Piano di Sviluppo Locale 2007/2013 - PowerPoint PPT Presentation

ilportale
bozza piano di sviluppo locale 2007 2013 assi 3 4 psr puglia l.
Skip this Video
Loading SlideShow in 5 Seconds..
Piano di Sviluppo Locale 2007/2013 PowerPoint Presentation
Download Presentation
Piano di Sviluppo Locale 2007/2013

play fullscreen
1 / 22
Download Presentation
Piano di Sviluppo Locale 2007/2013
770 Views
Download Presentation

Piano di Sviluppo Locale 2007/2013

- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript

  1. Bozza Piano di Sviluppo Locale 2007/2013Assi 3/ 4 PSR Puglia Animazione Territoriale Turi 27/01/10

  2. Asse 3 • Migliorare la qualità della vita nelle zone rurali. • Promuovere la diversificazione dell’economia rurale mediante • L’incremento dei tassi di attività e di occupazione(agriturismo, masserie didattiche,masserie sociali, turismo rurale) • L’incoraggiamento all’ingresso delle donne nel mondo del lavoro ( strutture di assistenza all’infanzia e agli anziani, servizi locali)

  3. La diversificazione e la creazione di imprese anche non agricole • La promozione e la ristrutturazione del patrimonio culturale • La realizzazione di attività ricreative, di servizi ambientali • La promozione di pratiche rurali tradizionali e di prodotti di qualità

  4. Costruire la capacità locale di occupazione e diversificazione attraverso LEADER • Rafforzato la capacità dei partenariati locali, l’animazione e l’acquisizione di competenze • Promuovendo e consolidando il partenariato pubblico-privato • Promuovendo la cooperazione interterritoriale e transnazionale • Migliorando la governance locale

  5. Asse 3 Qualità della vita nelle zone rurali e diversificazione del’economia(servizi alla popolazione rurale)

  6. Misura 311 diversificazione in attività non agricoleTipologie di investimento • Investimenti per agriturismo • Investimento per servizi educativi e didattici agli scolari, studenti e turisti • Investimenti per la fornitura di servizi socio – assistenziali a vantaggio delle fasce deboli della popolazione (masserie sociali) • Investimenti per la produzione di energia da biomasse (potenza massima 1 MW)

  7. Volume d’investimento Per Agriturismo: fino a 200.000 euro per masserie didattiche e sociali sino a 100.000 Per impianti energetici da biomasse sino a 685.000 euro Tasso d’aiuto : 50% Risorse finanziarie 2.935.187 di cui Agriturismo: 1.300.000 euro Masserie didattiche e sociali 500.000 euro Impianti biomasse : 685.000 euro Destinatari degli aiuti: famiglia coltivatrice

  8. Misura 312 : sostegno allo sviluppo e alla creazione d’impresa Obiettivo: sviluppo e innovazione organizzativa delle micro imprese extra agricole( con fatturato sino a 2.000.000 di euro e dipendenti non superiori a 10 unità) Settori interessati: • Artigianato tipico locale • Commercio prodotti tipici • Servizi alla popolazione locale soprattutto per infanzia e anziani.

  9. Microimprese giovani, donne e fasce deboli in forma associata Ristrutturazione e adeguamento locali Acquisto tecnologie Acquisto macchine e attrezzature Studi di fattibilità e consulenze Spese generali iva esclusa Volume massimo di investimento 40.000 euro. Aiuto pubblico: 50% Azione 1: 332.940 euro Azione 2 : 200.00 euro Azione 3: 506. 448 euro Tipologia di investimenti:

  10. Obiettivi: Valorizzare l’economia delle aree rurali; sviluppare prodotti tipici Migliorare la qualità e la quantità dei servizi turistici, creando sinergie con artigiani, commercianti , agenzie, associazioni culturali Tipologia di investimenti: Definizione di itinerari naturalistici, culturali, enogastronomici, anche con acquisto di attrezzature Misura 313:incentivazione di attività turistiche

  11. Destinatari degli aiuti: Gal, Enti Pubblici, società, privati Tassi di aiuto: 100% enti pubblici e Gal, 50% privati Risorse disponibili: 1.296.000 di cui • Creazione di itinerari 500.000 euro • Realizzazione sentieristica 100.000 euro • Promozione offerta turistica 400.000 euro • Piccole strutture ricettive 296.000 euro

  12. Misura 321 : servizi essenziali popolazioni rurali Aiuti di avviamento per : • Servizi a carattere didattico • Servizi per il tempo libero • Servizi per anziani e disabili • Servizi per l’infanzia , agrinidi

  13. Segue Misura 321 Destinatari degli aiuti: istituzioni pubbliche locali, o strutture terze. Tasso d’aiuto : primo anno 100%, secondo, 80%, terzo 60% Risorse finanziarie 1.650.000 euro

  14. Segue Misura 321 • Opere di ristrutturazione e adeguamento dedicate all’erogazione di servizi • Acquisto macchine • Attività di informazione

  15. Misura 323: tutela riqualificazione patrimonio rurale Riqualificazione borghi , destinatari pubblici e privati Tassi di aiuto 50% Risorse finanziarie 2.050.000 euro

  16. Misura 331 Formazione e informazione • Acquisizione competenze • Tasso di aiuto 100% per disoccupati 80% per occupati Beneficiari: operatori economici dell’Asse 3 Risorse finanziarie: 300.000 euro

  17. Segue Misura 331 • Informazione: supporti editoriali, seminari, convegni, portale web Tasso d’aiuto 100% Beneficiari: Gal Risorse Finanziarie 664.568 euro

  18. Asse 4 LEADER

  19. Mobilitare il potenziale endogeno dalle zone rurali fondandosi sul partenariato e sulla capacità delle comunità locali di tradurre in programmi di sviluppo le esigenze del territorio

  20. Misura 413: Misure di attuazione Asse 3 Le domande devono essere presentate ai Gal che effettuano l’istruttoria di amissibilità e tutte le fasi del procedimento fino all’avvio degli elenchi di liquidazione degli aiuti all’AGEA per il tramite della regione. Apertura del conto dedicato per gli investimenti privati Risorse finanziarie complessive : 9.934.695

  21. Misura 421: cooperazione • Cooperazione tra territori del Gal delle diverse regioni. Intesa n. 2 con il Gal del Veneto e altre regioni italiane e europee. • Risorse finanziarie: 480.000 euro

  22. Misura 431 Gestione e funzionamento Promozione , strategie, marketing, realizzazione DST e PSL, attività operativa del Gal, istruttoria e accertamento progetti