bilancia dei pagamenti e tasso di cambio l.
Download
Skip this Video
Loading SlideShow in 5 Seconds..
Bilancia dei pagamenti e tasso di cambio PowerPoint Presentation
Download Presentation
Bilancia dei pagamenti e tasso di cambio

Loading in 2 Seconds...

play fullscreen
1 / 42

Bilancia dei pagamenti e tasso di cambio - PowerPoint PPT Presentation


  • 371 Views
  • Uploaded on

Bilancia dei pagamenti e tasso di cambio. La definizione e le componenti della bilancia dei pagamenti Il tasso di cambio e la sua determinazione sul mercato delle valute. Un confronto tra regime di cambi fissi e regime di cambi flessibili

loader
I am the owner, or an agent authorized to act on behalf of the owner, of the copyrighted work described.
capcha
Download Presentation

PowerPoint Slideshow about 'Bilancia dei pagamenti e tasso di cambio' - jacob


An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript
bilancia dei pagamenti e tasso di cambio
Bilancia dei pagamentie tasso di cambio
  • La definizione e le componenti della bilancia dei pagamenti
  • Il tasso di cambio e la sua determinazione sul mercato delle valute. Un confronto tra regime di cambi fissi e regime di cambi flessibili
  • Le relazioni tra bilancia dei pagamenti e tasso di cambio
  • Il percorso che ha portato i paesi dell’Unione Europea dal sistema monetario europeo all’unione monetaria
  • Il fenomeno della globalizzazione e il problema del debito dei paesi in via di sviluppo
la bilancia dei pagamenti
La bilancia dei pagamenti

Registra i flussi di moneta tra i residenti di un paese e il resto del mondo

  • le entrate di moneta vengono considerate crediti e vengono inserite con segno positivo
  • le uscite di moneta vengono considerate debiti e vengono contabilizzate con segno negativo
la bilancia dei pagamenti3
La bilancia dei pagamenti

La bilancia dei pagamenti si suddivide in tre parti fondamentali

  • Conto delle partite correnti
  • Conto dei movimenti di capitale
  • Conto dei movimenti finanziari
slide4

Partite visibili

Partite invisibili

Saldo partite correnti

Salari, interessi

Saldo partite conto capitale

compravendita beni capitali

compravenditabrevetti

Saldo partite conto finanziario

compravenditaattività

finanziarie

conto delle partite correnti
Conto delle partite correnti

Registra i pagamenti per le importazioni e le esportazioni di beni e servizi, e i redditi e i trasferimenti netti di moneta in entrata e in uscita da un paese

slide6

Partite visibili

Partite invisibili

Saldo partite correnti

Salari, interessi

Saldo partite conto capitale

compravendita beni capitali

compravenditabrevetti

Saldo partite conto finanziario

compravenditaattività

finanziarie

conto delle partite correnti7
Si suddivide in

Conto delle partite visibili

Registra le importazioni e le esportazioni di beni fisici

Conto delle partite invisibili

Registra le importazioni e le esportazioni di servizi

Flussi di reddito netti

Registra salari, interessi, profitti in entrata e uscita da un paese

Trasferimenti unilaterali netti

Rappresentano «doni» internazionali

Conto delle partite correnti

SALDO DELLA BILANCIA COMMERCIALE

SALDO DELLE PARTITE CORRENTI

conto dei movimenti di capitale
Conto dei movimenti di capitale

Registra i flussi di moneta collegati all’acquisto o alla vendita di beni capitali e di attività intangibili. Include anche i trasferimenti unilaterali in conto capitale

slide9

Partite visibili

Partite invisibili

Saldo partite correnti

Salari, interessi

Saldo partite conto capitale

compravendita beni capitali

compravenditabrevetti

Saldo partite conto finanziario

compravenditaattività

finanziarie

conto dei movimenti finanziari
Conto dei movimenti finanziari

Registra i flussi di capitale investito o depositato presso banche o altre istituzioni finanziarie in entrata e in uscita dal paese

