malattie autoimmuni n.
Download
Skip this Video
Loading SlideShow in 5 Seconds..
Malattie autoimmuni PowerPoint Presentation
Download Presentation
Malattie autoimmuni

Loading in 2 Seconds...

play fullscreen
1 / 46

Malattie autoimmuni - PowerPoint PPT Presentation


  • 323 Views
  • Uploaded on

Malattie autoimmuni. Le malattie autoimmuni sono forme morbose legate ad una disregolazione dei meccanismi di controllo della tolleranza nei confronti del self.

loader
I am the owner, or an agent authorized to act on behalf of the owner, of the copyrighted work described.
capcha
Download Presentation

PowerPoint Slideshow about 'Malattie autoimmuni' - inez


An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript
slide2

Le malattie autoimmuni sono forme morbose legate ad una disregolazione dei meccanismi di controllo della tolleranza nei confronti del self.

Le risposte autoimmuni sono del tutto simili alle risposte ai patogeni ma in questo caso l’antigene che le attiva è un antigene self o autoantigene

Quando sono attivate reazioni verso il self e non sono correttamente regolate possono causare una varietà di sindromi croniche chiamate malattie autoimmuni

L’autoimmunità era stata chiamata da Paul Ehrlich

horror autotoxicus

slide3

L’incidenza delle malattie autoimmuni nelle popolazioni occidentali è del 5-7%

Reazioni autoimmuni si possono verificare durante le normali risposte del sistema immunitario alle infezioni, tuttavia l’autoimmunità diventa malattia autoimmune quando porta a danni tissutali per l’organismo che ospita il processo.

slide4

L’autoimmunità è una normale conseguenza del riconoscimento MHC-ristretto del sistema immunitario

Una bassa rappresentanza di linfociti autoreattivi e di autoanticorpi è presente nell’organismo e può svolgere importanti funzioni fisiologiche

Ad esempio il FATTORE REUMATOIDE (RF) riconosce immunoglobuline di classe G (IgG) aiuta la rimozione dal circolo di immunocomplessi potenzialmente pericolosi

Gli anticorpi anti-idiotipo sono utili per la regolazione di risposte immunitarie eccessive

slide5

Le malattie autoimmuni sono tradizionalmente suddivise in base ai bersagli dell’attacco del sistema immunitario. Se sono coinvolti antigeni espressi a livello di un particolare organo o ghiandola si parla di autoimmunità organo-specifica, come nel caso del Diabete Mellito, della Miastenia Grave, della Cheratite Erpetica Stromale. Se al contrario l’autoimmunità, non è limitata ad un singolo organo si parla di autoimmunità sistemica, come nel caso, del Lupus Eritematoso Sistemico e della Artrite Reumatoide.

slide7

Molte malattie autoimmuni mostrano una certa frequenza tra i membri della stessa famiglia, questo suggerisce che la suscettibilità a tali malattie possa avere una base genetica

Come i diversi geni contribuiscano allo sviluppo delle malattie autoimmuni non è noto.

In genere sono coinvolti molteplici loci genici diversi

In genere i diversi geni coinvolti hanno una penetranza bassa (non è infrequente trovare individui malati che non hanno le mutazioni o i polimorfismi genici associati con la malattia) quindi nessun gene può essere utilizzato come marker predittivo

slide8

L’associazione di un dato allele con la malattia autoimmune si esprime in termini di RISCHIO RELATIVO

IL rischio relativo misura l’incremento di frequenza di presentazione di una malattia negli individui con un determinato allele rispetto a quelli senza l’allele stesso

In generale un rischio relativo maggiore di 1 indica l’associazione tra l’allele e la malattia.Più alto è il rischio relativo maggiore è l’associazione

slide9

Spondilite anchilosante:

Patologia infiammatoria che colpisce il sistema articolare della colonna vertebrale

slide10

La patologia autoimmune può essere caratterizzata da: 1) produzione di anticorpi che reagiscono contro i tessuti dell’ospite; 2) produzione di cellule T effettrici che hanno reattività contro antigeni “self” dell’ospite.

slide12

PATOGENESI DELLE MALATTIE AUTOIMMUNI

Sia cellule che anticorpi possono mediare il danno tissutale

I linfociti T possono funzionare da effettori direttamente responsabili del danno tissutale o come helper per la produzione di anticorpi

Gli anticorpi possono attaccare i tessuti e gli organi bersaglio direttamente e attivare il complemento

oppure possono formare immunocomplessi che precipitano nei piccoli vasi

Nelle malattie sistemiche o non-tessuto specifiche è operante il meccanismo patologico anticorpo-mediato basato sulla formazione di complessi immuni

Nelle malattie organo specifiche si osservano meccanismi patogenetici anticorpo- o cellulo-mediati diretti verso specifici antigeni espressi in specifici organi

Il processo patologico comporta non solo una fase di riconoscimento specifico ma anche l’attivazione di funzioni effettrici verso il tessuto bersaglio esattamente come verso temibili patogeni estranei all’organismo

slide13

In autoimmune diseases attributed to autoantibodies:

Disease processes and tissue damage are due to Type II and Type III hypersensitivity reactions.

