Laboratorio LIFE PROJECT - PowerPoint PPT Presentation

laboratorio life project n.
Download
Skip this Video
Loading SlideShow in 5 Seconds..
Laboratorio LIFE PROJECT PowerPoint Presentation
Download Presentation
Laboratorio LIFE PROJECT

play fullscreen
1 / 114
Laboratorio LIFE PROJECT
102 Views
Download Presentation
jesus
Download Presentation

Laboratorio LIFE PROJECT

- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript

  1. LaboratorioLIFE PROJECT Pescara 08.05.13

  2. LIFE PROJECT 1/5 OBBIETTIVI Far comprendere ai partecipanti l’importanza della definizione di un proprio progetto di vita, per avere un chiaro senso della direzione e per tracciare la strada da percorrere;. Riflettere su una possibile Vision e Mission da individuare e definire; Definire Strategie ed obbiettivi coerenti con la propria Vision e Mission Elaborare un piano di Sviluppo indicante azioni tempi, risorse, indicatori di misura coerenti con le strategie ed obbiettivi definiti.

  3. LIFE PROJECT 2/5 MATTINO • PERCHÉ DEFINIRE ED ELABORARE UN PROGETTO DI VITA: LA VISIONE: IL SOGNO, IMPLICAZIONI EMOZIONALI. POSSIBILI MODELLI (30’) • Q & A (20’) • ESERCITAZIONE: DEFINIZIONE INDIVIDUALE DELLA PROPRIA VISIONE (20’) • CONDIVISIONE A COPPIE (20’) • DISCUSSIONE IN PLENARIA (30’) • COFFEE - BREAK (15’)

  4. ILCAMBIAMENTO IN ATTO

  5. INNOVAZIONE MANAGERIALE • FARE L’IMPRENDITORE O IL MANAGER, PER FAR FRONTE ALLE SFIDE DEL XXI SECOLO, RICHIEDE QUINDI COMPETENZE E STRUMENTI RINNOVATI O COMPLETAMENTE NUOVI(CAMBIANDO PARADIGMI E REGOLE) ANCHE E SOPRATTUTTO NELLA GESTIONE DELLE PERSONE • LAVORARE PER TROVARE NUOVE SOLUZIONI CHE CAMBINO LE REGOLE DEL GIOCO TRADIZIONALI PER CREARE PIU’ VALORE ATTRAVERSO LE PERSONE

  6. LECOMPETENZE PER L’IMPRENDITORE/ MANAGER DEL XXI SECOLO • PENSIERO PROSPETTICO E STRATEGICO, CAPACE DI ANTICIPARE RAPIDAMENTE GLI SCENARI, CON FOCUS SULLE VARIABILI CRITICHE, PREDISPONENDO STRUMENTI PER LA RILEVAZIONE DEI SEGNALI DEBOLI E PER SVILUPPARE L’AGILITA’ MENTALE; • SAPER INNOVARE CONTINUAMENTE E VELOCEMENTE, CON L’INTUIZIONE E LA MOLTEPLICITÀ DELLE CATEGORIE DI PENSIERO COGLIENDONE LE INTERCONNESSIONI, PREDISPONENDO SISTEMI E STRUMENTI PER IL CAMBIAMENTO E L’INNOVAZIONE DIFFUSA A 360°: BUSINESS, ORGANIZZAZIONE, PERSONE; • SAPER ESPRIMERE LA LEADERSHIP: ISPIRANDO CON LA PROPRIA VISIONE, ALLINEANDO LE STRATEGIE, L’ORGANIZZAZIONE E LE PERSONE, LIBERANDO LE RISORSE: SISTEMI E STRUMENTI APPLICATIVI ; • SAPER COMUNICARE, CON CAPACITA’ DI ASCOLTO ED EMPATIA, COSTRUENDO LE RELAZIONI CON I CLIENTI ESTERNI E INTERNI E SVILUPPANDO NEGLI ALTRILA FIDUCIA E IL CONSENSO; • SAPER VALORIZZARE LE PERSONE, FACENDOLE DIVENTARE IL REALE FATTORE DECISIVO DELLA COMPETIVITA’ DELL’AZIENDA: MOTIVAZIONE E COINVOGIMENTO PER LA PIENA ESPRESSIONE DEL POTENZIALE UMANO: SISTEMI E STRUMENTI APPLICATIVI.