È composto da tre sezioni

  • Investimenti (prevalentemente di lungo periodo)

– diretti

– di portafoglio

  • Altri flussi finanziari

rappresentano movimenti monetari di breve periodo

  • Variazione delle riserve monetarie
slide11

Partite visibili

Partite invisibili

Saldo partite correnti

Salari, interessi

Saldo partite conto capitale

compravendita beni capitali

compravenditabrevetti

Saldo partite conto finanziario

compravenditaattività

finanziarie

la voce errori e omissioni
La voce «errori e omissioni»

È possibile che vi siano errori nella raccolta e nella compilazione dei conti, che non consentono di ottenere un pareggio del saldo. Viene introdotta un’apposita voce (errori e omissioni) per correggere tali errori

slide13

Partite visibili

Partite invisibili

Saldo partite correnti

Salari, interessi

Saldo partite conto capitale

compravendita beni capitali

compravenditabrevetti

Saldo partite conto finanziario

compravenditaattività

finanziarie

il tasso di cambio
Il tasso di cambio

Rappresenta il rapporto con cui due monete vengono scambiate sul mercato delle valute

il tasso di cambio multilaterale
Il tasso di cambio multilaterale

Il tasso di cambio multilaterale di una valuta è dato da una media ponderata dei tassi di cambio rispetto a tutte le altre valute

Il peso dato alla valuta di ciascun paese dipende dalla quota di scambio che si intrattiene con quel paese

la determinazione del tasso di cambio sul mercato
La determinazione del tasso di cambio sul mercato

In un regime di cambi flessibili

  • La domanda di una valuta è decrescente rispetto al tasso di cambio: tasso cambio↓domanda ↑

quanto minore è il tasso di cambio tanto più i beni prodotti nel paese saranno a buon mercato per i residenti dell’altro paese  tanta più valuta di quel paese questi ultimi saranno disposti a domandare

  • L’offerta di una valuta è crescente rispetto al tasso di cambio: tasso cambio ↑offerta ↑

quanto minore è il tasso di cambio tanto meno i beni prodotti nell’altro paese saranno a buon mercato  tanta meno valuta del nostro paese verrà offerta in cambio di quella dell’altro paese

l equilibrio sul mercato dei cambi
L’equilibrio sul mercato dei cambi

Il tasso di cambio di equilibrio è determinato dall’interazione tra domanda e offerta di valuta

SUE

E*

Tasso di cambio dollaro/euro

DUSA

Euro

l aggiustamento all equilibrio
L’aggiustamento all’equilibrio

Se E1>E*, si ha un eccesso di offerta di valuta

ECCESSO DI OFFERTA

SUE

E1

Tasso di cambio dollaro/euro

Il tasso di cambio deve diminuire per incentivare la domanda e causare una diminuzione dell’offerta

E*

DUSA

Euro

In pratica l’aggiustamento all’equilibrio in questi mercati è quasi istantaneo e i tassi di cambio variano continuamente in modo da uguagliare domanda e offerta di valuta

spostamenti delle curve di domanda e di offerta
Spostamenti delle curve di domanda e di offerta

Spostamenti delle curve di domanda e di offerta di valuta possono provocare una diminuzione (deprezzamento) o un aumento (apprezzamento) del tasso di cambio

cause di un deprezzamento del tasso di cambio
Cause di un deprezzamento del tasso di cambio
  • Una diminuzione del tasso di interesse nazionale: l’offerta € ↑ (esportazione valuta), minori depositi stranieri=domanda € ↓
  • Un tasso di inflazione nazionale maggiore di quello dei paesi stranieri
  • Un aumento del reddito nazionale rispetto a quelli dei paesi stranieri
  • Migliori prospettive di investimento all’estero
  • Speculazione sulla diminuzione del tasso di cambio

Nei casi opposti si ha un apprezzamento

tassi di cambio e bilancia dei pagamenti
Tassi di cambio e bilancia dei pagamenti

