Foglio di lavoro: INPUT 1
Download
1 / 22

Scelta dei principi contabili utilizzati per la redazione del bilancio - PowerPoint PPT Presentation


  • 119 Views
  • Uploaded on

Foglio di lavoro: INPUT 1. Scelta dei principi contabili utilizzati per la redazione del bilancio Indicazione del numero di anni a consuntivo disponibili

loader
I am the owner, or an agent authorized to act on behalf of the owner, of the copyrighted work described.
capcha
Download Presentation

PowerPoint Slideshow about 'Scelta dei principi contabili utilizzati per la redazione del bilancio' - jasper


An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript

Foglio di lavoro: INPUT 1

  • Scelta dei principi contabili utilizzati per la redazione del bilancio

  • Indicazione del numero di anni a consuntivo disponibili

  • Per attivare le versioni di bilancio c.c. e IAS è necessario che le Macro del foglio di lavoro siano attivate (vedere barra strumenti Excel voce “Macro).


Foglio di lavoro: BILANCIO (2)

Inserimento dei dati dei bilanci consuntivi a disposizione, dopo aver cliccato su “Cancella” e dopo aver fatto una copia del file “caso guida”. I prospetti variano a seconda dei principi contabili di redazione del bilancio scelti nel primo foglio di lavoro (caso guida ppcc).



Foglio di lavoro: IPOTESI (3)

  • Tasso di crescita del fatturato: valutazione delle prospettive di crescita del fatturato.

  • Acquisti/vendite: per un miglioramento dell’efficienza il rapporto dovrebbe tendere al ribasso

  • Tasso crescita salari e stipendi: analisi del costo del lavoro in relazione al ricavi per valutare il trend di crescita

  • Oneri sociali: mediamente intorno al 33 % del costo del lavoro.

  • Indice ISTAT: incremento del costo della vita (2%-3%)

  • TFR: diversa analisi a seconda dei principi contabili utilizzati per la redazione del bilancio

  • Tasso di crescita degli oneri diversi di gestione e di altri ricavi e proventi: analisi in relazione agli eventi di gestione previsti

  • Tasso di crescita dei costi per servizi: valutazione in relazione agli obiettivi di efficienza prefissati

  • Rendimento medio delle attività finanziarie: Dopo il decremento dovuto alla crisi finanziaria del 2008/2009 previsto un aumento

  • Costo medio del debito finanziario lordo: previsto un aumento

  • Svalutazione dei crediti: valutazione in relazione alla situazione di mercato

  • Dilazione media dei crediti e debiti: l’obiettivo è di mantenere la dilazione dei crediti inferiore a quella dei debiti

  • Giacenza media di magazzino: obiettivo di velocizzare il rinnovo di magazzino

  • Pagamento dei dipendenti: inserire 1 se pagamento a fine mese, 2 se pagamento mese successivo

  • Aliquote IRES e IRAP: inserire percentuale di tassazione IRES 27,5% e IRAP 3,9% per Lombardia

  • Dividendi/utile di esercizio: destinazione dell’utile a riserva o a remunerazione dei soci.

  • Iva: aliquote medie e periodicità della liquidazione


Foglio di lavoro: IPOTESI (3)

Ipotesi di ripartizione dei costi classificati per natura in relazione alle aree di gestione


Foglio di lavoro: INVESTIMENTI (4)

Evidenzia incrementi e decrementi delle immobilizzazioni.

Devono essere ipotizzati eventuali nuovi acquisti o costruzioni interne e il relativo impatto sul calcolo degli ammortamenti.

Il piano degli investimenti/disinvestimenti influirà sul piano economico e sul piano dei flussi finanziari.


Foglio di lavoro: INVESTIMENTI (4)

1° parte: costo storico - 2° parte: ammortamenti e fondo ammortamento



Foglio di lavoro: ECONOMICO (5)

Riassume le dinamiche reddituali dell’azienda.

1. Il conto economico viene riclassificato a valore aggiunto e i dati di previsione vengono calcolati assumendo come base l’ultimo anno e moltiplicandolo per le ipotesi inserite precedentemente.

2. Alcuni valori di non facile standardizzazione necessitano di un inserimento manuale negli spazi bianchi, come ad esempio accantonamenti e svalutazioni, dividendi e risultato della gestione straordinaria.

3. Per il calcolo delle imposte si utilizza il foglio specifico riportato di seguito. Vengono inseriti manualmente solo le variazioni in aumento e in diminuzione previste per il calcolo della base imponibile (es. rivalutazione dell’immobile che comporta maggiore tassazione).

4. Si riportano nelle tabelle i valori percentuali , valori assoluti per natura e per destinazione.

5. In ultima analisi il piano pluriennale consente di calcolare il break even point per ciascuno degli anni previsti (la scelta dell’anno nell’apposita cella riprende in automatico i valori di riferimento di costi e di ricavi per la redazione del grafico).







Foglio di lavoro: CASH FLOW (6)

Riassume il piano dei flussi di cassa dell’azienda.

Anche il questo caso gli elementi non standardizzabili dovranno essere inseriti manualmente. Ad esempio: incasso proventi diversi e altri crediti iniziali, utilizzo fondo TFR, aumento dell’indebitamento finanziario non corrente, ecc.





Foglio di lavoro: PATRIM (7)

Si riporta nello stato patrimoniale i nuovi valori per singolo anno in valore assoluto e in percentuale




Foglio di lavoro: ANALISI E RENDICONTO FINANZIARIO (8 e 9)

Vengono ripresi in automatico i dati di bilancio per il calcolo degli indici e per la predisposizione del rendiconto finanziario

Non viene richiesta la valutazione d’azienda


ad