slide1 n.
Download
Skip this Video
Loading SlideShow in 5 Seconds..
Luca Benci PowerPoint Presentation
Download Presentation
Luca Benci

Loading in 2 Seconds...

play fullscreen
1 / 60

Luca Benci - PowerPoint PPT Presentation


  • 168 Views
  • Uploaded on

L’evoluzione delle figure di supporto all’assistenza: Operatori sociosanitari e sociosanitari con formazione complementare. Luca Benci. Attività infermieristiche?. Assistere un paziente è un’attività esclusivamente infermieristica?

loader
I am the owner, or an agent authorized to act on behalf of the owner, of the copyrighted work described.
capcha
Download Presentation

PowerPoint Slideshow about 'Luca Benci' - kerem


An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript
slide1

L’evoluzione delle figure di supporto all’assistenza: Operatori sociosanitari e sociosanitari con formazione complementare

Luca Benci

attivit infermieristiche
Attività infermieristiche?
  • Assistere un paziente è un’attività esclusivamente infermieristica?
  • Somministrare un farmaco per via intramuscolare o sottocutanea è un’attività esclusivamente infermieristica?
  • Le badanti sono figure assistenziali?
l operatore socio sanitario
L’operatore socio sanitario
  • Provvedimento 22 febbraio 2001 della Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato e le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano
  • Gazzetta Ufficiale S.O. 19 aprile 2001
le figure sociali di supporto
Le figure sociali di supporto

Adest

AAB

OSA

OAA

Adb

ASA

ADA

le mansioni puramente assistenziali del vecchio ota
Le mansioni puramente assistenziali del “vecchio” OTA
  • In collaborazione o su indicazione dell’infermiere professionale provvede:
  • 1) al rifacimento del letto occupato;
  • 2) all’igiene personale del paziente;
  • 3) al posizionamento e al mantenimento delle posizioni terapeutiche
i nuovi ambiti di operativit
I nuovi ambiti di operatività
  • 1) Assistenza diretta ed aiuto domestico alberghiero
  • 2) Intervento igienico sanitario e di carattere sociale
  • 3) Supporto gestionale, organizzativo e formativo
i nuovi ambiti di operativit assistenza diretta e aiuto domestico alberghiero
I nuovi ambiti di operativitàAssistenza diretta e aiuto domestico alberghiero
  • Assiste la persona non autosufficiente o allettata
  • Realizza attività semplici di supporto diagnostico e terapeutico
  • Realizza attività di animazione e socializzazione di gruppi o singoli
  • Coadiuva il personale sanitario e sociale nell’assistenza al malato anche terminale e morente
  • Cura la pulizia e l’igiene ambientale
i nuovi ambiti di operativit interventi igienico sanitari e di carattere sociale
I nuovi ambiti di operativitàInterventi igienico sanitari e di carattere sociale
  • Osserva e collabora alla rilevazione dei bisogni e delle condizioni di rischio-danno dell’utente
  • Collabora alla programmazione degli interventi assistenziali
  • Collabora alla attuazione dei sistemi di verifica degli interventi
  • Valuta, per quanto di competenza, gli interventi da proporre
i nuovi ambiti di operativit compiti gestionali organizzativi e formativi
I nuovi ambiti di operativitàCompiti gestionali, organizzativi e formativi
  • Utilizza strumenti informativi di uso comune per la registrazione di quanto rilevato durante il servizio
  • Collabora alla verifica della qualità del servizio
  • Concorre, rispetto agli operatori dello stesso profilo, alla realizzazione dei tirocini e alla loro valutazione
  • Collabora alla definizione dei propri bisogni di formazione e frequenta corsi di aggiornamento
i nuovi ambiti di operativit attivit assistenziali varie
I nuovi ambiti di operativitàAttività assistenziali varie
  • Aiuta per la corretta assunzione di farmaci prescritti e per il corretto utilizzo di apparecchi medicali di semplice uso
  • Aiuta nella preparazione delle prestazioni sanitarie
  • Osserva, riconosce e riferisce alcuni dei più comuni sintomi di allarme che l’utente può presentare (pallore, sudorazione, ecc.)
i nuovi ambiti di operativit attivit assistenziali varie1
I nuovi ambiti di operativitàAttività assistenziali varie
  • Attua interventi di primo soccorso
  • Effettua piccole medicazioni o cambio delle stesse (ed effettua iniezioni intramuscolari)
  • Controlla e assiste la somministrazione delle diete
  • Collabora ed educa al movimento
l oss nella regione lombardia delibera regionale vii 5428
L’OSS nella Regione LombardiaDelibera regionale VII/5428
  • L’OSS ……agisce come figura di supporto, in base alle proprie competenze e in applicazione dei piani di lavoro e di protocolli operativi predisposti dal personale sanitario e sociale preposto. Tali piani e protocolli individuano le attività attribuibili all’OSS sulla base dei criteri della bassa discrezionalità richiesta e dell’alta riproducibilità della tecnica utilizzata.
l oss nella regione lombardia delibera regionale vii 54281
L’OSS nella Regione LombardiaDelibera regionale VII/5428
  • …….l’OSS:
  • Opera in quanto può agire in autonomia
  • Coopera in quanto svolge solo parte dell’attività alle quali concorre con altri professionisti
  • Collabora in quanto svolge attività su precisa indicazione dei professionisti
l oss nella regione lombardia delibera regionale vii 542872001
L’OSS nella Regione LombardiaDelibera regionale VII/542872001
  • Collabora nella somministrazione della terapia: farmaci per via enterale (supposte, clisma fleet) e tramite aerosol, farmaci trandermici, gocce oftalmiche e auricolari
slide20
D.L. 12 novembre 2001, n. 402“Disposizioni urgenti in materia di personale sanitario” convertito con la legge 8 gennaio 2002, n. 1