Distinguiamo tre casi

  • Regime di cambi flessibili
  • Intervento pubblico per ridurre le fluttuazioni di breve periodo del cambio
  • Mantenimento di un tasso di cambio fisso nel lungo periodo
bilancia dei pagamenti in regime di cambi flessibili
Bilancia dei pagamenti in regime di cambi flessibili

Se vige un regime di cambi flessibili, la bilancia dei pagamenti raggiungerà automaticamente il pareggio

intervento pubblico per ridurre le fluttuazioni di breve periodo
Intervento pubblico per ridurre le fluttuazioni di breve periodo

Il governo può agire in vari modi

  • Uso delle riserve di valuta presso la banca centrale
  • Prestiti esteri
  • Aumento dei tassi di interesse
mantenimento del tasso di cambio fisso nel lungo periodo
Mantenimento del tasso di cambio fisso nel lungo periodo

Gli strumenti con cui può essere raggiunto tale obiettivo (in caso di pressioni al ribasso sul tasso di cambio) sono

  • politiche monetarie o fiscali per ridurre la domanda
  • politiche dal lato dell’offerta
  • controlli sulle importazioni e/o accordi sui cambi
regime di cambi fissi
VANTAGGI

Certezza

Speculazione ridotta ai minimi termini

Inattuabilità di politiche macroeconomiche «irresponsabili»

SVANTAGGI

La politica economica è assoggettata alla necessità di mantenere il tasso di cambio in pareggio (anche se ciò è in contrasto con gli interessi degli imprenditori nazionali)

Politiche restrittive che conducono a una recessione mondiale

Problemi di liquidità internazionale

Incapacità di aggiustamento in seguito a eventuali shock

Elevata speculazione nel caso in cui gli operatori siano convinti che non sia possibile mantenere la parità

Regime di cambi fissi
regime di cambi flessibili
VANTAGGI

Correzione automatica

Assenza di problemi di liquidità internazionale e di gestione delle riserve

Indipendenza dagli eventi legati alle altre economie

I governi sono liberi di scegliere le proprie politiche economiche

SVANTAGGI

Tassi di cambio instabili

Speculazione

Incertezza sul commercio e sugli investimenti

Mancanza di disciplina da parte delle economie nazionali

Regime di cambi flessibili
l erm exchange rate mechanism sistema monetario europeo cronologia
L’ERM (Exchange Rate Mechanism):sistema monetario europeoCronologia
  • Marzo 1979. Istituzione dell’ERM, i cui partecipanti sono: Belgio, Danimarca, Francia, Germania Occidentale, Irlanda, Italia, Lussemburgo, Olanda
  • 1989. Aderisce la Spagna
  • 1990. Aderisce il Regno Unito
  • Aprile 1992. Aderisce il Portogallo
  • Settembre 1992. Regno Unito e Italia abbandonano l’ERM
l erm cronologia
L’ERMCronologia
  • 1995. Aderisce l’Austria
  • 1996. Aderisce la Finlandia e rientra l’Italia
  • 1998. Aderisce la Grecia
  • 1999. L’ERM è sostituito dalla moneta unica. Solo Regno Unito e Svezia sono rimaste fuori dall’ERM. La Danimarca, invece, non aderendo alla moneta unica, diviene membro del cosiddetto ERM-II
caratteristiche dell erm
Caratteristiche dell’ERM
  • Era fissata una parità tra una valuta e tutte le altre valute dei paesi partecipanti all’ERM
  • Erano ammesse fluttuazioni intorno alla parità entro una banda data (2,25%)
  • Le parità potevano essere aggiustate anche se solo in seguito a un accordo specifico
  • Quando il cambio di una valuta raggiungeva il limite superiore o inferiore scattava l’obbligo per i due paesi di intervenire sul mercato dei cambi al fine di mantenere il cambio all’interno della banda di oscillazione
la storia dell erm
La storia dell’ERM
  • 1979-82. L’assenza di convergenza tra le economie nazionali dei paesi partecipanti ha determinato la necessità di riallineamenti frequenti
  • 1983-92. Maggiore convergenza tra le politiche nazionali degli stati  totale assenza di riallineamenti
  • 1992-93. Dopo notevoli turbolenze e svalutazioni di alcune valute la lira e la sterlina escono dall’ERM. Dopo ulteriori turbolenze e svalutazioni la banda di oscillazione è stata allargata al 15%
  • 1993-99. Dopo la tempesta del 1993 le valute dell’ERM si sono dimostrate in grado di limitare le fluttuazioni entro una banda più stretta (di fatto ±2,5%)
il trattato di maastricht e il completamento dell uem
Il Trattato di Maastricht e il completamento dell’UEM