  7. LA GRANDE OPPORTUNITA’ • IMPEGNARSI PER CRESCERE COME • PERSONE • PROFESSIONISTI PER CREARE VALORE E PORRE LE BASI PER IL PROPRIO FUTURO

  8. IL NOSTRO OBIETTIVO FARE UN’ ESPERIENZA INSIEME CHE VI AIUTI A CRESCERE E AD OTTENERE RISULTATI IL MIO CONTRIBUTO AIUTARVI A PORRE LE BASI PER LA CRESCITA IL VOSTRO TASK APPRENDERE PRINCIPI E TECNICHE DA APPLICARE CON IMPEGNO E FIDUCIA ANCHE SE VI RICHIEDERANNO DICAMBIARE O VI METTERANNO IN DIFFICOLTA’

  9. PERSONALI ESPERIENZE RELAZIONALI OBIETTIVI DEL TRAINING SVILUPPARE LE ABILITA’ FONDAMENTALI PER LA PROPRIA CRESCITA PERSONALE E PROFESSIONALE

  10. SPESSORE 1. ABILITA’ PERSONALI VISIONE PROGETTO DI VITA COERENZA CREDIBILITA’ CORAGGIO FLESSIBILITA’/ADATTABILITA’/PAZIENZA

  11. COMUNICAZIONE 2. ABILITA’ RELAZIONALI ASCOLTO EMPATIA RELAZIONE NEGOZIAZIONE GESTIONE DEI CONFLITTI ASSERTIVITA’ (ARGOMENTAZIONE COSTRUTTIVA)

  12. DI VITA DARE CONTINUITA’ NELL’ ATTUAZIONE (FAR ACCADERE LE COSE)  PRIORITA’  PIANI DI AZIONE  MISURE 3. ESPERIENZE CRESCITA PERSONALE DI LAVORO SVILUPPO PROFESSIONALE • BUSINESS • PEOPLE • ORGANIZZAZIONE

  13. IL LAVORO SULLE ABILITA’ LEGGERE STUDIARE COSA FARE PREPARARSI ESERCITAZIONI ALLENAMENTI COME FARE APPRENDIMENTO DALLE ESPERIENZE

  14. SPESSORE LE ABILITA’ PERSONALI COMINCIANO DALLO CAPACITA’ DI DARE SIGNIFICATO ED UNA MOTIVAZIONE PER NOI VALIDA ALLA NOSTRA PRESENZA SU QUESTO PIANETA

  15. CIO’ PRESUPPONE IL POSSESSO DI UN “PROGETTO DI VITA” UN SOGNO DA REALIZZARE (VISION) UNO SCOPO (MISSION) UN PIANO DI AZIONE CONCETTI E STRUMENTI CHE USIAMO NELLA SFERA PROFESSIONALE E CHE POSSONO ANCHE AIUTARCI NELLA NOSTRA SFERA PERSONALE

  16. SCEGLIERE UN SOGNO DA REALIZZARE (VISION) UNO SCOPO PER I PROSSIMI 10 ANNI (MISSION) DEFINIRE GLI OBIETTIVI FARE UN PIANO DI AZIONE NULLA DETERMINA IL NOSTRO DESTINO PIU’ DELLE DECISIONI CHE PRENDIAMO • STEP BY STEP • PROSPETT. REGRESSIVA

  17. VISION MISSION IDENTITA’ AMBIENTE AMBIENTE VALORI ABILITA’ COMPORTAMENTI PERFORMANCE

  18. CHE COS’ÈLA VISION CHI VOGLIO ESSERE? • LA VISION IDENTIFICA IL SOGNO CHE SI VUOLE REALIZZARE NEL LUNGO TERMINE. SERVE A DARE IL SENSO DELLA DIREZIONE. • COINVOLGE PREVALENTEMENTE IL CUORE E LE EMOZIONI ED ISPIRA IL NOSTRO MODO DI AGIRE. • MEGLIO UNA FRASE BREVE, DI POCHE PAROLE, FACILE DA RICORDARE

  19. DUE ESERCIZI POSSONO AIUTARCI A DEFINIRE IL “PROGETTO DI VITA” LAVORANDO CON LA MENTE CON IL CUORE SCRIVERE LA SCENEGGIATURA DELLA PROPRIA VITA SCRIVERE IL PROPRIO NECROLOGIO CENTENARIO