Art. 1, comma 8

…….la formazione complementare in assistenza sanitaria che consente a detto operatore di collaborare con l’infermiere o con l’ostetrica e di svolgere alcune attività assistenziali in base all’organizzazione dell’unità funzionale di appartenenza e conformemente alle direttive del responsabile dell’assistenza infermieristica od ostetrica o sotto la sua supervisione

l oss con formazione complementare in assistenza sanitaria conferenza stato regioni 16 gennaio 2003
L’OSS con formazione complementare in assistenza sanitaria Conferenza Stato Regioni 16 gennaio 2003
  • L’OSS con formazione complementare in assistenza sanitaria coadiuva l’infermiere o l’ostetrica e in base all’organizzazione dell’unità funzionale di appartenenza e conformemente alle direttive del responsabile dell’assistenza infermieristica o ostetrica e sotto la loro supervisione è in grado di eseguire:
l oss con formazione complementare in assistenza sanitaria conferenza stato regioni 16 gennaio 20031
L’OSS con formazione complementare in assistenza sanitaria Conferenza Stato Regioni 16 gennaio 2003
  • La somministrazione, per via naturale, della terapia prescritta, conformemente alle direttive del responsabile dell’assistenza infermieristica od ostetrica o sotto la sua supervisione
  • La terapia intramuscolare e sottocutanea su specifica pianificazione infermieristica o ostetrica o sotto la sua supervisione
  • Esecuzione clisteri
  • Il rilevamento e l’annotazione di alcuni parametri vitali (frequenza cardiaca, frequenza respiratoria e temperatura)
l oss con formazione complementare in assistenza sanitaria conferenza stato regioni 16 gennaio 20032
L’OSS con formazione complementare in assistenza sanitaria Conferenza Stato Regioni 16 gennaio 2003
  • La cura, il lavaggio e la preparazione del materiale per la sterilizzazione
  • L’attuazione e il mantenimento dell’igiene per la persona
  • La pulizia, disinfezione e sterilizzazione delle apparecchiature, delle attrezzature sanitarie e dei dispositivi medici
  • La raccolta e stoccaggio dei rifiuti differenziati
l oss con formazione complementare in assistenza sanitaria conferenza stato regioni 16 gennaio 20033
L’OSS con formazione complementare in assistenza sanitaria Conferenza Stato Regioni 16 gennaio 2003
  • Il trasporto del materiale biologico ai fini diagnostici
  • La somministrazione dei pasti e delle diete
  • Sorveglianza di fleboclisi, conformemente alle direttive del responsabile dell’assistenza infermieristica o ostetrica o sotto la sua supervisione
  • Eseguire pedicure
  • Preparazione della salma
  • Eseguire tricotomie
le misure compensative
Le misure compensative
  • 1000 ore (s.t) Sicilia
  • 400 Calabria
  • 330 ore Toscana, Lazio, Bolzano
  • 300ore Marche
  • 250 Campania
  • 200 ore Friuli V. G., Umbria, Sardegna
  • 180 ore Emilia Romagna
  • 130 ore Liguria, Lombardia, Trento
  • 120 Piemonte
  • 0 ore Veneto
la formazione dell oss specializzato dgr del veneto del 8 11 02 n 3119
La formazione dell’OSS specializzatoDGR del Veneto del 8/11/02 n. 3119
  • Modulo complementare in assistenza sanitaria
  • Area istituzionale legislativa ore 45
  • Area igienico sanitaria e

