slide1
Download
Skip this Video
Download Presentation
CERTIFICAZIONE IRIS Processo di Certificazione

Loading in 2 Seconds...

play fullscreen
1 / 23

CERTIFICAZIONE IRIS Processo di Certificazione - PowerPoint PPT Presentation


  • 136 Views
  • Uploaded on

CERTIFICAZIONE IRIS Processo di Certificazione. CIFI Campania. Documenti ed Aspetti aggiuntivi IRIS Positività e peculiarità Formazione e Auditors. Campi di Applicazione della Certificazione IRIS / Livelli di applicazione. CERTIFICAZIONE IRIS Processo di Certificazione.

loader
I am the owner, or an agent authorized to act on behalf of the owner, of the copyrighted work described.
capcha
Download Presentation

PowerPoint Slideshow about 'CERTIFICAZIONE IRIS Processo di Certificazione' - jada-dickson


An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript
slide1
CERTIFICAZIONE IRIS

Processo di Certificazione

CIFI Campania

slide2
Documenti ed Aspetti aggiuntivi IRIS
  • Positività e peculiarità
  • Formazione e Auditors

A.Paolella

slide3
Campi di Applicazione della Certificazione IRIS / Livelli di applicazione

A.Paolella

slide4
CERTIFICAZIONE IRIS

Processo di Certificazione

A.Paolella

slide5
Documenti e Aspetti aggiuntivi IRIS

Documentazione tecnica applicabile per lo schema di certificazione:

      • Standard IRIS in Rev. 1.0, include Segnalamento
      • Addendum Manutenzione dal 19 giugno 2008
      • IRIS TOOL

Lo standard IRIS definisce i requisiti aggiuntivi alla ISO 9001:2000 e la check list di valutazione con metodologia a “SCORING”.

La check list è costituita da 249 domande, delle quali:

      • 12 sono “KO” (senza punteggio),
      • 41 sono “chiuse” (con punteggi 0 - non conforme e 2 - conforme),
      • 196 sono “aperte” con punteggi 0-1-2-3-4 con i livelli di maturità illustrati in seguito.

Inoltre 93 sono riferite a requisiti ISO 9001 e 146 a requisiti addizionali IRIS, 10 miste ISO+IRIS

A.Paolella

slide6
Peculiarità

Due step previsti: Readness review (stage 1) e audit (stage 2).

Readness review da effettuare on site obbligatoriamente nel caso di prima certificazione

A.Paolella

slide7
Documenti e Aspetti aggiuntivi IRIS

Livello adeguato di formalizzazione maggiore rispetto alla ISO 9001:2000

    • 15 procedure previste (ISO 9001: 6)
    • 21 processirichiesti (ISO 9001: 3)

A.Paolella

slide8
2

3

10

11

12

4

8

6

7

5

9

1

  • Knock Out questions

Sistema Gestione Qualità

Validazione Progettazione e Sviluppo

First Article Inspection

Project Management

Validazione Processi

Quality Management (nel progetto)

Processi relativi al Cliente

Change Management

Input Progettazione e Sviluppo

Controllo delle NC dei processi

Progettazione e Sviluppo (Segn.)

Approvazione progettazione (Segn.)

A.Paolella

slide9
Livello di maturità

OPEN QUESTION

CLOSED QUESTION

∑ dei punti / punteggio max  Soglia

A.Paolella

slide10
A conclusione dell’audit possono essere individuate azioni correttive o miglioramenti, sulla base del seguente schema:
    • Azioni correttive, nel caso in cui il livello sia “scarso” o “insufficiente” (punti 0,1)
    • Miglioramenti, nel caso di livello “definito” (punti 2)
    • Possibili miglioramenti, nel caso di livello “qualificato” (punti 3)
    • Nessuna azione definita, in caso di livello “ottimo” (punti 4)

A.Paolella

slide12
Riduzioni ammesse nel caso di esclusioni dei paragrafi seguenti:
  • §7.3 riduzioni del 15% possibile
  • §7.5 riduzioni del 15% possibile
  • Riduzioni ammesse nel caso in cui una remote function è già stata auditata precedentemente

A.Paolella

slide13
Come avviare il processo
  • Iscrizione sito IRIS-UNIFE (www.iris-rail.org)
  • Gap analysis:
    • L’azienda può effettuare un’auto valutazione, al fine di definire la propria preparazione rispetto ai requisiti IRIS
  • Definizione di un piano di attività reale:
    • Implementare le azioni necessarie,definite a seguito dell’analisi effettuata e coinvolgendo tutte le strutture aziendali interessate
  • Pianificare la Certificazione:
    • Decidere l’Organismo di Certificazione, pianificare le attività di readiness review e definire le date di audit (e pre-audit se necessario)

A.Paolella

slide14
Processo
  • Analogo a ISO 9001:2000
    • Audit di prima certificazione
    • Visita di sorveglianza annuale (nei successivi due anni)
    • Visita di rinnovo (dopo tre anni)
    • Il Certificato è valido tre anni
    • Ispettori qualificati da UNIFE in accordo ai requisiti della norma IRIS
    • Le giornate previste sono definite nella norma e includono l’attività di revisione documentale e reporting.
    • Riduzioni ammesse sulla base di certificazioni esistenti (ISO 9001, 9100, ISO TS, IRIS rev 0) e se l’ente di Certificazione è lo stesso.