  20. I PRINCIPIO PER LA CRESCITAPERSONALE REALIZZERAI IL TUO GRANDE SOGNO UN GIORNO PER VOLTA, PERCIO’ STABILISCI DEGLI OBIETTIVI PER LA SINGOLA GIORNATA: PROGETTI NON LUNGHI E DIFFICILI DA REALIZZARE, MA CHE TI PORTINO, PASSO DOPO PASSO, VERSO IL SUCCESSO FINALE. SCRIVILI PURE, SE VUOI, MA FAI IN MODO CHE L’ ELENCO NON SIA TROPPO LUNGO, PER NON DOVER RIMANDARE A DOMANI LE COSE CHE OGGI NON SEI RIUSCITO A PORTARE A TERMINE. RICORDA CHE IN VENTIQUATTR’ ORE NON PUOI COSTRUIRE UNA PIRAMIDE. SII PAZIENTE. NON LASCIARE CHE IL TUO GIORNO SIA COSI’ PIENO DA DOVER TRASCURARE GLI SCOPI PIU’ IMPORTANTI: FARE MEGLIO CHE PUOI, GODERTI QUESTA GIORNATA ED ANDARE A DORMIRE SODDISFATTO DI CIO’ CHE HAI RAGGIUNTO.

  21. II PRINCIPIO PER LA CRESCITAPERSONALE COSTRUISCI QUESTO GIORNO SULLE FONDAMENTA DI PENSIERI POSITIVI. NON AFFLIGGERTI PER LE IMPERFEZIONI CHE TEMI POSSANO OSTACOLARE I TUOI PROGRESSI. RICORDATI, OGNI VOLTA CHE SARA’ NECESSARIO, CHE HAI LA FORZA DI REALIZZARE QUALSIASI SOGNO ELEVANDO I TUOI PENSIERI. POTRAI VOLARE QUANDO DECIDERAI DI ESSERE IN GRADO DI FARLO. NON RIPENSARE PIU’ ALLA SCONFITTA. LASCIA CHE LA VISIONE CHE HAI NEL CUORE ENTRI NEI PROGETTI DELLA TUA VITA. SORRIDI!

  22. PENSIERI, PAROLE, DOMANDE SONO STRUMENTI CHE POSSONO GIOCARE A NOSTRO FAVORE PER CAMBIARE IN MEGLIO LA NOSTRA VITA, FUNGENDO COME UNA VERA E PROPRIA GUIDA

  23. LE DOMANDE CHE CI PONIAMO CONSCIAMENTE ED INCONSCIAMENTE GOVERNANO IL NOSTRO FOCUS MENTALE E CONTRIBUISCONO E CREARE LA NOSTRA REALTA’ ED I NOSTRI STATI D’ANIMO OGNUNO DI NOI HA UNA DOMANDA GUIDA CHE SI PONE COSTANTEMENTE, CON FORTE INTENSITA’ EMOTIVA, CHE FILTRA IL MODO DI PENSARE

  24. ALCUNI ESEMPI DI DOMANDE GUIDA SONO ALL’ ALTEZZA DI COME MI VOGLIONO? SONO PERFETTO IN TUTTO CIO’ CHE FACCIO? COME POSSO ATTIRARE L’ ATTENZIONE? COSA CI GUADAGNO IN QUESTA SITUAZIONE? COME POSSO FARE PER FARMI AMARE, ACCETTARE E NON ESSERE ABBANDONATO? COSA HO FATTO DI MALE PER MERITARMI QUESTO?

  25. I CRITERI PER DETERMINARE LA DOMANDA GUIDA TE LA PONI COSTANTEMENTE IN OGNI CONTESTO SEI PORTATO A CREDERE CHE VIVERE SECONDO QUESTA DOMANDA REALIZZI LO SCOPO DELLA TUA VITA CREDI CHE SE NON VIVESSI SECONDO QUESTA DOMANDA PROVERESTI FORTISSIMO DOLORE ASSOCI AD ESSA UNA FORTE INTENSITA’ EMOTIVA LA TUA IDENTITA’ E’ SPESSO LEGATA A TALE DOMANDA

  26. AD. ES. COME POSSO CRESCERE IN QUESTA SITUAZIONE E MIGLIORARE, ESPRIMENDO ENERGIA ED ENTUSIASMO, AIUTANDO ANCHE GLI ALTRI A FARLO? PRENDITI TUTTO IL TEMPO CHE TI SERVE PER TROVARE LA TUA DOMANDA GUIDA, CON ONESTA’ VERSO TE STESSO. SE RITIENI CHE NON TI AIUTI A REALIZZARE IL TUO SCOPO PUOI SOSTITUIRLA CON UNA CHE, INVECE, LO FA.