tecnico sanitaria ore 105

Totale teoria 150

Totale tirocinio 250

la formazione dell oss specializzato dgr del veneto del 8 11 02 n 31191
La formazione dell’OSS specializzatoDGR del Veneto del 8/11/02 n. 3119
  • Elementi di farmacologia

Principi generali di farmacodinamica

Principi generali di farmacocinetica

Reazioni avverse e indesiderate, tossicità da farmaci

Preparazioni farmaceutiche di uso corrente

Classificazione dei farmaci

I farmaci in età pediatrica e senile

la formazione dell oss specializzato dgr del veneto del 8 11 02 n 31192
La formazione dell’OSS specializzatoDGR del Veneto del 8/11/02 n. 3119
  • Procedure terapeutiche: somministrazioni della terapia (23 ore)

1) Generalità sulla somministrazione dei farmaci

  • La prescrizione
  • Le regole da rispettare
  • Strumenti per la registrazione dei dati relativi alla terapia
  • Vie di somministrazione: enterale, parenterale e topica
  • Possibili fonti di errore nell’esecuzione della terapia
  • Calcolo della dose, le concentrazioni, le diluizioni, le misure e le equivalenze di peso
la formazione dell oss specializzato dgr del veneto del 8 11 02 n 31193
La formazione dell’OSS specializzatoDGR del Veneto del 8/11/02 n. 3119

2) Conservazione dei farmaci in reparto

3) Le responsabilità dell’OSS e la tutela dell’assistito nelle diverse situazioni

4) La preparazione e la somministrazione dei farmaci per via enterale

5) La preparazione e la somministrazione dei farmaci per via parenterale

6) La preparazione e la somministrazione dei farmaci per uso topico

7) Sorveglianza di fleboclisi

l oss con f c
L’OSS con f.c.
  • L’OSS che ha frequentato………coadiuva l’infermiere o l’ostetrica e, in base all’organizzazione dell’unità funzionale di appartenenza e conformemente alle direttive del responsabile dell’assistenza infermieristica od ostetrica o sotto la sua supervisione, è in grado di eseguire:
gli operatori socio sanitari
OSS di base

E’ una figura di supporto all’assistenza sanitaria e sociale

E’ dotato di una certa autonomia nel complesso delle attività da eseguire

OSS con f.c.

E’ una figura di supporto all’assistenza infermieristica e ostetrica

Ha una autonomia vincolata alle direttive ricevute e/o svolge le attività sotto la supervisione infermieristica o ostetrica

Gli operatori socio sanitari
tar veneto iii sezione sentenza 693 05
Tar VenetoIII sezione sentenza 693/05
  • L’oggetto del giudizio…deve essere individuato in base “a criteri sostanziali e non formali”
  • Rilevare la pressione arteriosa omerale e il battito cardiaco
  • Responsabilità della sanificazione e sanitizzazione ambientale nonché della sterilizzazione di strumenti e attrezzature

….si può escludere che i singoli compiti appartengano esclusivamente alla figura dell’infermiere professionale