A.Paolella

slide15
Gli aspetti addizionali dello standard ferroviario su cui si punta l’attenzione riguardano:
    • Gestione documentazione - accesso alla documentazione da parte degli organismi di certificazione, governativi e dal cliente
    • Gestione conoscenza - best practise presenti e aggiornate regolarmente
    • Gestione requisiti del cliente - identificazione e comunicazione dei rischi per ogni aspetto del contratto e progetto
    • Competenze, training - procedura di addestramento, qualifiche del personale, mantenimento e incremento qualifiche
    • Gestione risorse - procedura documentata per garantire la capacità dell’azienda in relazione agli ordini

A.Paolella

slide16
Gestione offerte - approccio multidisciplinare
  • Gestione progetti multi sito - organizzazione, interfacce, canali di comunicazione adeguati, interdipendenze e applicabilità lungo l’intero ciclo di vita del progetto
  • Gestione infrastutture interne - attrezzature interne per rispettare la conformità ai requisiti, processo di manutenzione, metodi preventivi e predittivi, piano di emergenza
  • Capacità di progettazione del prodotto e processo produttivo - competenze, strumenti e tecniche applicabili
  • Gestione dei cambiamenti - processo di controllo delle modifiche, effetti delle modifiche sul progetto, gestione dell’obsolescenza, applicabilità lungo l’intero ciclo di vita del prodotto

A.Paolella

slide17
Project management (7.7) - Gestione tempi e costi (rispetto del budget), Gestione rischi ed opportunità, Gestione comunicazione con il cliente (soluzioni efficaci)
  • RAMS / LCC (7.11) - procedura RAMS e processo LCC
  • Gestione configurazione - applicabilità a prodotti critici, elenchi prodotti, loro identificabilità e rintracciabilità, documenti idonei
  • Procedura di Outsourcing (4.1)
  • Approvazione progettazione, sviluppo progettazione (segnalamento)

A.Paolella

slide18
Gestione catena di fornitura (7.4) - verifica della corretta applicazione di processi speciali approvati dal cliente, crescita del fornitore
  • First article inspection (7.9)
  • Messa in servizio / Assistenza al cliente (7.10) - gestione problemi derivanti dopo la consegna, assistenza durante la MIS e la garanzia
  • Deroghe cliente – chiara identificazione del materiale in deroga
  • Controllo dei processi non conformi (8.3)
  • Obsolescenza (7.12) – disponibilità dei prodotti forniti e dei pezzi di ricambio per l’intero ciclo di vita del prodotto concordato

A.Paolella

slide19
Positività….
    • Gli audit di sistema dei System Integrator vengono evitati
    • Schema certificativo dettagliato e mirato al settore ferroviario
    • La Rev. 1.0 prevede la certificazione di aziende che svolgono esclusivamente attività di “design”, con le adeguate esclusioni
    • L’addendum dal 19 giugno include i requisiti specifici per la manutenzione
    • Gli audit di certificazione , mantenimento e di ricertificazione sono condotti con un approccio compensativo e remunerativo che fornisce punteggi parziali e complessivi idonei alla misura del miglioramento continuo

A.Paolella

slide20
......e peculiarità
    • Lo schema non è applicabile ad organizzazioni multi-sito: la certificazione è possibile valutando ogni sito produttivo singolarmente.
    • Il certificato può solo essere esteso a siti che svolgono attività di supporto alla realizzazione del prodotto (oggetto dello scopo di certificazione), quali ad esempio vendita, distribuzione, purchè inseriti nella pianificazione dell’audit.
    • Esclusioni ammissibili per il solo §7
    • Organizzazione della Visita Ispettiva con un team qualificato (Auditor qualificati da UNIFE)

A.Paolella

slide21
Visita Ispettiva preliminare per valutare la buona disponibilità dell’azienda a sostenere l’audit di certificazione, partendo dalla conformità dei K.O. points
  • La modalità di “SCORING” complessivo è tale da ottimizzare le visite di mantenimento della certificazione. Se il punteggio globale >= 75%, la sorveglianza è organizzata in modo che:
  • i paragrafi principali 4,5,6,7,8 con punteggio singolo da 75% a 80% saranno oggetto di un audit parziale per migliorare I processi e raggiungere 80%
  • i paragrafi principali 4,5,6,7,8 con punteggio singolo > 80% non saranno oggetto di verifica

Se il punteggio singolo è < 75%, la visita sarà condotta in accordo al piano triennale

A.Paolella

slide22
Formazione e Auditors
  • Formazione gestita direttamente da UNIFE a Brusselles
  • Attualmente Qualificati RINA:
    • 30 Ispettori, di cui 4 in Spagna e 1 in Germania
    • Almeno un auditor per ognuno dei 20 settori previsti

A.Paolella

slide23
GRAZIE!

Riferimenti : RINA S.p.A. – Ufficio di Napoli

TEL: +39 081 690 77 20

MOBILE: +39 335 56 93 378

FAX: +39 081 690 77 99

E-mail: [email protected]

A.Paolella

ad