nodo Amor mi scioglia.

  50. Petrarca, R.v.f. 69 (ballata) Ripresa Perché quel che mi trasse ad amar prima, Y altrui colpa mi toglia, x del mio fermo voler già non mi svoglia. X I Stanza piede Tra le chiome de l' òr nascose il laccio, A al qual mi strinse, Amore; b piede et da' begli occhi mosse il freddo ghiaccio, A che mi passò nel core, b volta con la vertú d' un súbito splendore, B che d' ogni altra sua voglia x sol rimembrando anchor l' anima spoglia. X II Stanza piede Tolta m' è poi di que' biondi capelli, A lasso, la dolce vista; b piede e 'l volger de' duo lumi honesti et belli A col suo fuggir m' atrista; b volta ma perché ben morendo honor s' acquista, B per morte né per doglia x non vo' che da tal nodo Amor mi scioglia. X