corte di cassazione sez vi sentenza 29 luglio 2006 n 26829
Corte di cassazione sez VI, sentenza 29 luglio 2006, n. 26829
  • Non commette il reato di esercizio abusivo di professione infermieristica un non infermiere che ha somministrato il farmaco Gardenale visto che tale medicinale non necessita di particolare abilità infermieristica potendo anche essere autosomministrato.
corte di cassazione sez vi sentenza 29 luglio 2006 n 268291
Corte di cassazione sez VI, sentenza 29 luglio 2006, n. 26829
  • La registrazione dello scarico del medicinale stupefacente “non richiede particolari requisiti di competenza tecnica tipici della professione di infermiere”.
corte di cassazione sez vi sentenza 29 luglio 2006 n 268292
Corte di cassazione sez VI, sentenza 29 luglio 2006, n. 26829
  • L’annotazione a registro è poi un’attività susseguente alla somministrazione del farmaco e ad essa condizionata. Ora, non sembra rispondente a canoni logici pretendere che essa sia effettuata da infermieri, cui tuttavia non è riservato alcun compito esclusivo per la somministrazione del farmaco, compito che – esso solo – potrebbe assicurare l’effettività di un controllo sulle modalità, sui tempi e sulla correttezza della somministrazione.
corte di cassazione vi sezione sentenza 39486 2006
Corte di cassazione, VI sezione, sentenza 39486/2006
  • Risulta dunque incongrua, rispetto al decisum, l’osservazione della ricorrente secondo cui l’operazione di riposizionamento della sacca non rientrava nelle sue mansioni essendo di esclusiva pertinenza di un medico o di un infermiere professionale; e ciò a prescindere dalla considerazione che anche quest’ultima era una operazione di normale routine e di facilissima esecuzione, come dichiarato dal teste dott. ….., direttore medico del predetto ospedale.
corte di cassazione vi sezione sentenza 39486 20061
Corte di cassazione, VI sezione, sentenza 39486/2006
  • La ricorrente obietta che nella specie non vi era stata alcuna prescrizione specifica del medico circa la pulizia del paziente. Ma la disposizione ora citata non implica, né letteralmente né logicamente, che la prescrizione del medico avvenga necessariamente di volta in volta per ogni intervento da effettuarsi sui pazienti, ben potendo essa essere impartita in via generale e sulla base di turni di servizio, come nella specie verificatosi.
attivit dell oss
Attività dell’Oss?
  • Effettuare piccole medicazioni· Eseguire stick glicemico· Eseguire ECG· Misurare la Pressione Arteriosa· Eseguire aerosol terapia
attivit dell oss con f c
Attività dell’Oss con f.c.?
  • · Eseguire medicazioni speciali· Misurare T auricolare· Eseguire saturimetria· Rilevare ed annotare la frequenza cardiaca, la frequenza respiratoria· Sorvegliare le fleboclisi· Monitoraggio della funzionalità intestinale
la delega di funzioni nell esercizio professionale
La delega di funzioni nell’esercizio professionale
  • Consiste in un documento con cui un soggetto abilitato trasferisce la titolarità di una o più funzioni proprie trasferendo contestualmente anche la titolarità dei poteri decisionali.
  • La delega di funzioni è il modo per rendere certo e conoscibile il trasferimento di funzioni e il documento formato costituisce una prova storico-documentale.
la delega di funzioni nell esercizio professionale1
La delega di funzioni nell’esercizio professionale
  • L’istituto della delega non è un istituto normativo (da intendersi letteralmente, nel senso che non è previsto da alcuna norma giuridica) ma una creazione giurisprudenziale.
requisiti essenziali della delega
Requisiti essenziali della delega
  • 1) deve essere comprovata e non presunta (principio di certezza)
  • 2) i poteri devono essere precisati (Principio di specificità o determinazione)
  • 3) Deve essere portata a conoscenza del delegato e da questi esplicitamente accettata (Principio di consapevolezza)
  • 4) Deve essere conferita per iscritto (Principio di scrittura)
requisiti essenziali della delega1
Requisiti essenziali della delega
  • 5) Acquista efficacia solo se data a persona qualificata, tecnicamente capace, esperta, competente (Principio dell’assenza della culpa in eligendo)
  • 6) è valida solo se correlata alle più ampie facoltà di iniziativa e di organizzazione, in modo che il delegato sia posto in grado di assolverla (Principio di corrispondenza o di effettività)
requisiti essenziali della delega2
Requisiti essenziali della delega
  • 7) Il delegante non deve ingerirsi personalmente – neppure indirettamente – nell’assolvimento dei compiti delegati (Principio di non ingerenza o di astensione)
  • 8) Il delegante non deve essere a conoscenza dell’inefficienza del delegato (Principio di non connivenza o di non acquiescenza)
  • 9) Il delegante deve predisporre un sistema di controllo e di verifica periodica dell’attività del delegato (Principio dell’assenza di culpa in vigilando)
requisiti essenziali della delega3
Requisiti essenziali della delega
  • Non è ammissibile l’ipotesi della “subdelega” o delega a cascata che si verifica allorquando il soggetto delegato deleghi a sua volta altra persona a svolgere le mansioni delegate.