Il Trattato di Maastricht, firmato nel 1992 dai paesi dell’Unione Europea prevedeva il percorso per il completamento dell’unione monetaria

  • Fase 1. Un comitato monetario ha monitorato la politica monetaria degli stati membri e ha svolto funzioni di consulenza sulla convergenza delle politiche monetarie per il Consiglio dei ministri
  • Fase 2. Istituzione dell’IME (Istituto monetario europeo), che ha coordinato le politiche monetarie, monitorato l’andamento dell’ERM e preparato il terreno per la creazione della BCE
  • Fase 3. Avvio dell’unione monetaria e istituzione della BCE e del SEBC
i criteri di convergenza
I criteri di convergenza

Per il passaggio dalla fase 2 alla fase 3 era necessario che i paesi membri dell’UEM soddisfacessero i seguenti requisiti

  • Inflazione: non poteva superare di più dell’1,5% la media dei tassi di inflazione dei tre paesi dell’UE con inflazione più bassa
  • Tasso di interesse: il tasso sui titoli di stato di lungo periodo non poteva essere di più del 2% superiore alla media dei tre tassi minori dell’UE
  • Disavanzo pubblico: non poteva superare il 3% del PIL
  • Debito pubblico: non poteva essere più del 60% del PIL
  • Tasso di cambio: doveva essere rimasto all’interno delle bande di oscillazione dell’ERM per almeno due anni
la nascita dell euro
La nascita dell’euro
  • Marzo 1998. La Commissione europea ha stabilito che 11 dei 15 stati membri dell’UE avevano i requisiti per accedere all’UEM (sono rimasti fuori Regno Unito e Danimarca, mentre Svezia e Grecia non avevano rispettato almeno uno dei criteri di convergenza)
  • 1o gennaio 1999. Introduzione dell’euro
  • 1o gennaio 2001. Adesione all’unione monetaria della Grecia
  • 1o gennaio 2002. Circolazione dell’euro
vantaggi dell unione monetaria
Vantaggi dell’unione monetaria
  • Eliminazione dei costi di conversione delle valute
  • Aumento della trasparenza sui prezzi
  • Eliminazione dell’incertezza sul tasso di cambio
  • Aumento degli investimenti
  • Minori tassi di inflazione e di interesse
obiezioni all unione monetaria
Obiezioni all’unione monetaria
  • Perdita di sovranità degli stati membri
  • I paesi dell’UE non formano un’area valutaria ottimale
la globalizzazione
La globalizzazione

Sono due i canali attraverso i quali tale processo influenza le economie

  • Gli scambi internazionali
  • I mercati finanziari
l esigenza di coordinamento
L’esigenza di coordinamento

A livello internazionale si presenta sempre più l’esigenza di una risposta coordinata a eventuali shock che colpiscono le economie

il debito dei paesi in via di sviluppo
Il debito dei paesi in via di sviluppo

Esistono due modi per affrontare il problema del debito dei paesi in via di sviluppo

  • Rinegoziazione dei prestiti

– rinegoziazione dei prestiti ufficiali

– rinegoziazione dei prestiti delle banche

  • Combattere il problema alla radice

– riforme strutturali nei paesi debitori

– cancellazione del debito