In autoimmune diseases that have an autoreactive T cell component:

Disease process and tissue damage due to Type IV hypersensitivity reactions.

slide15

Autoimmune Diseases due to

Type II Hypersensitivity

slide17

Autoimmune Diseases due to

Type III Hypersensitivity

slide19

Autoimmune Diseases due to

Type IV Hypersensitivity

slide20

LUPUS ERITEMATOSO SISTEMICO

La causa della malattia non è nota, più del 95% dei pazienti hanno alti titoli di Ig dirette contro componenti nucleari (anticorpi anti-nucleo, ANA)

La deposizione dei complessi immuni a livello delle giunzioni dermo-epidermiche provoca infiammazioni cutanee causate dall’attivazione del complemento

Ipersensibilità di tipo III a livello di vari organi:

reni, cuore, giunzioni articolari

Eruzioni fotosensibili

slide22

Artrite Reumatoide

Malattia infiammatoria cronica con manifestazioni sistemiche ma che riguarda principalmente la sinovia articolare

Ipersensibilità di tipo III

Reattività dei linfociti CD4

Presenza di autoanticorpi denominati RF, anticorpi specifici per la porzione costante delle IgG

slide24

SCLEROSI MULTIPLA

Placche nel tessuto nervoso e nel midollo spinale, perdita di mielina. Il danno assonale interferisce con la trasmissione degli impulsi nervosi: perdita delle funzioni motrici, sensoriali, urinarie e gastrointestinali

Attacco T-mediato del tessuto nervoso

slide29

Miastenia Grave

Una delle poche malattie autoimmunidi cui è noto l’autoantigene. E’ data dalla presenza di anticorpi che riconoscono il recettore per l’acetilcolina a livello della giunzione neuromuscolare. Bloccano il legame Ach-AchR e impediscono la trasmissione del segnale nervoso.

Debolezza del movimento delle palpebre e nell’espressività facciale

Debolezza degli arti e della muscolatura

Il 60% dei casi mostra iperplasia del timo e il 10% timomi

Etiologia ignota

Forte associazione con HLA-D3, HLA-DQ2, HLA-B8

slide30

Diabete Mellito Insulino-Dipendente

Infiltrazione linfocitaria delle isole di Langerhans:insulite

Molti gli autoantigeni

Forte correlazione con alcuni HLA

Causa ignota

slide32

Tiroidite di Hashimoto

Patologia infiammatoria caratterizzata dalla presenza del gozzo con o senza una diminuita produzione di ormoni tiroidei

L’infiammazione è provocata da cellule Th1 con progressiva distruzione delle cellule follicolari tiroidee

Un decremento della produzione degli ormoni tiroidei porta ad un aumento della produzione dell’ormone stimolante la tiroide (TSH) che stimola la proliferazione cellulare tiroidea (gozzo)

Citochine, linfociti T citotossici e FAS-FASL sono tra le cause (non note)della distruzione della ghiandola

slide33

Malattia di Graves

Si instaura un ipertiroidismo e un gozzo dovuto a autoanticorpi stimolatori che si legano al TSHR

Sono Ab IgG che legandosi ai recettori stimolano la crescita delle cellule folicolari tiroidee e incrementano la produzione di ormoni

slide34

The bystander activation model (C) describes the nonspecific activation of self-reactive Th1 cells. Activation of virus-specific Th1 cells (1, 2) and the up-regulation of immune functions throughout the tissue (3, 4) results in the increased infiltration of T cells to the site of infection and the activation of self-reactive Th1 cells by T-cell receptor (TCR)-dependent and TCR-independent mechanisms (5). Self-reactive T cells activated in this manner can then mediate self-tissue damage and further perpetuate the autoimmune response (6).

The cryptic antigen model describes the initiation of the autoimmune response by differential processing of self-peptides. After viral infection (1) interferons to (IFNs) are secreted both by activated virus-specific TH1 cells (2, 3) and virus-infected cells (4). This up-regulates the immune functions of APCs (5) and can lead to APC engulfing self-peptides (6) (triangle). Cytokine activation of APC can induce increased protease production and different processing of captured self-epitopes (triangle) resulting in "cryptic" epitopes (star). The presentation of these "cryptic" epitopes can activate self-reactive Th1 cells (7) and lead to self-tissue destruction (8, 9). Of course, the above-displayed mechanisms are not mutually exclusive and the dotted arrows indicate some of the mechanistic intersection points that are possible.

Molecular mimicry (A) describes the activation of cross-reactive TH1 cells that recognize both the viral epitope and the self-epitope (1). Activation of the cross-reactive T cells results in the release of cytokines and chemokines (2) that recruit and activate resident and peripheral monocyte/macrophage cells that can mediate self-tissue damage (3). The subsequent release of self-tissue antigens and their uptake by antigen-presenting cells (APCs) perpetuates the autoimmune disease (4).

In the epitope spread model (B), persistent viral infection (1) results in the activation of virus-specific Th1 cells (2, 3), which mediate self-tissue damage (4) resulting in the release of self-peptides (5), which are engulfed by APCs and presented to self-reactive T-helper cells (sTH1) (6). Continual damage and release of self-peptides results in the spread of the self-reactive immune response to multiple self-epitopes (6).

Proposed Mechanisms of

Autoimmunity

slide40

Igh e/d: altamente suscettibili

Igh a: mediamente suscettibili

Igh b: resistenti