Delegatus non potest delegare

attribuzioni e non delega
Attribuzioni e non delega
  • Alcune attribuzioni un tempo esclusivamente infermieristiche rientrano oggi nelle declaratorie degli operatori di supporto
  • L’infermiere è responsabile dell’assistenza generale infermieristica in toto mentre l’OSS è responsabile della corretta esecuzione delle prestazioni affidategli in relazione alla sua “competenza”
attribuzioni e non delega1
Attribuzioni e non delega
  • Conoscenza della qualificazione tecnico-professionale della persona a cui vengono attribuite le funzioni
  • Mantenimento delle funzioni di controllo all’infermiere
  • Mantenimento della possibilità di ingerirsi nell’operato dell’operatore di supporto
la verifica della preparazione degli operatori di supporto
La verifica della preparazione degli operatori di supporto
  • “Quando l’infermiere si avvale dell’opera del personale di supporto, deve costantemente e preventivamente verificare il livello di competenza di tali figure, discernere attentamente se e quali mansioni assegnare e garantire sistematica e adeguata supervisione su quanto in via di effettuazione, mantenendo comunque la responsabilità sui risultati.”
la somministrazione dei farmaci come esempio della suddivisione del lavoro
La somministrazione dei farmaci come esempio della suddivisione del lavoro
  • Gli errori nella prescrizione-somministrazione:
  • Insufficiente funzionalità renale o epatica (13,9%)
  • Storia del paziente di allergia per la stessa classe di farmaci (12,1%)
  • Scambio di farmaco, posologia, scrittura non chiara (11,4%)
  • Preparazione errata: errore di calcolo (11,1 %)
  • Errori vari (10,8%)

Institute of medicine, To err is human, 2000

la somministrazione infermieristica dei farmaci
La somministrazione infermieristica dei farmaci
  • E’ un’attività unitaria (regola 5-6 g)
  • E’ un’attività da eseguirsi dietro prescrizione medica (per l’infermiere generico e per l’infermiere professionale)
  • Tutta l’attività viene eseguita sotto la responsabilità infermieristica (ogni errore ricade sull’infermiere)
medication use processes
Medication use processes
  • Prescribing
  • Dispensing
  • Administering
  • Monitoring
  • Systems and management control

Nazdam, Deborah, Development of medications-use indicators by the Joint commission on acceditation of healthcare organizations,AJHP, 48:1925-1930, 1931 citato da Institute of medicine, To err is human, 2000

la somministrazione dei farmaci da parte dell oss con f c
La somministrazione dei farmaci da parte dell’Oss con f.c.

Specifica pianifi-

cazione

infermieristica

e/o

supervisione

Prescrizione medica

Somministrazione

somministrazione farmaci oss con f c delibera r t 2003
Somministrazione farmaci OSS con f.c. (delibera R.T. 2003)
  • Attua il piano degli interventi
  • Controlla la prescrizione
  • Identifica e informa la persona assistita e/o i familiari
  • Verifica la scadenza del farmaco
  • Somministra il farmaco rispettando la procedura
  • Osserva eventuali reazioni avverse
  • Registra l’intervenuto intervento sulla apposita modulistica
  • Identifica e informa la persona e la famiglia alla conservazione e all’uso dei farmaci
  • Riordina il materiale e smaltisce i presidi
  • Informa il personale sanitario
sorveglianza di fleboclisi oss con f c delibera r t 2003
Sorveglianza di fleboclisi OSS con f.c. (delibera R.T. 2003)
  • Attua il piano degli interventi predisposto dall’infermiere
  • Controlla la prescrizione
  • Controlla la velocità infusionale secondo prescrizione
  • Posiziona la persona
  • Informa l’infermiere di eventuali interruzioni e/o alterazioni della velocità infusionale
  • Osserva eventuali reazioni avverse
  • Informa l’infermiere al termine dell’infusione
  • Riordina il materiale
tipologie di errori
Tipologie di errori
  • Slip: pianificazione giusta ma esecuzione carente. Azione non in accordo con le intenzioni (errore OSS)
  • Mistake: errore nella pianificazione. L’azione è coerente ma il piano è sbagliato (errore infermiere)
quesito orientale
Quesito orientale
  • Un uomo muore e lascia ai tre figli 17 elefanti.
  • Dispone di lasciarne la metà al primo figlio, un terzo al secondo figlio e un nono al terzo figlio.