  27. QUANDO AVRAI TROVATO LA TUA DOMANDA GUIDA VERIFICA LE SENSAZIONI CHE TI DA’, LEGGENDOLA AD ALTA VOCE USALA COME UN “MANTRA”, FACENDO SI’ CHE DIVENTI PARTE DI TE, RIPETENDOLA PIU’ VOLTE OGNI GIORNO PER 21-30 GIORNI

  28. OLTRE ALLE DOMANDE POSSONO AIUTARCI LE AFFERMAZIONI, VERE E PROPRIE PORTE CHE SI APRONO, COME PUNTI DI INIZIO, SUL SENTIERO DEL CAMBIAMENTO LE AFFERMAZIONI SONO PAROLE SCELTE CHE VI AIUTERANNO A CREARE IL NUOVO NELLA VOSTRA VITA MODIFICANDO CIO’ CHE DESIDERATE CAMBIARE.

  29. I PENSIERI DIVENTANO AZIONI… PRESTATE ATTENZIONE AI VOSTRI PENSIERI PER FOCALIZZARVI SU QUELLI CHE PRODUCONO LE ESPERIENZE DESIDERATE LA RICETTA E’ SEMPLICE: COLTIVATE PENSIERI POSITIVI COSTANTEMENTE E COMINCIATE LA VOSTRA GIORNATA RINGRAZIANDO PER TUTTO CIO’ CHE AVETE, INIZIANDO DALLA SALUTE

  30. ESERCITAZIONE • ESERCITAZIONE: DEFINIZIONE INDIVIDUALE DELLA PROPRIA VISIONE (20’) • CONDIVISIONE A COPPIE (20’) • DISCUSSIONE IN PLENARIA (20’) • BREAK (15’)

  31. LIFE PROJECT 3/5 • LA MISSIONE: LO SCOPO, IMPLICAZIONI RAZIONALI. POSSIBILI MODELLI (30’) • Q & A (20’) • ESERCITAZIONE: DEFINIZIONE INDIVIDUALE DELLA PROPRIA MISSIONE E DEI VALORI’ DI RIFERIMENTO COERENTI CON VISION E MISSION (20’) • CONDIVISIONE A COPPIE (20’) • DISCUSSIONE (30’)

  32. LA MISSION COSA VOGLIO FARE • LA MISSION DEFINISCE LO SCOPO ED IMPEGNA IL PENSIERO E LA MENTE. • LA SUA REALIZZAZIONE PREVEDE UN PIANO DI AZIONE A MEDIO TERMINE (3 – 5 ANNI) CHE DEVE ESSERE DECLINATO IN STRATEGIE E OBIETTIVI INTERMEDI DI PERCORSO CHE AIUTANO A CAPIRNE L’AVANZAMENTO.

  33. CHE COS’ÈL’ IDENTITÀ Qual e’ la nostra caratteristica? L’IDENTITÀ HA A CHE FARE CON IL NOSTRO DNA E CON LE NOSTRE QUALITÀ AUTENTICHE (COSÌ COME LE HA DEFINITE D. OFMAN) È UTILE DECLINARLA IN INDICATORI DI COMPORTAMENTO

  34. CHE COSA SONOI VALORI A cosa ci ispiriamo per realizzare la nostra mission e vivere la nostra identità? I VALORI SONO I PUNTI DI RIFERIMENTO IN CUI CREDIAMO. ESSI ISPIRANO IL COMPORTAMENTO QUOTIDIANO E SONO FUNZIONALI PER REALIZZARE LA MISSION.

  35. GLIINDICATORI DI COMPORTAMENTO Quali sono i "modi di essere, di fare, di lavorare” che permettono una reale attuazione dei valori ed un efficace esplicitarsi delle abilità? Gli indicatori di comportamento indicano, con più precisione, “modi di essere, di fare, di lavorare” che traducono i valori in comportamento pratico nel lavoro di tutti i giorni

  36. VALORI • INNOVAZIONE • ORIENTAMENTO ALL’AUTOMIGLIORAMENTO • ATTEGGIAMENTO MENTALE POSITIVO • SPIRITO DI SQUADRA E SENSO DI APPARTENENZA • LEADERSHIP • INTEGRITÀ

  37. SPIRITO DI SQUADRA E SENSO DI APPARTENENZA Percepire l’azienda come se fosse nostra lavorando in modo integrato, per raggiungere gli obiettivi comuni.

  38. SPIRITO DI SQUADRA E SENSO DI APPARTENENZA SPIRITO DI SQUADRA INDICATORI DI COMPORTAMENTO 1. Riconosciamo i valori aziendali, sappiamo condividerli e lavoriamo “come se l’azienda fosse nostra” 2. Sappiamo cogliere le interrelazioni tra i risultati di business e quelli espressi da ciascuno 3. Siamo orgogliosi di far parte dell’azienda e lavoriamo insieme per svilupparne i successi 4. Ascoltiamo e capiamo gli altri componenti della squadra valorizzando il contributo di ognuno 5. Siamo attenti alle conseguenze del nostro operato per i componenti e per la squadra

  39. IN QUALSIASI ESPERIENZA LAVORATIVA il rendimento non è r = r1 + r2 + r3 + r4… bensì r = r1 x r2 x r3 x r4 ...

  40. LEADERSHIP SALVATAGGIO APOLLO 13 • Guidare le persone verso obiettivi sfidanti, mediante: • una chiara visione del futuro del business • l’autorevolezza dell’esempio e della competenza.

  41. LEADERSHIP INDICATORI DI COMPORTAMENTO 1. Sviluppiamo una visione comune, orientata a migliorare sempre e continuamente, condividendola e diffondendola all’interno dell’organizzazione . 2. Ognuno è leader all’interno della Sua area di Responsabilità. 3. Prendiamo decisioni che comportano l’assunzione di rischi basandoci sulle competenze, l’esperienza e la capacità di innovare e accettiamo la possibilità di errore. 4. Riconosciamo e diffondiamo le esperienze di successo dei nostri collaboratori . 5. Trasmettiamo fiducia e sviluppiamo il senso di responsabilità mettendo le persone in condizione di esprimere il meglio di sé a fronte di obiettivi sfidanti.

  42. Dall’eccellenza individuale al gioco di squadra

  43. CHE COSA SONOLE ABILITÀ Quali capacità occorrono per realizzare la nostra mission? Le conoscenze tecnico-professionali e le abilità personali e “sociali” sono le skills/capacità che consentono di tradurre i valori in comportamenti concreti.

  44. La PERFORMANCE Il risultato La performance (o prestazione) è il risultato dell’impegno complessivo espresso in relazione alla mission. Una buona performance implica sempre una soddisfazione personale e quindi una gratificazione per l’impegno prestato. La performance ha la caratteristica della misurabilità.

  45. Dove siamo oggi: Punto nave

  46. Dove vogliamo andare

  47. Perché Migliorare: “Verso…” “Via da…”

  48. ESERCITAZIONE • ESERCITAZIONE: DEFINIZIONE INDIVIDUALE DELLA PROPRIA MISSIONE E DEI VALORI’ DI RIFERIMENTO COERENTI CON VISION E MISSION (20’) • CONDIVISIONE A COPPIE (20’) • DISCUSSIONE (20’) • BREAK LUNCH (60’)

  49. LIFE PROJECT 4/5 POMERIGGIO • MODELLO DI STRATEGIE E OBBIETTIVI COERENTI CON LA VISION E LA MISSION (30’) • Q & A (20’) • ESERCITAZIONE : DEFINIZIONE INDIVIDUALE DELLA PROPRIA STRATEGIA E DEGLI OBBIETTIVI(30’) • DISCUSSIONE IN PLENARIA (30’) • COFFEE - BREAK (15’)

  50. SISTEMA ORGANIZZATIVO MECCANISMI OPERATIVI VISION/MISSION STRATEGIA/OBIETTIVI STRUTTURE/RUOLI PERSONE PROCESSI/PROCEDURE SISTEMI PREMIANTI TASK FORCE/TEAM INTERF., ECC. MECCANISMI OPERATIVI